VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Allegri ha i campioni, Montella ha la squadra. Il Milan e la nemesi dei rigori. La Juventus senza cabina di regia. Suso, un Bruno Conti in salsa spagnola

24.12.2016 09.14 di Mauro Suma   articolo letto 44226 volte

Da che calcio è calcio, questo è uno sport che si ribella al mercato. E' una materia, quella del pallone, che non ammette l'ultima parola. Pronunci i nomi di Higuain e Pjanic e sembra che gli avversari si sbriciolino da soli. No, il calcio non è questo. Puoi comprare a destra e a manca, a poppa e a prua, ma se poi manca un certo tipo di spirito e la giusta coesione, i contratti dell'estate possono anche fallire la prova del nove. Nella partita secca, certo, non sul lungo periodo, ma quando la partita secca è importante e pesante come quella di Doha, sono conti molto salati quelli che non tornano alla Juventus. Dall'altra parte, un allenatore reduce da una parentesi nervosa e anomala come quella della Sampdoria, destinatario di un mercato spernacchiato da tutti, ha saputo mettere le mani nella pasta come si deve. Vincenzo Montella non ha in squadra i campioni che ha Allegri, ma ha costruito un campione che Allegri non ha: il gioco. Il gruppo. La squadra. Allegri ha uno zoccolo duro italiano di grandi uomini, addizionati dalle scelte di mercato. Ma Montella, questa volta senza l'alibi del gol di Pjanic, ha affrontato per la seconda volta in due mesi da pari a pari la squadra inarrivabile e inavvicinabile. L'ha affrontata con il suo gruppo di uomini finalmente sereni e liberi da tante scorie, cui ha dato meccanismi e fiducia. E ha vinto ancora, due su due. La prima con l'episodio favorevole, la seconda senza. Solo con tanto tanto merito.

I rigori sbagliati contro Crotone e Roma, il palo e i salvataggi sulla linea contro l'Atalanta. L'aereo che non parte. Sembrava il solito Milan del circolo vizioso, dei social che sfottono, di una terra di mezzo senza vie d'uscita e senza luci in fondo al tunnel. Ecco invece che in una sola serata, il Milan mette tutti d'accordo, tutti in fila, tutti giù per terra. A Roma, l'errore due punto zero di Niang aveva chiarito che non era stata la pressione di Lapadula ad indurlo in errore contro il Crotone, mentre nella serie finale con la Juventus lo stesso Lapadula ha evidenziato di non essere uno specialista dei calci di rigore. Al di fuori di questo avvitamento negativo, hanno segnato tutti. Dal lucidissimo Bonaventura allo straordinario Suso, dall'inevitabile Kucka al predestinato Pasalic. Nella serie dei rigori di Doha, ci sono tre giocatori che hanno sbattuto in cantina una spianata strepitosa di luoghi comuni: Suso era il solito parametro zero, Kucka era l'amico di Preziosi, Pasalic invece aveva l'onore di essere il nuovo Van Ginkel. Tutte balle, poverine e anodine.

Quando, dopo i due tempi regolamentari, Marchisio parlava sul campo di Doha con gli occhi della vera Juve ad un Higuain poco convinto e poco coinvolto, si è intuito quello che stava per accadere. Al Pipita arrivavano pochi palloni, ma dall'anima della Juventus gli arrivava forte e chiaro un segnale: sei tu che devi muoverti in maniera diversa. Ci sono momenti in cui, quando non gioca allo Juventus Stadium, quella bianconera sembra una squadra scollegata, fatta di compartimenti stagni. Con vasi potenti e celebrati, ma tutt'altro che comunicanti. La società ha spostato lo scrigno della qualità dal centrocampo all'attacco. La forza nel mezzo è diventata, nella rosa, la potenza della trazione anteriore. Poi però sul campo succede che i muscoli da soli non vanno lontano. E' un centrocampo che lotta, che si inserisce, ma che pensa tremendamente poco quello juventino di oggi, che non dispone della valigetta con i codici e i tempi di gioco delle partite. E quando il gioco si fa complicato e cerebrale, lontano da quello Stadium che nasconde tanti problemi, lo si vede a occhio nudo.

Quanto mancava al Milan e al calcio italiano. Un'ala tecnica, di spunto, che ingaggia duelli a non finire. Fino a che il suo diretto marcatore non osa nemmeno portargli il contrasto. E all'ennesimo scatto, sembra che dica: ancora?! Ma ne hai ancora?! Sì, Suso ha avuto scatti, spunti, affondi, cross e assist per 105 minuti. E al suo calo nel secondo tempo supplementare, è venuta fuori la Juventus sul finale. Ma Suso è tutta la stagione che segna, crea, costruisce, determina e decide. Suso, il parametro zero. Quello che arriva a Milanello e l'allenatore di turno sembra dire, ma pensa te, ma chi mi hanno mandato?! Sì, lui Suso, quello che in una amichevole di Marzo con dieci spettatori al Mapei di Reggio Emilia folgore il presidente Berlusconi in amichevole contro la Reggiana. Non sappiamo se la sua partita di ieri sia paragonabile a quella di un Bruno Conti o di un Donadoni, ma nella serata dell'impresa milanista è bello pensare che possa essere proprio così. Il problema di Suso in fondo sono le quattro lettere del suo cognome. Fossero sette o otto come quelle di qualche dirimpettaio milanese, allora sai che titoli sui giornali. Ma Suso è un ragazzo che non ci bada. Lui prende la palla, saluta la compagnia e punta la porta. Il resto è roba da social.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.