VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Bigon ha cambiato il Verona... ma soprattutto il Napoli. Giuntoli, miglior DS italiano per conoscenza di calciatori. Milan, non sei guarito. Buffon ha fatto bene, basta finti moralisti. La Primavera ha bisogno della riforma

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
09.11.2015 10:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 57793 volte
© foto di Federico De Luca

Nel calcio di oggi i direttori sportivi contano più degli allenatori. L'allenatore incide al 20%, un bravo DS al 30%. La squadra, ovviamente, fa il 50%. Se il tifoso crede che un Direttore sia bravo solo da giugno ad agosto per la campagna acquisti e cessioni, allora, è fuori strada. Ci sono due categorie di Direttori. Quelli che fanno da talent scout che girano i campi e cercano calciatori e quelli che devono far quadrare i conti ma soprattutto devono parlare tre volte al giorno con l'allenatore ed occuparsi della gestione del gruppo. Il quotidiano è fondamentale. Un Direttore che neanche entra nello spogliatoio si può considerare un impiegato bancario. A Napoli erano abituati a Riccardo Bigon. Lui la gavetta l'ha fatta, eccome. In poco tempo è passato da consegnare a Reggio Calabria la lavagna luminosa al quarto uomo a comprare calciatori per il Napoli. Adesso che non c'è più se ne stanno accorgendo i napoletani e i napoletani intelligenti oggi capiscono che negli ultimi anni non parlavamo male del Napoli per partito preso ma perché avevamo un'idea precisa di come veniva gestita quella società. A Verona, negli ultimi anni, andavano forti come un missile. Quest'anno sembrano una vecchia 500 con il motore ingolfato. Eppure non è cambiato nulla. Cooooosa? Mandorlini è lo stesso degli ultimi 5 anni, la squadra non è stata smantellata e per chi crede che Toni fosse mezzo Verona sarebbe giusto ricordare che Pazzini è costato un capitale e Toni non poteva essere eterno. Siccome non vogliamo mettere la croce addosso a Bigon dobbiamo anche essere onesti con noi stessi. A Verona ci sono un po' di anomalie. Non sappiamo come viene gestita la parte economica del club, non conosciamo i movimenti della proprietà e non sappiamo se le colpe tra Bigon e Gardini vadano divise al 50%, oppure debbano essere attribuite a quest'ultimo all'80%. Mandorlini non è uno dei nostri allenatori preferiti, sia chiaro, ed è anche un grandissimo rompiscatole, ma che sia solo lui il problema del Verona è abbastanza riduttivo. Verona rischia di fare la fine del Cagliari. Il Carpi non si è goduto neanche un giorno della sua serie A e il Frosinone vive sperando che qualcuno faccia peggio e che quest'anno possano bastare 38 punti per salvarsi. Napoli sogna. Napoli ha finalmente scoperto il valore di un vero Direttore Sportivo. Cristiano Giuntoli oggi è l'unico Direttore Sportivo in Italia a conoscere i calciatori. Alt: un altro fenomeno è Paratici ma dopo tanti anni di Juventus, Paratici è più orientato verso l'estero, mentre Giuntoli ha ancora la polvere in bocca e conosce meglio di tutti gli altri anche i calciatori delle categorie minori. Quando fai un nome a Giuntoli di un calciatore di serie C lo conosce, gli altri non li hanno neanche sentiti nominare o al massimo si informano attraverso i procuratori. La grande forza di Giuntoli che gli ha permesso di arrivare al Napoli è la concorrenza scarsa di Direttori mediocri e presuntuosi. Abbiamo addetti ai lavori che non conoscono i calciatori, grazie a quel fenomeno di Campodonico vivono su wyscout e credono di sapere di calcio. Mentre il Milan ha l'oro in Bacca... il Napoli ha l'oro in bocca. Avere Giuntoli è garanzia sul futuro. E' come pagare bollo e assicurazione. Giuntoli è bravissimo nella gestione della settimana e riesce ad avere calciatori che altri club ignorano. Entro dicembre avrà una rete scouting personalizzata e quella sarà la vera svolta del Napoli di De Laurentiis. Introduciamo l'argomento Milan: ma secondo voi è normale che Galliani sia rimasto a Gullit, Savicevic, Kakà e Gattuso? Se oggi parlate con Galliani di qualche talentino internazionale e fate le stesse domande ad un 17enne di