VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Attenzione attenzione! Juve-Inter incendia il mercato: due colpi per "one shot" Mancini, uno e mezzo per Allegri (e Sneijder...). Triangolo spaziale per il Milan. Roma: occhio al "giaguaro" Sabatini. E Napoli prende...il "Ferryboat"

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai, TeleLombardia e Sportitalia
06.01.2015 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 63804 volte
© foto di Federico De Luca

Questo editoriale potrebbe contenere tracce di noccioline.

Ciao. Sono in Danimarca. A Copenaghen. Me ne scuso, ma ho staccato due giorni prima del bailamme di mercato. In ogni caso ho ottime sensazioni che mi piace condividere con voi. Credo che: Podolski vestirà il nerazzurro, Cerci il rossonero, che Berlusconi dirà "Volevo Cerci da illo tempore". Idem Inzaghi. Che Gabbiadini alla fine sceglierà Napoli. Difficile, invece, che qualcuno di questi simpatici danesi venga prescelto per arricchire la serie A. Peccato.

Avessi scritto queste cinque righe tre settimane fa sarei stato l'indiscusso re del mercato, invece no. Proverò in ogni caso a conservare il titolo di "re della minchiata".
Qui, a due passi da Malmoe - ovvero la città dove Ibra se gli gira torna a casa con l'alce da 500 chili stramazzata, mentre noi al massimo torniamo a casa con due etti di tacchino tagliato bel sottile - se la godono parecchio. Per dire: nessuno lega le biciclette con 74 lucchetti (e comunque a Milano te la fottono lo stesso), le lasciano libere perché si fidano assai dell'altrui persona; i musei sono in gran parte gratuiti e il dipendente comunale ti dice "prego s'accomodi" invece di "non potevi startene a casa tua stronzo?"; se per caso incroci lo sguardo di qualcuno, quello ti sorride e non dice "cazzo guardi, figlio di nessuno"; soprattutto da queste parti frega niente del calciomercato "inverno/primavera 2015".
Da noi invece no. Da noi il mercato è affare nazionale per mere questioni legate al Fantacalcio, ovvio, ma anche perché è bello dire all'amico "sfigato, noi abbiamo preso Stocauser e ora vinciamo tutto. Tu invece t'attacchi al tramvai", oppure travestirsi da esperti e sentenziare "con Stocauser il tecnico dovrà necessariamente cambiare assetto tattico, sarebbe stato meglio puntare su Favotti e insistere con il 4-3-1-2". In particolare la cosa più bella del mercato - specie quello invernale - è il "rinfaccio", ovvero la fetentissima ricerca dell'articolo/intervista/dichiarazione o qualunque altra cosa possa mettere in discussione l'arrivo di un giocatore nella tal squadra. E allora il Milan prende Cerci "ma in realtà voleva venire all'Inter e quindi farà schifo e poi c'ha la fidanzata che odiava la serie A e ora è tornata in Italia e muta deve stare". E l'Inter prende Podolski "ma lo sanno tutti che è juventino e un giorno ha detto "prescrittese maledetta" e quindi giocherà con i nerazzurri ma combinerà una mazza perché in realtà voleva andare all'Isola dei Famosi con Valerio Scanu". E la Juve "forse prenderà Sneijder e Rolando che sono due ex interisti e quindi cacca e pipì". Insomma, con la scusa del mercato ci si insulta allegramente sfruttando il caro vecchio social network, ormai "nuovo Far West virtuale" dove mandarsi affanzum è cosa buona e giusta.
Noialtri presunti addetti ai lavori, invece, lottiamo sui centesimi di secondo per arrivare prima degli altri allo scooppone. E allora "ho letto su "ilmercatolosoio.it" che Shaqiri una volta si è fatto una di Cinisello Balsamo e la vuole rivedere quindi verrà all'Inter", o anche "su sotuttodellacompravendita.org dicono che Wanda Nara vuol far crescere la piccola Icardina a Madrid e quindi è chiaro che andrà via", fino agli acerrimi nemici di Pedullà e ideatori del sito pedullànullasa.argh convinti che davvero Shaqiri vestirà il nerazzurro perché hanno intervistato quella di Cinisello che avrebbe dichiarato "sono calda come un boiler".

