VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Allegri stravede per Guarin: derby con Mazzarri. Inter, torna lo scudetto d'agosto: zero alibi. Conte: il contraccolpo della partenza di Vidal. Inzaghi: prima il gioco, poi il mercato. Milan: zero liquidazione e forza Casa Milan

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
02.08.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 53765 volte

Massimiliano Allegri considera cruciale il centrocampo di una squadra. E negli ultimi anni, guardandosi attorno, ha sempre avuto un debole per Fredy Guarin. Qualche derby di Milano fa, quando l'allora allenatore interista Stramaccioni utilizzò il colombiano per un tempo sostanzialmente in marcatura su De Sciglio, gli capitò di strabuzzare gli occhi. Nemmeno Mazzarri sembra sia per la verità riuscito a tirare fuori il meglio da Guarin, e lo stesso colombiano in cuor suo non si è mai sentito valorizzato al cento per cento in nerazzurro. Anche per questo l'operazione di mercato sull'asse Milano-Torino potrebbe tornare di attualità da un giorno all'altro. Con il rendimento di Guarin come elemento base, ma con il rinnovato derby professionale Allegri-Mazzarri come appendice. Juventus, Inter e due tecnici toscani che non disdegnano la punzecchiata come già accaduto in passato. E che potrebbero tornare a misurarsi. Magari proprio su Guarin e su chi riesce a inquadrarlo e sfruttarlo meglio. Il calcio vive anche di queste sfide professionali.

Vidic, Dodò, M'Vilà, Medel e Osvaldo. Un parametro zero e formule di varia natura per gli altri. Ma il tifoso, giustamente, non sta a guardare. E la tifoseria nerazzurra è convinta, solo il campo in questi casi può confermare o smentire, di trovarsi in presenza di un grande mercato, un mercato da terzo posto e quindi da Champions. E' il clima con il quale dovrà confrontarsi Walter Mazzarri. Nella scorsa stagione il tecnico di San Vincenzo ha costellato la sua stagione comunicando su tre punti: al Napoli ho dimostrato il mio valore; il mercato e la stagione dell'Inter sono interlocutori; i tanti giocatori in scadenza di contratto si commentano da soli. Oggi il Napoli è lontano e superato, il mercato è giudicato importante e non transitorio dai tifosi con tutte le aspettative del caso e i giocatori in scadenza non ci sono più. Bisogna giocare bene e bisogna farlo sul campo. Le parole, e gli alibi veri o presunti, non faranno più testo.

Se davvero Arturo Vidal lascerà la Juventus, per i tifosi della Juventus ci sarà il rigurgito. Il rigurgito del boccone amaro di Antonio Conte. Quanti juventini penseranno che Conte ha lasciato la squadra anche per quel motivo? Quanti tifosi bianconeri deglutiranno al pensiero che Conte non avrebbe accettato questa partenza? Quanti legheranno la nuova stagione alla prima partenza davvero pesante e davvero dolorosa della presidenza Agnelli e a cascata della nuova gestione tecnica? In molti, c'è da presumere. E lo Juventus Stadium potrebbe risentirne. La bolgia tante volte evocata da Conte, la casa della Juventus che porta punti per l'orgoglio dei giocatori di giocare non in uno stadio amico ma nel cuore di casa propria. Tutto vero, fino ad oggi. Ma tutto a rischio e tutto pronto ad esser messo in discussione, un minuto dopo la possibile partenza del campione cileno. Perché la cessione di Vidal non sarebbe una pura e semplice operazione di mercato, ma uno scenario che a occhio e croce sta stretto ad una tifoseria reduce da annate splendide.

