VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Berlusconi: a lui Kovacic piace. Berlusconi sdrammatizza il Faraone... Mancini: il mercato in panchina. Mosca-Roma come Bilbao-Napoli: attenzione. Garcia: più freddo e razionale l'anno scorso

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
29.11.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 24580 volte

C'è un apprezzamento implicito nelle parole del presidente del Milan di ieri. E non è rivolto ad un suo giocatore, ma ad un avversario. I complimenti ad Essien per il gioco di interdizione fatto su Kovacic nell'ultimo derby, richiamano alla memoria lo sfogo presidenziale di quell'estate 2000. Ne fu oggetto Zoff. Bisognava fermare Zidane…era la finale europea fra Italia e Francia a Rotterdam. Alluvione di polemiche. Nella concezione di Silvio Berlusconi è fondamentale inaridire la principale fonte di gioco avversaria, il giocatore di maggiore talento. Che, secondo il presidente Berlusconi ma non secondo Mazzarri, e nemmeno secondo Mancini che lo ha decentrato sulla sinistra, in casa nerazzurra è proprio il nazionale croato Mateo Kovacic. Il numero uno rossonero ne ha intuito non soltanto la potenzialità, ma anche l'importanza. La speranza, per i tifosi rossoneri, è che dall'altra parte della città non colgano il suggerimento implicito.

Le immagini di Milan Channel del discorso del presidente alla squadra, sempre ieri a Milanello, hanno regalato il primo sorriso della settimana da parte di Stephan El Shaarawy. Quando ha sentito parlare del suo ciuffo e della testa da reclinare al momento del tiro, il giovane attaccante rossonero si è divertito. Gli ha fatto piacere godere delle attenzioni del protagonista e gli è piaciuto il modo bonario con cui gli si è rivolto Silvio Berlusconi. Era fondamentale che Stephan ridesse di quella traversa. Ha tenuto la testa bassa per fin troppi minuti per quella giocata che può capitare. Errore importante e decisivo per carità, non nascondiamolo. Ma non sarà certo l'ultimo e non va drammatizzato. Via, resettare, si riparte. Stephan è forte, è un attaccante completo, di gamba e prestazione, non un goleador. Ci sta che gli riescano i gol d'autore come quello di Genova e che vadano sulla traversa i gol da bomber puro come quello di domenica sera. Ma la vita continua e il calcio offre sempre un'altra palla.

Da illo tempore sosteniamo che il mercato estivo dell'Inter sia stato oggetto di un luogo comune: intelligente. Ma non efficace. Non all'altezza. Il classico mercato che non ti cambia la vita. E questo non va inteso come rilievo a Piero Ausilio che è persona di calcio perbene, molto competente e molto preparata. Ausilio ha centrato il delta fra opportunità di mercato e disponibilità di cassa. E' stato bravo e ha fatto bene. Ma del suo mercato non ci è piaciuta la propaganda che altri, tifosi ma non solo tifosi, ne hanno fatto fuori dalla sua sfera dirigenziale. L'operatività di Ausilio non si discute, ma la sopravvalutazione mediatica e di popolo del mercato estivo nerazzurro resta eccessiva. E lo ha dimostrato proprio Roberto Mancini che, nella partita della scossa, nella partita che l'Inter più forte del Milan doveva vincere ma che poi per motivi strani e misteriosi è diventata un successo aver pareggiato, ha tenuto gentilmente fuori quattro quinti del mercato intelligente. Non ha giocato Medel per via di una squalifica abbastanza maldestra rimediata contro il Verona. Idem Vidic perché giocavano Juan Jesus e Ranocchia, idem M'Vila perché giocava Kuzmanovic, idem Osvaldo perché giocavano Icardi e Palacio.

Il Napoli ci ha messo più di un mese per riprendersi dalla botta di Bilbao. Il Club azzurro attendeva la spinta economica giusta dalla qualificazione Champions, ci puntava, ci contava. Anche per dare la giusta ribalta ad alcuni dei suoi big. E invece la mazzata del San Mames è pesata per diverse settimane, in Campionato, sulle gambe e sul morale della squadra di Benitez. Più o meno la stessa situazione è all'ordine del giorno per la Roma. Il club di Sabatini che ha fatto follie non da poco sul mercato, attendeva il conforto della Champions League per il suo bilancio e per lo slancio da dare alla crescita della squadra. E Champions era. Ottavi belli caldi e confezionati, fino a quella palla persa da Strootman. Mancavano 40 secondi. Gol del Cska. E come arrivare in cima ad una dura salita e poi tornare indietro. Il contraccolpo può essere di quelli duri. Anche in casa Roma, a parte qualche sprazzo di Iturbe a inizio stagione, il mercato non ha granchè rinforzato la squadra dell'anno scorso. E la Champions, spietatamente onesta sul momento della Roma, rischia di essere un fardello non da poco anche nel duello con la Juventus.

La sensazione generale, da lontano, è che Garcia l'anno scorso fosse più freddo, più razionale, più cecchino. Anche più abbottonato ed essenziale. Quest'anno appare più personaggio, più retorico, più invasivo. Quella sostituzione di Nainggolan con l'ingresso di Strootman, fatalmente freddo nel momento forse più caldo dell'intera stagione giallorossa, sembra confermarlo. Sono Garcia e quindi rischio, posso permettermelo: non vorremmo fosse stato questo lo stato d'animo del tecnico francese nel momento decisivo più decisivo di tutti. La Roma e soprattutto la città di Roma devono gestire e disciplinare certi umori, non bisogna infoiarli. Ci vuole la stessa mano, molto meno emotiva e molto più fredda, del Garcia dell'anno scorso per provare a far rendere al meglio gli ulteriori e costosi sforzi di mercato fatti dalla Società nel corso dell'ultima estate di lavoro.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan-Inter: derby senza soste. Allegri il cannibale: è a Cardiff, ma pensa a Doha. Chelsea: Antonio Conte come Diego Costa. Inter: i casi Medel e Gagliardini 13.05 - Il Milan tira dritto in silenzio. Lavora di giorno sotto la luce dei riflettori di Casa Milan e di notte, senza luci e senza riflettori. E forse quando si tireranno le fila del mercato estivo rossonero, si scoprirà che si è trattato di notti produttive. Degna di nota, esattamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.