VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Al Napoli non serve una rivoluzione, ma una seria riorganizzazione. De Laurentiis ha bisogno di manager competenti, per non sprecare altre risorse come quelle investite negli ultimi due anni

Laureato in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
31.05.2015 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 24915 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il conforto per l'addio arriva dall'esperienza del passato, dalla capacità (o chiamatela fortuna) mostrata da De Laurentiis nei momenti delle scelte coraggiose. Accadde due anni fa, con il contemporaneo saluto di Mazzarri e Cavani, dopo aver già ceduto Lavezzi 12 mesi prima: il Napoli dei grandi trionfi, a dispetto dei nomi per nulla blasonati in organico, era stato smantellato ed andava ricostruito. In tasca quasi 100 milioni e il furor di popolo che reclamava ancor più, convinsero De Lauremtiis che l'ora era giunta per fare il salto di qualità e spingere il motore "a tutta" in direzione scudetto. Non è andata così e le due Coppe (Italia e di Lega) non addolciscono il rimpianto per aver investito il patrimonio quasi tutto, senza nemmeno il conforto dell'incremento garantito dalla partecipazione alla Champions League. Tutto da rifare? Non proprio. L'esperienza fatta dal presidente in queste due stagioni di alti e bassi, gli avranno permesso di elaborare per bene cosa serve veramente e cosa occorre meno in una società di calcio come il Napoli. Di cosa dotarsi? Una organizzazione societaria diversa, composta da elementi di provata esperienza e professionalità, oltre ad una figura di alto spessore che possa fare da tramite tra spogliatoio e club. Manager, ai quali affidare carta bianca per ciò che concerne le proprie competenze. In una sola parola: delegare. Questa forma verbale non è mai stata coniugata dal presidente prima d'ora, per la necessità di guardare in prima persona i fatti di casa Napoli e limitare al minimo i potenziali errori. Ma in nessun grande club il presidente assume le sembianze di uno e trino, basti vedere come sono organizzate le strutture societarie delle squadre che hanno vinto lo scudetto negli ultimi 10 anni. L'esempio più eclatante, quello portato a conoscenza del popolo azzurro da De Laurentiis nella conferenza stampa per l'addio di Benitez, è quello della Juventus. La domanda che ronza nella testa del patron è la seguente: perché nelle ultime due stagioni, quelle vissute con l'intento del salto di qualità, la Vecchia Signora ha speso 50 milioni meno del Napoli e ha vinto due scudetti con oltre 20 punti di vantaggio sugli azzurri? Se poi andiamo indietro nel tempo, riportandoci all'inizio della gestione De Laurentiis, ci accorgiamo che il Napoli ha il decimo saldo passivo (differenza entrate/uscite) al mondo dietro ManCity, Real Madrid, Chelsea, Barcellona, Manchester United, Psg, Liverpool, Bayern e Zenit, in virtù del -213 milioni di euro sui complessivi 389 investiti nell'acquisto dei cartellini. I soldi sono stati spesi, talvolta non bene, proprio per la carenza di quella organizzazione societaria che il patron ha in mente di mettere in piedi in tempi anche brevi. Il secondo punto è legato alla capacità di individuare il meglio che occorre per la competitività della squadra. "La Juventus ha acquistato Tevez a 9 milioni e Pogba a parametro zero, confermando che non è necessario prendere calciatori da 40, 50 o 60 milioni", il riferimento di De Laurentiis è corretto, ineccepibile, ma bisognoso di due passaggi per l'applicazione pratica del concetto. Il primo è quello della tempestività: il Napoli è società in grado di anticipare tutti sul tempo? La risposta è "no", se si considera la necessità che il ds segnali il nome al presidente, che lo stesso si convinca, che poi il contratto passi dalle mani dell'amministratore Chiavelli e che il calciatore accetti di cedere tutti i diritti di immagine. Un percorso ad ostacoli che non sempre i rinforzi individuati hanno piacere di affrontare. Secondo punto: l'ingaggio. I calciatori presi a zero accettano di giocare per squadre che gli garantiscono contratti migliori e il Napoli finora non è stata la società che ha fatto prevalere la logica dell'ingaggio maggiore sul risparmio sul cartellino. Tutte queste considerazioni saranno state fatte certamente dal presidente e dal suo staff con la conclusione logica che non basta prendere grandi allenatori con i calciatori più forti, se dietro al campo di gioco non c'è una struttura armoniosa, affiatata, dove ognuno abbia dei compiti precisi. E dove il presidente possa fare, debba fare, soltanto il presidente.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cassano, amabili resti! Milan, ma Diego Costa? Neymar, ora si sta esagerando! Juve, la 10 non è uno scherzo… 26.07 - Tempo fa mi sono imbattuto nel film Amabili resti… Racconta la storia di Susie, una ragazzina che, dopo essere morta in circostanze tragiche, si ritrova sospesa in un limbo, esattamente a metà tra vita terrena e paradiso… Oltre alle copiose lacrime versate, ricordo la preoccupazione,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Bernardeschi c’è, ma il colpo da urlo deve ancora arrivare. Inter: la verità dietro al “no” per Vidal, il piano-Perisic e la volontà cinese sui “botti”. Milan: l’ultima tempesta e il fatto. Napoli: l'idea di Sarri 25.07 - Buon fine luglio a voi tutti. Prima le cose importanti. La prima: tale Alberto Carlon mi scrive su Twitter. “Ti posso chiedere di salutare Roberto Marketing e dirgli che mi manca molto Mattia?”. Chi sono io per non eseguire? Nessuno. La seconda: Cassano ha lasciato il calcio,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, se ci sei, batti un colpo! Verratti con Raiola umilia Di Campli. Mirabelli e il rimpianto nerazzurro. Suning, ora i fatti... 24.07 - I voti al mercato sono una cosa, il campo un'altra. Il Milan ad oggi merita 8,5 per come ha lavorato e per i suoi acquisti. Certamente senza soldi si poteva fare ben poco ma la società ha dimostrato di avere le idee chiare e massima concretezza. I tifosi apprezzano e sanno che, in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.