VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
Editoriale

Berlusconi, prima del Milan vendi Seedorf. Inter, prendi Marino e torni grande. Corvino, basta ferie: ti aspettiamo. Ecco i tre migliori allenatori della B...

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983. Vive e lavora a Milano dal 2005. Ha diretto la Redazione di Sportitalia fino allo scorso novembre. Ha curato e condotto i Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Mail: mcriscitiello@micri.it Twitter: MCriscitiell
10.03.2014 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 53918 volte
Berlusconi, prima del Milan vendi Seedorf. Inter, prendi Marino e torni grande. Corvino, basta ferie: ti aspettiamo. Ecco i tre migliori allenatori della B...

Solitamente quando una notizia viene smentita è perchè sotto c'è qualcosa di vero. Figuratevi se viene smentita due volte in 20 ore, vuol significare che hai fatto centro. Lo scorso 16 dicembre scrivemmo del Milan in vendita, ci beccammo fischi e pernacchie. Bloomberg ha lanciato il boomerang e gli è tornato indietro con smentite di Fininvest e del Cavaliere. Noi abbiamo rilanciato dell'interesse di Squinzi, spiegando il perchè dell'arrivo dei milanesi a Sassuolo e anche Squinzi, 24 ore dopo Berlusconi, si è ritrovato a smentire. Ma non fu proprio lui a dire di voler intervenire nel progetto del nuovo stadio? E, come mai, dal Milan hanno fatto sapere che sarebbero disposti a cercare nuovi soci, seppur in minoranza, per un totale di 150 milioni? Tante coincidenze ma in questo momento conviene concentrarsi sul campo, altrimenti da 700 milioni il valore del club scende ulteriormente. Perché il valore dei calciatori è minimo, degli impianti anche e, purtroppo, anche la frase "l'ex club più titolato al Mondo" non si traduce in soldi. Insomma, più passa il tempo e più il Milan perde valore senza investimenti. Avete visto la squadra a Udine? Senza anima, senza gioco e senza idee. Potremmo dire che Seedorf, oltre ad una nuova panchina a San Siro, non ha portato nulla di più. Da calciatore bastava una telefonata ad Arcore, anche dopo una sconfitta, per passare dalla parte della ragione. Da allenatore ti salvano solo i risultati e una vittoria a Madrid potrebbe cambiare il giudizio su di lui, in parte. Una volta occorreva la preparazione per diventare allenatori, adesso con un pò di improvvisazione, un buon curriculum da ex calciatore e un Presidente amico puoi allenare quasi quasi anche il Real Madrid. Ci scusi, Ancelotti che è un grande Mister. L'esempio è dovuto alla grandezza del club. Seedorf è l'uomo giusto per affondare il Milan. I tifosi rossoneri, adesso, si sentiranno offesi ma dovrebbero capire che chi critica in questo momento la squadra fa solo il bene del club per un futuro da grande Milan e non da società che vive alla giornata. Nulla contro Clarence ma aver accettato di subentare in corsa è stato l'autogol più grande che potesse fare; un ritiro precampionato e una sessione di mercato lo avrebbero aiutato maggiormente.
Chi deve decidere cosa fare da grande, al più presto, è l'Inter. Qui il problema non è in panchina, perchè quell'antipatico di Mazzarri è bravo. Bisogna trovare un Direttore Generale che faccia il suo mestiere e copra il vuoto di potere del buon Thohir che, per forza di cose, non può occuparsi di Inter 365 giorni all'anno. Nessuno tocchi Piero Ausilio. Come Direttore Sportivo è perfetto. Lavora sui giovani e ha un occhio clinico per i campioni. Ausilio, in tutti questi anni, è stato danneggiato dalla presenza di Marco Branca. A proposito: si dice in giro che Branca sia stato liquidato dall'Inter con 3,5 milioni di euro e, a breve, se lo potrebbero ritrovare nel Principato di Monaco. Tornando ad Ausilio, al suo fianco gli serve un vero Direttore Generale. Si era fatto il nome di Pierpaolo Marino, beh sarebbe l'uomo giusto al posto giusto. Nessuno, in Italia, ha l'esperienza di Marino e i miracoli di Napoli parlano ancora da soli. Oggi è all'Atalanta ma, una salvezza all'anno, seppur conquistata con 12 giornate di anticipo potrebbe stare stretta ad un Direttore che del Napoli di De Laurentiis ha gestito anche la mancanza della carta igienica a Castelvolturno. Senza estremizzare, all'Inter, occorre questa figura e questo personaggio.
Dopo tre anni di battaglie mediatiche vorremmo riaprire le porte del nostro calcio a Pantaleo Corvino. Ne abbiamo scritte tante su Corvino, siamo certi che ha commesso degli errori e il suo comportamento spesso è stato discutibile ma, a vedere i suoi colleghi oggi, ci viene da essere sinceri: uno che almeno capisca di calcio ci vorrebbe. Corvino ha scritto pagine importanti a Firenze, ha creato calciatori e plusvalenze dal nulla e oggi non è giusto che resti ancora fuori. Ha pagato, molto di più di suoi colleghi che dopo enormi danni sono ancora in giro a piede libero a cercare calciatori. Un Presidente che vuole costruire un progetto vincente potrebbe trovare in Pantaleo Corvino un buon braccio armato. Chi legge questo editoriale starà pensando "avrà fatto pace con Corvino". Non lo sento e non lo vedo da una vita e, credetemi, neanche ho voglia di sentirlo. Ma quando scriviamo è solo per amore della verità. Che piaccia o meno.
In chiusura, un piccolo corner dedicato ai cadetti. Agli allenatori della B, per la precisione. Vogliamo votarne tre per il futuro che, però, parlano al presente. Inutile citare Iachini del Palermo e Beretta del Siena. Sono garanzie assolute. Il primo nome di un grande allenatore, giovane e preparatissimo, è il tecnico del "mio" Avellino, Massimo Rastelli. Bene, il futuro è tutto suo. Rastelli è il numero 1 della categoria. Motivatore, tattico ed aziendalista. Se aggiungete che guadagna solo 120 mila euro capirete perchè è destinato ad una grande carriera. Con i fichi secchi ha portato l'Avellino in B e con 4 soldi in croce sta trascinando i lupi ai play off. Vedere l'Avellino è una gioia, per noi tifosi del lupo. Se non fosse per arbitri e sfortuna avrebbe tra i 4 e i 7 punti in più in classifica ma capisco che sono discorsi senza senso. Discorsi ragionati sono, invece, quelli sui moduli. Rastelli li adotta in base alle esigenze. Lo scorso anno ha vinto con il 4-4-2, quest'anno ha sempre giocato con il 3-5-2 e da due domeniche vince con il 3-4-1-2. Ha plasmato calciatori come Izzo, Bittante, Zappacosta e Galabinov. Ha rilanciato Fabbro, Schiavon e Castaldo. Il Re Mida della B. Al secondo posto, Roberto Breda. Ha uomini importanti a Latina ma la squadra con lui ha iniziato a macinare punti. Gran lavoratore, giovane e motivato. Anche per Breda la serie A non è un miraggio. Sta facendo un gran lavoro. Chi lavora bene con i giovani e senza grandi disponibilità economiche è l'allenatore del Lanciano, Baroni. Uno come lui, forse, è arrivato troppo tardi sul podio. Il suo modo di fare è vincente e le sue idee pagano. Ci sono tanti allenatori giovani che alla lunga faranno carriera. C'è chi viene nominato perchè vince ma potremmo nominare anche chi, per ora, sembra caduto in disgrazia ma presto farà parlare di sè. Prendiamo l'esempio di Alessandro Calori, quest'anno per poche giornate a Novara. L'Udinese lo tiene d'occhio per il futuro, il Chievo voleva puntare su di lui per il dopo Sannino. Quest'anno la classifica non gli ha dato ragione ma i fatti sì. Aziendalista, giovane e preparato sul campo. A Novara ha tirato fuori dal cilindro due giovani del '94, Vicari e Manconi, che adesso si stanno riscoprendo delle pietre preziose per il club. A gennaio ha voluto dal mercato Laner e Sansovini e, proprio loro due, si stanno rivelando decisivi per la corsa alla salvezza del club piemontese. A volte meglio parlare prima che dopo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta 23.06 - Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...

