VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Al San Paolo un protagonista inaspettato. Sarri ha il gioco, gli manca la continuità. Allegri e Sinisa, tempi duri. Bologna, Rossi è nei guai

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
28.09.2015 12.27 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 77526 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

I napoletani sono fatti così. Così come? Loro ti danno il cuore e l'anima ma se li tradisci sei morto. A Benitez hanno dato fiducia incondizionata perché aveva un bel faccione con le guanciotte rosse e perché aveva il profilo international. A Bigon hanno dato fiducia perché se su google un napoletano digita "Bigon", gli esce il tricolore. A Sarri e Giuntoli la fiducia incondizionata non l'hanno concessa e al San Paolo non vanno fin quando non avranno dimostrato di essere da Napoli. A Benitez alla fine l'hanno ripudiato, ora lentamente iniziano ad innamorarsi del progetto azzurro. Meno riflettori ma più punti. Per ora i punti sono ancora pochi ma si vedono sprazzi di bel Napoli. Prima l'Europa League, poi la Lazio e adesso la Juventus. A questo Napoli manca ancora la costanza. Aggiungerei: ci mancherebbe. E' una squadra che ha cambiato modo di lavorare. Nel senso che adesso lavora prima oziava. Sarri, per quanto mi riguarda, ha già vinto. Ha trovato la posizione ad Insigne e Lorenzo è ispiratissimo. Bisogna aggiustare ancora un pò la difesa e poi il Napoli potrà puntare in alto. Quanto alto? Non lo so, siamo a fine settembre. Sapete chi mi è piaciuto sabato sera? Orsato di Schio. Presuntuoso come pochi, però, ha avuto un metro di direzione all'inglese che a me fa impazzire. Quando i calciatori svengono entrerei nel televisore e li farei alzare tirandoli per la maglietta. Orsato, sin dall'inizio, ha lasciato giocare e non è caduto nelle varie trappole, dell'una o dell'altra squadra. Napoli e Juventus sono andate a mille all'ora e questo lo si deve soprattutto alla direzione di Orsato. Più gare così e meno interruzioni. Ci divertiremmo tutti di più. La Juventus non c'è, inutile girarci attorno. L'anno dopo aver vinto, quasi, tutto fai fatica. A maggior ragione se in quell'estate ti privi di Tevez, Pirlo e Vidal. Giocare con Padoin, Zaza e Dybala non è la stessa cosa. Siamo curiosi di capire perché uno come Dybala sia costato quasi 40 milioni. Attenzione: è un gran calciatore ma per 40 milioni sul mercato c'era ben altro. Ad esempio Allan che a Napoli sta facendo benissimo e alla Juventus un rubapalloni così sarebbe servito tantissimo. Sembra una beffa visto l'asse Torino-Udine. Prendi Isla, Pereyra e Asamoah e poi perdi Allan per 13 milioni di euro? Piccoli, o grandi, errori di valutazione. La Juventus ha meno fame e non è cattiveria della squadra bensì logica conseguenza di un epopea che volge al termine. Non si può vincere sempre. Allegri non fa miracoli. Il miracolo è stato al primo anno confermare quanto fatto da Conte e migliorare la posizione europea. Oggi i bianconeri devono ricostruire. Tevez andava trattenuto, anche se chiedeva un ingaggio leggermente più alto ed è brutto dirlo ma andava "obbligato" con le buone a restare un altro anno alla Juve. Tante partenze eccellenti, meno fame e tanti infortuni sono la logica conseguenza di un flop più grave del previsto. La Vecchia Signora tornerà ma nel frattempo sta perdendo troppo terreno per rientrare in una corsa scudetto lontanissima ma almeno bisogna salvare il salvabile: la qualificazione in Champions. Tempi duri anche per Sinisa. Un po' come Sarri paga l'incostanza di una squadra ancora troppo fragile e non pronta a grandi livelli. Sarebbe ora che il Milan finisse una partita senza prendere gol; ci accontenteremmo anche di uno 0-0. Casomai non con Carpi e Frosinone. Mihajlovic dovrà lavorare ancora tanto. Già sta facendo tanto per questo Milan che in alcuni ruoli è completamente scoperto e dove è coperto, in attacco, ancora non ha trovato la giusta alternanza tra gli interpreti. Sarà un Milan da Europa League, servirà a poco ma almeno si tornerebbe a respirare aria d'Europa. Comunque è ancora presto per dare giudizi e fare previsioni.
Non è presto, invece, per piangere sul Carpi. Meglio la B con dignità che essere lo zimbello della serie A. Dispiace. In più le squadre che realizzano un sogno e non possono condividerlo con la propria città non andrebbero ammesse alla serie A. Un pò come la licenza Uefa. Per partecipare devi avere dei requisiti. Lo stadio deve essere il primo requisito. Male male il Bologna che cade in casa con l'Udinese. Delle due l'una: o Corvino ha sbagliato la costruzione della squadra o Delio Rossi non gira più come una volta. Noi votiamo la seconda. Rossi ha trovato la serie A grazie ad una traversa miracolata. Non avrebbe meritato di vincere i play off. Sembra un allenatore superato e la sua squadra gioca male e non raccoglie. Destro non fa più la differenza neanche nel Bologna e pensare che lo scorso anno a gennaio Galliani gli andava a portare le brioche a casa, al suono della sveglia. Se il Bologna vuole svoltare deve andare da Guidolin ed offrirgli un bel biennale, altrimenti, saranno guai fino alla fine e Saputo non perderà altri mesi prima di fare una rivoluzione completa.
Buona settimana...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.