VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Alle 23:00 si chiude la porta del calciomercato: ecco il pagellone di gennaio dei 20 club di serie A

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
01.02.2016 10:50 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 102973 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Un po' li ringraziamo, un po' li detestiamo. I Direttori Sportivi italiani si riducono sempre all'ultimo giorno per completare le varie operazioni di calciomercato. Qualcuno potrebbe pensare ad una tattica per abbassare il prezzo, altri hanno capito che è meglio arrivare all'ultimo giorno per chiarirsi le idee. E' il giorno più bello per gli appassionati di mercato. Ormai l'Ata Hotel è diventato uno stadio, dove in Porta Garibaldi a Milano arrivano tifosi, ragazzini e curiosi. Se siete a Milano passate che ci fa piacere. Se siete di Catanzaro allora avete due grandi opportunità: la prima, aprire la mano e non schiodarvi mai dal vostro telefono con l'applicazione di Tuttomercatoweb che vi regala notizie dalla A alla Lega Pro ogni 2 minuti, se tutto va male; seconda opzione: per un giorno datevi per malati al lavoro che Renzi chiude un occhio, vi piazzate sul divano e con una mano controllate l'app di Tmw e con il telecomando accendete Sportitalia al canale 60 del digitale e 225 di Sky per seguire il live dall'Ata dalle 11 del mattino alle 00:30.
E' tempo di pagelle, come ogni fine mercato che si rispetti. Ovviamente i giudizi sono suscettibili di modifiche in base ai colpi dell'ultimo giorno di mercato. Ma fin qui, per gennaio, i voti sono questi...

Atalanta, voto 4,5
E' stato un mercato completamente al ribasso quello dell'Atalanta e di smobilitazione improvvisa. Il voler cambiare tutto, rispetto al campionato scorso, ci può stare ma la rivoluzione si attua in estate e non a gennaio. La società bergamasca, sempre attenta e puntuale ad ogni operazione di mercato, cede Moralez e Denis in un colpo solo. Prende Borriello e Petagna e gestisce malissimo il caso Stendardo. I panni sporchi non si lavano al mercato ma in famiglia. La squadra si è indebolita ma l'Atalanta ha trovato la forza di fare tutte queste operazioni da un campionato che da qui alla fine non avrà molto valore. Tanto chi va in B già si sa...

Bologna, voto 6
Poche operazioni ma mirate. Zuniga può tornare ai livelli di un tempo e Floccari può essere un attaccante funzionale, anche se spendere 500.000 euro per un calciatore che il mese dopo avresti potuto prendere a zero non ha mai, in linea di principio, molto senso.

Carpi, voto 6,5
Il Presidente Bonacini, con l'aiuto di Romairone e Scala, lavora molto bene e soprattutto dimostra due cose: crede nella salvezza, seppur quasi impossibile, e pensa già al prossimo campionato ricostruendo quanto smantellato in estate. Il rapporto con Giuntoli è tornato ottimo e questo può far sì che il Carpi tragga grandi benefici sia ora che in futuro. De Guzman, Poli, Sabelli, Mancosu e tanti altri... La squadra adesso ha una sua identità e, in caso di retrocessione, sarebbe già pronta per puntare nuovamente al grande sogno. La cessione di Borriello il miglior colpo del Carpi.

Chievo Verona, voto 6,5
Non doveva fare molto ma sono stati intelligenti a non fissarsi con Paloschi. Hanno tirato il prezzo e hanno accettato la proposta dello Swansea. Certe offerte vanno accettate e non rifiutate. Squadra già salva e con intelligenza si punta su Inglese. L'arrivo di Spolli fa felice Maran ma non cambierà gli equilibri della difesa e Nember ha lavorato bene anche sulle uscite minori.

Empoli, Voto 6
Sono stati coerenti con la loro filosofia. Non fanno quasi nulla e cedono Barba allo Stoccarda per fare cassa. Ottima strategia in vista di giugno.

Fiorentina, voto 6,5
Tino Costa può risultare un affare, Zarate è la classica minestra riscaldata e speriamo non faccia male. Giusta la cessione di Rossi se sul ragazzo, ormai, la viola non ci punta più. Mammana sarebbe un grande acquisto perché il calciatore è duttile per il reparto. Tello potrà essere la rivelazione mentre giustamente i tifosi sognavano qualcosa di più vista la posizione attuale in classifica. Ma è giusto che il mercato lo faccia la società e non la curva.

Frosinone, voto 5
Purtroppo, come avevamo pronosticato, ha sventolato troppo presto bandiera bianca. Salvarsi sarebbe stato un compito più che arduo ma qualche bella gara nel girone di andata aveva fatto sognare i ciociari. Tuttavia nel campionato di serie A tutti i nodi vengono al pettine e anche fare mercato a gennaio diventa impossibile. La società ha seguito una linea ben precisa e ha ottenuto una garanzia di dignità ma per salvarsi serviva altro.

Genoa, voto 5,5
Solito cinema di Preziosi. Cerci e Suso dalla vicina Milano, qualche entrata e uscita fatte a caso e un mercato che ormai è diventato secondario. Preziosi deve chiarire e risolvere tutti i suoi problemi finanziari. Il crac del Genoa è sempre più vicino se non si trova una valida soluzione. L'arroganza e maleducazione del Presidente verso i suoi tifosi sono l'emblema di un personaggio che è arrivato alla fine della corsa ma non vuole accettare che il ciclo vincente è finito da un pezzo.

