HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché....

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
15.10.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 28240 volte

Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti di discussione. Come sempre. Il Presidente parla e noi commentiamo. Di calcio, non di politica. Berlusconi fa bene al calcio e il sogno dei monzesi di fare un giorno la serie A lo devono all'uomo arrivato da molto vicino: Arcore. Monza è anche calcio. Non è solo il Gran Premio una volta all'anno e non è solo la Villa Reale. Monza è una bella cittadina, un bel centro, il classico posto dove far crescere un figlio. Il calcio, però, è sempre stato prerogativa di Milan e Inter. Perché se vivi o cresci a Monza devi tifare per una delle due milanesi. Sbagliato. Ma, purtroppo, è così. Fai 15 chilometri e sei a San Siro. Berlusconi toglie e Berlusconi dà. Oggi Monza sogna grazie al suo Presidente e, ovviamente, ad Adriano Galliani che fino a due anni fa neanche sapeva che Iocolono nel Bassano di Asta (anche lui ex Monza) facesse cose eccezionali, ma oggi è il suo Kakà. Galliani neanche conosceva Giudici e invece è un signor calciatore. Cambiano le dimensioni. Veniamo a noi. Berlusconi, a fine primo tempo, ha parlato a Sportitalia e in sintesi ha detto che il Milan di Gattuso non gli piace. Il progetto Monza del Cavaliere è stupendo, la sua voglia di calcio anche e il suo trascorso al Milan è qualcosa di unico. Sulle sue frasi, però, dobbiamo spendere due minuti. Prima cosa: come fa a dire che il Milan di Gattuso non gli piace? Proprio lui che, negli ultimi anni, ha preso a pallonate il Milan con gli esperimenti abortiti di Inzaghi e Brocchi. Degli ex milanisti che stanno facendo bene al primo colpo in prima squadra è proprio Gattuso l'unico a fare la differenza. Berlusconi non manda giù, forse, che i suoi vecchi pupilli abbiano fallito e l'unico che riesce ad emergere è un suo vecchio figlioccio ma messo lì da altri. Dire che non piace il Milan di Gattuso è un controsenso da un Presidente che voleva squadre affamate ed offensive. Gattuso ha cambiato metodo di allenamento, mentalità e soprattutto media punti ad un Milan che viaggia grazie al suo allenatore. Ricordiamoci come era ridotto il Milan con Montella, ultimo dei Mister voluti da Berlusconi. Forse il Presidente preferiva la media punti e il non gioco di Vincenzino? Nonostante un anno in cui la società è andata al contrario, il Milan si è tenuto in piedi alla grande e oggi sogna un posto in Champions grazie ad un allenatore che si è trasformato in direttore, amico, psicologo e manager. Berlusconi è stato ingeneroso con questo Milan; forse perché, tranne Higuain, è un Milan costruito da altri e di fatto boccia il mercato di questa estate. Ribadiamo, al di fuori di Gonzalo.
Il Milan prepara il derby, la Juventus prepara il colpo. C'è poco da dire sulla Juventus. Per fare notizia bisogna parlare di vecchie vicende extra-professionali che riguardano Ronaldo; è l'unica cosa che fa notizia attorno alla Juventus. Allegri deve conquistare solo il tetto d'Europa. Quest'anno potrebbe riuscirci, se non si farà prendere dalla smania di dover vincere per forza. E' vero che alcune big europee sono in difficoltà ma ricordiamoci che la vera Champions League non inizia a settembre ma a febbraio. Cosa significa? Significa che chi oggi non gode di ottima salute, a febbraio potrebbe pure volare. E viceversa. La Juve ha ottime basi per arrivare fino in fondo. Cosa, però, non scontata.
Si parla tantissimo di Marotta e l'Inter: un'operazione fuori luogo che non avrebbe senso per nessuno. L'Inter, per come è oggi strutturata, non avrebbe bisogno di un manager come Marotta. Spazio ad Ausilio come Direttore Sportivo che ha sempre fatto meglio da solo rispetto a quando è stato vice di Branca o Sabatini. Ausilio deve operare da solo e senza bàlia. Se lo ritengono bravo vada avanti Ausilio, altrimenti, mettere un altro sopra Ausilio sul mercato non avrebbe una minima spiegazione. Marotta è stato un top manager della Juventus e, per mille ragioni, oggi non deve andare all'Inter. E' prematuro e sarebbe poco elegante. Parliamo di un Amministratore Delegato che opera nello stesso campo delle due aziende in questione. Ci sarebbe da mettere anche una clausola, pagata, dove si vieta di occupare ruoli importanti in società concorrenti almeno per i 3 anni successivi. Marotta conosce dinamiche, segreti e progetti della Juventus. E' stato pagato bene, meritando ciò che ha portato a casa, ma oggi un imminente passaggio all'Inter non sarebbe elegante.
Infine tema FIGC. Finalmente il 22 si svolta con la poltrona di Presidente affidata a Gabriele Gravina. Abbiamo spesso massacrato il sistema calcio perché non trovava una unità di intenti e mandava al massacro tutto il sistema. Questa volta, invece, ha prevalso il buon senso trovando l'uomo giusto per il rilancio di tutto il calcio. Guarda caso, l'unico a restarne fuori è Damiano Tommasi con l'AIC. La categoria che è messa peggio è proprio quella dei calciatori per colpa di un Presidente che continua a rimandare le decisioni serie e continua a restare fuori dalla politica che conta. Si è candidato e ha perso, ha appoggiato cavalli sbagliati e continua a non capire che un ex calciatore non per forza può essere un bravo dirigente. Anzi, chi ha giocato sta dimostrando palesemente di non meritare un posto in poltrona. Con Gravina si svolta. Perché? Prende decisioni e non le rimanda. Non guarda in faccia a nessuno, conosce la materia e sa bene che ha solo due anni per conquistarsi la conferma. Già uno che ti dice che la serie C così com'è non è sostenibile e deve diventare semi professionismo per abbattere anche il carico fiscale significa che ha vinto prima di scendere in campo. Gravina sarà l'uomo delle riforme, della comunicazione e delle innovazioni. Dovrà mettere anche mano alle Nazionali perché se le giovanili affidate a Viscidi viaggiano, quelle dei piani alti sono un mezzo disastro. Contiamo i giorni anche per sistemare le date del mercato e cambiare completamente la giustizia sportiva. W Gravina. Finalmente un Presidente nella carica più alta dello stato di un pallone bucato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Italia, che noia. Giorgetti-Malagò: la ragione sta nel mezzo. Juve B, progetto inutile e da abolire. I 3 migliori allenatori (tutti di C) pronti per il salto 19.11 - Un editoriale senza parlare di mercato oppure senza parlare di Milan, Inter, Juventus e Napoli è sicuramente di poco interesse per il pubblico. Almeno per il grande pubblico. Ma con il campionato fermo e il mercato lontano non avrebbe senso occuparsi dei soliti temi. Allora andiamo...

