VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Allarme Milan: la disfatta non è iniziata ora. Le tappe della crisi. Juve, nulla è cambiato da Conte ad Allegri. 7 giorni per dare un senso a questo mercato

Nato ad Avellino il 30-09-1983, vive e lavora a Milano. Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Contatto Twitter: MCriscitiello
26.01.2015 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 47534 volte
Allarme Milan: la disfatta non è iniziata ora. Le tappe della crisi. Juve, nulla è cambiato da Conte ad Allegri. 7 giorni per dare un senso a questo mercato

I colpevoli sono finiti: prima Allegri, poi Seedorf e adesso Inzaghi. Il Milan non ha più nessuno da buttare in pasto a stampa e tifosi. In un anno sono stati bruciati tre allenatori, o pseudo tali. Prima il Mister dell'ultimo scudetto rossonero, diventato brocco all'improvviso e siccome Barbara non lo voleva ma Galliani sì, cacciamo Max per colpire Adriano. Arriva l'olandese che allenatore non è ma per una vita è stato l'uomo di Berlusconi, nello spogliatoio dei campioni. Arriva con il marchio del Presidente e, purtroppo, si porta dietro anche l'arroganza che lo ha sempre contraddistinto. La panchina personale, l'autista e gli addetti stampa personali. Di Van Gaal ha solo la nazionalità. I risultati, inizialmente, non arrivano e Galliani gli fa la guerra interna. Seedorf si gioca male tutte le carte extracampo e, poco alla volta, perderà anche la fiducia di Silvio. Barbara e Adriano decidono di non farsi più la guerra, le fesserie di Seedorf ridanno potere a Galliani che, però, nel frattempo perde un pezzo importante della sua vita operativa: Ariedo Braida. Di fatto perde anche Raiola, braccio destro sul mercato, perchè Raiola non ha molto interesse a stare dove non ci sono i soldi per fare business. Il Milan si costruisce la fossa da solo ma non se ne rende conto. Le operazioni marginali sono interessanti: casa Milan, un progetto intelligente, Fly Emirates, un'operazione ambiziosa ma alla base manca la cosa più importante, il valore della squadra. Il brand non perde appeal, i calciatori però non hanno una storia e soprattutto non hanno valore. Alla guida del Milan arriva un'altra vecchia bandiera dell'ultimo Milan vincente: Pippo Inzaghi. Fa parte dell'operazione simpatia ma soprattutto è l'allenatore che avrebbe dovuto rilanciare il potere interno di Adriano Galliani. "Lo seguo io, è un mio figlioccio e con i consigli giusti farà bene". L'operazione simpatia finisce per smontare Pippo e la scommessa persa torna a far salire sul banco degli imputati anche Galliani. Il mercato è un fallimento dietro l'altro, da Balotelli a Torres, il club rossonero non ne indovina mezza. Di giovani la società non ne lancia e i parametri zero con ingaggi di lusso è una politica che non paga. Il Milan è alla deriva, senza una rete scouting ma soprattutto senza idee e qualità. E i procuratori che prima facevano le fortune della società, poco alla volta, sono scomparsi perchè è rimasto poco da mungere. Cerci un acquisto ininfluente, Suso di prospettiva ma qui manca un vero allenatore. Inzaghi potrà diventarlo; oggi non lo è. Ha bisogno di tempo, come tutti i comuni mortali che iniziano a fare un lavoro nuovo. Diventerà bravo, certo, ma il Milan ha bisogno di un tecnico che già lo sia. Ben venga Spalletti con idee e carisma. Subito dopo ben vengano anche acquisti mirati perchè, di questi tempi, conviene spendere qualche soldo in cartellini e risparmiarlo sugli ingaggi. Abbassare il costo del lavoro è la prima cosa. Aprire gli orizzonti asiatici con la borsa è un'ottima idea ma questa società ha bisogno di costruire, immediatamente, una rete di osservatori. Il Milan non gira il Mondo e senza soldi questa scelta la paghi a caro prezzo.
Il Milan ha perso Allegri ma Allegri non ha perso il Milan. Il tecnico di Livorno ha preso l'unico treno vincente che c'era da prendere. Con lui, La Juventus non ha sofferto il passaggio da Conte ad un nuovo allenatore. Marotta e Paratici hanno fatto la scelta migliore: il problema non deve mai essere quello di trattenere qualcuno che se ne vuole andare ma essere pronti a trovarne uno che non faccia rimpiangere quello precedente. Alla Juventus nessuno sente la mancanza di Conte. Per questione di modi, di stile ma anche di punti. Non è cambiato niente e se qualcosa è cambiato, di sicuro, è cambiato in meglio. Allegri, dal suo arrivo, avrà sbagliato 2-3 partite. Accadde anche all'attuale Ct della Nazionale. In Champions se la gioca e in Coppa Italia vuole arrivare fino in fondo. La Roma ha pareggiato a Firenze, il + 7 significa almeno il verde del tricolore sulla prossima maglia bianconera. La Roma non è all'altezza dello scudetto e se la Juventus spreca 7 punti di vantaggio su Garcia, allora, significa che finora abbiamo visto un altro film. Discorso, quasi, chiuso a gennaio. Che barba, che noia. Per fortuna c'è il mercato che un pò ci farà divertire, almeno per altri 7 giorni.
L'Inter prenderà ancora un calciatore, la Juventus qualcosa farà, il Milan dovrebbe svegliarsi con l'attaccante e un difensore centrale. Curioso di capire se Quagliarella resta a Torino o sarà ceduto. La Lazio prepara il colpo da bomber, mentre, il Parma dovrebbe prendere un allenatore navigato e di esperienza che in questo mare ci sia già passato. La situazione è disperata ma Donadoni andava cambiato tre mesi fa e Crespo non è la soluzione giusta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verdi-Napoli: in estate scopriremo la verità. Milan, fidarsi di Mendes è stato un errore. Cosa fai Monchi? La Roma sta rischiando grosso 21.01 - Ma cosa passa nella testa di alcune persone? Me lo sono chiesto in questi giorni vedendo le reazioni e alcuni messaggi rivolti a Simone Verdi - e persino alla sua compagna - per la scelta di restare al Bologna. Offese personali, addirittura qualche minaccia di morte. Ma perché? Badate...

EditorialeDI: Mauro Suma

Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan? 20.01 - Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi...

EditorialeDI: Luca Serafini

Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.