HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Icardi non è più il capitano: condividete la scelta dell'Inter?
  Si
  No

La Giovane Italia
Editoriale

Analisi del sorteggio Champions: la Juventus parte da favorita assoluta, non accadeva esattamente da 20 anni. L’Inter rischia il girone della morte. Ma anche Roma e Napoli non se la passano benissimo

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
29.08.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 42165 volte

Meno 24 ore al sorteggio di Champions, e la Juventus per la prima volta dal 1998 entra essendo la favorita assoluta. Alle elite delle 8 che puntano sempre al trofeo già apparteneva da tempo, ma l’acquisto di Cristiano da un lato, e lo stato delle altre contendenti dall’altro, ne fa la prima candidata.
Il sorteggio di Montecarlo è uno dei momenti capaci di far regredire l’intera popolazione maschile calciofila allo stato primordiale del bambino con l’acquolina in bocca in piedi di fronte all’edicolante mentre attende nelle mani i pacchetti di figurine. C’è il sorteggio Mondiale, c’è quello dell’Europeo, e poi c’è quello della Champions, arrapamento periodico di fine agosto.
E lo stato di eccitazione di tutti quest’anno è in verità particolarmente euforico per gli juventini: era appunto da 20 anni che la Juve non era la prima favorita in Champions, da quando nel 1998 fu finalista sconfitta dal Real Madrid senza che nessuno sapesse come, potenza inarrestabile proveniente da 3 finali consecutive. Da allora, un saliscendi di potenziale, ma mai era tornata a squadrare tutti dall’alto del pronostico.
Stavolta tutte le altre favorite presentano almeno un’incognita grossa, che invece la Juve può schivare.
Si tratta di 7 altre squadre: 6 teste di serie come la Juventus, e poi l’ultima finalista Liverpool, vera mina vagante del sorteggio.

In ordine, ecco il problema più grosso che le posiziona dietro la Juve:
- Real Madrid: una rifondazione senza elementi nuovi, con un allenatore completamente da testare.
- Barcellona: una struttura di squadra che sistematicamente negli ultimi anni si è bloccata in Europa.
- Atletico: prevedibilità di gioco rispetto alla Juve, e ovviamente meno variabili (ma si è rinforzato).
- Bayern: una rosa non rinnovata, e un gioco compatto ma che ha smarrito i picchi del passato.
- PSG: l’abitudine al non arrivare in fondo, e un allenatore talentuoso ma inesperto con i campioni.
- Manchester City: l’incapacità di essere sufficientemente malleabile per cambiare gioco alla bisogna.
- Liverpool: una marcata disparità tecnica difensiva, evidenziata nei turni europei decisivi.

La Juve però è sicura di evitarle quasi tutte (esclusa il Liverpool): nell’urna 2, dove si presentano Napoli e Roma ovviamente non estraibili, può anche maneggiare bene il Borussia Dortmund o il Porto, o lo Shakhtar o il Benfica (se batterà il Paok), ma da evitare sono soprattutto il Tottenham, e anche il Manchester United che è una inaffidabile bestia ferita.
In terza fascia il Liverpool sarebbe una iattura (ma potrebbe essere assimilato alla fascia 2 se il Benfica non si qualificasse), mentre tutte le altre sarebbero alla portata: Schalke, Lione, Cska Mosca, Ajax, le due probabili Salisburgo e PSV Eindhoven. Perfino il Monaco.
In fascia 4 invece - quella dell’Inter, preclusa dal sorteggio - da fare attenzione solo al Valencia, che ovvio è inferiore alla Juve, ma arrivando dall’urna 4 sarebbe una brutta variabile aggiunta.
Insomma, sarà un ottimo sorteggio per la Juventus se solo si eviteranno Tottenham, Manchester United, Liverpool e Valencia.

Dal lato simmetricamente opposto alle favorite c’è l’Inter, non solo perché parte dalla fascia 4: va detto che per i nerazzurri è già un successo e una gioia esserci, ma il sorteggio massacrante è dietro l’angolo.
Questa l’opzione peggiore possibile: Barcellona, Manchester United, Monaco, Inter. Altro che Sassuolo e Torino.
Ma la verità è che gli interisti rischiano con tutte. Allora in ordine: c’è solo il 14% di possibilità di evitare una delle favorite dalla fascia 1: delle 7 teste di serie possibili, solo il Lokomotiv Mosca sarebbe una rivale non proibitiva. Anche dalla fascia 2 la percentuale di rischio rimane alta, circa il 50%: United, Spurs e Dortmund se andasse male; Porto, Shakhtar e Benfica se andasse meglio.
Percentuali più abbordabili dalla fascia 3: il 25% di possibilità di scontrarsi con una proibitiva, ovvero Liverpool e Monaco. Le altre (Schalke, Lione, Salisburgo, Ajax, CSKA e PSV) sono di livello simile o inferiore all’Inter.

