Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Ranieri: "Esonero Inter? Addio deciso da qualcuno vicino a Moratti"

Ranieri: "Esonero Inter? Addio deciso da qualcuno vicino a Moratti"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Calcio2000
martedì 13 settembre 2016 15:59Calcio2000
di Chiara Biondini
fonte IL NUMERO 224 DI CALCIO2000 E' ancora IN EDICOLA! Prossimo numero uscita 10 Novembre.
IL NUMERO 224 DI CALCIO2000 E' ancora IN EDICOLA! Prossimo numero uscita 10 Novembre.

L'attuale mister del Leiceser City, Claudio Ranieri, che ha regalato alla formazione inglese una storica vittoria nell'anno passato in Premier League, in una lunga intervista rilasciata ai microfoni del mensile Calcio2000, ha svelato i retroscena dell'addio all'Inter.

All'Inter, invece, partenza sprint prima del calo nella seconda parte di stagione. Siamo nel 2011-2012. "Credo che la serie di vittorie all'inizio abbia ingannato l'ambiente nerazzurro. La situazione non era facile e c'e rano difficoltà economiche, ma l'inizio fu ottimo. Poi qualcosa si ruppe con la cessione di Coutinho e, soprattutto, quella di Thiago Motta. Se al posto delle sette vittorie consecutive avessimo ottenuto risultati altalenanti, magari con vittorie, pareggi e sconfitte, forse avrei continuato. Chi può saperlo".

Cosa accadde con Thiago Motta? "Semplice, a gennaio voleva fortemente il Paris Saint-Germain. Cercai di convincerlo a posticipare l'addio a giugno, ma lui riteneva che il cambio in quel momento gli avrebbe fatto svoltare la carriera. Insomma, insistette molto e non ci fu nulla da fare. Ma non dimentico Coutinho, lui era il mio primo cambio".

Chi decise per l'esonero? "Qualcuno vicino al Presidente Moratti, non i giocatori. Quel qualcuno pensò che dopo la striscia iniziale di successi avremmo potuto conquistare lo Scudetto, ma evidentemente non era possibile. Io avrei continuato, avevo un progetto e tanta voglia di fare bene in nerazzurro".

Un allenatore che arriva dopo un periodo clamoroso come quello del Triplete, come si propone ai giocatori? "Bisogna gestire al meglio tutte le componenti: fisiche , tecniche e psicologiche. Mi sono fatto rispettare e posso dire di essermi trovato benissimo all'Inter. Il Presidente è una persona stupenda, innamorata della squadra e molto intelligente. Fu uno dei primi a scrivermi dopo aver conquistato la Premier League".

A parer suo quella squadra aveva ancora qualcosa da dare? "Poco, molto poco. Aveva dato quasi tutto dopo i grandi successi delle stagioni precedenti. Soprattutto a livello psicologico".

Apertura intervista Calcio2000 n. 224 © foto di Calcio2000
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000