HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » bari » News
Cerca
Sondaggio TMW
Roma, Totti lascia dopo 30 anni. Quale futuro ora per il Pupone?
  Reintegro nella Roma il prima possibile, non può esserci altra soluzione
  Direttore tecnico in un altro top club, che non sia la Lazio
  Carriera in federazione, sull'esempio di Riva e altri simboli azzurri
  Dirigente di alto profilo in Nazionale, la sua esperienza può far comodo a Mancini
  Un nuovo incarico all'estero, magari alla UEFA o alla FIFA

Marfella: "Il Bari? Ero nel ritiro del Napoli, Giuntoli..."

"Bilancio positivo, la parata più bella con la Palmese".
22.05.2019 20:00 di Redazione TuttoBari    per tuttobari.com   articolo letto 160 volte

Ospite negli studi di TeleBari, il portiere Davide Marfella ha parlato della stagione appena conclusa: "Le ho giocate tutte, abbiamo vinto il campionato, quindi bilancio solo positivo. La Serie D? Questo girone è stato duro dal punto di vista fisico, le trasferte sono state lunghe. Sono soddisfatto del lavoro svolto. Le parate? Sono chiamato per questo. Capita di non toccare un pallone, poi al novantesimo devi fare il miracolo. A Palmi la parata più importante e poi col Troina. La parata più bella sulla punizione in casa contro la Palmese".

Marfella parla del ruolo del portiere... "Sei l'ultimo della squadra, dietro di te non c'è nessuno. Se sbagli prendi gol: devi essere freddo, azzeccare le scelte, anche solo nel passaggio, non puoi permetterti di sbagliare. Ci vuole coraggio".

Sul fratello calciatore... "Io sono un po' più responsabile di lui e più introverso. Abbiamo iniziato insieme, non mi ricordo bene come, forse con i nostri cugini. A nostro padre non piace il pallone, la passione è nata in piazza. Abbiamo iniziato a Pozzuoli, io sono andato a Napoli, lui ha fatto un po' di gavetta. Ha vinto il campionato anche lui a Cesena: se lo merita, ha fatto tanti anni di sacrifici".

"A Bari mi son trovato bene - prosegue Marfella - Napoli nelle dovute proporzioni somiglia molto. C'è il mare come a casa mia. Ero a Castelvolturno, nel ritiro del Napoli. Era giovedì-venerdì, ci stavamo preparando per la trasferta con la Samp. Dopo l'allenamento Giuntoli e Pompilio mi hanno proposto di venire a Bari: sono giovane, voglio giocare, e ho accettato subito. Appena arrivato conoscevo già D'Ignazio e Liguori, poi Cacioli perché ho giocato con lui a Pesaro l'anno scorso. Ho legato con tutti, abbiamo creato un bel gruppo".

"Con Mauratonio sono migliorato tanto. So di poter fare di più, ho vent'anni. E' normale che posso migliorare. Domani torniamo a casa insieme con Brienza. Lui ascolta più i notiziari che le canzoni in radio. Liguori? E' una sorpresa continua, non smetto mai di ridere. Alle nove e mezza di sera già si spegne tutto. E' un professionista. Ho molti ricordi di Gino, fa rumore la mattina presto. Mi sveglio, lo guardo e rido".


TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Bari

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510