VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Ancora Pogba (torna il Real?), ancora Higuain: palleggi, rimpianti e exit strategy. E poi chi arriva? Intanto Icardi ascolta l'Arsenal e la Roma aspetta... Ecco chi sono i nuovi proprietari del Milan (che sogna Cuadrado)

21.07.2016 08:56 di Luca Marchetti   articolo letto 69964 volte
© foto di Federico De Luca

Inutile dirlo: è sempre la Juventus (insieme al Napoli) che si prende la prima pagina del mercato. Questa sembra proprio essere l'estate bianconera: così tanto mercato che quello che sarebbe stato un colpo importantissimo in qualsiasi altra squadra italiana rischia di passare in secondo piano mel mezzo del vortice Higuain Pogba. Eh sì perché Pjaca è un grande talento che la Juve ha pagato quasi 23 milioni di euro, non una cifra insignificante, soffiandolo alla concorrenza del Milan che addirittura aveva viaggiato fino a Zagabria. Insomma i bianconeri mettono le mani (potenzialmente) anche sul futuro. Perché poi gli occhi sono puntati anche su Gabigol, il talento brasiliano che la Juve vorrebbe portare in Europa da subito per completare il reparto. E allora ecco che si torna al discorso principe: Higuain. De Laurentiis ha riparlato ed ha spiegato per bene qual è il suo pensiero. Insomma: se Higuain se ne va, proprio alla Juve, è un traditore. E anche la Juve sarebbe poco elegante se lo soffiasse al Napoli pagando la clausola. Sull'eleganza si può discutere, il tradimento chiaramente è una questione di cuore (da primo tifoso). Insomma tutto secondo copione. Certo: nessuno di noi può sapere se la Juventus veramente pagherà la clausola o meno, ma qualche indizio (in favore del sì) lo abbiamo. Tanto più che oltre all'acquisto del secolo (o quasi) ci sarà la cessione del secolo. Quella di Pogba. Il Manchester, come noto, ha offerto 101 milioni di euro. Non bastano. Ha rilanciato a 110. Non bastano. La Juve ne vuole almeno 120 e poi ci sarà da capire come trattare la percentuale di futura rivendita che Raiola si era tenuto quando portò Pogba a zero alla Juventus. E quindi attenzione alle telefonate che arrivano dal Real Madrid. Sembrava fosse uscuti di scena la casa blanca, ma ieri un contatto con la Juve c'è stato eccome: davvero vi private di Pogba? E davvero lo date al Manchester? E noi? Potrebbe essere troppo tardi, visto che ormai il Manchester ha convinto Pogba e ha già fatto offerte ufficiali. Quindi l'affare (come quello di Higuain) sembra destinato a concludersi, visto che ormai le volontà dei giocatori hanno un peso sempre più dominante, soprattutto se i giocatori sono campioni. E quindi dopo che succederà?
Alla Juve i nomi sotto osservazione sono due: Andre Gomes (ma c'è la concorrenza del Real Madrid) e Matic che Conte non vorrebbe lasciar andare. Altri nomi? Brozovic (ma non sarebbe una trattativa semplice) Sissoko e Witseo, anche se al momento non sarebbero prime scelte. Altro giocatore che la Juventus prenderebbe volentieri, anzi, riprenderebbe volentieri, è Cuadrado. Conte lo ritiene importante ma il ragazzo vuole rimanere in Italia, il Chelsea vorrebbe almeno 30 milioni, la Juve è arrivata a 25 (prestito con obbligo). Ma attenzione perché sul ragazzo si sta muovendo le milanesi. Il Milan (spieghiamo sotto perché) ha bisogno di un attaccante esterno forte e potrebbe accontentare il Chelsea ma in prestito con obbligo, l'Inter è interessata al colombiano come pista parallela a Candreva (che interessa ma non ai prezzi di Lotito, quindi o la Lazio abbassa le pretese o l'Inter difficilmente prenderà l'azzurro).
