VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Bravo Galliani, Lapadula ottimo colpo. De Laurentiis, sveglia: Napoli non merita tanti "no"! Direttori: addio alle vecchie volpi; avanti con i giovani

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
27.06.2016 15:51 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 42766 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Preziosi si è offeso che Galliani gli ha soffiato Lapadula mancandogli di rispetto. Quando vi dicevamo che alcune sinergia non fanno il bene delle società che rappresentano non ci credevate. Così tutti si sentono autorizzati ad avere pretese assurde. Pensate se il Milan non deve andare su Lapadula perché sull'ex pescarese c'era anche Preziosi. Cose assurde. Questa volta Galliani, invece, ha fatto un grande colpo e gli va riconosciuto. Presi i 13 milioni di El Shaarawy dalla Roma ha subito battuto la concorrenza. Eppure, per le note ragioni, i rossoneri sono quelli che si erano seduti al tavolo di Alessandro Moggi e Daniele Sebastiani per ultimi. Galliani ha piazzato il colpo e - se vanno fatti i complimenti al Milan - c'è da dire che ne esce malissimo il Napoli e vengono beffate due società importanti come Genoa e Sassuolo. Il discorso è semplice: il Napoli si era mosso scomodando anche Sarri pur di convincere Lapadula a vestire la maglia azzurra. Si era parlato anche di un cambio di modulo per agevolare la cessione di Lapadula da Pescara a Napoli. Non è servito a nulla e, se De Laurentiis continua così, i napoletani devono capire che i rifiuti saranno sempre di più. Il Napoli si muove, li sonda, li tratta e li perde. L'atteggiamento si sta consolidando sempre più e una squadra che fa la Champions League e ha un entusiasmo alle spalle clamoroso non può permettersi di perdere un giocatore seguito e scelto, in favore del Milan, che è in crisi nera e le coppe le vedrà anche quest'anno in televisione. Non vorremmo essere nei panni di Cristiano Giuntoli che da buon Direttore segue e punta i rinforzi ma poi - quando arriva la fase della concretezza - non riesce a chiudere un colpo. Il Presidente De Laurentiis dovrà interrogarsi su queste situazioni di mercato che danneggiano anche a livello di immagine il Napoli. Non venite a dirci adesso che Lapadula non era un obiettivo primario perché ci viene da ridere. Se un allenatore telefona ad un calciatore pur di convincerlo significa che nei piani degli azzurri Lapadula era in cima alla lista. In tutto questo marasma qualcuno ha capito se Gabbiadini resterà o meno a Napoli?
Il problema del calcio diventa sempre più comune. Ed è nei Direttori Sportivi. Troppa gente che lavora per amicizia e non per competenze. La meritocrazia non esiste e prevale sempre l'amico dell'amico del fidanzato della zia di nonna Peppina sul giovane che ha voglia di andare a vedere mille partite sui campi, con tanto di relazioni scritte. Le vecchie volpi non vanno più bene, hanno mangiato troppo e ormai scoppiano. Considerate anche che i Presidenti sono sempre più Direttori Sportivi e hanno voglia di fare il mercato in piena autonomia per due principali motivi: il primo è che non si fidano dei Direttori che gli ciullano i soldi tramite procuratori e il secondo che giustamente si vogliono divertire con il loro giocattolino. Vedete Sebastiani a Pescara. Il Presidente è molto bravo e non ha avuto bisogno di un vero Direttore Sportivo per incassare una barca di soldi e per raggiungere la serie A; fa quasi tutto da solo. Complimenti. Sabatini a Roma ha perso anche quel briciolo di considerazione che gli era rimasta tra gli addetti ai lavori. Per tutto l'anno scorso ci ha raccontato che sarebbe andato via ed è rimasto. Ci ha fatto credere che se fosse andato via Garcia sarebbe andato via anche lui, invece al posto delle rotelle sotto la poltrona si è messo i bulloni. Sarei curioso di andare a Trigoria solo per vedere la scrivania di Walter. Un genio. Pallotta dagli Usa guarda i cartoni animati. Lo Monaco è dovuto ripartire dalla serie C pur di lavorare a condizioni imposte da Pulvirenti ai limiti della decenza per un Direttore che a Catania ha fatto la storia e, invece, pur di rientrare ha accettato condizioni assurde. I giovani che crescono sono bravi. Su tutti Giuntoli, giovane ma big. Napoli ha pescato bene ma Giuntoli non basta se De Laurentiis non lo segue. Un altro che farà carriera è Luca Nember del Chievo Verona. Dopo Sartori al Chievo avevano preparato il drappo in segno di lutto, invece con Nember hanno fatto bingo. Giovane e gran lavoratore, la fortuna del Chievo è il Direttore che ha gestito con grandissima personalità la difficile situazione Maran quando doveva andare a Bergamo e invece con convinzione e senza isterismi Nember lo ha blindato, forte del contratto firmato. Faggiano a Trapani continua a fare miracoli, Goretti a Perugia costruisce squadre forti ogni anno per puntare alla promozione. I giovani sono il futuro, le vecchie volpi non riescono neanche più ad arrivare all'uva. Semplicemente perché è finita e da mangiare sull'albero è rimasto poco o nulla.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: una fantasia e una possibilità... Real. Inter: Joao Mario e Eder, occhio alle partenze! Milan: gli effetti della vittoria sugli attacchi esterni (e Gattuso...). Napoli: ecco quali sono i colpi giusti. Roma: "i tempi" sbagliati 23.01 - Ciao. Volevo partire con un ragionamento a voce alta. Siamo in piena campagna elettorale. Ma perché tutti i candidati dicono sempre “ho fatto”, “farò”, “quell’altro è uno stronzo” e nessuno, mai, dice “allora, parliamoci chiaro, non sono proprio il numero uno, a volte combino delle...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, mercato di gennaio intelligente: ecco cosa manca. Milan, si accende la luce di Rino e si spegne quella di Fassone. Verona assurdo: Pecchia e Fusco non da A. FIGC, Tommasi faccia un passo indietro... 22.01 - Difficile chiedere qualcosa di più, sul mercato, all'Inter. Senza soldi ma con molte idee. Suning tiene chiusa la borsa cinese e, prima o poi, dovrà spiegare anche cosa vorrà fare di questa Inter; affida a Sabatini l'arduo compito di rinforzare una squadra che senza Champions vedrebbe...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Verdi-Napoli: in estate scopriremo la verità. Milan, fidarsi di Mendes è stato un errore. Cosa fai Monchi? La Roma sta rischiando grosso 21.01 - Ma cosa passa nella testa di alcune persone? Me lo sono chiesto in questi giorni vedendo le reazioni e alcuni messaggi rivolti a Simone Verdi - e persino alla sua compagna - per la scelta di restare al Bologna. Offese personali, addirittura qualche minaccia di morte. Ma perché? Badate...

EditorialeDI: Mauro Suma

Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan? 20.01 - Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi...

EditorialeDI: Luca Serafini

Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.