VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Berlusconi, prima del Milan vendi Seedorf. Inter, prendi Marino e torni grande. Corvino, basta ferie: ti aspettiamo. Ecco i tre migliori allenatori della B...

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983. Vive e lavora a Milano dal 2005. Ha diretto la Redazione di Sportitalia fino allo scorso novembre. Ha curato e condotto i Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Mail: mcriscitiello@micri.it Twitter: MCriscitiell
10.03.2014 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 53920 volte
Berlusconi, prima del Milan vendi Seedorf. Inter, prendi Marino e torni grande. Corvino, basta ferie: ti aspettiamo. Ecco i tre migliori allenatori della B...

Solitamente quando una notizia viene smentita è perchè sotto c'è qualcosa di vero. Figuratevi se viene smentita due volte in 20 ore, vuol significare che hai fatto centro. Lo scorso 16 dicembre scrivemmo del Milan in vendita, ci beccammo fischi e pernacchie. Bloomberg ha lanciato il boomerang e gli è tornato indietro con smentite di Fininvest e del Cavaliere. Noi abbiamo rilanciato dell'interesse di Squinzi, spiegando il perchè dell'arrivo dei milanesi a Sassuolo e anche Squinzi, 24 ore dopo Berlusconi, si è ritrovato a smentire. Ma non fu proprio lui a dire di voler intervenire nel progetto del nuovo stadio? E, come mai, dal Milan hanno fatto sapere che sarebbero disposti a cercare nuovi soci, seppur in minoranza, per un totale di 150 milioni? Tante coincidenze ma in questo momento conviene concentrarsi sul campo, altrimenti da 700 milioni il valore del club scende ulteriormente. Perché il valore dei calciatori è minimo, degli impianti anche e, purtroppo, anche la frase "l'ex club più titolato al Mondo" non si traduce in soldi. Insomma, più passa il tempo e più il Milan perde valore senza investimenti. Avete visto la squadra a Udine? Senza anima, senza gioco e senza idee. Potremmo dire che Seedorf, oltre ad una nuova panchina a San Siro, non ha portato nulla di più. Da calciatore bastava una telefonata ad Arcore, anche dopo una sconfitta, per passare dalla parte della ragione. Da allenatore ti salvano solo i risultati e una vittoria a Madrid potrebbe cambiare il giudizio su di lui, in parte. Una volta occorreva la preparazione per diventare allenatori, adesso con un pò di improvvisazione, un buon curriculum da ex calciatore e un Presidente amico puoi allenare quasi quasi anche il Real Madrid. Ci scusi, Ancelotti che è un grande Mister. L'esempio è dovuto alla grandezza del club. Seedorf è l'uomo giusto per affondare il Milan. I tifosi rossoneri, adesso, si sentiranno offesi ma dovrebbero capire che chi critica in questo momento la squadra fa solo il bene del club per un futuro da grande Milan e non da società che vive alla giornata. Nulla contro Clarence ma aver accettato di subentare in corsa è stato l'autogol più grande che potesse fare; un ritiro precampionato e una sessione di mercato lo avrebbero aiutato maggiormente.
Chi deve decidere cosa fare da grande, al più presto, è l'Inter. Qui il problema non è in panchina, perchè quell'antipatico di Mazzarri è bravo. Bisogna trovare un Direttore Generale che faccia il suo mestiere e copra il vuoto di potere del buon Thohir che, per forza di cose, non può occuparsi di Inter 365 giorni all'anno. Nessuno tocchi Piero Ausilio. Come Direttore Sportivo è perfetto. Lavora sui giovani e ha un occhio clinico per i campioni. Ausilio, in tutti questi anni, è stato danneggiato dalla presenza di Marco Branca. A proposito: si dice in giro che Branca sia stato liquidato dall'Inter con 3,5 milioni di euro e, a breve, se lo potrebbero ritrovare nel Principato di Monaco. Tornando ad Ausilio, al suo fianco gli serve un vero Direttore Generale. Si era fatto il nome di Pierpaolo Marino, beh sarebbe l'uomo giusto al posto giusto. Nessuno, in Italia, ha l'esperienza di Marino e i miracoli di Napoli parlano ancora da soli. Oggi è all'Atalanta ma, una salvezza all'anno, seppur conquistata con 12 giornate di anticipo potrebbe stare stretta ad un Direttore che del Napoli di De Laurentiis ha gestito anche la mancanza della carta igienica a Castelvolturno. Senza estremizzare, all'Inter, occorre questa figura e questo personaggio.