A proposito: il Napoli è una delle pretendenti per Candreva (ma il laziale sa che a Napoli non sarebbe la prima scelta visto Insigne Callejon e Mertens proprio nel suo ruolo nel 433 di Sarri) e anche il Napoli si sta muovendo. Perché l'errore più grande sarebbe quello di pensar edi rimpiazzare Higuain con un altro Higuan. Se viene tutto di guadagnato: un attaccante forte comunque arriverà (sempre che parta il Pipita): Zaza, Morata, Icardi, Slimani. Ma non solo. Si lavora per Tolisso, del Lione. Ieri a Dimaro, in gran segreto, c'è stato un incontro con i procuratori del ragazzo per stringere. Lui vorrebbe 3 milioni netti a stagione (il doppio di quanto guadagna ora), ma il Napoli ne offre 2,2. Quindi per ora si tratta. Una volta raggiunto l'accordo con il ragazzo si forzerà con il Lione.
Poi ancora manca il terzino: il nome nuovo è Donati dei Mainz. Anche qui incontro con l'agente a Dimaro. Il problema ora è il club tedesco che ha già detto di no al Cagliari qualche giorno fa. Alternativa sempre Widmer dell'Udinese. E nel frattempo si parla di rinnovi con Hamsik, Insigne e Hysaj.
Chi vorrebbe rinnovare (anche se lo ha fatto da poco) è Icardi. Anche per questo Wanda continua ad ascoltare tutti quelli che sono interessati al ragazzo. Ieri è toccato all'Arsenal: incontro interlocutorio e conoscitivo. La destinazione è gradita: ora la palla passa all'Inter. L'Inter intanto continua a monitorare i giovani italiani ed ora punta Verre. In realtà ci sta provando la Samp, ma l'Inter potrebbe inserirsi e magari lasciarlo a Pescara ancora un anno.
La Roma continua ad aspettare Nacho. Ora manca la risposta del Real Madrid alla proposta dei giallorossi (riscatto a 10 e controriscatto a 16, ma la Roma sarebbe disposta anche ad aumentare la cifra del riscatto pur di chiudere l'affare) e il definitivo ok di Zidane che si è preso del tempo ulteriore per decidere. Si sta sbloccamdo anche la situazione Szczesny e rimane viva la pista Caceres. In uscita la Roma dice no alle offerte di Zenit e Schalke per Paredes, mentre Ponce va allo Sporting Gjion dove può raggiungerlo Casasola. La Lazio venerdì farà fare le visite mediche a Jordan Lukaku e nel frattempo continua a trattare Immobile: ora bisogna capire le comdizioni che il Siviglia impone per il trasferimento.
Al Milan non è invece tempo per il mercato dal 100 milioni, almeno a sentire le ultime indiscrezioni che arrivano. Il preliminare di cessione sarà firmato a fine luglio, il closing ci sarà a mercato finito. I famosi 400 milioni pe 4 anni ci saranno solo a closing avvenuto, quindi per il momento si va avanti con i soldi di Berlusconi e con 15 milioni che mettono comunque i nuovi soci. Al momento (dopo l'acquisto di Lapadula) nelle casse del Milan ci somo 6 milioni e 700mila euro più le cessioni (Bacca). La priorità è Musacchio e poi Sosa. Le altre operazioni il Milan le potrà fare o a gennaio o con l'obbligo di riscatto. Chi sta comprando il Milan? Ecco i primi nomi non ufficialment smentiti: Sonny Wu e Steven Zheng.
Il Torino ha ricevuto le chiamate da Leicester e Arsenal per conoscere la situazione di Bruno Peres, il Crotone ha prso Simmy, attaccante del Gil Vicente, capocannoniere della B portoghese con 20 gol, classe 92, nigeriano: un colosso visto che è alto 198 cm. A Bergamo arriva Zukanovic, a Pescara Leskovic è a un passo: siamo alle modalità di pagamento e si aspetta ancora Simeone. A Bologna potrebbe arrivare Dzemail che ha ricevuto una buona offerta dal Genoa (4 anni di contratto) ma che potrebbe andare a giocare nel Montreal Impact e prima fare almeno fino a gennaio proprio a Bologna. Isla è un obiettivo del Cagliari (la Juve chiede 6 milioni, il Cagliari arriva a 4,5)
La Samp inisite per Verre, ha preso Djuricic del Benfica, continua a lavorare per Praet dell'Anderlecht e raffredda la pista Dodo visto che il ragazzo non appare così convinto di rimanere in blucerchiato. L'Udinese ha ufficializzato l'arrivo di De Paul dal Valencia.
Siamo arrivati alla fine. Tenetvi forte: il bello deve ancora venire.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.