Hellas Verona, voto 5
Marrone, Marcone, Emmanuelson e un segno della croce. Se il Verona fosse stato realmente astuto avrebbe sfruttato questa sessione invernale per comprare calciatori di serie B, funzionali al ritorno in serie A. Avrebbero sfruttato sei mesi per ambientarsi e si sarebbe ripartiti il prossimo anno alla grande. Di questi acquisti approviamo solo Ante Rebic, talento da non sottovalutare.

Inter, voto 5,5
Il derby e l'umiliazione sono la dimostrazione che mettere tutto nelle mani di Mancini è stato un grave errore. L'Inter prende i calciatori che vuole l'allenatore, li acquista, li fa giocare, li brucia e li vende. Eder l'unico a salvarsi nel derby, per il resto c'è poco o nulla. Mercato deficitario e confusionario. Unica nota lieta la cessione cinese di Guarin a 12 milioni. Mancini come Manager fa pena.

Juventus, s.v.
Con molta coerenza e giusta arroganza dimostra che gennaio è roba da deboli. Guarda e non si muove. Opziona una decina di giovani in serie B e controlla il territorio sfruttando l'assenza di Milan e Inter. Marotta e Paratici guidano e comandano con intelligenza il mercato italiano. Le rivali sono rimaste cinque anni indietro.

Lazio, voto 5
Il solito mercato di Lotito e Tare. Al risparmio, lanciando la monetina in cielo sperando che cada dal verso giusto. Per questa Lazio ci vuole un progetto e non una serie di scommesse.

Milan, voto 5,5
La fotografia di come lavora il Milan sul mercato è stata proprio il derby. Decisivo Niang, virtualmente ceduto nella settimana del derby. Balotelli dovrebbe fare le valigie e, invece, gira ancora a piede libero a Milanello. Buone le cessioni di Cerci e Suso ma tirata troppo per le lunghe l'uscita di Nocerino. Luiz Adriano gestita male da tutti. Squadra da rinforzare in tutti i reparti e il derby deve servire da slancio per la stagione e non da presunzione per sperare di essere quelli che, comunque, non si è.

Napoli, voto 6
Era giusto fare poco perché in questi casi si rischia di alterare gli equilibri. è altresì vero che, se sei in lotta per lo scudetto, forse, valeva la pena fare uno sforzo maggiore. Barba sarebbe stato meglio di Regini. Grassi va bene per il futuro ma Giuntoli ha apparecchiato sapientemente la tavola per la prossima stagione anche se quest'anno c'è il rischio del rimpianto. Voto 10 al mercato in uscita. Giuntoli fa miracoli a piazzare tutti i bidoni di "Bidon".

Palermo, voto 5,5
Cionek e Cristante sono due ottimi rinforzi invernali. Arteaga non ci convince del tutto e Balogh non lo conosciamo bene. Zamparini poteva fare qualcosa in più ma si avvicina alla sufficienza. Almeno è coerente con se stesso.

Roma, voto 6
Zukanovic arrivato dagli amici di Genova, El Shaarawy scartato dal Milan e poco altro. Il mercato della Roma è al punto più basso della storia americana ma potrebbe comunque risultare funzionale al progetto di Spalletti. Non c'erano i presupposti ora per una rivoluzione. La Roma ha contenuto il danno della scorsa estate e in questa ultima giornata di mercato prova a piazzare ancora un colpo. Tante le uscite minori che comunque andavano fatte. Sabatini è stato professionale a non fare mille operazioni che poi la società, a giugno, rischiava di stravolgere in caso di nuovo Direttore Sportivo.

Sampdoria, voto 4
"Non vendo nessuno". Ecco la credibilità di Ferrero è tutta nel mese di gennaio. Adesso anche i tifosi della Samp più innamorati del personaggio pittoresco hanno aperto gli occhi. Lo criticano su twitter e lui insulta i tifosi della sua squadra. La Lega non interviene e la Federazione tace. Siccome non stimiamo il Presidente Ferrero (non giudichiamo le qualità morali della persona perché non la conosciamo) vorremmo delle risposte da Garrone, persona stimata e onorevole. Hanno stravolto la Samp e l'unico che non ci fa pena è Montella, un folle ad accettare questo progetto. Osti, il direttore perfetto per un presidente come Ferrero. "Sì capo, sì signore" e andiamo avanti con una serie di debiti che non fanno dormire sogni tranquilli.

Sassuolo, Voto 6,5
Poche operazioni ma mirate al futuro. Seguendo una propria linea di principio. Acquistati Sensi e Trotta, il primo per giugno. La società si muove bene e i risultati sul campo sono evidenti. Unica cosa: siamo sicuri che il Presidente di Confindustria Squinzi sia informato di tutto?

Torino, voto 6
Ottimo colpo aver riportato Immobile in Italia. Cairo, pur avendo bisogno di rinforzi, non si fa prendere dal collo dai tifosi ed è sereno perché ha portato in porto un'altra salvezza. Servono un portiere e un regista in mezzo al campo. Aspettiamo per giugno.

Udinese, voto 5
La squadra è in difficoltà e la nuova Dacia Arena meriterrebbe uno spettacolo migliore, ma non tutte le annate nascono perfette. Halfreddson, Kuzmanovic e Matos... Come pronto soccorso è ancora un po' poco. Il rischio più grande per il futuro: i Pozzo si innamorano sempre di più del Watford perché giustamente in Premier si fanno affari veri e i tifosi friulani si disinnamorano della propria squadra di calcio. L'Udinese ha regalato pagine di storia importanti e ci auguriamo che continui a scriverle. Anche senza l'eterno Totò.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.