VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Allegri, che differenza rispetto a un anno fa: quale è il modulo della Juve? Garcia come Benitez: senza difesa non vai da nessuna parte. De Laurentiis, i giovani e le serie minori: l'altra strada per competere con le big d'Europa

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
08.11.2015 16:12 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 40970 volte
© foto di TuttoMercatoWeb.com

Come gioca la Juventus? La domanda a novembre inoltrato ancora non ha ricevuto risposta. O meglio, in ogni partita riceve una risposta diversa, con buona pace di quanto accaduto negli ultimi quattro anni. I tifosi del Napoli hanno ben chiari titolari e riserve della squadra partenopea. Stesso discorso per quelli della Fiorentina e per quelli dell'Inter. Per i sostenitori bianconeri invece ogni gara è come l'estrazione del lotto.
Un anno fa tutti giustamente elogiavano Allegri perché il 4 novembre 2014, in occasione della sfida contro l'Olympiacos, passò dalla difesa a tre a quella a quattro con risultati immediatamente eccezionali. Quella Juventus aveva una sua fisionomia, c'erano protagonisti e comparse. Fu un cambio tanto radicale quanto importante anche perché figlio unico di madre vedova. Adesso, invece, Allegri è in confusione totale. Cambia modulo e giocatori partita dopo partita senza chiarezza e senza un filo logico: prima il 3-5-2, poi la difesa a quattro. Prima il trequartista, poi il 4-3-3 per esaltare le caratteristiche di Cuadrado. Che caos. Così non si va da nessuna parte, sia in Italia che in Europa. Il recupero di Lichtsteiner ridà ad Allegri una certezza, ma è chiaro che la continuità di rendimento in Serie A - e quindi il ritorno tra le primissime in classifica - passa per delle certezze che adesso i bianconeri non hanno.
Poi, c'è un altro problema. Ma questo era più semplice da prevedere. "Non ci si siede attorno a un tavolo senza sedie", ha detto in settimana ai nostri microfoni un ex bianconero come Domenico Marocchino. Il riferimento era all'addio di tre leader come Pirlo, Vidal e Tevez non adeguatamente sostituiti. Al loro posto, infatti, sono stati presi Khedira, Hernanes e Dybala. Giocatori che per motivi diversi hanno un rendimento nemmeno paragonabile a quello del predecessori. La squadra, almeno per ora, è più debole.

La Juventus, nonostante una rosa nettamente più forte rispetto a quella delle altre squadre, non ha insomma ancora capito come risalire la classifica. La notizia che da due anni aspettava la Roma, a questo punto la candidata più accreditata per lo Scudetto.
Eppure, i giallorossi non convincono. O meglio, Rudi Garcia non convince. La vittoria contro il Bayer Leverkusen è stata una boccata d'ossigeno fondamentale per evitare l'aperta contestazione, ma la difesa della Roma resta pur sempre tra le peggiori della competizione. Hanno incassato più reti solo BATE Borisov e Maccabi Tel Aviv, dieci gol subiti in quattro partite. Con questa media sarà già un miracolo superare il girone.
Rudi Garcia ha gli stessi problemi riscontrati da Benitez un anno fa, con l'unica differenza che questa Roma è molto più forte. E quindi diecimila soluzioni in più per risolvere le partite. Gli svarioni difensivi però alla lunga potranno diventare un handicap decisivo. Per questo, urge una soluzione immediata. Il Napoli ha risolto il problema cambiando allenatore, Garcia se vorrà vita lunga nella Capitale dovrà trovare quanto prima una soluzione ed evitare figuracce una gara si e l'altra pure a giocatori come Manolas, De Rossi e Rüdiger, che non è l'ultimo arrivato nonostante il pessimo avvio di stagione.

Capitolo finale dedicato come sempre alla Serie B. Premessa: quando De Laurentiis, in un mare di dichiarazioni edulcorate e rivedibili, afferma che le serie minori dovrebbero servire per far giocare solo italiani e giovani ha perfettamente centrato il punto. Solo in questo modo nei prossimi anni la Serie A potrà competere con campionati come Bundesliga, Liga e Premier che hanno introiti che noi non abbiamo. Serve puntare sui giovani, prima e meglio degli altri. Per ora, invece, lo facciamo meno e peggio.
Precisato ciò, non mancano le eccezioni. Diawara e Sensi pochi mesi giocavano nel San Marino e guardate ora. Il primo è un pilastro del Bologna in Serie A, il secondo è il calciatore più ambito del momento. E hanno entrambi una valutazione di mercato non inferiore ai dieci milioni di euro.
Sono due esempi lampanti, ma non sono gli unici. Perché la cadetteria di talenti sui quali puntare abbonda. Un esempio? Arturo Calabresi, prodotto del settore giovanile della Roma più noto al momento per essere il figlio della Iena di Italia Uno piuttosto che per le sue gesta da calciatore. Presto però la situazione cambierà, anche perché questo polivalente difensore ha dimostrato a 19 anni di poter già dire la sua in Serie B. La crescita passerà anche da periodi come questo in cui più che minuti collezionerà panchine. Del suo definitivo salto di qualità in pochi però hanno dei dubbi, basta che non lo si lasci marcire fuori dal rettangolo verde per troppo tempo. Specialità nella quale il nostro calcio è decisamente esperto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.