HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan?

20.01.2018 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 29089 volte

Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi futuri del caso Donnarumma. Niente vittimismo e nessuna sindrome da accerchiamento, ma i giri di valzer mediatici di metà dicembre qualcosa, al netto degli errori rossoneri di campo, sono costati in termini di punti al Milan fra il Bentegodi e la gara di San Siro contro l'Atalanta. E se lato società e lato agente, lato famiglia lo è sempre stato, tutto è tornato tranquillo, qualche fuocherello negli ultimi giorni siamo tornati a scorgerlo fra le righe e nemmeno tanto fra le righe. Lo stesso Mario aveva sparso sale sulle ferite del Milan pensando di chiedere di fare una visita amicale ad una squadra che in quel momento aveva solo bisogno di rimanere tranquilla e concentrata, per cui il Balotelli ter non ci sarà assolutamente. E non solo per quello. Ma il peso che viene dato ai suoi gol di questa stagione con la maglia del Nizza deve tenere tutti sul chi va là. Ignorato quando a novembre si trattava di dare un piccolo consiglio a Ventura che ne aveva tanto bisogno, tenuto alto adesso che, verso la fine del mercato di gennaio, si inizia a scorgere quello estivo. Il mercato e le atmosfere di mercato funzionano così. Buon per Balo e nulla contro Balo, ma che non ci vada di mezzo sempre il solito Milan dovessero tornare d'attualità nei prossimi mesi ipotesi mediatiche sul futuro di Gigio.

Il Rivera dei portieri, un capitano per eccellenza, sta facendo discutere per quella che può essere tranquillamente definita la sua sparizione da un punto di vista strettamente agonistico. Dopo Italia-Svezia, Buffon è rimasto in circolazione per un paio di settimane e poi solo bacino di carenaggio. Poche frasi sfumate da parte di Allegri e una assenza pressochè totale di comunicati o bollettini ufficiali di aggiornamento sulle sue condizioni. Gli apparati mediatici erano abbondantemente diversi, ma quanto sta accadendo al portiere della Juventus ricorda da vicino quanto avvenne tra il 1978 e il 1979 nell'ultimo anno di campo di Gianni Rivera. Dopo aver giocato tutte le partite, tranne due, a inizio campionato fino al 17 dicembre, gara vinta dai rossoneri a Verona 3-1, il Gianni sparì a tutti gli effetti. I tifosi rossoneri riuscirono a rivederlo in campo il 22 aprile, quattro mesi dopo, proprio in occasione della gara di ritorno con il Verona a San Siro. Un po' di infortuni, un po' di età, un po' di sindrome da ultimo anno, è quanto tenne Rivera lontano dai campi di gioco per così tanto tempo. E' la stessa cosa che sta succedendo a Gigi Buffon? Per un competitivo come lui, un giocatore come lui che ci tiene tantissimo a stare in campo e ad essere atleta a tutti gli effetti, una assenza quasi silenziosa di quasi due mesi è certamente una anomalia. Szczesny sta facendo benissimo, ma che alla prova dei fatti la titolarità del portiere polacco sia vissuta come la normalità è un fatto epocale. E anche se è stata fatta passare per ordinaria amministrazione, non lo è.

Ebbene sì, è il caso di soppesare con attenzione e magari anche di spaccare il capello in quattro. Il combinato disposto di ieri di due quotidiani sul mirino aperto nei confronti dell'acquisto dell'Inter da parte di Thohir è uno specchietto per le allodole, non tanto per i tifosi rossoneri, quanto per altri ambienti e altri ambiti. Il messaggio avvitato ai titoli di ieri, non di prima pagina in ogni caso come è capitato per il Milan e per Berlusconi (noblesse o sovraesposizione?), è abbastanza chiaro: visto che non siamo prevenuti? Visto che siamo così credibili da non andare solo sul Milan? Alt, chiaro, capito. E lo sviluppo quale può essere...che quando torneremo sul Milan potremo picchiare duro visto che ci siamo occupati un giorno anche dell'Inter? Tu chiamale se vuoi sensazioni malevole o robe da azzeccagarbugli, ma così tanto campate in aria non appaiono. Indipendentemente dalle indagini (se abbiamo letto bene non solo una relazione come nel caso del Milan) che farà la Guardia di Finanza, un caso resta clamoroso. Erick Thohir: prende l'Inter nel 2013 con 79 milioni di euro (e poi si va a fare le pulci a chi ne investe 10 volte tanto), le presta soldi a tassi molto alti, la tiene a bagno maria fra il 5', l'8' e il 4' posto (quest'anno sarebbe un grande risultato) fino al 2016 quando la cede a Suning guadagnandoci in termini di tassi d'interesse e pur non essendo operativo in alcuna decisione ne rimane presidente con una proprietà ben diversa da quella che si riconosceva in lui. E qualche malalingua ipotizza, dopo la disponibilità a dimettersi manifestata dallo stesso Thohir fin dal luglio 2017, che la sua permanenza in carica sia dovuta al fatto che non ci sia un accordo su ciò che alcuni definiscono cessione delle ultime quote e che altri chiamano invece buonuscita. Insomma con un caso conclamato e solare del genere aperto e irrisolto, l'esercizio di fare le battutine ad ogni ora del giorno e della notte su Yonghong Li come lo dovremmo definire? Il ventaglio è molto ampio, fate pure, c'è posto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Var, ora è uno scandalo. Ecco perché gli arbitri sono tornati indietro e non lo usano quasi più. Il caso Ronaldo lo imporrebbe anche in Champions. La guerra fra Infantino (Fifa) e Ceferin (Uefa) dietro il cambio di linea 21.09 - Chi ha ucciso il Var? Quasi il titolo di un giallo, ma in effetti quello che sta succedendo ha molto del giallo. Nello scorso campionato di serie A il Var era stata una piacevole novità, un elemento in grado di aiutare gli arbitri e portare l’idea di giustizia e serenità nel calcio,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato internazionale ai raggi X: l'Italia spende e gli affari sono sempre fra i soliti... 13.09 - La FIFA ha fatto la fotografia del mercato internazionale. Ovvero dei trasferimenti provenienti dalle federazioni estere. Un lavoro complesso, reso possibile dal TMS (il Transfer Matching Sistem): quindi non si tratta di proiezioni o di valutazioni, ma di dati certi. Sono dati aggregato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo ha distrutto la Spagna e il suo Mondiale dal di dentro, e Allegri lo ha aiutato. Ecco come. Mancini poteva avere ragione, ma c’è un particolare fondamentale che lui e la Figc hanno dimenticato su Euro2020 12.09 - E’ stato un piano perfetto. E noi distratti dal passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Altroché. Diabolico CR7, che arrivando ai Mondiali con il Portogallo campione d’Europa, e avendo nel proprio gruppo la Spagna, ha usato tutte le armi per farla fuori, anche se non è bastato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy