HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Arriva Marotta, ecco cosa porta all’Inter. Il Milan aspetta la Uefa, la Juve e il “caso” CR7...

22.11.2018 06:47 di Luca Marchetti   articolo letto 26281 volte
© foto di Federico De Luca

Marotta è sbarcato a Milano, nel vero senso della parola. Non è una notizia bomba, ci mancherebbe pure, tanto più che a Milano Marotta è stato più che spesso e stavolta ci sarebbe stato comunque, visto il consiglio di Lega informale che si è tenuto nel pomeriggio. La novità è che è arrivato direttamente dall’aereoporto di Malpensa, dopo essere stato a colloquio con Zhang per buttare giù la base dell’accordo che lo legherà all’Inter per i prossimi anni. Ma cosa porterà realmente all’Inter Marotta, in più rispetto a quello che ha già ora. Perché limitarsi ai nomi di mercato o alle sue conoscenze o frequentazioni non è abbastanza. I nomi sui quali l’Inter stava lavorando (o per lo meni quelli su cui stava lavorando e che siamo riusciti a scoprire!) rimarrano nel mirino della società nerazzurra. In primis perché il lavoro fatto finora dagli attuali dirigenti nerazzurri è sotto gli occhi di tutti e deve proseguire secondo quei binari. In seconda battuta, ma non meno importante, perché Marotta ha sempre lavorato in un team. Anzi: la vera sfida dell’ex ad della Juve sarà quella di confrontarsi con dirigenti che conosce molto bene ma con i quali - finora - si è sempre trovato dall’altra parte del tavolo. Marotta, storicamente, ha sempre delle persone di sua fiducia con cui confrontarsi e con cui operare. Lo ha fatto con i dirigenti (anche nella prima parte della sua carriera), se può lo fa con gli allenatori (chiedere a Novellino o Delneri per esempio, lo ha fatto in questi ultimi 15 anni con Paratici, scovato nel settore giovanile della Samp e che con lui è cresciuto fino all’Olimpo europeo. Il carattere e la competenza di Marotta saranno sicuramente un valore aggiunto in una società dove alcuni ruoli sono ben definiti. Se volessimo essere molto asciutti e creare delle categorie Ausilio si occupa degli acquisti e delle cessioni (insieme a Baccin), Gardini (oltre alle questioni economiche legate al mercato) si occupa della gestione politico/sportiva del club in alcuni ambiti anche insieme all’ad Antonello, che naturalmente si occupa anche del discorso stadio. Ecco Marotta, in teoria, andrebbe ad occupare questi tre campi: mercato, politica sportiva, stadio. Ma in ognuno dei tre immaginiamo che non voglia necessariamente marcare il territorio, ma portare la sua esperienza a disposizione della società. Aumentano, con Marotta, le competenze. In qualche caso si ridurranno i margini operativi, in altri casi si amplieranno, magari percorrendo strade diverse ma che portino comunque ad un solo obiettivo. Senza dimenticare che anche pr Steven Zhang Marotta può essere un solido appoggio: nella sua lunga carriera il nuovo dirigente nerazzurro ha avuto la possibilità di lavorare con presidenti segnanti del nostro calcio (ognuno con le sue caratteristiche). In ordine cronologico: Zamparini, Ruggeri, Garrone e Agnelli. Ecco perché è decisamente limitante parlare soltanto di Tonali o di Andersen (che per carità, rimangono eccome nel mirino nerazzurro).
Per quanto riguarda il Milan, posto che sarà di fatto costretta ad intervenire sul mercato per colmare i buchi lasciati dagli infortunati, bisogna aspettare per avere una lista più definita le scelte della Uefa riguardo al discorso FFP. Le idee a Maldini e Leonardo non mancano, ne abbiamo parlato abbondantemente in questi giorni e ne continueremo a parlare. Ma le situazioni sono in evoluzione: basta un momento di visibilità per poter cambiare le carte in tavola. Quello che conta naturalmente è quali sono i confini entro i quali il Milan può muoversi: ecco perché è importante il FFP. Le ambizioni di Elliot sono note e sono state esplicitate anche a Nyon: c’è voglia di rispettare le regole ma anche di poter rendere possibile la crescita della squadra e della società. Ecco perché il Milan dovrà essere sia accorto che ambizioso e non è un equilibrio semplice... qualche idea da continuare a monitorare è quella di Van De Beek dell’Ajax (centrocampista) e Ben Yedder, attaccante del Siviglia (10 gol in 17 presenze fra campionato ed Europa League) e poi De Paul (seguito con interesse anche dall’Inter)...
L’ultima considerazione con il mercato c’entra poco. Ovvero il mercato la vive di riflesso. Abbiamo celebrato lo sbarco di Cristiano Ronaldo in Italia come il colpo del secolo. Non è certamente (o soltanto) per l’esborso economico, quanto per tutto l’indotto che CR7 si tira dietro. Le indiscrezioni che filtrano dalla Francia di un CR7 neanche nella shortlist (peraltro senza neanche Messi) hanno sicuramente infastidito il campione poortoghese. Lo “scandalo” non è tanto se lo vincesse Mbappé, protagonista assoluto di un Mondiale vinto da star, protagonista di uno dei trasferimenti più caro del mercato mondiale, uno con il futuro davanti e un passato (nonostante la giovanissima età) già glorioso. Non sarebbe neanche un problema se finisce un’era: ovvero quella del palleggio fra il portoghese e Messi dei palloni d’oro. Ma non considerarlo nella short list è una novità pazzesca. È comunque quello che ha vinto le ultime 3 Champions da protagonista, è comunque una macchina da gol, uno che ha dimostrato di poter fare la differenza anche in Italia. Uno che ha una marcia in più. Tanto quanto Messi, ci mancherebbe (che però non ha vinto la Champions e anche con la sua Nazionale non ha brillato). Magari anche meno, in questa stagione, di Mbappé. Ma non di Varane, sempre se confermate le indiscrezioni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510