VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Bee, Inzaghi e il Milan: battute finali. Benitez, ora la palla passa a te, Inter ritorno al futuro, Pogba-PSG e i complimenti al Carpi

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
30.04.2015 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 38412 volte
© foto di Federico De Luca

Per il Milan è stata una lunga giornata, una lunga serata e sarà una lunga nottata. Soltanto durante la mattina sapremo se ci sarà ancora Inzaghi sulla panchina dei rossoneri anche pe l'allenamento del pomeriggio soltanto domani mattina sapremo se Berlusoni rimarrà proprietario del Milan. Diciamolo chiaramente: entrambe le cose sono molto poco probabili. Bee Teaucheabeaul ha incontrato Berlusconi, hanno cenato insieme, non hanno visto la partita e alle undici, con l'1-3 sul groppone se ne è tornato a casa. Chissà se l'ennesima brutta prestazione dei rossoneri gli ha fatto cambiare idea. Scherzi a parte l'entuorage di Mr Bee si dice fiducioso. E crede di poter chiudere positivamente la trattativa. All'incontro con Berlusconi non è andato da solo. C'era Dana, il suo consulente a futuro amministratore delegato, e c'erano anche i rappresentanti della banca di Abu Dhabi (di proprietà dello sceicco) che aiuteranno Teaucheabeaul nell'operazione. Nel frattempo la squadra dormirà a Milanello e probabilmente sarà anche l'ultima notte di Inzaghi come allenatore rossonero. I risultati non lo aiutano affatto, contestazione continua, la squadra non lo segue. Brocchi dovrebbe traghettare la squadra fino alla fine della stagione. Progetti più a lungo termine ora non ce ne possono essere. Tutto sarà poi deciso da Mr Bee e dal suo entourage. Ci sono molte ipotesi sul tavolo: anche quella di mantenere l'attuale dirigenza, aggiungendola ai nomi che ha in testa la nuova proprietà: anche se la convivenza non sembra affatto semplice...

Al Napoli invece De Laurentiis parla eccome. E ora? Ora Benitez che dirà? Sabato quando si incontreranno di nuovo cosa verrà fuori? Ormai siamo arrivati quasi a maggio. Come abbiamo sempre detto i risultati avrebbero potuto capovolgere una situazione che comunque ancora rosea non è. Il Napoli in semifinale di Europa League e a un passo dal potersi riprendere la qualificazione in Champions (anche ) in campionato, ha ribaltato un po' i piani. Ma Benitez sempre una risposta deve dare.Non era molto tempo fa quando il feeling era ai minimi termini. Attenzione: non era mai stato messo in discussione il valore professionale dell'allenatore. Ma evidentemente De Laurentiis vuole avere una sintonia completa con i suoi dirigenti. E con Benitez questo non c'è stato più da un po' di tempo. Chiacchierate ridotte al minimo (più che altro utilizzo di sms), diversità di vedute sui risultati, impieghi di giocatori e soprattutti ritiri. Benitez vuole avere la sicurezza di investimenti continui nel tempo (almeno tre acquisti per essere competitivi anche in Europa), di programmazioni concrete sul settore giovanile e di un rinnovamento dello stadio. Queste tre indicatori sui quali riflettere per capire cosa farà Benitez. Al momento ribadiamo: più no che sì. E ribadiamo anche il nome di Mihajlovic come probabile successore di Rafa.

La Juve è a un passo dal quarto scudetto consecutivo e l'unica vibrazione arriva da Parigi dove scrivono che Pogba si è incontrato con il presidente del Psg. La Juve conferma l'incontro ma puntualizza con forza e decisione: intanto l'incontro è stato completamente casuale e sicuramente non è stato possibile intavolare una trattativa, la seconda è che nessuno ha mai parlato con la Juventus. Quindi trattativa non c'è. E Marotta fa capire che se dovesse esserci non sarebbe certo semplice...

Anche l'Inter continua a lavorare per il futuro. Yaya Touré è nettamente la priorità. Le scelte saranno subordinate a quanti soldi spenderà l'Inter pe il centrocampista preferito di Mancini. Solo se dovesse arrivare un no preciso l'Inter mollerà. E le alternative allora sono Song (del Barcellona, suo quale c'è anche l'Interesse del Milan) e Allan dell'Udinese. Curiosa la storia di Allan perché l'Inter (proprio con Dybala) li aveva praticamente presi, prima ancor che arrivassero in Italia. Prezzi naturalmente differenti da questi di cui sentiamo parlare ora. Ma evidentemente l'Inter aveva visto lungo anche allora, ma forse non ha avuto le risorse giuste per poter piazzare questo doppio colpo che si sarebbe ritrovato in casa. Non sempre è facile fare questo tipo di scelte, il calciomercato ne è pieno.

Chiudiamo con il miracolo di questi giorni: il Carpi. Definirlo miracolo non è però giusto nei confronti di chi a questo progetto ha lavorato anima e corpo in questi anni. 5 anni fa nei dilettanti, da ieri in A. Come si fa? Fortuna? Tutti al posto giusto e al momento giusto? Congiunzione astrale? A me oiace pensare che Bonacini e Giuntoli, presidente e direttore sportivo, abbiano creato insieme questo gioiello. Non si vincono 4 campionati per caso o soltanto per congiunzione astrale. Non si arriva in serie A così. Forse serviranno anni per capire cosa è successo in questa piccola città di provincia, qual è il segreto dei Castori-boys. Scriveremo in tanti, proveremo a chiederlo ai protagonisti mille volte. In realtà il lavoro paga e stavolta si è visto. Nel migliore dei modi possibili. Io sinceramente sono convinto che Giuntoli abbia fatto un lavoro straordinario. Abbia cercato con la costanza di un fuoriclasse i giocatori (e gli uomini) adatti alla sua idea di calcio. E ha avuto la fortuna di trovare un presidente come Bonacini che la pensa come lui. Un binomio finora inscindibile che ha raccolto solo successi. Sembrano complimenti troppo importanti: provate voi a portare il Carpi in A. E per cercare di farlo rimanere sono pronti già i primi movimenti: Melchiorri del Pescara, Gavazzi (ora alla Ternana ma della Sampdoria), piace il capocannoniere Toni insieme a Moras del Verona. Interessa Sampirisi. E per l'attacco l'altro nome è Pavoletti. Gente che ha fame, più che conto in banca. Gente che corre per la gloria. Come il Carpi ha corso fino alla serie A. Come in una storia che tutti avrebbero voluto vivere. Quelle storie che rendono unico il calcio, quelle che ti ricordi per tutta la vita. In questo momento siamo tutti tifosi del Carpi: incarna il motivo per cui tutti seguono il calcio. Che nulla è precluso: basta saperlo fare. Anche alla faccia di chi ti vuole male!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Che sia una bella av-Ventura… Samp, negozio di alta qualità!!! Schick, pensa a giocare… Conte parigino? Mou nelle mani di Ibra! 08.11 - Non so voi ma io sono teso… Lo spareggio Mondiale mi ronza nella mente. Ci penso tanto, troppo. E’ come un chiodo fisso e preferirei averne di altro tipo! Che sia chiaro, ho fiducia nell’Italia ma ho anche tanta, troppa paura… Non me ne voglia il nostro CT (che non ho intenzione di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.