Editoriale DI: Marco Conterio

I primi clamorosi ma non confermati spifferi sul Pallone d'Oro e il premio più incerto dell'ultima decade. Fenomeni contro Francesi ma può essere l'anno della rivoluzione di Modric 18.11 - Urne chiuse. Così la discussione è ufficialmente pronta per proseguire, adesso senza più chance d'influenzare il giudizio dei 173 giornalisti aventi diritto di voto per il Pallone d'Oro del 2018 che sarà assegnato il prossimo 3 dicembre a Parigi. La redazione di France Football nelle...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Il Milan tra Rodrigo Caio e Ibrahimovic. De Ligt primo nome per la difesa della Juventus. La Roma vuole blindare Manolas, che piace anche a Real e Barcellona. Napoli si continua a lavorare ai rinnovi di Zielinski e Hysaj 17.11 - Un mese e mezzo e si parte, anzi il mercato è già partito. E allora andiamo dritti all’obiettivo. In casa Milan è scattato l’allarme rosso. Gli infortuni di Musacchio e Caldara in difesa e di Biglia e Bonaventura a centrocampo hanno creato una situazione difficile. Insomma ci sono...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ecco tutti gli obiettivi di mercato di Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli. Da Barella a Diawara, da Lazzari a Chiesa. Tornano Rafinha e Paredes. E Marotta va in Cina 16.11 - Questa sosta per la Nazionale è utile alle società, tutte stanno facendo un check per capire cosa serve sul mercato di gennaio, ma anche e soprattutto per gettare le basi e mettersi avanti per obiettivi e trattative future. La squadra più in difficoltà, con necessità immediate...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di Irrati 13.11 - Quando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli può essere ancora il futuro degli azzurri?” o “ci sono troppi stranieri!”, o “bisogna puntare sui vivai!”. Ma poi ti rendi conto che il buon Marione tra...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy