VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Bombe allo stadio, ad Arcore fuochi... cinesi! La mossa disperata di Mr Bee per prendersi il Milan. Due colpi in canna per l’Inter, ma solo se arriva l’Europa. E il Napoli pensa a una mossa Special

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai, TeleLombardia e Sportitalia
28.04.2015 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 49876 volte
© foto di Federico De Luca

Siccome non ho niente da fare e purtroppo di bombe me ne intendo meno che di calcio (il ché è tutto dire), ho ben pensato: “Ma che minchia è una bomba carta?”. Stuzzicato da questo simpatico interrogativo mi sono arrovellato: “Sarà complicatissimo fabbricarne una, chissà quali segreti si nascondono dietro l’ideazione di un ordigno così ingegnoso”. La cosa in effetti è talmente tanto misteriosa che se scrivi su Google “Costruire una bomba carta” escono, nell’ordine: 1) Un video di Youtube che ti spiega per benino come fare il culo al tuo vicino di casa se per caso non ti presta lo zucchero. 2) I puntuali e sempre graditi consigli degli esperti iscritti al forum “Costruire una bomba carta”. 3) Succoso link che ti aiuta ad aumentare il rimbombo dell'esplosione.
Gli amici del forum, in particolare, vogliono assai bene all’internauta e lo aiutano passo dopo passo nella costruzione neanche fossero quelli del Consorzio Nettuno: segnalano gli "ingredienti" da utilizzare, come utilizzarli, infine forniscono quelli che potremmo definire “i segreti del perfetto lanciatore di bombe carta”. Una specie di puntata de “La prova del Cuoco” solo dedicata a gente altamente fuori di melone e dotata di cervello minchiforme.
Dopo la lezione sugli ordigni, sarebbe bello dedicare tutto l’editoriale ai “dieci tutorial per i beota da stadio” (come attaccare il pullman degli avversari; come ricattare il proprio presidente; come organizzare una perfetta sassaiola; come costringere i propri giocatori a levarsi la maglia sotto la curva in caso di vergognosa sconfitta; tutto sui passamontagna alla Ivan il Terribile: dove si comprano, quanto costano; eccetera eccetera), ma non vorremmo finire nel neonato club “piccoli Ormezzano crescono”, ovvero quello dei giornalisti che secondo taluni sarebbero capaci di fomentare il popolo e indirizzare i pensieri delle masse con una semplice articolessa. Noialtri non lo riteniamo possibile, ma ci fidiamo di Marotta e osiamo alla grandissima: “Per un calcio più cazzaro dona il 4X1000 a Fabrizio Biasin. Scrivigli su Facebook e lui ti darà il suo Iban. Fallo zioeva!”. Se domani mi arriva del grano allora potremo asserire che Marotta aveva ragione: i giornalisti sono in grado di far partire la brocca alla gente. In caso contrario resteremo convinti del fatto che se uno si mette in cantina a fabbricare bombeammano, costui non si fa condizionare da un articolo di giornale, semmai dal suo stesso cervello bacato (e comunque il 4X1000 lo chiediamo anche a lui, ché noi della Fondazione Biasin non diciamo no a nessuno).
Veniamo alle cose più o meno serie, fate voi.
Mr Bee è arrivato a Milano. Vuol comprare il Milan. Lo dice a tutti: ai giornalisti, a quelli che incontra per strada, alle commesse di via Montenapoleone dove è stato avvistato a fare shopping. Il problema è che si è dimenticato di prendere appuntamento con Berlusconi, che poi è il capo del cucuzzaro. Sembra, in pratica, che il thailandese non sia così gradito dalle parti di Arcore: forse verrà accolto nel villone, ma solo per poi essere definitivamente allontanato con un “grazie e arrivederci” (la penale? Non esiste, almeno per come ce l'hanno raccontata). Il fatto è che Silvione un accordo di massima già ce l’ha ed è quello con i cinesi. La faccenda dovrebbe essere più o meno questa: il governo di Pechino vuole il Milan perché subodora l’affare, “consiglia” (obbliga?) taluni facoltosi investitori cinesi a comprare il 50% circa del club (i nomi son sempre quelli: da Mr Pink in giù), il resto verrà acquistato tramite azionariato popolare con orde di cinesi che spenderebbero 1.500 euro circa cadauno per impossessarsi della loro “mini-quota” di Milan. Il tutto avverrebbe nel breve-medio periodo: Berlusconi manterrebbe la maggioranza ancora per qualche anno, diciamo fino alla costruzione del nuovo stadio.
Ora, detto che ad oggi le cose stanno così, ci tocca fare auto-denuncia: tutte queste boiate ve le raccontiamo settimanalmente e settimanalmente cambiano neanche fossero flirt attribuiti alla Buccino. La verità è che non sappiamo come andrà a finire la faccenda (solo Silvio sa cosa vuol fare Silvio), ma sappiamo con certezza che di questo passo anche la prossima, per il Diavolo, sarà una stagione “di passione”. Chi sta programmando il mercato? Con quali soldi? Chi sarà l’allenatore? Queste domande non hanno risposte semplicemente perché risposte non ce ne sono. La situazione - da Galliani a Inzaghi fino ai giocatori - è “congelata” con il risultato che ogni giorno che passa è un giorno in più regalato alla concorrenza per aumentare il già marcato divario tecnico: il mercato “intelligente” si programma adesso, quello degli ultimi tre giorni è semplicemente quello della disperazione e dei conti disastrati (nell'ultimo bilancio si registrano poco meno di cento milioni di passivo. Come dire che il raddoppio degli amministratori delegati al momento ha avuto un unico effetto: il raddoppio dei debiti).

