VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Bravo Sarri: Napoli-Fiorentina non è una sfida Scudetto. Juve e Roma: due posti Champions sono già prenotati. Italia, Florenzi è il giocatore più forte. Serve un terzino? Guardate a Bari

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
18.10.2015 09:18 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 36066 volte
© foto di TuttoMercatoWeb.com

Siamo ancora nel bel mezzo dell'ottava giornata, all'inizio di una lunga maratona. Eppure, più di qualcuno sembra non essersene accorto. Le prime sette giornate hanno dato indicazioni confuse, ma c'è già chi è pronto a sparare sentenze definitive.
Esempi? La Fiorentina, per adesso, è prima. E allora i viola sono i favoriti per il Tricolore. Il Napoli da quattro giornate gioca bene? E allora gli azzurri sono i più accreditati rivali della squadra di Sousa. In barba alla reale forza delle squadre e al fatto che 30 gare di campionato sono ancora da giocare. Giudizi frettolosi che hanno trasformato la gara del San Paolo in un importante crocevia Scudetto.
Perché tutto ciò? E' come fare i complimenti agli sposi per il pranzo nuziale dopo aver mangiato l'antipasto. I viola, se finiranno la stagione tra i primi tre posti, avranno già compiuto un miracolo. Il Napoli, che ha potenzialità più importanti, dovrà ancora uscire indenne da una lunga serie di esami prima di poter pensare sensatamente allo Scudetto senza il rischio di scottarsi.
Più che dare indicazioni da Nostradamus meglio allora ascoltare le parole di Sarri. Un napoletano nel senso più autentico del termine, personaggio fuori da vetusti e sempre inattuali cliché. "La favorita per lo Scudetto? Non può che essere la Juventus". E state certi che non le sue parole non sono dettate dalla scaramanzia visto che di personaggi meno scaramantici ce ne sono pochi. E' semplicemente l'analisi di fatti e dati: come si può escludere la Juve dal ruolo di favorita? Ha vinto gli ultimi quattro Scudetti. Ha perso qualche punto di troppo per strada in questo avvio, ma dopo sette turni è a dieci punti dalla vetta. Non a 100. E solo stasera Allegri avrà per la prima volta tutta la squadra a disposizione.
Poi c'è la Roma. Due volte seconda negli ultimi due anni e regina indiscussa dell'ultima sessione di calciomercato. Il suo gioco non è sempre brillante, è vero, ma già così è davanti al Napoli e ha il migliore attacco del campionato. Non basta?
Escluderle dalla corsa per il titolo a questo punto della stagione è operazione insensata. Dalla corsa Champions, poi, è atto decisamente folle. Anzi, se c'è una piccola certezza è che entrambe visti i giocatori a disposizione finiranno tra le prime tre in graduatoria.
Poi, se Inter, Napoli o altre outsider vorranno puntare a qualcosa in più della qualificazione al terzo posto dovranno fare un vero e proprio miracolo. Ma se miracolo sarà lo si inizierà a capire dopo 27 giornate. Non a fine ottobre.

Capitolo Italia. Non mi va di derubricare questa parentesi con la solita solfa, parlando di una Nazionale che non interessa a nessuno e che queste pause sono solo una inutile perdita di tempo tra una giornata di campionato e l'altra. Non è così, almeno per me. E non tanto per le sfide contro Azerbaigian e Norvegia visto che per la matematica qualificazione a Euro 2016 mancava davvero poco, ma per capire lo stato di salute del calcio italiano nella sua espressione più evidente. Ben vengano allora queste pause, per constatare e fare il punto della situazione, per valutare le condizioni di una Italia che se non è agonizzante poco ci manca.
Conte a Euro 2016 dovrà fare un miracolo perché questa è una delle squadre tecnicamente meno valide degli ultimi anni. La difesa è una certezza tra tante incognite. L'attacco, non ce ne vogliano Eder e Pellé, non è nemmeno paragonabile a quello delle altre nazionali che puntano al trionfo in Francia. Il ct è riuscito a dare un gioco alla squadra, ma manca la materia prima. L'ex condottiero della Juve ha tanti buoni giocatori e poco più. Per restare al passato recente, calciatori come Vieri, Baggio e Del Piero (ma anche il Totti di dieci anni fa) in questa squadra giocherebbero anche con le stampelle. Sono di un altro pianeta rispetto a chi c'è adesso.
E allora su chi puntare per tentare il colpaccio tra qualche mese? Sicuramente su Alessandro Florenzi, un'oasi nel deserto. In questo momento è il giocatore italiano più forte in circolazione e non è solo una questione di condizione fisica. La sua crescita tecnico-tattica nell'ultimo biennio è stata spaventosa. Il parlare spesso, quasi sempre, della sua capacità di ricoprire praticamente tutti i ruoli ha fatto passare sotto traccia la capacità di Florenzi di abbinare una condizione aerobica invidiabile a capacità balistiche quasi uniche e a una tecnica invidiabile. Ha testa, cuore e piede. E in Italia in questo momento non c'è di meglio.

Chiusura sui talenti della Serie B. Nello scorso appuntamento ho posto l'accento su Stefano Sensi del Cesena. Il regista ex San Marino sta crescendo gara dopo gara. La strada da fare per imporsi nel grande calcio sarà ancora lunghissima, ma fa piacere vedere che sempre più osservatori delle big di Serie A campeggiano sugli spalti del Manuzzi per osservarlo dal vivo.
Premesso ciò, passo rapidamente ad altro e ad un altro ruolo. Stefano Sabelli è ormai da anni un punto fermo del Bari, ma è ancora un classe '93. Ha acquisito anche esperienza internazionale partecipando all'ultimo Europeo Under 21 in un'Italia che Di Biagio - visti i giocatori a disposizione - doveva e poteva portare fino alla conquista del titolo. E invece s'è fermato alla fase a gironi.
Sabelli è terzino rapido e tecnico capace di abbinare le due fasi. I margini di miglioramento, soprattutto in fase difensiva, ci sono. Ma a 22 anni non potrebbe essere altrimenti. Il suo nome è sul taccuino delle big da un bel po' di tempo. Tante relazioni e poco più. La scorsa estate è stato trattato da più club, ma non ha un cognome sudamericano e non proviene da un campionato esotico. Gioca nel Bari e sarà presto anche nel giro della Nazionale con la N maiuscola. Basterà questo per puntare su di lui?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.