VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Arriva Kalinic. Si chiude con senso, ma senza botto, la campagna del Milan. Forse. Giuntoli Re di Napoli, Aurelio gonfia il portafoglio. Chievo, da Sartori a Romairone: tempo di saldi. Parte la B: ecco la griglia di partenza

21.08.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 50179 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il Milan annuncia NK! Questa mattina alle 7.30, Nik Kalinic farà le visite e sarà il sostituto di Bacca nell’attacco rossonero. Su due piedi il confronto tra Bacca e Kalinic sembrerebbe favorevole al colombiano ma, nei piani di Montella, Kalinic è l’attaccante giusto. I tifosi non lo accoglieranno come fatto con Bonucci, anzi in molti storcono il naso, ma stiamo parlando di una punta che piace tanto agli allenatori. Segna e fa segnare. All’occorrenza aiuta anche nella fase difensiva e di questi tempi, se vuoi giocare per attaccare, serve più un Kalinic che un Bacca. Sicuramente, per essere onesti, sotto l’ombrellone abbiamo sognato i Diego Costa, Belotti, Morata e Aubameyang, ma fare oggi qualche critica al Milan, dopo l’estate che ci ha fatto vivere, sembrerebbe ingeneroso e fuori luogo. Mirabelli ha fatto un mercato da 8.5/9 (i voti li daremo lunedì). Il Milan adesso non ha bisogno di prendere più nessuno. Deve solo vendere e sperare che Biglia guarisca presto, senza che i problemi fisici lo limitino. Lotito è un volpone e qualche guaio fisico era già noto a molti ma il Milan ha preferito rischiare e ci auguriamo che l’ex laziale torni al più presto in campo.
Nel frattempo la Juventus ha passeggiato su un Cagliari ancora lontano dalla condizione migliore (urge un attaccante altrimenti si farà fatica) e il Napoli ha già evidenziato i limiti del Verona: tecnici, del mister e dei suoi dirigenti. La fortuna ha baciato Giulietta una volta, non è detto che arrivi il secondo bacio consecutivo. Mentre scrivo sta giocando la Roma a Bergamo, tra poco scenderanno in campo tutte le squadre di serie A.
Il Napoli, quest’anno, lotterà seriamente per lo scudetto ma il suo tricolore Cristiano Giuntoli l’ha già vinto. Il vero artefice del miracolo Napoli arriva dai campi in polvere. Giuntoli si è preso il Napoli e l’ha reso grande, il nuovo De Sica di De Laurentiis che - con la crisi del cinepanettone - ha salvato la Filmauro con i conti del Napoli. Pierpaolo Marino ha tracciato la strada, Bigon l’aveva momentaneamente persa, Giuntoli ha riportato Aurelio sulla retta via. Grande conoscitore di calcio e bravo nella gestione del gruppo. Se oggi il Napoli punta allo scudetto senza grandi investimenti e senza aver accusato il colpo con l’addio di Higuain significa che c’è della brace buona sulla griglia. Giuntoli è come un marinaio: sa bene che quando si è in mare aperto bisogna guardare un’onda alla volta, sempre la più vicina senza pensare a quella lontana. Così il Napoli è diventato grande. Ora, però, c’è da superare l’onda più grande. Con Sarri nulla, però, è precluso. Giuntoli è figlio della gavetta e se non si farà trascinare nel vortice del potere farà una grande carriera; anche perché è giovane. Deve evitare di calpestare molti piedi e deve pensare solo al Napoli, ignorando gli amici che chiedono una mano in A e in B. Molti direttori sportivi si appoggiano ai saggi consigli di Giuntoli ma l’esempio di Luciano Moggi deve fare storia. L’ex Dg della Juventus ha pagato le vittorie della Juve per colpa dei tentacoli sparsi nelle categorie minori. Quando inizia a dare fastidio a più società il pericolo è dietro l’angolo. Giuntoli è bravo e ha già capito da solo che il suo unico interesse deve essere il Napoli.
Il Chievo è passato da Sartori a Nember, da Nember a Romairone. Questo exploit di Romairone non si spiega se non con la vicinanza a qualche Santo (forse San Gennaro) in Paradiso. Poca conoscenza di calciatori e soprattutto pessima gestione degli spogliatoi. Maran ha già le mani nei capelli che non ha. Il Chievo ha bisogno del suo allenatore per fare un miracolo. Da Carpi a Verona con un passato a malapena a Vercelli: troppo poco per meritarsi una grande società come il Chievo Verona. Romairone è il classico direttore che vuole accontentare tutti ma scontenta tutti. Dice a tutti sì ma - non avendo il carisma per gestire tutti - fa sempre il contrario di quello che dice. Il Carpi con Scala al timone ha sicuramente acquistato punti in classifica, anche se il progetto del Carpi è cambiato radicalmente. Venduti tutti i big per 13 milioni di euro per costruire un nuovo ciclo nella speranza di salvarsi quest’anno.
Sabato partirà il campionato di Serie B e, anche se molte squadre sono ancora incomplete, una mini griglia si può abbozzare prima del via.