Due estati fa, nella fatidica estate del 2012, il Milan iniziò il ciclo di amichevoli pre-Campionato vincendo 1-0 sul campo dello Schalke e sempre 1-0 contro il Chelsea negli Usa. Però poi il Campionato iniziò male lo stesso e con un sistema di gioco tutto da ricercare. Nell'estate 2014 invece Inzaghi ha voluto, a costo di farsi male nel punteggio e di rendersi conto che il lavoro è più duro del previsto, impostare le prime partite della tournèe senza speculare sul risultato ma provando fino in fondo idee di gioco e meccanismi per i quali occorre tempo e pazienza. E' andata male con 8 gol in due partite e soprattutto con la partita con il City vinta dalla squadra griffata Etihad contro la formazione Fly Emirates. Non benissimo, ma si rimonta tutto. Inzaghi lavora bene, lavora duro e pensa al gioco. Vuole iniziare il Campionato giocando a calcio, a costo di tabellini pesanti in amichevole. Se poi il mercato inizierà a sorridere (peccato davvero per Romulo), gli eventuali nuovi arrivi si inseriranno in meccanismi già collaudati. Adesso bisogna reggere l'urto e Inzaghi è l'uomo giusto per farlo. Poi, l'8 Agosto, al rientro dagli Usa, la serata giusta per fare il punto di mercato non mancherà. A leggerla severa, la situazione del Milan di oggi richiederebbe rinforzi ovunque: uno fra i portieri, uno fra gli esterni difensivi, uno a centrocampo e uno fra gli esterni offensivi. Ma con la sua barra dritta e con uno Staff tecnico davvero di prim'ordine, Inzaghi lavorerà intensamente per portare almeno a due le esigenze entro il 31 Agosto. Poi si vedrà quale sarà il saldo fra i giocatori che meritano di restare e i giocatori che, loro, vogliono restare dopo aver rifiutato molte offerte. Da qualche parte si vorrebbe un Milan più duro di fronte a casi del genere, ma per un Club come questo che si è sentito da sempre una grande famiglia significherebbe nuotare contro corrente. Anche solo dare la sensazione di approfittarne però meriterebbe la giusta attenzione.

Si è concluso il mese di Luglio, nel corso del quale la Curva Sud rossonera ha chiamato duramente in causa, nel dibattito sul mercato estivo del Milan, la liquidazione che spetterebbe al vicepresidente vicario rossonero Adriano Galliani. Dopo quel volantino, ci sono stati tre interventi accettabili e degni di essere presi in considerazione sul piano editoriale: due virgolettati e uno no. I virgolettati. 11 Luglio 2014 - Calcio e Finanza: "A Galliani non spettano 60 milioni, ma potrebbe esserci un accordo simile a quello di Franco Bernabè, ex presidente esecutivo di Telecom Italia, che in uscita ha percepito 5,65 milioni di euro". 12 Luglio 2014 - Marco Bellinazzo, collega de Il Sole 24 Ore: "Se il rapporto con Galliani dovesse essere risolto prima della scadenza, l'indennità potrebbe aggirarsi attorno ai 3-4 milioni di euro". L'intervento non virgolettato è quello che ripetiamo su queste colonne: Adriano Galliani non ha diritto ad un solo euro di liquidazione. Non c'è altro. A meno che qualche voyeur alla rovescia non insista nel passare dalla liquidazione che non c'è alla refurtiva o simili. In questo caso non tocca a noi occuparcene, ma ad uno bravo. Dal capitolo del mese a quello dell'ultima settimana del mese: Casa Milan. Il vero fuoriclasse del Milan di oggi è proprio la sua Sede. Elegante, emozionante, già sola al comando in un futuro ad alto livello. I tifosi rossoneri, sia quelli che ci sono già stati che quelli che non vedono l'ora di visitarla, ne sono felici e coinvolti. Casa Milan è la vera grande novità del calcio italiano, europeo e mondiale e su di essa si stagliano la visione, la professionalità e la qualità di tutte le persone del Milan che l'hanno pensata e realizzata. Un tempo le richieste dei Milanisti erano due: compriamo qualcuno e voglio andare a Milanello. Oggi compriamo qualcuno è rimasta, ma l'altra ambizione è cambiata: voglio andare a Casa Milan. Per Barbara Berlusconi il primo trofeo, quello dell'orgoglio e dell'eccellenza, è già fra le mani.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.