VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Benitez e la cazzimma che ha imparato bene ad applicare sul suo credo calcistico. Ora manca il rinnovo del contratto per continuare il progetto. Ma deve decidere entro il 31 dicembre...

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
09.11.2014 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 17159 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

E' finito il periodo degli esperimenti e dei rimpianti. Il Napoli ora è entrato nella fase-2 per dimostrare a tutti che l'organico, quello non di certo era modesto e che con gli 11 titolari si può battere chiunque. Ovviamente in Italia, dove Juventus e Roma stanno benedicendo il vantaggio che hanno accumulato prima che gli azzurri si riprendessero dalla botta di Bilbao. Sì, perché tale è stata e lo sapevamo tutti, anche Rafa Benitez, che l'eliminazione precoce dalla maggiore competizione continentale avrebbe provocato una sorta di "tragedia" sportiva: niente soldi per completare il mercato con un pezzo da novanta e depressione inconsolabile dei big in rosa, che avrebbero reclamato tempo e pazienza per recuperare le motivazioni smarrite al San Mames. Due mesi, questo è stato il periodo di permanenza nel limbo dei risultati altalenanti, delle polemiche e delle critiche che sono diventate anche feroci per quell'avvio da schiaffi: una vittoria, 2 sconfitte ed un pareggio nelle prime 4 gare di campionato. Ora il Napoli ha ripreso le sembianze sue solite e che pareva strano vederle deformate al punto da sembrare irriconoscibili. Tutti. Da Higuain a Callejon, da Inler ad Albiol, il Napoli di inizio stagione aveva deluso le aspettative alimentate anche dalle dichiarazioni presidenziali pubblicamente diffuse nel corso del ritiro a Dimaro. Scudetto? Macchè. I più pessimisti già cominciavano a contare i 40 punti necessari per raggiungere la salvezza. Sono gli effetti della nostra realtà calcistica, che a Napoli si ingigantiscono a dismisura. E Benitez, uomo scaltro e navigato, ha cominciato a capire in maniera sempre più approfondita come si ragiona da queste parti. Nei tempi di massima euforia era solito farsi immortalare in giro per i posti simbolo della Campania, così da creare quella identificazione con il territorio. Poi, il periodo dei cuori infranti e le conseguenze dell'amor tradito: il richiamo all'identità partenopea contro il nemico esterno sembrò essere la chiave giusta per radunare tutti i napoletani intorno alla squadra. Non funzionò, perché erano i risultati a non arrivare. Serviva qualcosa di più, una parolina magica: cazzimma. Intesa come cattiveria agonistica da sviluppare in campo, ma anche "farsi furbo" lì sulla panchina. E Benitez la sua "cazzimma" l'ha mostrata ben presto con un paio di accorgimenti che solo gli uomini intelligenti ed esperti sanno quando è il momento di adottare. Il Napoli prendeva troppi gol, non perché i difensori fossero scadenti, ma perché il reparto arretrato finiva troppo spesso preda degli avversari che lo aggredivano in massa, senza quegli argini che il centrocampo con soli due uomini può garantire. Ecco allora l'arretramento di Hamsik, almeno 15 metri più giù della posizione da sempre occupata da quando Benitez è arrivato a Napoli. Sarà stato il tecnico a chiederlo espressamente oppure Marekiaro a trovare la posizione da solo, questo non è dato sapersi. E nemmeno importa, ora che il Napoli ha trovato l'equilibrio mancante. Poi, le alternative alle riserve. In particolare De Guzman, associato all'idea di "soggetto misterioso"quando veniva utilizzato nei due di centrocampo o (più spesso) come alternativa a Callejon. Due ruoli che non gli permettevano di dimostrare il suo vero valore, due opzioni totalmente diverse dalla sua dimensione di trequartista. Quando con lo Young Boys è stato schierato nel suo vero ruolo, quello di vice Hamsik, ecco che De Guzman si esalta con una tripletta ed una prestazione convincente. Sono piccoli accorgimenti che Rafa ha adottato per ritrovare il consenso della gente di Napoli, per spiegare al mondo tutto che anche lui sa come si fa a giocare in Italia. L'identificazione tra lui e Napoli deve, però, diventare totale e c'è un solo modo: rinnovare il contratto. De Laurentiis già tre volte gli ha sottoposto il documento da firmare e Benitez ha finora sempre chiesto di rinviare la firma. Magari aspetta un'altra chiamata (la nazionale spagnola, un importante club della Premier) prima di sciogliere le riserve sul suo futuro e l'identificazione completa con Napoli. Rafa deve rimanere per completare il progetto che De Laurentiis sta disegnando su di lui. Ma il tempo scorre e si arriverà al momento del dentro o fuori: per l'interesse di tutti, oltre il 31 dicembrenon si po' andare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Raiola, Casa Milan non è più casa tua! Pisa in cerca di gloria su Gattuso. Inter show: Suning prepara il bottino. Cittadella-Marchetti: vi avevamo detto tutto... 29.05 - Neanche una riga su Totti? Sarebbe la ripetizione delle ripetizioni di quanto hanno già scritto tutti. Totti e il suo addio è da libro cuore, nell'era dei social viene tutto ingigantito e siamo sicuri che, se non siamo romani e romanisti, non possiamo capire fino in fondo cosa provano...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.