VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Arbitraggi e Milan: i pesi e le misure. Allegri e Milano: strana cattiveria. De Boer: tifosi Inter avanti, come per Guarin-Vucinic. Inter: tra Leonardo e la Sampdoria

29.10.2016 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 15218 volte
Arbitraggi e Milan: i pesi e le misure. Allegri e Milano: strana cattiveria. De Boer: tifosi Inter avanti, come per Guarin-Vucinic. Inter: tra Leonardo e la Sampdoria

Zero dossier e totale serenità. Così il Milan vive e continuerà a vivere la stagione arbitrale. In silenzio e con rispetto, nel bene e nel male. Ma sulla scena non c'è solo il Milan. C'è tutto uno scenario, che la cronaca non può ignorare. Dopo il gol di Muntari del 2012, l'arbitro Tagliavento non proferì parola. Dopo il rigore su Bacca affossato nell'area piccola di Milan-Udinese a Settembre, il post partita è stato il processo al Milan sconfitto. Dopo il rigore netto di Veloso su Locatelli in Genoa-Milan, stessa cosa. Quando ci sono episodi arbitrali che riguardano il Milan vengono volati via dai vertici istituzionali e ignorati dai media. Quando ci sono episodi arbitrali a favore del Milan, cambia tutto. In Sampdoria-Milan è rimasto nel file del Campionato solo il gol annullato a Torreira, nulla di nulla invece sui falli da rigore su Niang e, soprattutto, clamoroso, su Bonaventura. In Milan-Sassuolo sono stati cancellati i 4 gol del Milan e non passa giorno senza che il presidente Squinzi non torni ossessivamente e compulsivamente su quella partita solo per parlare dell'arbitro Guida (lo stesso di Sassuolo-Milan 3-2 del Maggio 2015, gara infarcita di errori contro il Milan) e di una partita da invalidare, da ripetere, nemmeno fosse stata una finale Scudetto paragonabile a quella del gol di Muntari. Dopo Milan-Sassuolo, ha parlato il designatore Messina. Dopo Milan-Juventus, nel filmato della mixed zone di San Siro in cui Allegri rivolge una battuta sorridente all'addizionale Massa, l'espressione di Rizzoli è molto contrita, in cuor suo vorrebbe forse scusarsi già lì, nella pancia dello stadio di Milano. Giochiamo, tutti, che è meglio.

Da sempre non giudichiamo e non sentenziamo Allegri, ma lo osserviamo nella sua semplicità e nella sua bravura. Proprio per questo le stranezze di quest'anno balzano all'occhio. E' un Allegri più appuntito del solito quello di questa stagione, a tratti anche acido. Il primo indizio dopo Inter-Juventus: l'ha definita la partita più brutta degli ultimi 30 anni. Ma non è vero. L'Inter ha fatto una grande partita e anche la Juve si è battuta. Per l'osservatore esterno e non coinvolto, è stata una gara avvincente e intensa. Poi, il dopo Milan-Juventus. Al termine di Juventus-Sampdoria, Allegri ha coinvolto un ragazzo di 18 anni: "Il calcio è così, Locatelli aveva perso 4 contrasti e poi ha fatto un gol. Bello". Come dire, Locatelli stava giocando male e poi ha pescato il jolly. Su un ragazzo di 18 anni che è agli inizi e che non fa male a nessuno, questa sottolineatura poteva tranquillamente essere evitata. Con sensibilità e con eleganza.

Nel Gennaio 2014 come nell'Ottobre 2016. I tifosi dell'Inter confermano di essere i custodi dell'ortodossia, nel dopo Moratti. Prima c'era il presidente, adesso ci sono loro. Quasi tre anni fa sono stati loro per primi ad accorgersi che lo scambio fra Guarin e Vucinic non andasse fatto, sul piano tecnico e su quello sportivo, sul piano degli equilibri fra grandi squadre e dell'opportunità complessiva. E lo scambio, giustamente, non si fece. Vucinic era agli ultimi fuochi, mente Guarin è stato ceduto un anno dopo per 15 milioni tondi tondi. La stessa cosa sta accadendo oggi. Il tifoso interista si è accorto che il problema attuale non è De Boer. Non lo è la sua serietà, non lo è la sua buona fede. Che sono evidentissime, ad occhio nudo. C'è molto altro, dal mercato alle procedure interne, dall'organigramma all'operatività quotidiana, da mettere a posto prima della panchina. Il sostenitore nerazzurro lo ha colto alla perfezione ed è grazie al clima positivo sugli spalti che la squadra, senza farsi attanagliare dal destino di De Boer, ha poi battuto il Torino.

Eppure De Boer è agli sgoccioli. Leonardo avanza. Nulla di male. Leonardo ha giocato un ottimo calcio con il Milan 2009-2010, ha riportato su in classifica l'Inter 2010-2011 ed è andato al Paris Saint Germain con la benedizione di Moratti che aveva iniziato le grandi e lunghe manovre della cessione del Club. Ma per i tifosi dell'Inter è un uomo che ha abbandonato, ormai la vicenda, anche se non correttamente, è passata così. E dovranno lavorare molto di dialogo con i tifosi interisti, se davvero arriverà Leonardo, sia Moratti e Zanetti che i grandi media supporter. A proposito di Inter: domani Sampdoria con il coltello fra i denti. Con gran parte dei titolari che a Torino, contro la Juventus, hanno riposato dando vita ad una formazione quasi da Coppa Italia. Tutte legittime le scelte dell'ottimo Giampaolo che fa quello che meglio crede per programmare e dosare le fatiche della propria squadra. Ma che sia tutto giusto e sacrosanto a livello di principio forse no, probabilmente no. All'Inter in ogni caso nessuno se ne è occupato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan: soldi veri, soldi precisi. Come Verratti? Gigio e Lorenzo pensateci. Mercato: la Premier va capita, non scopiazzata 09.09 - Le cifre vanno e vengono. Una volta che entra in scena il campo, lasciano il tempo che trovano. Ma intanto "passano". Esattamente come due anni fa, estate 2015, insistevamo sul fatto che il calciomercato del Milan fosse stato di 80 milioni e non di 100, allo stesso modo, senza virgole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.