HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Roma, Totti lascia dopo 30 anni. Quale futuro ora per il Pupone?
  Reintegro nella Roma il prima possibile, non può esserci altra soluzione
  Direttore tecnico in un altro top club, che non sia la Lazio
  Carriera in federazione, sull'esempio di Riva e altri simboli azzurri
  Dirigente di alto profilo in Nazionale, la sua esperienza può far comodo a Mancini
  Un nuovo incarico all'estero, magari alla UEFA o alla FIFA

La Giovane Italia
Altre Notizie

ESCLUSIVA TMW - Motta: "Seedorf visto due volte a Monza ma gli devo tanto"

19.03.2014 12:56 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 9379 volte
© foto di Tommaso Sabino/TuttoLegaPro.com

Gianfranco Motta è stato, durante la gestione della proprietà Seedorf, tecnico del Monza e per Tuttomercatoweb.com racconta l'olandese visto dalla panchina verso la scrivania di presidente. "L'ho visto due volte, se devo dirla tutta: quando mi hanno assunto, portandomi nel suo ufficio ed un'altra in cui è venuto al campo a trovarci. Non eravamo in contatto diretto".
E come si teneva il vostro rapporto tecnico-proprietario?
"Telefonicamente o quando era a Milano, si confrontava con la dirigenza della società ma a livello personale l'ho visto solo due volte. Fui assunto a cinque giornate dal termine e lo vidi lì: una volta poi a vedere una gara".
E come organizzava il tutto?
"C'erano i suoi addetti ma è stato un anno travagliato, non si capiva bene la situazione. Arrivava un dirigente, un amministratore, non si capiva bene quel che fare. Il 'bastone' lo menava lui, quando c'erano problemi di qualsiasi tipo interveniva ed onorava i suoi impegni. Se poi non ha onorato le promesse fatte non lo so, i tifosi erano arrabbiati ma non ho idea di questo. Per quanto mi riguarda, l'impatto è stato positivo: è una persona intelligente, preparata, colta, non posso dir niente ma solo ringraziarlo per aver avallato il mio avvento lì. Lui ha cercato di non far morire il Monza e senza di lui il club sarebbe fallito. Poi, che sia andata a finire un po' così, è per tante ragioni e lui ha fatto tanto per il club. Ripeto: non siamo mai stati in contatto diretto ma gli devo tanto".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie

Primo piano

Sarri si presenta: "Juve, sensazioni forti. E' il club più importante d'Italia" Maurizio Sarri, neo tecnico della Juventus, nella conferenza stampa di presentazione ha spiegato anche le motivazioni del suo ritorno in Serie A: "In Premier, al Chelsea, è stato bellissimo, ma poi ho sentito l'esigenza di tornare l'Italia e la Juventus mi ha dato questa opportunità,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510