VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Allegri: non scappo, non resto. Di Francesco: Malesani e la confusione. Monaco: giù le mani da Trap e Monto. Milan: sano realismo

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
02.04.2016 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 24631 volte

Non vogliamo titillare a tutti i costi Massimiliano Allegri, persona bella e simpatica e ottimo allenatore. Ma il suo "non scappo" di ieri lascia dei dubbi. Non scappo, ovvero se ci sarà da spiegarvi qualcosa sarò qui a farlo. Senza misteri ma anche, in questo momento, senza certezze. Non scappo, non significa firmo, non significa resto, significa, forse, non voglio ripetere l'errore del pre Milan-Atalanta e quindi non dico nulla. A volte la situazione odierna fra Allegri e la Juventus ci ricorda quella fra Allegri e il Milan subito dopo la storicamente clamorosa vittoria del #MilanSenzaIbraeSenzaThiago del Febbraio 2013 a San Siro, 2-0, contro il Barcellona di Messi. Adesso firma, adesso firma, adesso firma...e invece niente rinnovo, sconfitta nel ritorno a Barcellona e undici mesi dopo quella vittoria pazzesca Allegri esonerato dal Milan. La firma è un attimo che va colto, finchè non arriva alimenta ipotesi e scenari. Il tecnico della Juventus conosce perfettamente questi aspetti.

Formalmente Di Francesco non fa nomi. Quindi nessuno al Milan si è sentito punto nel vivo e nessuno replica. Un modo sereno di fare spallucce, ma sempre spallucce sono. Al Milan c'è dialettica e movimento? Nessuno in casa rossonera lo nega, ma Di Francesco non può non sapere che questa è la natura del calcio. Il suo brillante ciclo al Sassuolo è nato proprio dalla confusione. L'ultima squadra allenata da Alberto Malesani è stata proprio il Sassuolo. Per cinque partite, dopo Di Francesco e prima del ritorno dello stesso Di Francesco, cinque sconfitte, porte girevoli in panchina, caos allo stato puro. Eppure adesso va tutto bene, la confusione va e viene, anche il nervo scoperto può essere presagio di momenti più confusi che, nel calcio, possono sempre sbucare da un momento all'altro dietro ogni angolo.

Non vogliamo essere piccati o assumere le sembianze di un disco rotto. O di una spuntata difesa d'ufficio. Ma al netto della modesta prestazione dell'Italia a Monaco, la prestazione di Riccardo Montolivo non è stata vista o valutata per quel che è stata. Molti avevano già deciso di giudicarla negativamente, la partita di Riccardo, ancor prima di scendere in campo. I social se ne sono appropriati per partito preso, per cattiveria allo stato brado. Ha giocato palla in avanti Riccardo a Monaco, pensate cosa riusciamo a scrivere. Presente nei flussi di gioco, attivo nei tentativi di chiusura, fluido e lineare per quel che si poteva in quel contesto. Non a caso Conte lo ha tenuto in campo 90 minuti e a fine gara ha parlato lui a bordo campo. Non stiamo parlando della prestazione della vita, ma il prevenuto accanimento anti-Riccardo ha dimostrato una volta di più quanto il nostro sia parafulmine. Prima di Buffon, di Bonucci, di Darmian, di Acerbi, di Motta, di Florenzi, di Bernardeschi, di Insigne e di Zaza sono andati a prendere e colpevolizzare lui. Sbagliato, ingiusto, a orologeria. Stesso discorso per il Trap. Lo sproloquio è stato da tempo non sono sdoganato ma anche usato a sproposito. Se al Trap capita di usarlo perché partecipa emotivamente al commento come fosse in panchina, ma ben venga. Che sia. Avanti Trap.

Non è autarchia, ma esercizio di sano realismo quello del presidente Berlusconi sul Milan giovane e italiano. E' la realtà con cui bisogna fare i conti e che va affrontata. Non fa sognare, non sana le ferite degli ultimi anni, non manda a nanna in sollucchero i tifosi rossoneri. Forse. Ci sta. Ma è una cosa detta con chiarezza, una linea precisa di indirizzo. Che già fa peraltro parte della realtà attuale del Milan. Da Donnarumma a Romagnoli, da Abate e Antonelli a De Sciglio e Calabria, da Bonaventura a tutti gli altri: ad ogni gara il Milan scende in campo con una media di 7/11 italiani. E i giovani continuano a crescere. Locatelli è il leader dell'Italia Under 19 fra le 8 migliori d'Europa, De Santis (difensore centrale da 10 gol quest'anno in Primavera) e Crociata ieri hanno prolungato al 30 Giugno 2018. Non sappiamo se questa sia o meno confusione, ma poche ore dopo un progetto annunciato e sostenuto dal presidente Berlusconi due giovani italiani si legano al Milan per altri due anni. L'italianità del Milan torna ciclicamente al centro del dna rossonero nei momenti in cui è necessario mettersi a testuggine, alzare la guardia, tenere duro, fare gruppo e andare avanti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.