VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Allegri e Conte: è guerra tra i tifosi juventini, divisi fra il vecchio e il nuovo

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
19.09.2014 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 25402 volte
© foto di Federico De Luca

Il grande freddo sembra finito, due vittorie in campionato e una in Champions, hanno sdoganato (almeno così pare) Massimiliano Allegri, il milanista. I tifosi della Juventus, ostili e polemici all'inizio, stanno gradualmente cambiando parere anche se sui social network la discussione continua ad essere accesa e apertissima.

Con chi stare allora? Con i nostalgici di Conte, gli irriducibili convinti che sia stato un errore far andar via il condottiero, timorosi che senza l'uomo di Lecce la Juventus non sarà più la stessa, oppure con quelli che hanno accettato la situazione e credono che Allegri possa essere la scelta giusta e l'erede naturale di Conte per continuare a vincere?

Cerchiamo di capire cosa sta accadendo, al di là delle posizioni istintive, legate all'affetto, alla simpatia, all'antipatia o all'avversione per chi fino a pochi mesi fa alzava la bandiera rossonera.

Alla vigilia di Milan-Juve il dibattito ha alzato i toni e fino a sabato sarà difficile trovare un giusto equilibrio.

Se diciamo che dalla sfida di sabato dipenderà molto del rapporto futuro tra Allegri e la tifoseria bianconera crediamo di non sbagliare.

Ma come rispondere alla domanda delle domande, chi è meglio tra Conte e Allegri?

Al posto di Agnelli avremmo fatto di tutto per trattenere Conte sulla panchina della Juventus. E' chiaro come il Ct sia il giovane allenatore più bravo e più vincente dell'ultima generazione. Ha soprattutto una qualità straordinaria che fa la differenza tra un buon allenatore e un fuoriclasse, riesce a far rendere al massimo tutti i giocatori che allena. Entra nelle loro teste, manda al massimo le motivazioni. Unendo a questo il lavoro sul campo è facile capire come la miscela-Conte sia esplosiva. E vincente.

La cronaca racconta che è stato Conte a rialzare la Juventus dalle ceneri della serie B e da un limbo infinito. Tre scudetti e centodue punti sono una storia nella storia bianconera.

Ma tenere Conte controvoglia, andare avanti con gli equivoci e i musi, non trovare soddisfazione nel lavoro e nei rapporti non sarebbe servito a nessuno. Probabilmente in queste condizioni sarebbe stato difficile continuare a vincere anche per uno come Conte che aveva già chiesto tantissimo a questo gruppo e avrebbe fatto fatica a chiedere ancora di più.

Il divorzio è stato traumatico nei tempi e nei modi, forse sarebbe stato meglio lasciarsi a maggio quando la Juventus sapeva già che non avrebbe potuto accontentare le richieste di Conte per il rafforzamento bianconero, ma ormai è andata così.

Non è stato facile trovare un allenatore libero in poche ore, sulla piazza c'erano Mancini e Allegri e la scelta è caduta su quest'ultimo.

Come molti tifosi della Juve, anche noi abbiamo criticato la scelta. Ci è sembrato un azzardo assoluto prendere un allenatore licenziato dal Milan soltanto pochi mesi prima e soprattutto un uomo in crisi, reduce da un fallimento professionale.

Dobbiamo dire, due mesi dopo, che Allegri ha un carattere forte e la voglia di rivincita, il desiderio di rimettersi in gioco ha prevalso sulle difficoltà. Si è buttato tutto alle spalle ed è ripartito.

Ha cercato di cambiare la Juve in precampionato, la voleva più simile al suo modo di intendere il calcio, ma quando ha capito che è difficile smontare questo gruppo di giocatori che hanno imparato benissimo con e da Conte un certo tipo di calcio e di modulo, ha cambiato idea e continuato a lavorare sulla squadra del suo predecessore. Questa è stata la svolta. Qui è arrivata l'intelligenza e la modestia di Allegri.

Il gruppo ha apprezzato la scelta e risposto alla grande. Forse anche i giocatori avevano voglia di dimostrare che se Conte è stato il profeta, in campo ci vanno loro e i meriti vanno riconosciuti anche a loro.

Se quella che ha vinto tre scudetti era la Juventus di Conte, questa, rimasta orfana è comunque una grande squadra che può continuare a vincere.

Allegri gestisce alla grande con serenità e pacatezza, chiede cose nuove, ma non stravolge. Una guida forse meno ossessiva, un cambio nel metodo di lavoro alla fine forse ha dato nuovi stimoli a tutti.

La Juve di Allegri sembra meno assatanata, più riflessiva. Maggior gestione della palla, ma stessa aggressività e voglia di giocare nella metà campo avversaria.

Insomma, se Conte è il Profeta, Allegri può diventare la Certezza. L'uomo dei punti fermi. La partenza è molto positiva in Italia, ma soprattutto in Europa dove sono svaniti vecchi fantasmi.

Fino ad oggi è stato così, ma gli irriducibili contiani aspettano (giustamente) la partita delle partite, la sfida di sabato contro il Milan per vedere se davvero Allegri si è purificato oppure ha ancora dentro le incertezze e i dubbi delle sue ultime stagioni rossonere.

A dirla tutta, nonostante le due squadre siano a pari punti e il Milan abbia fatto cose straordinarie, il pronostico è ancora per i bianconeri.

I meriti di Inzaghi sono tantissimi. Ha ridato una identità a un gruppo di giocatori sbandati. E' riuscito a rimotivare un gruppo che aveva l'autostima sotto i piedi e soprattutto ha fatto capire a tutti che il Milan può anche perdere, ma non deve mai dimenticare di essere il Milan, una delle più grandi società della storia del calcio.

Detto questo, nonostante la cessione di Balotelli e l'acquisto dell'ultima ora di Torres e Bonaventura, il Milan è ancora lontano dalla Juventus e dalla Roma, ma come organico anche dal Napoli, dall'Inter e dalla Fiorentina. Menez in gran forma, Honda ritrovato, il miglior De Jong visto in Italia e il cuore di Inzaghi, hanno consentito al Milan di risorgere, ma il centrocampo rossonero non è il massimo della vita e sappiamo quanto sia fondamentale questo reparto sia in fase di costruzione che di difesa. Poli, Muntari e De Jong sono anche numericamente pochi in attesa di Montolivo e soprattutto è difficile trovare un equilibrio con tre attaccanti se il centrocampo non é di grande livello. Per battere la Juve (o almeno provarci) servirà un grande ritmo per novanta minuti e la capacità di tutto il Milan di attaccare e di difendere in dieci. Come una volta. Come quando c'era Inzaghi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.