VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Antonio, spiegaci perché l'hai fatto! Napoli, aspettiamo un segnale. Roma, bene Iturbe ma le commissioni sono troppo alte. Macalli ha ragione, la B a 21 è un suicidio

Nato ad Avellino il 30-09-1983 vive e lavora a Milano dal 2005. Direttore di Sportitalia. Direttore di Tuttomercatoweb. Organizzatore e conduttore del Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Twitter: MCriscitiello
21.07.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 63166 volte
© foto di Federico De Luca

Antonio, secondo me hai già nostalgia del tuo lavoro. Quando ti svegli la mattina cosa fai? Va bene coccolarsi figlia e moglie ma tu sei uno da battaglia. Non ti vedo proprio al sole 12 ore al giorno, anche se nell'intervista di addio ero nero più per la rabbia che per l'abbronzatura. Detto tra noi, Antonio da Lecce, hai fatto una grande fesseria. Almeno, spiegaci perché l'hai fatto. Una tua creatura non puoi abbandonarla così al secondo giorno di ritiro. Non è da te. Manda a quel paese Marotta, prendetevi a pugni a Vinovo ma non puoi prendere una decisione così drastica a stagione già iniziata. Quando un progetto va bene e due si lasciano, ci perdono entrambi anche se con percentuali diverse. Hai l'obbligo morale di spiegare a 14 milioni di persone che ti amano perché sei andato via. Morata ed Evra sono arrivati lo stesso, Pereyra te lo hanno chiuso tre mesi fa, forse, ti avrebbero preso anche Lavezzi non puoi andartene in silenzio. Con un'intervista che non ha detto nulla. Non puoi far passare in archivio l'ultima intervista da allenatore che ha vinto tutto con la Juve, dove sembri un cane bastonato. Ti hanno detto che ti avrebbero venduto Vidal? O Pogba? Incazzati ma non andare, perché la Juve può fare a meno di tutti ma non degli uomini vincenti. Ora ci devi dire cosa ti é saltato in mente e non fare la fesseria di allenare l'Italia perché non puoi, caro Antonio, pensare di sederti in panchina 7-8 volte all'anno. Ci mancheranno i tuoi "agghiaccianti" commenti, le urla, le incazzature di un animale da panchina. Chi lotta, vince. Vince chi ha fame. Non puoi alzarti da tavola quando c'è ancora tanto nel piatto. Dovevi vincere la tua sfida europea. Te ne sei andato da vincitore italiano e da sconfitto europeo. La Juve ti ha tutelato quando per scommessopoli ti hanno sbattuto nel gabbiotto, oggi dovevi restare per aiutare a crescere l'intera società. In attesa che tu faccia chiarezza, ti auguro buone vacanze. Devono approfittare di questo cambiamento Juventino, Napoli e Roma. Se De Laurentiis crede che si avvicina ai bianconeri con acquisti di secondo piano ha sbagliato parrocchia. Deve sferrare due-tre acquisti da Napoli. Rinforzi subito la difesa e cerchi un centrocampista che faccia la differenza. Lo faccia per il campionato italiano, in modo da farlo diventare sempre più interessante. Giusto ascoltare Benitez ma non disegni la squadra a completa immagine e somiglianza dell'allenatore. Napoli ha bisogno di calciatori pronti a vincere nel campionato italiano e che conoscano la Serie A. La Roma ha approfittato del caso bianconero, anche se Iturbe è costato di commissioni quanto costò Zidane nel passaggio dalla Juventus al Real Madrid. É diventato più ricco Mascardi che un vincitore alla lotteria del 6 gennaio. Non è un modo per fare cinema ma la verità. D'accordo le commissioni ma non le follie. Sabatini ha chiuso un'operazione eccellente, a livello tecnico, ma gli americani si staranno chiedendo perché Mascardi debba guadagnare quanto guadagnerà Iturbe in tre anni. Walter il magnifico è magnifico anche per questo. In chiusura spazio dedicato alla politica del calcio. Mario Macalli, spesso, viene etichettato come una mina vagante del nostro calcio. Attacca il Palazzo e lo manda giù, attacca gli Agnelli e non conta fino a 10 ma l'altro giorno, su Tuttomercatoweb, ha rilasciato dichiarazioni davvero interessanti sulla serie B a 21 squadre. "Sarebbe come tornare indietro di 20 anni". No, caro Presidente. Di più. È dal 1967 che non si gioca con la X. Siamo sicuri che il Presidente Abodi darà priorità alla credibilità del campionato e non alla burocrazia delle carte che ammazzano l'Italia. Macalli ha raggiunto il suo obiettivo, le 60 società in tre gironi, dopo anni di duro lavoro e campionati anonimi. La B a 20 la vogliamo tutti, a 21 nessuno. Immaginate se il Pescara di turno è in corsa per la promozione e viaggia a mille ed è reduce da 4 vittorie consecutive. Deve fermarsi per la sosta del campionato e subito dopo deve fermarsi per la X sul calendario. Chi lo spiega a Baroni che la sua squadra sta perdendo il treno mentre viaggia a 200 km/h? È una follia ed è per questo che alla fine prevarrà il buon senso e la voglia di Abodi (a proposito auguri per i 4 anni di presidenza compiuti sabato scorso) di andare oltre una stupida assemblea che tre mesi fa ha varato qualcosa che oggi non è più di attualità. Liberiamoci da un'Italia burocratica e guardiamo all'interesse del calcio. Proposta: assemblea straordinaria della Lega, per alzata di mano vediamo chi vota per la B a 21 e chi per la B a 22. Facciamo decidere ai club di che morte morire. A vincere sarebbe la democrazia. Buona settimana a tutti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.