VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Allegri: firma ok nonostante Real e Psg. Milan 2012-2016: dall'asse Seedorf-Pato a La Scala-Gatti. Inter: è messa peggio del Milan. Famedio: ricordati di Cesare Maldini

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
30.04.2016 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 37418 volte

Allegri resta alla Juventus, Allegri firma. E' l'esito, naturale ma che non possiamo definire scontato rispetto alle puntate precedenti, di una vicenda che ha accompagnato gli ultimi mesi bianconeri. Allegri aveva deciso di incontrare la dirigenza, per un punto d'orgoglio, a Scudetto conquistato. La Società ha sospettato che dietro quell'attesa ci fossero o il Real Madrid o il Paris Saint Germain. E' per questo che i dirigenti juventini si sono guardati in giro, cenando e telefonando. A sua volta, Allegri ha lasciato fare, ben sapendo di non aver avuto offerte da quei Club ma avendo ben chiaro che forte di uno Scudetto unico, assoluto e storico nel suo genere, l'ultima parola l'avrebbe avuta lui. E così è, così sarà. Allegri, il tecnico campione d'Italia e in questo momento ancora vice campione d'Europa che la Juventus campione di tutto in questi anni prese nell'estate del 2014 nonostante nella stessa stagione fosse facilmente raggiungibile anche Seedorf, sta per annunciare il suo prolungamento, felice di aver prolungato.

E' dal Gennaio 2012 che il Milan vive anni strani, anni non da Milan, come dicono in maniera sacrosanta i tifosi, anni in cui il Milan vero è il primo a non riconoscersi. E per attivare un gorgo del genere, non basta un sassolino o un venticello, ma tutta una serie di piccole slavine, di valanghe successive, fino alla valle. Che, sportivamente ed economicamente parlando, in questo momento è di lacrime. Il primo piccolo smottamento nel Gennaio 2012 con l'intervista natalizia di Pato contro Allegri che spacca e inquieta lo spogliatoio rossonero primo in classifica. A difendere con chiarezza Pato in quella circostanza naturalmente Seedorf. E quando Pato rimane al Milan, proprio nel Gennaio 2012 e proprio nel momento in cui il Club rossonero sembrava sul punto di comporre la coppia d'attacco Ibra-Tevez che avrebbe vinto tutti gli Scudetti che sta vincendo oggi la Juventus, è proprio Seedorf a incoraggiarlo pubblicamente. Da quel momento, fino al gol di Muntari, fino allo Scudetto perso a favore della Juventus di Conte (con il Milan campione d'Italia non sarebbero partiti Ibra e Thiago e non avrebbero smesso tutti i big storici nello stesso momento), anno dopo anno, di gradino in gradino, dentro la scatola nera di un circolo vizioso perfetto, in una situazione nella quale è inevitabile che ciascuno produca difficoltà, errori e contraddizioni, arriviamo ad oggi. Fa male, non fa dormire la notte, è un presente cupo e impotente. Ma il Milan ha sempre generato sé stesso e il Milan di questi strani anni ha generato l'esatto punto in cui tutto il mondo rossonero si ritrova. Una zolla storica in cui almeno il buon Gatti si lamenta per qualcosa nell'assemblea degli Azionisti, visto che lo stesso trambusto lo faceva quando il Milan perdeva le Finali di Champions League come quella di Istanbul o arrivava secondo a 88 punti in Campionato con tanto di Semifinale di Champions League con il Barcellona. Che c'entra Seedorf con La Scala? Entrambi hanno saputo unire e compattare tutto ciò che è storicamente difficile unire e compattare. Compliments.

Fossimo negli interisti e negli addetti ai lavori interisti, ci preoccuperemmo molto di più della dichiarazione di Mancini ("Se lo dice Thohir che rimaniamo tutti e due...") piuttosto che sopravvalutare il comunicato sulla "cooperazione strategica" dei manager Suning. L'Inter non raggiunge nessuno dei primi 3 posti in Campionato dal 2011 con Leonardo e ha conti di molto peggiori nel tempo rispetto al Milan. Se la cava mediaticamente perché ha un ambiente e una tifoseria più compatti, perché ha generato meno amarezze con le cessioni eccellenti che invece dal canto suo il Milan ha fatto nel 2009 e nel 2012. Ma proprio per questo ha maturato negli anni debiti e conti molto peggiori. Conti che stanno presentando il conto. E mentre il Milan il suo Silvio Berlusconi ce l'ha ancora, l'Inter fra non molto dovrà tornare da Massimo Moratti pregandolo di riprendersi il Club. Negheranno, si offenderanno, faranno circolare nomi mirabolanti di nuovi acquisti, ma l'onda d'urto della quinta stagione consecutiva, la prossima, senza partecipare alla Champions League rischia di provocare un effetto a catena. Nonostante i casini, sia veri che creati ad arte, del Milan tengano tutto coperto. Ma la coperta mediatica è corta. E i fatti non possono attendere.

Si avvicinano le elezioni comunali milanesi, ma siamo qui ad augurarci che la politica cittadina faccia presto. Molto presto. Sempre più presto. Il grande, generoso e ospitale cielo di Milano ospita dallo scorso 3 Aprile un milanese illustre. Nato a Trieste, ma milanese d'adozione. Uno sportivo che ha ricoperto di gloria e prestigio la città di Sant'Ambrogio. Ecco perché il Famedio non può attendere troppo. Il Famedio, la casa dei milanesi illustri al cimitero Monumentale di Milano, è il giusto destino di Cesare Maldini.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.