Ma anche Napoli e Roma, paradossalmente due fasce sopra l’Inter, rischiano tantissimo. Perché? Perché in verità la presenza nella loro stessa fascia di squadre come Porto, Shakhtar e Benfica comporta che ci siano almeno tre altri grandi squadre sparse nelle altre fasce - cioè Liverpool, Monaco e Valencia.
Il peggior gruppo possibile per loro è: Real Madrid, Napoli/Roma, Liverpool, Galatasaray. Perché anche Napoli e Roma hanno solo il 14% di possibilità di sperare di evitare una teste di serie durissima, e temendo che possano aggiungersi Liverpool e Monaco dalla fascia 3 (per questo napoletani e romanisti stanno tifando perché il Paok butti fuori il Benfica, cosicché il Liverpool salga di fascia e si neutralizzi).
Poi ovvio: ricordate l’anno scorso quando la Roma fu sorteggiata con Chelsea e Atletico? Tanti pronostici, e poi però furono loro a qualificarsi e ad arrivare fino in semifinale.
Però, alla fine, ha vinto sempre Cristiano…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: la mossa di Allegri per l’Atletico, quella di Paratici sul mercato. Inter: il ritorno di Icardi, il “metodo Marotta” e… la situazione Conte. Milan: Leonardo, gran doppietta. E su Cuneo-ProPiacenza… 19.02 - Buondì, la Roma sta giocando contro il Bologna, nel frattempo Wanda Nara brucia in un camino le foto di lei con Icardi. Pare sia un’usanza per scacciare le maledizioni. Io insisto: meglio i gin-tonic. Comunque, è stata una settimana molto intensa e tutti hanno parlato di un “caso”...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

A Cuneo, il funerale del calcio italiano. Leonardo, su Piatek a 35 milioni hai avuto ragione tu. Su Gattuso ti sei ricreduto. Caso Icardi, Wanda-Nera e, forse, Maxi Lopez non era così matto... 18.02 - Voi, giustamente, vorreste parlare della Juventus che si gioca la Champions, del Milan che sogna il ritorno nell'Europa che conta, del caso Icardi e del Napoli che prepara tre colpi per l'estate. Vi devo deludere. Non fregherà niente a nessuno ma sappiate che ieri c'è stato il funerale...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Icardi è il caso dell'anno, anche se tutti vorrebbero il rinnovo... ma il problema è Higuain. Mercoledì tocca (davvero) a Cristiano Ronaldo, il Napoli deve affidarsi al suo Re di Coppe 17.02 - Ci sono tre assunti nella vicenda Icardi. Sia Mauro che il club vorrebbero il rinnovo, ognuno alle sue condizioni. Nessuno ha mai avuto intenzione di pagare i 110 milioni della clausola rescissoria anche se potrebbero farlo nella prossima estate per via del giro di centravanti che...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Zaniolo, la Juve c’è ma la Roma è pronta a blindarlo fino al 2024. Anche il City su Dybala, il Real tratta Hazard. Per la difesa il Manchester United guarda in Italia. Nel mirino Koulibaly e Milenkovic. Il Napoli insiste per Lozano e Fornals 16.02 - La prima doppietta in Champions League ha solo confermato quello che è evidente da tempo. Nicolò Zaniolo ha tutto per diventare un grande giocatore. Ed inevitabilmente è già diventato uomo mercato. La Roma sta cercando di blindarlo anche perché sa bene che le sirene sono in agguato....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Icardi andrà via, ma ora l’Inter punta al rinnovo. Chi paga 110 milioni? Tutte le colpe di Wanda. Punito dalla società, scaricato dallo spogliatoio. I tifosi contro l’argentino. Avanti con Lautaro. Le idee di Marotta per l’attacco 15.02 - E adesso come finirà? E’ questa la domanda delle domande che ruota e rimbalza fra l’Inter, Icardi, Wanda Nara, i compagni e i tifosi. Dopo la decisione della società di togliergli la fascia, degradare Maurito, e per reazione il suo rifiuto di seguire la squadra a Vienna, si sta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Capitani, fasce, rinnovi e cessioni: Icardi e Hamsik 14.02 - La notizia in casa Inter è di quelle che tengono l’attenzione alta per tutta la giornata, forse per tutta la stagione. Icardi non è più il capitano dell’Inter, Icardi non è convocato per la partita di Europa League contro il Rapid Vienna. Anzi di più: Icardi ha scelto di non andare...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Roma padrona, adesso le scuse a Di Francesco e Monchi. Quello che Paratici non dice: l’asse di scambio Isco-Dybala è più di una possibilità per la Juventus. Lo spogliatoio vuole Sarri fuori: Inter, Roma o Milan se lo prenderebbero? 13.02 - Roma padrona, in Champions non perdona. Visto che bisogna adeguarsi a chi c’è al governo, allora si può riattare uno slogan politico usato da quella parte nell’epoca Tangentopoli per fotografare i giallorossi in Europa. Tanto parlare, tanto condannare, e poi la Roma è stata una potenza...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ramsey e non solo! Inter: Marotta e la rivoluzione di giugno (nomi e modalità). Milan: Gattuso non va celebrato oggi. E su Sanremo… 12.02 - Uè, ciao. Son tornato da Sanremo. Non potere capire, sembrava l’inferno. Cioè, noi pensiamo sempre che il mondo del calcio sia il più complicato e fetente in assoluto e invece c’è chi prova a competere. C’è stata questa cosa del vincitore Mahmood che ha scatenato il tutti contro tutti...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri-Napoli, l'addio è stato un flop per tutti. Inter, su Icardi ha ragione Spalletti. Frosinone, la cura di Baroni. Roma, Faggiano l'uomo giusto per il dopo Monchi. Benevento, hai fatto bene a fidarti di Bucchi 11.02 - Dirlo dopo questo week end è troppo facile ma un passaggio lo avevamo già fatto. Il divorzio estivo tra il Napoli e Maurizio Sarri è stato un flop per tutti. Quando le cose vanno bene e un allenatore trova l'habitat ideale bisognerebbe fare di tutto per andare avanti il più possibile....

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La differenza tra Piatek e Hamsik: De Laurentiis e la lezione alla medio-alta borghesia del calcio italiano che troppo spesso non viene compresa 10.02 - Nel calcio per costruire un progetto importante saper cedere è molto più importante di saper acquistare. Saper resistere, contrattare e rifiutare quando da una cessione sembra possano arrivare solo vantaggi è fondamentale. E' la differenza tra chi fa impresa in modo lungimirante e...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510