VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Balotelli non è un campione: ecco perché Seedorf attacca Mario. Un Milan da rifare. Juve, assalto a Nani. Diego Della Valle innamorato della Fiorentina: domani vede l'Inter

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
14.02.2014 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 33439 volte
© foto di Federico De Luca

Non vanno sottovalutate le parole di Seedorf dette appena ieri: "Balotelli non è un campione". Qualcuno potrebbe pensare che sia un modo come un altro per stimolare un ragazzo che appena pochi giorni prima era caduto in un pianto pubblico che ha suscitato qualche perplessità sulla sua tenuta nervosa. Sicuramente l'intenzione di Seedorf era questa, ma siccome l'allenatore del Milan è una persona intelligente, forse dietro questa frase c'è la presa d'atto di una situazione di difficile gestione.
Balotelli era un caso all'Inter che non per nulla l'ha ceduto, era un caso al Manchester City che dopo aver investito su di lui ha pensato bene di rimandarlo in Italia e (purtroppo) sta diventando un caso anche per il Milan.
Sicuramente Barbara Berlusconi e il suo entourage stanno riflettendo se è il caso di continuare con un eterno ragazzo che costa moltissimo d'ingaggio, che costa moltissimo in assoluto anche per la presenza di un procuratore ingombrante come Rajola, per il quale devono ancora essere pagate pesanti rate al City. Un interrogativo che presto avrà una risposta definita e definitiva. Se qualcuno pensava di prendere Balotelli e di mettergli in mano il Milan dei prossimi anni molto probabilmente si sta ricredendo.
E qui entra in ballo la personalità di un ragazzo che è stato costruito in laboratorio, al quale hanno cucito addosso la casacca del campione, al quale si è chiesto tutto e subito troppo presto, salvo poi scoprire una fragilità assoluta dietro la finta corazza.
E qui sta tutto il problema. Le lacrime per la sostituzione hanno messo a nudo Balotelli e fatto riflettere sulla situazione di un ragazzo che sembra un super man, ma che in realtà fatica a trovare un equilibrio in campo e fuori.
Balotelli è costretto a recitare una parte che non è la sua, fatica a trovare un equilibrio come persona e di conseguenza come giocatore. Passa da fasi di esaltazione e questo è il momento delle Balotellate, quando pensa di essere invincibile, a fasi di debolezza come quella del pianto, acuite dalla responsabilità di essere padre che forse avverte come una cosa più grande di lui.
Sicuramente ha ragione Seedorf, il campione Balotelli non c'è ancora. E forse chissà quando arriverà. Il miglior Mario si è visto quando ha passato periodi di tranquillità e di equilibrio in campo e fuori come durante gli Europei del 2012 o nel primo periodo al Milan. Poi gli alti e bassi sono costanti ed è quasi normale che una società importante come il Milan che sta pensando alla ricostruzione, si interroghi sul ruolo che potrà affidare a Balotelli in futuro. Ad oggi, se non maturerà in fretta, non è sicuramente un campione, ha ragione Seedorf. Toccherà a lui crescere, migliorare e trovare continuità. Ci riuscirà? Balotelli non è più giovanissimo, siamo tentati di dire ora o mai più. E lo sta dicendo anche il Milan.
Quindi, dietro le parole di Seedorf potrebbe nascondersi una sorta di ultimatum per capire se il Milan potrà ancora contare su di lui o forse non è meglio monetizzare il suo contratto per poi puntare su giocatori alla lunga più affidabile.
Teniamo anche conto che Berlusconi non ha mai amato i giocatori alla Balotelli, i geni maledetti, e questa sua avversione non l'ha mai nascosta. Ricorderete cosa disse proprio di Balotelli "è una mela marcia", salvo poi correggersi quando Galliani l'anno scorso lo convinse che prendere Mario era un affare. In effetti nel gennaio scorso è stato un affare, Galliani l'ha pagato relativamente poco, con Balotelli in stato di grazia ha conquistato la Champions League che altrimenti avrebbe visto con il binocolo, ma Balotelli un po' come Cassano, fa presto a rompere con gli ambienti.
La rifondazione Milan con giovani di qualità e serietà affidata a Seedorf potrebbe perciò anche fare a meno di Balotelli. La risposta dovrà darla soltanto lui in questi ultimi tre mesi e mezzo di campionato e nel mondiale brasiliano.
Se Balotelli è destinato a rimanere un campione potenziale o ha la forza per diventare un campione vero si saprà presto. Intanto il Milan e Seedorf stanno riflettendo e Raiola si sta guardando attorno. Gli eventuali acquirenti non mancano, soprattutto in Francia e in Spagna. Vedremo.
Intanto dobbiamo continuare a seguire la pista Nani, grande obiettivo estivo della Juventus. Esterno di grandi qualità tecniche, giocatore di esperienza, è l'uomo giusto per far felice Conte tanto più che la Juventus ha capito che sarà impossibile arrivare a Cuadrado.
Come già anticipato qualche mese fa, la Fiorentina e l'Udinese sono già d'accordo: il giocatore resterà a Firenze per almeno un altro anno, riscattato dalla società viola per una cifra attorno ai 13-15 milioni di euro. In caso di cessione dopo il 2015 e ulteriore plusvalenza, gli utili saranno comunque ridistribuiti tra Pozzo e Andrea Della Valle che vorrebbe prendere in comproprietà anche Muriel.
A proposito di Della Valle, il grande lavoro fatto dal fratello Andrea che ha costruito una squadra divertente e la conquista della finale di coppa Italia, hanno avuto l'effetto di riavvicinare Diego Della Valle al calcio. Presente sugli spalti l'altra sera nella gara con l'Udinese, si sente un po' il portafortuna e ha confidato ad alcuni amici che tornerà molto più spesso, tra un impegno e l'altro, a seguire la Fiorentina. Gli è piaciuto il clima dello stadio, il gioco visto, il fair play dei tifosi al Franchi che, ricordiamolo è senza barriere di alcun tipo, sotto tutto il parterre di tribuna. Uno stadio all'inglese che esalta il calcio.
E Diego Della Valle ci sarà anche domani sera, sabato, per vedere la sfida contro l'Inter un altro momento particolare per la Fiorentina a caccia della Champions.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La condizione ci seppellirà. Il Napoli è avanti, la Juve gode del fattore Allegri, la Roma è fuori dal fair play: quali conseguenze? 08.10 - Quello che è successo a Torino è spettrale. C'erano giornalisti che chiedevano e Ventura che non sapeva rispondere, come se quasi non gli importasse. Certo, la vittoria con la Bosnia - da parte del Belgio, non di un'Italia sciupona - apre le porte ai playoff della selezione del tecnico,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Berlusconi: rispettoso silenzio. Solo Milan, no vecchi e nuovi. Sarri: sembra il Conte del 2011 07.10 - Da parte della dirigenza del Milan rispettoso silenzio. E non poteva essere altrimenti. Qui però a stretto contatto con la carne viva del popolo rossonero, non possiamo fischiettare per aria. Le parole del presidente Berlusconi hanno destabilizzato il clima mediatico attorno al Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.