Per il resto stiamo assistendo alla totale disgregazione di un gruppo il cui allenatore, oggi, in risposta ai fatti del pre e, soprattutto, post Udinese-Milan salterà la conferenza stampa secondo la logica del “se non parlo magari si dimenticano del disastro generale. Nel frattempo speriamo che il ritiro finisca presto che ci si annoia molto. Ah, l’ho indetto io? Davvero? Come dite? A tempo indeterminato? Ma siamo matti?". Chissà, invece, se prima o poi in società si preoccuperanno di dare risposte ai promotori dell'hashtag #saveacmilan, ovvero i tifosi. Già, ci sono anche loro, quelli che hanno acquistato l'abbonamento perché "senza te non siamo noi" è ora si domandano "sì, d'accordo, ma dove siete voi?"
Da Udine a Udine, dal Milan all'Inter che rivede in lontananza l'Europa dopo la vittoria sulla Roma grazie alla mossa di Mancini del "tutti all'attacco senza paura!". Guai però a esaltarsi troppo: la squadra giallorossa in questo periodo non è un test così probante. Così come continuano a essere pericolose certe voci legate al prossimo mercato nerazzurro. Prendiamo Dybala: l'argentino costa tanto, troppo - Zamparini ha sparato i soliti 50 milioni, alla fine si accontenterà di 30 - ma accaparrarselo vorrebbe dire sacrificare quell'iradiddio di Icardi. Avrebbe senso? No. In attesa della firma di Maurito sul rinnovo (pare un parto...) il giovine non vede l'ora di intascare il premio di 400mila euro se riuscirà a laurearsi capocannoniere (Tevez e Toni permettendo). Meglio guardare più vicino, ad Allan e Widmer ad esempio, obiettivi a lungo inseguiti anche se l'Udinese è sempre una bottega difficile dove fare affari. Dall'Inter per intenderci ci fanno sapere che l'esterno piace ma 12 milioni sono troppi. Sul centrocampista, invece... Dipende dal citatissimo Yaya Tourè: se arriva l'ivoriano per qualsivoglia miracolo divino, per gli altri non c'è posto a meno che non si concretizzi un'insperata qualificazione all'Europa League.
La rimonta Champions può sognarla invece il Napoli che a -2 dalla Roma corre come se fosse ancora in ritiro. Dopo il colpo di genio del patron, il buon Rafa ne ha escogitata un'altra (copiata però dall'eterno nemico Mourinho): “Silenzio stampa fino a fine stagione”. Qualcuno sostiene che alla fine lo spagnolo resterà sul Golfo, noi continuiamo ad essere scettici, non fosse altro che Sinisa a domanda precisa su cosa farà l'anno prossimo pare abbia risposto "state senza pensieri...".
Ora scusate, mi aspettano per una cena clamorosa: la seguente (e consueta) boiata tratta dal mio Facebook, vi chiarisce la questione.
Ho comprato una roba su uno di quei siti che fanno le mega offerte tipo "Pupon" (nome fittizio). Ogni tanto, in effetti, acquisto puttanate senza senso: orologi spaziali che non danno l’ora e forse esplodono, cazzibibboli osceni tipo cuscini a forma di biscotti scaduti, semi per sequoie (non ho il giardino), tre chili di caramelle evidentemente pre-leccate. Mi faccio fottere dal millantato scontone. Per dire, le caramelle pre-leccate te le fanno a 9,90 euro e mettono una X su 79,99 . E tu pensi: “Minchia, 70 euro di sconto, un affare per tre chili di pre-leccate. Le prendo”. Quando ti rendi conto che il prezzo iniziale è “leggermente” gonfiato è quasi sempre troppo tardi. In ogni caso sto andando fuori tema. Semplicemente questa volta mi hanno regalato 5 massaggi in un posto che forse fa massaggi. E’ andata così. Io: “Pronto”. Lei (voce civettuola): “Buongiorno, centro MegaMassaggiTotali, mi dica!”. Io: “Mi hanno regalato un coupon e vorrei…”. Lei, con udibile scazzo-bestiale: “Ah, un coupon… Deve mandare la mail e comunque prima di settobre non c’è spazio”. Io: “Ma scusi, non le ho detto neanche cosa mi hanno regalato e soprattutto non so quando cada settobre…”. Lei: “Senta, vuole i suoi massaggi a quattro lire? Mandi la mail e ci vediamo dopo l’estate”. Io, con fare vagamente giavannadarchesco: “Ma io protesto! Dispongo di regolare coupon!”. Lei: “Eh no bello de zia: nei 59,90 sono compresi solo i massaggi, per le proteste c’è da pagare il supplemento. Mandi la mail o paghi il supplemento. Saluti”. Io: “Ma a quale indiriz…”. Appende. Ora, ammetto che la telefonata è vagamente romanzata (ma solo vagamente, giuro). In ogni caso, oh tu amica che hai scelto di affiliare la tua attività a Pupon o simili, io te lo dico: sarò anche il pezzente che compra le pieghe illimitate da “Capelloni” a 29,90 nonostante l’evidente calvizie, ma tu i massaggi me li fai con lo stesso entusiasmo che metteresti se avessi tra le mani Gabriel Garko strafatto di Roipnol. E colcazzo me li fai a settobre, aspetto massimo fino a maggiugno, sia chiaro. E ora scusate ma stasera ho una “pizza ai 4 Sali finché muori a 9,90 esclusa acqua che invece costa molto”. Ziocoupon. (@FBiasin)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.