HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Eriksen è il giocatore che serve all'Inter per lottare per lo Scudetto?
  Sì, ha l'esperienza ad alto livello che manca a Conte
  No, la Juve rimane troppo distante dalla squadra di Conte
  No, servirebbe un giocatore come Vidal per aiutare Conte

La Giovane Italia
Altre Notizie

RBN, Amoruso: "Colpo Juve in difesa? Difficile un big a gennaio"

14.01.2020 22:08 di Alessandra Stefanelli   articolo letto 6620 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Ai microfoni di Radio Bianconera, nel corso di ‘Stile Juventus’, è intervenuto l’ex bianconero Nicola Amoruso:

Su Roma-Juventus: “Il 2-0 subito all’inizio credo che abbia un po’ rallentato i ritmi e ha lasciato speranze alla Roma di poter riaprire la partita. Questo sicuramente non è da Juventus, abbiamo visto che quando si lotta su più obiettivi si tende a rallentare e a gestire le energie. La Juventus si è abbassata tantissimo, la Roma ha preso campo e questo non mi è piaciuto. Sicuramente mi aspetto anche io una Juventus più cattiva che chiude le partite quando è il momento di farlo”.

Sulla mancanza di un interditore: “Credo che più che di centrocampo sia un problema di atteggiamento della squadra, che quando vuole sa aumentare l’intensità di una partita. La Juventus ha giocatore tecnici che quando vogliono sanno aumentare i ritmi. La Juventus è abituata a gestire le partite. Non è comunque il caso di fare drammi, ci sono tanti aspetti positivi, alcuni giocatori come Ronaldo sono tornati ad alti livelli, anche Dybala, Higuain. Da Ramsey c’è bisogno di qualcosa in più. Naturalmente l’infortunio di Demiral in questo momento non ci voleva per quello che era stato il suo apporto alla Juventus”.

Cosa deve fare ora il club? “A gennaio i difensori non si muovono, soprattutto quelli forti. Non vedo giocatori che possano spostarsi. Sta tornando Chiellini, c’è Rugani, quindi ci sono tutte le credenziali che si possa fare bene. Le notizie su Chiellini sono le più belle, tornerà magari nel momento più importante e sarà lui l’acquisto più importante della stagione. C’è bisogno nello spogliatoio di uno come lui”.

I migliori in campo fin qui? “Io partirei da Matuidi, magari non è bellissimo da vedere, ma con qualunque allenatore è sempre titolare, quindi vuol dire che c’è poca forma ma tanta sostanza. In questa Juventus non può mancare, lotta su tutti i palloni. Naturalmente non è il giocatore che ti fa la giocata. Nello scacchiere di Sarri è fondamentale, dà equilibrio e può ricoprire anche più ruoli. È un giocatore a cui è difficile rinunciare. Poi scelgo Ronaldo, per la sua capacità di determinare, e poi dico Bonucci che ha fatto un grande girone d’andata. È diventato sempre più una guida per questa Juventus. Trasmette i giusti valori allo spogliatoio. A pari merito però metterei anche Higuain. Io gli attaccanti vorrei vederli tutti e tre in campo, faccio fatica a capire perché non debbano giocare insieme. Sono giocatori che corrono e che possono anche fare da raccordo col centrocampo. Credo che Sarri debba avere un po’ di coraggio in più e lavorare in questo senso”.


Stile Juventus, rubrica sul mondo Juve a cura di Nicola De Bonis. Ospiti: Nicola Amoruso,Luca Monblano,Giovanni Albanese e Fabio Riva.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie

Primo piano

Torino, altro flop sul più bello: riflessioni di mercato Tre indizi fanno una prova, questo è certo, ma cinque cadute rovinose al momento di cercare il decollo suonano da sinistra conferma di una stagione controversa. Il momento positivo del Torino non trova riscontro nella trasferta di Reggio Emilia contro il Sassuolo, e mostra per l’ennesima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510