HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan?

20.01.2018 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 29091 volte

Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi futuri del caso Donnarumma. Niente vittimismo e nessuna sindrome da accerchiamento, ma i giri di valzer mediatici di metà dicembre qualcosa, al netto degli errori rossoneri di campo, sono costati in termini di punti al Milan fra il Bentegodi e la gara di San Siro contro l'Atalanta. E se lato società e lato agente, lato famiglia lo è sempre stato, tutto è tornato tranquillo, qualche fuocherello negli ultimi giorni siamo tornati a scorgerlo fra le righe e nemmeno tanto fra le righe. Lo stesso Mario aveva sparso sale sulle ferite del Milan pensando di chiedere di fare una visita amicale ad una squadra che in quel momento aveva solo bisogno di rimanere tranquilla e concentrata, per cui il Balotelli ter non ci sarà assolutamente. E non solo per quello. Ma il peso che viene dato ai suoi gol di questa stagione con la maglia del Nizza deve tenere tutti sul chi va là. Ignorato quando a novembre si trattava di dare un piccolo consiglio a Ventura che ne aveva tanto bisogno, tenuto alto adesso che, verso la fine del mercato di gennaio, si inizia a scorgere quello estivo. Il mercato e le atmosfere di mercato funzionano così. Buon per Balo e nulla contro Balo, ma che non ci vada di mezzo sempre il solito Milan dovessero tornare d'attualità nei prossimi mesi ipotesi mediatiche sul futuro di Gigio.

Il Rivera dei portieri, un capitano per eccellenza, sta facendo discutere per quella che può essere tranquillamente definita la sua sparizione da un punto di vista strettamente agonistico. Dopo Italia-Svezia, Buffon è rimasto in circolazione per un paio di settimane e poi solo bacino di carenaggio. Poche frasi sfumate da parte di Allegri e una assenza pressochè totale di comunicati o bollettini ufficiali di aggiornamento sulle sue condizioni. Gli apparati mediatici erano abbondantemente diversi, ma quanto sta accadendo al portiere della Juventus ricorda da vicino quanto avvenne tra il 1978 e il 1979 nell'ultimo anno di campo di Gianni Rivera. Dopo aver giocato tutte le partite, tranne due, a inizio campionato fino al 17 dicembre, gara vinta dai rossoneri a Verona 3-1, il Gianni sparì a tutti gli effetti. I tifosi rossoneri riuscirono a rivederlo in campo il 22 aprile, quattro mesi dopo, proprio in occasione della gara di ritorno con il Verona a San Siro. Un po' di infortuni, un po' di età, un po' di sindrome da ultimo anno, è quanto tenne Rivera lontano dai campi di gioco per così tanto tempo. E' la stessa cosa che sta succedendo a Gigi Buffon? Per un competitivo come lui, un giocatore come lui che ci tiene tantissimo a stare in campo e ad essere atleta a tutti gli effetti, una assenza quasi silenziosa di quasi due mesi è certamente una anomalia. Szczesny sta facendo benissimo, ma che alla prova dei fatti la titolarità del portiere polacco sia vissuta come la normalità è un fatto epocale. E anche se è stata fatta passare per ordinaria amministrazione, non lo è.

Ebbene sì, è il caso di soppesare con attenzione e magari anche di spaccare il capello in quattro. Il combinato disposto di ieri di due quotidiani sul mirino aperto nei confronti dell'acquisto dell'Inter da parte di Thohir è uno specchietto per le allodole, non tanto per i tifosi rossoneri, quanto per altri ambienti e altri ambiti. Il messaggio avvitato ai titoli di ieri, non di prima pagina in ogni caso come è capitato per il Milan e per Berlusconi (noblesse o sovraesposizione?), è abbastanza chiaro: visto che non siamo prevenuti? Visto che siamo così credibili da non andare solo sul Milan? Alt, chiaro, capito. E lo sviluppo quale può essere...che quando torneremo sul Milan potremo picchiare duro visto che ci siamo occupati un giorno anche dell'Inter? Tu chiamale se vuoi sensazioni malevole o robe da azzeccagarbugli, ma così tanto campate in aria non appaiono. Indipendentemente dalle indagini (se abbiamo letto bene non solo una relazione come nel caso del Milan) che farà la Guardia di Finanza, un caso resta clamoroso. Erick Thohir: prende l'Inter nel 2013 con 79 milioni di euro (e poi si va a fare le pulci a chi ne investe 10 volte tanto), le presta soldi a tassi molto alti, la tiene a bagno maria fra il 5', l'8' e il 4' posto (quest'anno sarebbe un grande risultato) fino al 2016 quando la cede a Suning guadagnandoci in termini di tassi d'interesse e pur non essendo operativo in alcuna decisione ne rimane presidente con una proprietà ben diversa da quella che si riconosceva in lui. E qualche malalingua ipotizza, dopo la disponibilità a dimettersi manifestata dallo stesso Thohir fin dal luglio 2017, che la sua permanenza in carica sia dovuta al fatto che non ci sia un accordo su ciò che alcuni definiscono cessione delle ultime quote e che altri chiamano invece buonuscita. Insomma con un caso conclamato e solare del genere aperto e irrisolto, l'esercizio di fare le battutine ad ogni ora del giorno e della notte su Yonghong Li come lo dovremmo definire? Il ventaglio è molto ampio, fate pure, c'è posto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Conte non prende l’Inter in corsa. Il piano di Marotta per convincerlo. Da Pogba a Chiesa, da Milinkovic Savic a Modric, tutte le piste. Via Icardi per fare cassa? Spalletti si salva se arriva terzo e vince in Europa. Di Francesco, ultima chiamata 14.12 - Beppe Marotta si è presentano con un’idea impegnativa: Sono qui per un progetto vincente. E già. E’ dal 2010 che i tifosi dell’Inter aspettano qualcosa di vincente e per riprovarci i nerazzurri hanno scelto non a caso, ma il numero Uno, quello che ha riportato in alto la Juventus...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->