HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Arriva Marotta, ecco cosa porta all’Inter. Il Milan aspetta la Uefa, la Juve e il “caso” CR7...

22.11.2018 06:47 di Luca Marchetti   articolo letto 25652 volte
© foto di Federico De Luca

Marotta è sbarcato a Milano, nel vero senso della parola. Non è una notizia bomba, ci mancherebbe pure, tanto più che a Milano Marotta è stato più che spesso e stavolta ci sarebbe stato comunque, visto il consiglio di Lega informale che si è tenuto nel pomeriggio. La novità è che è arrivato direttamente dall’aereoporto di Malpensa, dopo essere stato a colloquio con Zhang per buttare giù la base dell’accordo che lo legherà all’Inter per i prossimi anni. Ma cosa porterà realmente all’Inter Marotta, in più rispetto a quello che ha già ora. Perché limitarsi ai nomi di mercato o alle sue conoscenze o frequentazioni non è abbastanza. I nomi sui quali l’Inter stava lavorando (o per lo meni quelli su cui stava lavorando e che siamo riusciti a scoprire!) rimarrano nel mirino della società nerazzurra. In primis perché il lavoro fatto finora dagli attuali dirigenti nerazzurri è sotto gli occhi di tutti e deve proseguire secondo quei binari. In seconda battuta, ma non meno importante, perché Marotta ha sempre lavorato in un team. Anzi: la vera sfida dell’ex ad della Juve sarà quella di confrontarsi con dirigenti che conosce molto bene ma con i quali - finora - si è sempre trovato dall’altra parte del tavolo. Marotta, storicamente, ha sempre delle persone di sua fiducia con cui confrontarsi e con cui operare. Lo ha fatto con i dirigenti (anche nella prima parte della sua carriera), se può lo fa con gli allenatori (chiedere a Novellino o Delneri per esempio, lo ha fatto in questi ultimi 15 anni con Paratici, scovato nel settore giovanile della Samp e che con lui è cresciuto fino all’Olimpo europeo. Il carattere e la competenza di Marotta saranno sicuramente un valore aggiunto in una società dove alcuni ruoli sono ben definiti. Se volessimo essere molto asciutti e creare delle categorie Ausilio si occupa degli acquisti e delle cessioni (insieme a Baccin), Gardini (oltre alle questioni economiche legate al mercato) si occupa della gestione politico/sportiva del club in alcuni ambiti anche insieme all’ad Antonello, che naturalmente si occupa anche del discorso stadio. Ecco Marotta, in teoria, andrebbe ad occupare questi tre campi: mercato, politica sportiva, stadio. Ma in ognuno dei tre immaginiamo che non voglia necessariamente marcare il territorio, ma portare la sua esperienza a disposizione della società. Aumentano, con Marotta, le competenze. In qualche caso si ridurranno i margini operativi, in altri casi si amplieranno, magari percorrendo strade diverse ma che portino comunque ad un solo obiettivo. Senza dimenticare che anche pr Steven Zhang Marotta può essere un solido appoggio: nella sua lunga carriera il nuovo dirigente nerazzurro ha avuto la possibilità di lavorare con presidenti segnanti del nostro calcio (ognuno con le sue caratteristiche). In ordine cronologico: Zamparini, Ruggeri, Garrone e Agnelli. Ecco perché è decisamente limitante parlare soltanto di Tonali o di Andersen (che per carità, rimangono eccome nel mirino nerazzurro).
Per quanto riguarda il Milan, posto che sarà di fatto costretta ad intervenire sul mercato per colmare i buchi lasciati dagli infortunati, bisogna aspettare per avere una lista più definita le scelte della Uefa riguardo al discorso FFP. Le idee a Maldini e Leonardo non mancano, ne abbiamo parlato abbondantemente in questi giorni e ne continueremo a parlare. Ma le situazioni sono in evoluzione: basta un momento di visibilità per poter cambiare le carte in tavola. Quello che conta naturalmente è quali sono i confini entro i quali il Milan può muoversi: ecco perché è importante il FFP. Le ambizioni di Elliot sono note e sono state esplicitate anche a Nyon: c’è voglia di rispettare le regole ma anche di poter rendere possibile la crescita della squadra e della società. Ecco perché il Milan dovrà essere sia accorto che ambizioso e non è un equilibrio semplice... qualche idea da continuare a monitorare è quella di Van De Beek dell’Ajax (centrocampista) e Ben Yedder, attaccante del Siviglia (10 gol in 17 presenze fra campionato ed Europa League) e poi De Paul (seguito con interesse anche dall’Inter)...
L’ultima considerazione con il mercato c’entra poco. Ovvero il mercato la vive di riflesso. Abbiamo celebrato lo sbarco di Cristiano Ronaldo in Italia come il colpo del secolo. Non è certamente (o soltanto) per l’esborso economico, quanto per tutto l’indotto che CR7 si tira dietro. Le indiscrezioni che filtrano dalla Francia di un CR7 neanche nella shortlist (peraltro senza neanche Messi) hanno sicuramente infastidito il campione poortoghese. Lo “scandalo” non è tanto se lo vincesse Mbappé, protagonista assoluto di un Mondiale vinto da star, protagonista di uno dei trasferimenti più caro del mercato mondiale, uno con il futuro davanti e un passato (nonostante la giovanissima età) già glorioso. Non sarebbe neanche un problema se finisce un’era: ovvero quella del palleggio fra il portoghese e Messi dei palloni d’oro. Ma non considerarlo nella short list è una novità pazzesca. È comunque quello che ha vinto le ultime 3 Champions da protagonista, è comunque una macchina da gol, uno che ha dimostrato di poter fare la differenza anche in Italia. Uno che ha una marcia in più. Tanto quanto Messi, ci mancherebbe (che però non ha vinto la Champions e anche con la sua Nazionale non ha brillato). Magari anche meno, in questa stagione, di Mbappé. Ma non di Varane, sempre se confermate le indiscrezioni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Dai mecenati al FFP, dai crac alla noia. Così non va: come ripensare la Serie A? O si vara la Superlega o si cambiano le regole, guardando a modelli molto diversi come quello NBA 02.12 - È appena iniziato il mese di dicembre, non siamo ancora al giro di boa della Serie A e tra gli italiani che vivono di pane e pallone ci sono due correnti di pensiero. Ci sono coloro che considerano il discorso Scudetto già concluso, chi dice che raggiungere una Juventus che finora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->