HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2018/19?
  Barcellona
  Ajax
  Liverpool
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan?

20.01.2018 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 29097 volte

Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi futuri del caso Donnarumma. Niente vittimismo e nessuna sindrome da accerchiamento, ma i giri di valzer mediatici di metà dicembre qualcosa, al netto degli errori rossoneri di campo, sono costati in termini di punti al Milan fra il Bentegodi e la gara di San Siro contro l'Atalanta. E se lato società e lato agente, lato famiglia lo è sempre stato, tutto è tornato tranquillo, qualche fuocherello negli ultimi giorni siamo tornati a scorgerlo fra le righe e nemmeno tanto fra le righe. Lo stesso Mario aveva sparso sale sulle ferite del Milan pensando di chiedere di fare una visita amicale ad una squadra che in quel momento aveva solo bisogno di rimanere tranquilla e concentrata, per cui il Balotelli ter non ci sarà assolutamente. E non solo per quello. Ma il peso che viene dato ai suoi gol di questa stagione con la maglia del Nizza deve tenere tutti sul chi va là. Ignorato quando a novembre si trattava di dare un piccolo consiglio a Ventura che ne aveva tanto bisogno, tenuto alto adesso che, verso la fine del mercato di gennaio, si inizia a scorgere quello estivo. Il mercato e le atmosfere di mercato funzionano così. Buon per Balo e nulla contro Balo, ma che non ci vada di mezzo sempre il solito Milan dovessero tornare d'attualità nei prossimi mesi ipotesi mediatiche sul futuro di Gigio.

Il Rivera dei portieri, un capitano per eccellenza, sta facendo discutere per quella che può essere tranquillamente definita la sua sparizione da un punto di vista strettamente agonistico. Dopo Italia-Svezia, Buffon è rimasto in circolazione per un paio di settimane e poi solo bacino di carenaggio. Poche frasi sfumate da parte di Allegri e una assenza pressochè totale di comunicati o bollettini ufficiali di aggiornamento sulle sue condizioni. Gli apparati mediatici erano abbondantemente diversi, ma quanto sta accadendo al portiere della Juventus ricorda da vicino quanto avvenne tra il 1978 e il 1979 nell'ultimo anno di campo di Gianni Rivera. Dopo aver giocato tutte le partite, tranne due, a inizio campionato fino al 17 dicembre, gara vinta dai rossoneri a Verona 3-1, il Gianni sparì a tutti gli effetti. I tifosi rossoneri riuscirono a rivederlo in campo il 22 aprile, quattro mesi dopo, proprio in occasione della gara di ritorno con il Verona a San Siro. Un po' di infortuni, un po' di età, un po' di sindrome da ultimo anno, è quanto tenne Rivera lontano dai campi di gioco per così tanto tempo. E' la stessa cosa che sta succedendo a Gigi Buffon? Per un competitivo come lui, un giocatore come lui che ci tiene tantissimo a stare in campo e ad essere atleta a tutti gli effetti, una assenza quasi silenziosa di quasi due mesi è certamente una anomalia. Szczesny sta facendo benissimo, ma che alla prova dei fatti la titolarità del portiere polacco sia vissuta come la normalità è un fatto epocale. E anche se è stata fatta passare per ordinaria amministrazione, non lo è.

Ebbene sì, è il caso di soppesare con attenzione e magari anche di spaccare il capello in quattro. Il combinato disposto di ieri di due quotidiani sul mirino aperto nei confronti dell'acquisto dell'Inter da parte di Thohir è uno specchietto per le allodole, non tanto per i tifosi rossoneri, quanto per altri ambienti e altri ambiti. Il messaggio avvitato ai titoli di ieri, non di prima pagina in ogni caso come è capitato per il Milan e per Berlusconi (noblesse o sovraesposizione?), è abbastanza chiaro: visto che non siamo prevenuti? Visto che siamo così credibili da non andare solo sul Milan? Alt, chiaro, capito. E lo sviluppo quale può essere...che quando torneremo sul Milan potremo picchiare duro visto che ci siamo occupati un giorno anche dell'Inter? Tu chiamale se vuoi sensazioni malevole o robe da azzeccagarbugli, ma così tanto campate in aria non appaiono. Indipendentemente dalle indagini (se abbiamo letto bene non solo una relazione come nel caso del Milan) che farà la Guardia di Finanza, un caso resta clamoroso. Erick Thohir: prende l'Inter nel 2013 con 79 milioni di euro (e poi si va a fare le pulci a chi ne investe 10 volte tanto), le presta soldi a tassi molto alti, la tiene a bagno maria fra il 5', l'8' e il 4' posto (quest'anno sarebbe un grande risultato) fino al 2016 quando la cede a Suning guadagnandoci in termini di tassi d'interesse e pur non essendo operativo in alcuna decisione ne rimane presidente con una proprietà ben diversa da quella che si riconosceva in lui. E qualche malalingua ipotizza, dopo la disponibilità a dimettersi manifestata dallo stesso Thohir fin dal luglio 2017, che la sua permanenza in carica sia dovuta al fatto che non ci sia un accordo su ciò che alcuni definiscono cessione delle ultime quote e che altri chiamano invece buonuscita. Insomma con un caso conclamato e solare del genere aperto e irrisolto, l'esercizio di fare le battutine ad ogni ora del giorno e della notte su Yonghong Li come lo dovremmo definire? Il ventaglio è molto ampio, fate pure, c'è posto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: lo scudetto, le riflessioni sul futuro, un difensore in più e... la posizione di Allegri. Milan: l'Atalanta fa paura, ora Gattuso pretende risposte. Inter: i numeri di Spalletti e la "sfida" con Conte. Evviva Fognini, anche quando perde 23.04 - Ciao. La festa è finita e si torna a lavorare. Anzi no, molti fanno il megaponte fino all’1 maggio, alcuni fino al 2 giugno, altri non tornano proprio. Il megaponte è per molti, ma non per tutti. Non per noi “grandi eroi” di tuttomercatoweb che anche oggi ve ne diciamo di tutti i...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna… 22.04 - Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510