EditorialeDI: Marco Conterio

E' il calciomercato più bello del nuovo millennio. Casi shock e trasferimenti record: la top ten dei tormentoni ma siamo solo all'inizio 18.06 - E' un'estate calda, ma questo non è certo una novità. Solo che quest'anno, sotto l'ombrellone, ci stiamo già godendo la più bella e divertente sessione di mercato da anni a questa parte. In ordine sparso: la bomba Cristiano Ronaldo con il Real Madrid. L'avvento dei cinesi del Milan...

EditorialeDI: Mauro Suma

Donnarumma: costi quel che costi. Suning tra ex juventini ed ex milanisti. Da Cardiff a Castellammare 17.06 - Non l'ha ordinato nessuno ai tifosi del Milan di innamorarsi di Donnarumma. Nemmeno ai bambini ai quali, come per Kakà, e torneremo su questa nemesi, è particolarmente difficile spiegare cos'è successo. Ma non è il tempo del pistolotto moralistico: solo analisi e solo dettagli. Era...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma, ecco perché va via. Una storia scandalosa. Il Real lo aspetta, ma anche la Juve. Tornerà in Primavera o andrà in tribuna. Piace Neto. Inter, via Perisic. Nel mirino Bernardeschi e Borja Valero. Allegri aspetta Iniesta 16.06 - Donnarumma, una storia scandalosa. Una società investe sul settore giovanile, fa crescere un bambino, lo lancia in serie A, gli offre cinque milioni di ingaggio per cinque anni (una follia) e lui che fa? A diciotto anni dice no, vuole andar via per più soldi e forse più gloria. Una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter colpo a centrocampo, Juve passi avanti per N'Zonzi (e non solo), Milan il giorno di Donnarumma 15.06 - Si presenta Spalletti e spiega la sua filosofia. E mentre si presenta i suoi direttori lavorano per consegnargli una squadra che possa ricalcare più possibile le sue idee. Ecco perché è partita l'offensiva per Borja Valero. Il giocatore era già in cima alla lista dei desideri di Spalletti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan regina del mercato ma il prezzo lo fa la Juve… Chelsea-Insigne, mai nella vita! Inter, Perisic partirà. Ania, l’amica che tutti sognano… 14.06 - Ormai il caldo si è impossessato delle nostre giornate. Le temperature sono sempre più hot, così come il mercato. Si parla di milioni come se fossero noccioline… Sontuoso quanto sta facendo il Milan. Zittiti tutti coloro che dubitavano della solidità della nuova proprietà cinese....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.