CORSA PROMOZIONE DIRETTA
Palermo, squadra forte. Società assente. Può e deve solo vincere.

Empoli, Attacco super. Soldi da spendere. Molti li ha spesi bene. Non può fallire.

Bari, al secondo anno Sogliano non può fallire. Poche spese folli. Acquisti mirati. Allenatore inesperto.

Frosinone, la delusione dello scorso anno ripiomberà come un fantasma quest’anno. Longo è bravo e la squadra è forte ma quest’anno il campionato sarà più duro.

Parma, gruppo completo in ogni reparto. Vola sulle ali dell’entusiasmo. Può farcela

CORSA PLAY OFF
Cremonese, guidata da un veterano della categoria, ha preso tanti giocatori pronti. Punta in alto. Può arrivare.

Venezia, qualche dubbio su Inzaghi diventato Inzaghino. C’è ancora qualche buco ma Perinetti è bravo.

Novara, ha la certe in regola per arrivare lontano con un ottimo mister. Attacco sulla carta esplosivo. Buon centrocampo e giovani forti.

Foggia, può essere una delle rivelazioni del campionato. In pochi vinceranno allo Zaccheria con quel clima infernale.

Cesena, rispetto allo scorso anno sembra più compatta. Può crescere.

Pescara, la squadra è forte ma l’ambiente depresso. L’allenatore può indovinare la stagione così come la può cannare pericolosamente.

CAMPIONATO TRANQUILLO
Avellino, ottimo lavoro di De Vito e Taccone Jr. Dopo le difficoltà dello scorso anno, quest’anno ha costruito una squadra davvero quadrata. Campionato tranquillo con vista play off se tutto va bene.

Salernitana, sulla carta la squadra è normale e ha perso gente importante.

Spezia, progetto giovane senza grosse pretese. Non rischiare i play out sarebbe già tanto. Ridimensionamento.

Brescia, alla prima sconfitta Boscaglia salterà come un tappo di spumante. Cellino ha la forza per rifare tutto.

Entella, senza Caputo non sarà la stessa cosa. La squadra è solida ma non sembra tra le favorite.

Perugia, ripetere il miracolo di Bucchi non sarà facile. Goretti è molto bravo e ha costruito una squadra competitiva. Forse per i play off c’è ancor troppa coda al casello.

LOTTA SALVEZZA
Pro Vercelli, Grassadonia è tra i migliori giovani della B. Varini ha lavorato bene, ovviamente, consapevole dell’obiettivo. Può salvarsi. Società solida che negli anni ha confermato grandi miracoli. Avanti così…

Carpi, progetto ridimensionato. Tanto. Quest’anno rischia. Salvarsi sarebbe già un bel traguardo quando cambi così tanto.

Ascoli, ci aspettavamo di più dalla proprietà ma dopo aver incassato ha speso ben poco. Bravo Giaretta con Maresca, allenatore di prospettiva. Squadra giovane con troppi punti di domanda.

Ternana, dalla fuga di Fondi a Terni. Unicusano ha deciso di fare più marketing che calcio. I soldi li hanno ma, come sempre, bisognerà capire come saranno spesi.

Cittadella, come tutti gli anni punta alla salvezza. Lo scorso anno ha sorpreso tutti. Quest’anno torna sulla terra e punta al solito obiettivo. Consapevole che in giro c’è di meglio ma anche di molto peggio. Buone intuizioni sul mercato minore.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.