Dopo tre anni di battaglie mediatiche vorremmo riaprire le porte del nostro calcio a Pantaleo Corvino. Ne abbiamo scritte tante su Corvino, siamo certi che ha commesso degli errori e il suo comportamento spesso è stato discutibile ma, a vedere i suoi colleghi oggi, ci viene da essere sinceri: uno che almeno capisca di calcio ci vorrebbe. Corvino ha scritto pagine importanti a Firenze, ha creato calciatori e plusvalenze dal nulla e oggi non è giusto che resti ancora fuori. Ha pagato, molto di più di suoi colleghi che dopo enormi danni sono ancora in giro a piede libero a cercare calciatori. Un Presidente che vuole costruire un progetto vincente potrebbe trovare in Pantaleo Corvino un buon braccio armato. Chi legge questo editoriale starà pensando "avrà fatto pace con Corvino". Non lo sento e non lo vedo da una vita e, credetemi, neanche ho voglia di sentirlo. Ma quando scriviamo è solo per amore della verità. Che piaccia o meno.
In chiusura, un piccolo corner dedicato ai cadetti. Agli allenatori della B, per la precisione. Vogliamo votarne tre per il futuro che, però, parlano al presente. Inutile citare Iachini del Palermo e Beretta del Siena. Sono garanzie assolute. Il primo nome di un grande allenatore, giovane e preparatissimo, è il tecnico del "mio" Avellino, Massimo Rastelli. Bene, il futuro è tutto suo. Rastelli è il numero 1 della categoria. Motivatore, tattico ed aziendalista. Se aggiungete che guadagna solo 120 mila euro capirete perchè è destinato ad una grande carriera. Con i fichi secchi ha portato l'Avellino in B e con 4 soldi in croce sta trascinando i lupi ai play off. Vedere l'Avellino è una gioia, per noi tifosi del lupo. Se non fosse per arbitri e sfortuna avrebbe tra i 4 e i 7 punti in più in classifica ma capisco che sono discorsi senza senso. Discorsi ragionati sono, invece, quelli sui moduli. Rastelli li adotta in base alle esigenze. Lo scorso anno ha vinto con il 4-4-2, quest'anno ha sempre giocato con il 3-5-2 e da due domeniche vince con il 3-4-1-2. Ha plasmato calciatori come Izzo, Bittante, Zappacosta e Galabinov. Ha rilanciato Fabbro, Schiavon e Castaldo. Il Re Mida della B. Al secondo posto, Roberto Breda. Ha uomini importanti a Latina ma la squadra con lui ha iniziato a macinare punti. Gran lavoratore, giovane e motivato. Anche per Breda la serie A non è un miraggio. Sta facendo un gran lavoro. Chi lavora bene con i giovani e senza grandi disponibilità economiche è l'allenatore del Lanciano, Baroni. Uno come lui, forse, è arrivato troppo tardi sul podio. Il suo modo di fare è vincente e le sue idee pagano. Ci sono tanti allenatori giovani che alla lunga faranno carriera. C'è chi viene nominato perchè vince ma potremmo nominare anche chi, per ora, sembra caduto in disgrazia ma presto farà parlare di sè. Prendiamo l'esempio di Alessandro Calori, quest'anno per poche giornate a Novara. L'Udinese lo tiene d'occhio per il futuro, il Chievo voleva puntare su di lui per il dopo Sannino. Quest'anno la classifica non gli ha dato ragione ma i fatti sì. Aziendalista, giovane e preparato sul campo. A Novara ha tirato fuori dal cilindro due giovani del '94, Vicari e Manconi, che adesso si stanno riscoprendo delle pietre preziose per il club. A gennaio ha voluto dal mercato Laner e Sansovini e, proprio loro due, si stanno rivelando decisivi per la corsa alla salvezza del club piemontese. A volte meglio parlare prima che dopo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.