VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Benitez e la cazzimma che ha imparato bene ad applicare sul suo credo calcistico. Ora manca il rinnovo del contratto per continuare il progetto. Ma deve decidere entro il 31 dicembre...

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
09.11.2014 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 17159 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

E' finito il periodo degli esperimenti e dei rimpianti. Il Napoli ora è entrato nella fase-2 per dimostrare a tutti che l'organico, quello non di certo era modesto e che con gli 11 titolari si può battere chiunque. Ovviamente in Italia, dove Juventus e Roma stanno benedicendo il vantaggio che hanno accumulato prima che gli azzurri si riprendessero dalla botta di Bilbao. Sì, perché tale è stata e lo sapevamo tutti, anche Rafa Benitez, che l'eliminazione precoce dalla maggiore competizione continentale avrebbe provocato una sorta di "tragedia" sportiva: niente soldi per completare il mercato con un pezzo da novanta e depressione inconsolabile dei big in rosa, che avrebbero reclamato tempo e pazienza per recuperare le motivazioni smarrite al San Mames. Due mesi, questo è stato il periodo di permanenza nel limbo dei risultati altalenanti, delle polemiche e delle critiche che sono diventate anche feroci per quell'avvio da schiaffi: una vittoria, 2 sconfitte ed un pareggio nelle prime 4 gare di campionato. Ora il Napoli ha ripreso le sembianze sue solite e che pareva strano vederle deformate al punto da sembrare irriconoscibili. Tutti. Da Higuain a Callejon, da Inler ad Albiol, il Napoli di inizio stagione aveva deluso le aspettative alimentate anche dalle dichiarazioni presidenziali pubblicamente diffuse nel corso del ritiro a Dimaro. Scudetto? Macchè. I più pessimisti già cominciavano a contare i 40 punti necessari per raggiungere la salvezza. Sono gli effetti della nostra realtà calcistica, che a Napoli si ingigantiscono a dismisura. E Benitez, uomo scaltro e navigato, ha cominciato a capire in maniera sempre più approfondita come si ragiona da queste parti. Nei tempi di massima euforia era solito farsi immortalare in giro per i posti simbolo della Campania, così da creare quella identificazione con il territorio. Poi, il periodo dei cuori infranti e le conseguenze dell'amor tradito: il richiamo all'identità partenopea contro il nemico esterno sembrò essere la chiave giusta per radunare tutti i napoletani intorno alla squadra. Non funzionò, perché erano i risultati a non arrivare. Serviva qualcosa di più, una parolina magica: cazzimma. Intesa come cattiveria agonistica da sviluppare in campo, ma anche "farsi furbo" lì sulla panchina. E Benitez la sua "cazzimma" l'ha mostrata ben presto con un paio di accorgimenti che solo gli uomini intelligenti ed esperti sanno quando è il momento di adottare. Il Napoli prendeva troppi gol, non perché i difensori fossero scadenti, ma perché il reparto arretrato finiva troppo spesso preda degli avversari che lo aggredivano in massa, senza quegli argini che il centrocampo con soli due uomini può garantire. Ecco allora l'arretramento di Hamsik, almeno 15 metri più giù della posizione da sempre occupata da quando Benitez è arrivato a Napoli. Sarà stato il tecnico a chiederlo espressamente oppure Marekiaro a trovare la posizione da solo, questo non è dato sapersi. E nemmeno importa, ora che il Napoli ha trovato l'equilibrio mancante. Poi, le alternative alle riserve. In particolare De Guzman, associato all'idea di "soggetto misterioso"quando veniva utilizzato nei due di centrocampo o (più spesso) come alternativa a Callejon. Due ruoli che non gli permettevano di dimostrare il suo vero valore, due opzioni totalmente diverse dalla sua dimensione di trequartista. Quando con lo Young Boys è stato schierato nel suo vero ruolo, quello di vice Hamsik, ecco che De Guzman si esalta con una tripletta ed una prestazione convincente. Sono piccoli accorgimenti che Rafa ha adottato per ritrovare il consenso della gente di Napoli, per spiegare al mondo tutto che anche lui sa come si fa a giocare in Italia. L'identificazione tra lui e Napoli deve, però, diventare totale e c'è un solo modo: rinnovare il contratto. De Laurentiis già tre volte gli ha sottoposto il documento da firmare e Benitez ha finora sempre chiesto di rinviare la firma. Magari aspetta un'altra chiamata (la nazionale spagnola, un importante club della Premier) prima di sciogliere le riserve sul suo futuro e l'identificazione completa con Napoli. Rafa deve rimanere per completare il progetto che De Laurentiis sta disegnando su di lui. Ma il tempo scorre e si arriverà al momento del dentro o fuori: per l'interesse di tutti, oltre il 31 dicembrenon si po' andare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.