VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Al Napoli non serve una rivoluzione, ma una seria riorganizzazione. De Laurentiis ha bisogno di manager competenti, per non sprecare altre risorse come quelle investite negli ultimi due anni

Laureato in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
31.05.2015 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 24915 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il conforto per l'addio arriva dall'esperienza del passato, dalla capacità (o chiamatela fortuna) mostrata da De Laurentiis nei momenti delle scelte coraggiose. Accadde due anni fa, con il contemporaneo saluto di Mazzarri e Cavani, dopo aver già ceduto Lavezzi 12 mesi prima: il Napoli dei grandi trionfi, a dispetto dei nomi per nulla blasonati in organico, era stato smantellato ed andava ricostruito. In tasca quasi 100 milioni e il furor di popolo che reclamava ancor più, convinsero De Lauremtiis che l'ora era giunta per fare il salto di qualità e spingere il motore "a tutta" in direzione scudetto. Non è andata così e le due Coppe (Italia e di Lega) non addolciscono il rimpianto per aver investito il patrimonio quasi tutto, senza nemmeno il conforto dell'incremento garantito dalla partecipazione alla Champions League. Tutto da rifare? Non proprio. L'esperienza fatta dal presidente in queste due stagioni di alti e bassi, gli avranno permesso di elaborare per bene cosa serve veramente e cosa occorre meno in una società di calcio come il Napoli. Di cosa dotarsi? Una organizzazione societaria diversa, composta da elementi di provata esperienza e professionalità, oltre ad una figura di alto spessore che possa fare da tramite tra spogliatoio e club. Manager, ai quali affidare carta bianca per ciò che concerne le proprie competenze. In una sola parola: delegare. Questa forma verbale non è mai stata coniugata dal presidente prima d'ora, per la necessità di guardare in prima persona i fatti di casa Napoli e limitare al minimo i potenziali errori. Ma in nessun grande club il presidente assume le sembianze di uno e trino, basti vedere come sono organizzate le strutture societarie delle squadre che hanno vinto lo scudetto negli ultimi 10 anni. L'esempio più eclatante, quello portato a conoscenza del popolo azzurro da De Laurentiis nella conferenza stampa per l'addio di Benitez, è quello della Juventus. La domanda che ronza nella testa del patron è la seguente: perché nelle ultime due stagioni, quelle vissute con l'intento del salto di qualità, la Vecchia Signora ha speso 50 milioni meno del Napoli e ha vinto due scudetti con oltre 20 punti di vantaggio sugli azzurri? Se poi andiamo indietro nel tempo, riportandoci all'inizio della gestione De Laurentiis, ci accorgiamo che il Napoli ha il decimo saldo passivo (differenza entrate/uscite) al mondo dietro ManCity, Real Madrid, Chelsea, Barcellona, Manchester United, Psg, Liverpool, Bayern e Zenit, in virtù del -213 milioni di euro sui complessivi 389 investiti nell'acquisto dei cartellini. I soldi sono stati spesi, talvolta non bene, proprio per la carenza di quella organizzazione societaria che il patron ha in mente di mettere in piedi in tempi anche brevi. Il secondo punto è legato alla capacità di individuare il meglio che occorre per la competitività della squadra. "La Juventus ha acquistato Tevez a 9 milioni e Pogba a parametro zero, confermando che non è necessario prendere calciatori da 40, 50 o 60 milioni", il riferimento di De Laurentiis è corretto, ineccepibile, ma bisognoso di due passaggi per l'applicazione pratica del concetto. Il primo è quello della tempestività: il Napoli è società in grado di anticipare tutti sul tempo? La risposta è "no", se si considera la necessità che il ds segnali il nome al presidente, che lo stesso si convinca, che poi il contratto passi dalle mani dell'amministratore Chiavelli e che il calciatore accetti di cedere tutti i diritti di immagine. Un percorso ad ostacoli che non sempre i rinforzi individuati hanno piacere di affrontare. Secondo punto: l'ingaggio. I calciatori presi a zero accettano di giocare per squadre che gli garantiscono contratti migliori e il Napoli finora non è stata la società che ha fatto prevalere la logica dell'ingaggio maggiore sul risparmio sul cartellino. Tutte queste considerazioni saranno state fatte certamente dal presidente e dal suo staff con la conclusione logica che non basta prendere grandi allenatori con i calciatori più forti, se dietro al campo di gioco non c'è una struttura armoniosa, affiatata, dove ognuno abbia dei compiti precisi. E dove il presidente possa fare, debba fare, soltanto il presidente.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.