E allora parliamo di codesto Shaqiri e del fatto che domani Ausilio tenterà l'affondo galattico per arrivare al giocatore. Le possibilità che l'operazione vada in porto sulla base del prestito oneroso con diritto di riscatto per 15 bombardoni complessivi è concreta e - confesso - mi sorprende parecchio.
L'Inter squattrinata, quella del presidente costretto a inginocchiarsi davanti a quelli dell'Uefa perché "siamo conciati ma stiamo facendo i bravi", quella del bilancio a puttane e dei dirigenti "che come Alice vivono nel paese delle meraviglie", in soli due mesi hanno: messo a libro paga l'allenatore più caro della serie A e comunque uno tra i più capaci in Europa; sbattuto fuori il predecessore che a sua volta era il tecnico più pagato della A insieme a Benitez; convinto un campione del mondo a venire sei mesi ad Appiano per ricostruirsi una reputazione in attesa di capire quel che sarà a giugno; quasi convinto un giocatore assai corteggiato del Bayern Monaco a sposare il progetto di una squadra attualmente all'11esimo posto e comunque satura dei problemi di cui sopra; blindato il contratto della stellina Kovacic; imbastito altre operazioni (vedi Allan) per consegnare a Mancini una squadra con i controcazzi già a gennaio.
I fatti al momento sono tre: 1) Mancini non è il tecnico più bravo sul campo, ma è certamente un fenomeno a far spendere quattrini anche a chi non ce li ha o fa finta di non averli. La tecnica delle conferenze con annuncio ad alta voce ("voglio due esterni altrimenti cosa mi hanno chiamato a fare?") sta funzionando per la gioia di tutti i tifosi. Per intenderci, l'avesse fatto Mazzarri probabilmente sarebbero arrivati M'Villone, cugino di M'Vila, e Dudu, amichetto di Dodò.
2) Ausilio sa il fatto suo. Vuoi un centrocampo muscolare (vedi richieste di Mazzarri)? E lui ti porta i muscoli. Vuoi gli esterni di attacco? Arrivano pure quelli. Di certo se l'Inter non raggiungerà gli obiettivi non sarà colpa dell'attuale direttore sportivo.
E veniamo al punto 3), il più spinoso. Dovesse arrivare Shaqiri, ma anche un suo alter ego di livello, il tecnico avrebbe fin da subito un obbligo: riuscire a conquistare il terzo posto o la vittoria in Europa League. Parliamoci chiaro, serve un miracolo, ma una squadra con Handanovic, Kovacic, Icardi, Podolski, forse Shaqiri e mettiamoci pure dentro Osvaldo, Palacio e Hernanes (se si ricorda quel che vale), non può tirarsi indietro e vivacchiare nella melma della mezza classifica. Il tutto considerando il fatto che Ausilio è sì stato bravo, ma a furia di utilizzare la formula dei "pagherò" prima o poi dovrà fare i conti con i creditori. La scadenza è giugno: o arrivano i quattrini della Champions o si vende. E allora addio Podolski per la serie "breve ma intenso", addio Handanovic per la serie "vi voglio bene ma mi piacerebbe giocare di martedì/mercoledì sera" e addio Icardi per la serie "il ragazzo è bravo ma se qualcuno offre 30 milioni glielo portiamo con l'ApeCar. Lui, la Wanda, la Nara e pure Maxi Lopez a meno che non diventi il nuovo testimonial del Crodino". Ebbene sì, per l'Inter "one shot" saranno sei mesi davvero cruciali.

Il resto in pillole:

- Al Milan si attendono i classici "giorni del condor", ma la verità è che quest'inverno la vacanza brasiliana non ha offerto spunti concreti. Con Cerci la società ha accontentato (e bene) il tecnico, si cercherà di arrivare alla prima punta provando a completare il complicato ma non impossibile "mega triangolo galattico di mercato": Niang a Udine, Muriel alla Samp, Okaka in rossonero. Per il resto il Diavolo si coccola El Shaarawy secondo il seguente (e condivisibile) assunto: i due gol in amichevole con il Real contano fino a un certo punto ma hanno rimesso il giovine in vetrina e certificano che il ragazzo ha talento. Dovesse arrivare un'offerta adeguata, il Faraone partirà.

- Alla Juve in attesa del big match di stasera ragionano sui "soliti" Sneijder e Rolando, ex beneamati. Il difensore alla fine arriverà, meno speranze per l'olandese che costa un botto, guadagna anche di più, e (opinione personale) serve fino a un certo punto. Più facile e funzionale la pista Diamanti.

- Qui Roma. È arrivato il 18enne Mendez, si lavora sotto traccia per il post De Sanctis (Handanovic o Neto), soprattutto presto arriveranno i "giorni del giaguaro" che poi è Sabatini. Il pezzo da novanta per sognare lo scudetto è in arrivo anche se lui non lo confesserà mai...

- Alla Fiorentina la rivoluzione tecnica blocca il mercato. Pradè e Macia lasceranno a uno tra Sogliano, Berta o Marino. In un caso o nell'altro è assai triste vedere che un portiere stra-coccolato da tecnico e società nei "giorni delle papere" come Neto, ora faccia il fighetto perché ha capito che può monetizzare. Riconoscenza, questa sconosciuta.

- Infine il Napoli. Bigon parlando di mercato pare abbia detto "Yes, I know my way" e porterà almeno un altro giocatore a Castel Volturno. Nel frattempo Gabbiadini ha preso il "Ferryboat" ed è sbarcato sul Golfo; l'asse con il procuratore Pagliari non si scioglierà "come un gelato all'equatore" e porterà Donati a giugno; per Benitez la sensazione è che "le vie del Signore sono finite", quindi niente rinnovo nonostante l'apertura di ieri in conferenza stampa. Voci di addio anche per quel "mascalzone latino" di Callejon che ora non si muove, ma a giugno forse sì. In ogni caso "Che dio ti benedica" Aurelio De Laurentiis, presidenti così non crescono sugli alberi.
E Dio benedica anche te, Pino, la più triste cessione al mercato invernale della storia del Napoli. E dell'Italia.
(Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.