Meda, il ragazzino vi saprà dare delle risposte più dettagliate. Perché? Semplice. Si aggiorna con i giochini, li studia su internet e vede le partite a scrocco sui siti pirata. Il ragazzino di Meda non ha la preparazione ma ha la conoscenza e il grande Direttore Sportivo non ha la conoscenza perché gli manca il tempo per lo studio di tutti i giorni. L'aggiornamento. Quando parliamo dei mali del Milan, si punta sempre il dito sul fattore economico. Fesseria. Il problema della società è che negli anni non si è evoluta e non si è mai posta il problema di organizzare una rete di osservatori in giro per il mondo. L'unico punto di incontro è Raiola che giustamente fa i suoi interessi e non quelli del Milan. Braida era il valore aggiunto e lavorava molto con Oscar Damiani e Fabio Parisi. Andato via Braida è venuto meno anche quell'aggancio con il calcio francese che avrebbe potuto portare ancora dei benefici ai rossoneri. Sinisa sta lavorando intensamente e crede fortemente nel progetto. Il giorno di Milan-Atalanta va a vedere la Primavera che gioca contro il Perugia e ha il grande merito di aver lanciato Donnarumma per convinzione e non per necessità. Il problema, come dimostrato in passato, non è l'allenatore ma l'organizzazione societaria. Sono tante le società con un presente e senza futuro. Con Direttori fantocci che pensano solo al loro guadagno, a nero attraverso giri di procuratori, e non al bene della società. Ne parleremo più avanti, con nomi e cognomi e con fatti e non con le chiacchiere. Prima, però, dovranno uscire di scena Presidenti o pseudo tali.
Andiamo sulla Juventus: qualcuno ha avuto da ridire per lo sfogo di Gigi Buffon. Sinceramente siamo stanchi dei professori e dei falsi moralisti. Ci lamentiamo che i calciatori parlano come un registratore in automatico dove basta premere Play Rec, poi dicono cose giuste e non si possono permettere perché alcune cose vanno dette solo nello spogliatoio. Chiediamo calciatori con personalità, poi la mostrano e non va bene. Vogliamo le bandiere, poi sventolano e ci accontentiamo delle aste. Finiamola! Tutti finti come i soldi del monopoli (a proposito, sapevate che si stampano più soldi del monopoli che banconote vere?). Buffon doveva strigliare la squadra e l'ha fatto. Ha tutto il diritto, uno che ha vinto tutto e ti ha tenuto la barca a galla per anni. Chi è andato in B con la Juventus può permettersi questo e tanto altro. Se qualche calciatore della Juventus si lamenta dello sfogo di Buffon vada a giocare nel Carpi e si faccia un esame di coscienza. Buffon doveva appenderli al muro per come la Juventus ha iniziato questo campionato. Allegri è un buon allenatore ma manca in personalità. Ottimo gestore, leader mediocre. Buffon è il capitano, simbolo e l'unico top player che ha questa Juventus. Quando parla lui, tutti zitti. Moralisti compresi.
In chiusura, una partita che il calcio italiano proprio non vuole giocare. Ogni anno di questi tempi rinviamo. Il nostro sistema sta morendo e nessuno fa nulla per tenerlo vivo. Bisogna partire dalla riforma. La prima riguarda gli stadi, la seconda la riforma del campionato Primavera. Le grandi società devono fare da traino. Galliani, Thohir, Agnelli e Lotito devono lottare per far passare la riforma e non aspettare che arrivi la Divina Provvidenza. Il settore giovanile è la base. Le grandi squadre devono giocare con altre grandi squadre. Vogliamo un campionato Primavera con Inter-Milan, Juve-Roma, Napoli-Fiorentina etc etc... Così si fanno crescere i giovani. Le società che partecipano a questo campionato devono essere obbligate a far giocare almeno due partite casalinghe nello stadio della prima squadra. I nostri giovani devono imparare da subito ad affrontare la competizione e non si può giocare su campi da oratorio. La crescita diventa ancora più complicata. Seguiamo i modelli vincenti e facciamo un giro in Inghilterra. Milan, Inter, Torino, Roma, Lazio e Juventus devono assumersi questa responsabilità. Ci sono ancora diversi mesi avanti per cambiare un mondo che non cambierà mai se nessuno ci proverà.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.