HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

Analisi del sorteggio Champions: la Juventus parte da favorita assoluta, non accadeva esattamente da 20 anni. L’Inter rischia il girone della morte. Ma anche Roma e Napoli non se la passano benissimo

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
29.08.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 42093 volte

Meno 24 ore al sorteggio di Champions, e la Juventus per la prima volta dal 1998 entra essendo la favorita assoluta. Alle elite delle 8 che puntano sempre al trofeo già apparteneva da tempo, ma l’acquisto di Cristiano da un lato, e lo stato delle altre contendenti dall’altro, ne fa la prima candidata.
Il sorteggio di Montecarlo è uno dei momenti capaci di far regredire l’intera popolazione maschile calciofila allo stato primordiale del bambino con l’acquolina in bocca in piedi di fronte all’edicolante mentre attende nelle mani i pacchetti di figurine. C’è il sorteggio Mondiale, c’è quello dell’Europeo, e poi c’è quello della Champions, arrapamento periodico di fine agosto.
E lo stato di eccitazione di tutti quest’anno è in verità particolarmente euforico per gli juventini: era appunto da 20 anni che la Juve non era la prima favorita in Champions, da quando nel 1998 fu finalista sconfitta dal Real Madrid senza che nessuno sapesse come, potenza inarrestabile proveniente da 3 finali consecutive. Da allora, un saliscendi di potenziale, ma mai era tornata a squadrare tutti dall’alto del pronostico.
Stavolta tutte le altre favorite presentano almeno un’incognita grossa, che invece la Juve può schivare.
Si tratta di 7 altre squadre: 6 teste di serie come la Juventus, e poi l’ultima finalista Liverpool, vera mina vagante del sorteggio.

In ordine, ecco il problema più grosso che le posiziona dietro la Juve:
- Real Madrid: una rifondazione senza elementi nuovi, con un allenatore completamente da testare.
- Barcellona: una struttura di squadra che sistematicamente negli ultimi anni si è bloccata in Europa.
- Atletico: prevedibilità di gioco rispetto alla Juve, e ovviamente meno variabili (ma si è rinforzato).
- Bayern: una rosa non rinnovata, e un gioco compatto ma che ha smarrito i picchi del passato.
- PSG: l’abitudine al non arrivare in fondo, e un allenatore talentuoso ma inesperto con i campioni.
- Manchester City: l’incapacità di essere sufficientemente malleabile per cambiare gioco alla bisogna.
- Liverpool: una marcata disparità tecnica difensiva, evidenziata nei turni europei decisivi.

La Juve però è sicura di evitarle quasi tutte (esclusa il Liverpool): nell’urna 2, dove si presentano Napoli e Roma ovviamente non estraibili, può anche maneggiare bene il Borussia Dortmund o il Porto, o lo Shakhtar o il Benfica (se batterà il Paok), ma da evitare sono soprattutto il Tottenham, e anche il Manchester United che è una inaffidabile bestia ferita.
In terza fascia il Liverpool sarebbe una iattura (ma potrebbe essere assimilato alla fascia 2 se il Benfica non si qualificasse), mentre tutte le altre sarebbero alla portata: Schalke, Lione, Cska Mosca, Ajax, le due probabili Salisburgo e PSV Eindhoven. Perfino il Monaco.
In fascia 4 invece - quella dell’Inter, preclusa dal sorteggio - da fare attenzione solo al Valencia, che ovvio è inferiore alla Juve, ma arrivando dall’urna 4 sarebbe una brutta variabile aggiunta.
Insomma, sarà un ottimo sorteggio per la Juventus se solo si eviteranno Tottenham, Manchester United, Liverpool e Valencia.

Dal lato simmetricamente opposto alle favorite c’è l’Inter, non solo perché parte dalla fascia 4: va detto che per i nerazzurri è già un successo e una gioia esserci, ma il sorteggio massacrante è dietro l’angolo.
Questa l’opzione peggiore possibile: Barcellona, Manchester United, Monaco, Inter. Altro che Sassuolo e Torino.
Ma la verità è che gli interisti rischiano con tutte. Allora in ordine: c’è solo il 14% di possibilità di evitare una delle favorite dalla fascia 1: delle 7 teste di serie possibili, solo il Lokomotiv Mosca sarebbe una rivale non proibitiva. Anche dalla fascia 2 la percentuale di rischio rimane alta, circa il 50%: United, Spurs e Dortmund se andasse male; Porto, Shakhtar e Benfica se andasse meglio.
Percentuali più abbordabili dalla fascia 3: il 25% di possibilità di scontrarsi con una proibitiva, ovvero Liverpool e Monaco. Le altre (Schalke, Lione, Salisburgo, Ajax, CSKA e PSV) sono di livello simile o inferiore all’Inter.

Ma anche Napoli e Roma, paradossalmente due fasce sopra l’Inter, rischiano tantissimo. Perché? Perché in verità la presenza nella loro stessa fascia di squadre come Porto, Shakhtar e Benfica comporta che ci siano almeno tre altri grandi squadre sparse nelle altre fasce - cioè Liverpool, Monaco e Valencia.
Il peggior gruppo possibile per loro è: Real Madrid, Napoli/Roma, Liverpool, Galatasaray. Perché anche Napoli e Roma hanno solo il 14% di possibilità di sperare di evitare una teste di serie durissima, e temendo che possano aggiungersi Liverpool e Monaco dalla fascia 3 (per questo napoletani e romanisti stanno tifando perché il Paok butti fuori il Benfica, cosicché il Liverpool salga di fascia e si neutralizzi).
Poi ovvio: ricordate l’anno scorso quando la Roma fu sorteggiata con Chelsea e Atletico? Tanti pronostici, e poi però furono loro a qualificarsi e ad arrivare fino in semifinale.
Però, alla fine, ha vinto sempre Cristiano…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Var, ora è uno scandalo. Ecco perché gli arbitri sono tornati indietro e non lo usano quasi più. Il caso Ronaldo lo imporrebbe anche in Champions. La guerra fra Infantino (Fifa) e Ceferin (Uefa) dietro il cambio di linea 21.09 - Chi ha ucciso il Var? Quasi il titolo di un giallo, ma in effetti quello che sta succedendo ha molto del giallo. Nello scorso campionato di serie A il Var era stata una piacevole novità, un elemento in grado di aiutare gli arbitri e portare l’idea di giustizia e serenità nel calcio,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato internazionale ai raggi X: l'Italia spende e gli affari sono sempre fra i soliti... 13.09 - La FIFA ha fatto la fotografia del mercato internazionale. Ovvero dei trasferimenti provenienti dalle federazioni estere. Un lavoro complesso, reso possibile dal TMS (il Transfer Matching Sistem): quindi non si tratta di proiezioni o di valutazioni, ma di dati certi. Sono dati aggregato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo ha distrutto la Spagna e il suo Mondiale dal di dentro, e Allegri lo ha aiutato. Ecco come. Mancini poteva avere ragione, ma c’è un particolare fondamentale che lui e la Figc hanno dimenticato su Euro2020 12.09 - E’ stato un piano perfetto. E noi distratti dal passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Altroché. Diabolico CR7, che arrivando ai Mondiali con il Portogallo campione d’Europa, e avendo nel proprio gruppo la Spagna, ha usato tutte le armi per farla fuori, anche se non è bastato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy