VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Allarme Milan: la disfatta non è iniziata ora. Le tappe della crisi. Juve, nulla è cambiato da Conte ad Allegri. 7 giorni per dare un senso a questo mercato

Nato ad Avellino il 30-09-1983, vive e lavora a Milano. Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Contatto Twitter: MCriscitiello
26.01.2015 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 47525 volte
Allarme Milan: la disfatta non è iniziata ora. Le tappe della crisi. Juve, nulla è cambiato da Conte ad Allegri. 7 giorni per dare un senso a questo mercato

I colpevoli sono finiti: prima Allegri, poi Seedorf e adesso Inzaghi. Il Milan non ha più nessuno da buttare in pasto a stampa e tifosi. In un anno sono stati bruciati tre allenatori, o pseudo tali. Prima il Mister dell'ultimo scudetto rossonero, diventato brocco all'improvviso e siccome Barbara non lo voleva ma Galliani sì, cacciamo Max per colpire Adriano. Arriva l'olandese che allenatore non è ma per una vita è stato l'uomo di Berlusconi, nello spogliatoio dei campioni. Arriva con il marchio del Presidente e, purtroppo, si porta dietro anche l'arroganza che lo ha sempre contraddistinto. La panchina personale, l'autista e gli addetti stampa personali. Di Van Gaal ha solo la nazionalità. I risultati, inizialmente, non arrivano e Galliani gli fa la guerra interna. Seedorf si gioca male tutte le carte extracampo e, poco alla volta, perderà anche la fiducia di Silvio. Barbara e Adriano decidono di non farsi più la guerra, le fesserie di Seedorf ridanno potere a Galliani che, però, nel frattempo perde un pezzo importante della sua vita operativa: Ariedo Braida. Di fatto perde anche Raiola, braccio destro sul mercato, perchè Raiola non ha molto interesse a stare dove non ci sono i soldi per fare business. Il Milan si costruisce la fossa da solo ma non se ne rende conto. Le operazioni marginali sono interessanti: casa Milan, un progetto intelligente, Fly Emirates, un'operazione ambiziosa ma alla base manca la cosa più importante, il valore della squadra. Il brand non perde appeal, i calciatori però non hanno una storia e soprattutto non hanno valore. Alla guida del Milan arriva un'altra vecchia bandiera dell'ultimo Milan vincente: Pippo Inzaghi. Fa parte dell'operazione simpatia ma soprattutto è l'allenatore che avrebbe dovuto rilanciare il potere interno di Adriano Galliani. "Lo seguo io, è un mio figlioccio e con i consigli giusti farà bene". L'operazione simpatia finisce per smontare Pippo e la scommessa persa torna a far salire sul banco degli imputati anche Galliani. Il mercato è un fallimento dietro l'altro, da Balotelli a Torres, il club rossonero non ne indovina mezza. Di giovani la società non ne lancia e i parametri zero con ingaggi di lusso è una politica che non paga. Il Milan è alla deriva, senza una rete scouting ma soprattutto senza idee e qualità. E i procuratori che prima facevano le fortune della società, poco alla volta, sono scomparsi perchè è rimasto poco da mungere. Cerci un acquisto ininfluente, Suso di prospettiva ma qui manca un vero allenatore. Inzaghi potrà diventarlo; oggi non lo è. Ha bisogno di tempo, come tutti i comuni mortali che iniziano a fare un lavoro nuovo. Diventerà bravo, certo, ma il Milan ha bisogno di un tecnico che già lo sia. Ben venga Spalletti con idee e carisma. Subito dopo ben vengano anche acquisti mirati perchè, di questi tempi, conviene spendere qualche soldo in cartellini e risparmiarlo sugli ingaggi. Abbassare il costo del lavoro è la prima cosa. Aprire gli orizzonti asiatici con la borsa è un'ottima idea ma questa società ha bisogno di costruire, immediatamente, una rete di osservatori. Il Milan non gira il Mondo e senza soldi questa scelta la paghi a caro prezzo.
Il Milan ha perso Allegri ma Allegri non ha perso il Milan. Il tecnico di Livorno ha preso l'unico treno vincente che c'era da prendere. Con lui, La Juventus non ha sofferto il passaggio da Conte ad un nuovo allenatore. Marotta e Paratici hanno fatto la scelta migliore: il problema non deve mai essere quello di trattenere qualcuno che se ne vuole andare ma essere pronti a trovarne uno che non faccia rimpiangere quello precedente. Alla Juventus nessuno sente la mancanza di Conte. Per questione di modi, di stile ma anche di punti. Non è cambiato niente e se qualcosa è cambiato, di sicuro, è cambiato in meglio. Allegri, dal suo arrivo, avrà sbagliato 2-3 partite. Accadde anche all'attuale Ct della Nazionale. In Champions se la gioca e in Coppa Italia vuole arrivare fino in fondo. La Roma ha pareggiato a Firenze, il + 7 significa almeno il verde del tricolore sulla prossima maglia bianconera. La Roma non è all'altezza dello scudetto e se la Juventus spreca 7 punti di vantaggio su Garcia, allora, significa che finora abbiamo visto un altro film. Discorso, quasi, chiuso a gennaio. Che barba, che noia. Per fortuna c'è il mercato che un pò ci farà divertire, almeno per altri 7 giorni.
L'Inter prenderà ancora un calciatore, la Juventus qualcosa farà, il Milan dovrebbe svegliarsi con l'attaccante e un difensore centrale. Curioso di capire se Quagliarella resta a Torino o sarà ceduto. La Lazio prepara il colpo da bomber, mentre, il Parma dovrebbe prendere un allenatore navigato e di esperienza che in questo mare ci sia già passato. La situazione è disperata ma Donadoni andava cambiato tre mesi fa e Crespo non è la soluzione giusta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cassano, amabili resti! Milan, ma Diego Costa? Neymar, ora si sta esagerando! Juve, la 10 non è uno scherzo… 26.07 - Tempo fa mi sono imbattuto nel film Amabili resti… Racconta la storia di Susie, una ragazzina che, dopo essere morta in circostanze tragiche, si ritrova sospesa in un limbo, esattamente a metà tra vita terrena e paradiso… Oltre alle copiose lacrime versate, ricordo la preoccupazione,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Bernardeschi c’è, ma il colpo da urlo deve ancora arrivare. Inter: la verità dietro al “no” per Vidal, il piano-Perisic e la volontà cinese sui “botti”. Milan: l’ultima tempesta e il fatto. Napoli: l'idea di Sarri 25.07 - Buon fine luglio a voi tutti. Prima le cose importanti. La prima: tale Alberto Carlon mi scrive su Twitter. “Ti posso chiedere di salutare Roberto Marketing e dirgli che mi manca molto Mattia?”. Chi sono io per non eseguire? Nessuno. La seconda: Cassano ha lasciato il calcio,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, se ci sei, batti un colpo! Verratti con Raiola umilia Di Campli. Mirabelli e il rimpianto nerazzurro. Suning, ora i fatti... 24.07 - I voti al mercato sono una cosa, il campo un'altra. Il Milan ad oggi merita 8,5 per come ha lavorato e per i suoi acquisti. Certamente senza soldi si poteva fare ben poco ma la società ha dimostrato di avere le idee chiare e massima concretezza. I tifosi apprezzano e sanno che, in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.