HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Calcio2000

Bertoni: "Ho sempre dato tutto per la Fiorentina"

20.01.2016 12:00 di Chiara Biondini  Twitter:    articolo letto 5633 volte
© foto di Federico De Luca

"Ho vinto un Mondiale segnando un gol in finale e ho conquistato una coppa Intercontinentale. Ho il rimpianto di non aver vinto lo scudetto in Italia, ma della mia carriera sono felicissimo. Non potevo certo chiedere di più". Parla così Daniel Ricardo Bertoni, campione del mondo con l'Argentina nel 1978, semplicemente il Puntero ai microfoni del mensile Calcio2000.
Portava il numero sette sulle spalle e quando arrivò a Firenze progressivamente diventò uno degli idoli della tifoseria.
"I dirigenti della Fiorentina vennero a vedermi alcune volte al Siviglia. In particolare si mosse il fratello del conte Pontello (all'epoca la famiglia proprietaria del club viola, ndr) e poi dopo alcuni incontri fu chiusa la trattativa intorno ai tre miliardi di lire. Venivo da una grande stagione al Siviglia, con cui avevo realizzato sedici reti. Ricordo la mia tensione dei primi giorni, un ambiente nuovo, una città da scoprire. La Fiorentina decise di farmi trascorrere i primi giorni in un hotel a ridosso del Ponte Vecchio. La vista era incredibile e non c'era modo migliore per iniziare quell'avventura. Alzarsi e vedere subito quella meraviglia ti dava subito una carica speciale".

"Ho sempre dato tutto per la Fiorentina, abbiamo sfiorato lo scudetto e sono convinto di aver lasciato un bel ricordo tra la tifoseria. Non a caso ho sempre avuto un buon rapporto con la gente". Quello scudetto sfuggì all'ultima giornata - nell'81/82 - per un pareggio contro il Cagliari dove fu annullato un gol molto probabilmente regolare ai viola. E a vincerlo fu la Juve... "Credo che quel campionato lo perdemmo fuori dal campo. Il potere della Juve, soprattutto in quel periodo, era forte in Italia e in Europa. Noi eravamo una squadra nuova, ben costruita, solida, sicura, agile, aggressiva. Eravamo forti anche in difesa dove Vierchowod svettava per la sua marcatura spesso implacabile. Peccato per l'infortunio di Antognoni (l'incidente alla testa nello scontro col portiere del Genoa Martina, ndr), era il nostro faro e con lui in campo magari potevamo fare di più. Ma non va dimenticato che Miani, che lo sostituì, fece comunque un gran campionato. E aggiungo che in quella partita col Cagliari ci fu annullato un gol regolare di Graziani: l'arbitro Mattei vide un mio fallo su Corti ma io non commisi nessuna scorrettezza". Che ricorda di quel giorno a Cagliari negli spogliatoio dopo la partita? "Il Conte Pontello mi disse: 'L'unico che poteva farci vincere lo scudetto eri te'. Ma io giocavo nella squadra, non ce la facemmo tutti insieme. Si vince e si perde tutti insieme. Eravamo stati bravi ad arrivare fin lì, poi purtroppo quella gara andò male, il Cagliari tra l'altro giocò quel match come una finale".

Daniel Bertoni a Gropina - 03.07.2015 - FIRENZE © foto di Federico De Luca

Daniel Bertoni a Gropina - 03.07.2015 - FIRENZE © foto di Federico De Luca

Daniel Bertoni a Gropina - 03.07.2015 - FIRENZE © foto di Federico De Luca


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie

Primo piano

Non solo Juventus. L'Inter prova l'inserimento per Matteo Darmian Mentre Juventus e Manchester United sembrano non trovarsi d'accordo sulle cifre dell'operazione Matteo Darmian, l'esterno dei Red Devils torna nuovamente nel mirino dell'Inter. A riportarlo sono i colleghi della Gazzetta dello Sport che spiegano come i nerazzurri siano tornati alla...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510