VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Benvenuto Seedorf, ora il campo. Il Napoli stringe per Capoue e non molla Jorginho. La Juve guarda al futuro, Burdisso saluta la Roma. Lazio, preso Djordevic. Attaccanti italiani che piacciono in giro, con qualche sorpresa!

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
16.01.2014 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 29912 volte
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS

E' iniziata l'era Seedorf, ufficialmente. Abbracciato fisicamente da Galliani, idealmente da tutti i tifosi milanisti. Lo aspetta una bella avventura, sicuramente non semplice se un allenatore come Allegri ci ha rimesso le penne. Seedorf, pur essendo alla prima esperienza, ha la giusta personalità, carisma e passato per giocarsi le sue carte. Sa lui per primo che dovrà impegnarsi molto, ma ora non c'è più tempo di pensare, ma di agire. Circolano i primi nomi ai quali potrebbe essere interessato in futuro il neo allenatore rossonero, ma in realtà si tratta soltanto di possibilità più che di richieste (Doria del Botafogo e Cesar del Ponte Preta, entrambi difensori).

A Napoli, oltre a godersi il passaggio del turno in coppa Italia (condito dal giallo-fuorigioco), aspettano notizie dall'Inghilterra. I segnali che arrivano dal Tottenham sono positivi: si può trattare, ma i nove milioni non bastano, magari servirà un blitz di Bigon entro questa settimana. Mentre queste potrebbero essere ore decisive per Jorginho: in previsione un incontro con il suo procuratore, con il Verona si potrebbe intavolare una comproprietà. Per Gonalons gli spiragli sono sempre più esili (il Lione ha vinto contro il Marsiglia).

Alla Juventus sono tranquilli, tranquillissimi. Lavorano per il futuro, rintuzzano gli attacchi nel presente. E' chiaro che gli attaccanti sono la merce più richiesta. Quagliarella dalla Lazio, Vucinic (interessa al Tottenham che deve sostituire Defoe) e Giovinco. Tutti scadenza contratto 2015, ma la Juve già non li vuole dare, figurati in prestito. Qualora invece dovesse arrivare l'offerta giusta (per uno di questi) magari ci potrebbero essere degli spiragli per Morata, attaccante del Real Madrid (anche lui scadenza 2015) che in blanco gioca poco ma è un talento. Il problema è che il Real vorrebbe avere una sorta di contropzione per ricomprarlo, quindi bisognerà trattare, eventualmente. E magari vincere anche la concorrenza dell'Inter, che sta seguendo il ragazzo anche se non ci sono soldi in questo momento nelle casse del mercato nerazzurro.

Mercato che è fermo anche per D'Ambrosio. Inter e Torino sono in fase di assoluta standby. Il nome su cui si scontrano è sempre quello Botta (Inter prestito, il Toro lo vuole in comproprietà), bisognerà aspettare ancora un po'. Come per Borriello: prima bisogna valutare bene le condizioni di Milito, non fossero ottimali allora potrebbe essere una bella opportunità da cogliere. Altrimenti Marco rimarrebbe volentieri a Roma dove ha incassato la fiducia di Garcia.
Chi se ne andrà è invece Burdisso: il Genoa lo vorrebbe, ma l'ingaggio lo frena. Ci potrebbe essere sullo sfondo anche la Samp (con il discorso Paredes magari) oppure l'estero. Quello che è certo è che Sabatini dovrà prendere un altro difensore: in questo momento la soluzione low cost può essere Heitinga dell'Everton, anche lui a scadenza di contratto, oppure Paletta, difensore del Parma, ma non tornano le cifre. Ghoulham Saint Etienne invece, almeno in prestito, non si fa.

Il vero colpo lo ha messo a segno la Lazio: arriverà Djordevic, attaccante serbo del Nantes. Arriverà a zero, 5 anni di contratto per lui, doppietta in coppa contro il Lille poche ore fa. Un giocatore inseguito a lungo, sarà un nuovo rinforzo. E la Lazio continua però a seguire anche gli altri nomi di cui abbiamo parlato (Quagliarella in pole).

Il Genoa invece continua a seguire i suoi (e ci mancherebbe): contatto con la Juventus per De Ceglie, sonda Diakité del Sunderland (ex Lazio), è interessato a Cherubin del Bologna e continua a chiedere al Parma Sansone. E dovrà rispondere presto al West Ham che (viste le difficoltà per Belfodil e Borriello) ora punta Gilardino.

Dovrà rispondere presto anche Guanzghou su Diamanti il Bologna, ha già risposto no al Besiktas per Bianchi (proposto solo prestito). Le piste straniere per rinforzarsi sono tre: Nelson Valdez (attaccante paraguayano ex Valencia, ora all'Al Jazira), Martin Linnes, attaccante esterno norvegese (1991) del Molde, e Nery Dominguez centrocampista centrale argentino del Rosario Central.

A Firenze arriva Anderson nel pomeriggio (operazione estremamente intelligente, prestito con diritto di riscatto di un centrocampista molto forte) mentre si tiene sotto osservazione Rosseti, attaccante del Siena, naturalmente per giugno.

Il Sassuolo ufficializza Manfredini, il Chievo ha fatto un'offerta per Cala (difensore centrale del 1989 del Siviglia) e piace anche Greco del Livorno. Il Verona lavora al rinnovo di Halfredsson (seguito anche dal Palermo) mentre Cacia piace molto al Toronto. E attenzione all'Inghilterra: Paulinho del Livorno offerta da parte del Fulham (2 milioni per il prestito), ma anche l'Arsenal ci pensa!

Poi la notizia della notte: esonerato De Canio, di ritorno Maran a Catania.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.