VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Bravo Sarri: Napoli-Fiorentina non è una sfida Scudetto. Juve e Roma: due posti Champions sono già prenotati. Italia, Florenzi è il giocatore più forte. Serve un terzino? Guardate a Bari

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
18.10.2015 09.18 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 36054 volte
© foto di TuttoMercatoWeb.com

Siamo ancora nel bel mezzo dell'ottava giornata, all'inizio di una lunga maratona. Eppure, più di qualcuno sembra non essersene accorto. Le prime sette giornate hanno dato indicazioni confuse, ma c'è già chi è pronto a sparare sentenze definitive.
Esempi? La Fiorentina, per adesso, è prima. E allora i viola sono i favoriti per il Tricolore. Il Napoli da quattro giornate gioca bene? E allora gli azzurri sono i più accreditati rivali della squadra di Sousa. In barba alla reale forza delle squadre e al fatto che 30 gare di campionato sono ancora da giocare. Giudizi frettolosi che hanno trasformato la gara del San Paolo in un importante crocevia Scudetto.
Perché tutto ciò? E' come fare i complimenti agli sposi per il pranzo nuziale dopo aver mangiato l'antipasto. I viola, se finiranno la stagione tra i primi tre posti, avranno già compiuto un miracolo. Il Napoli, che ha potenzialità più importanti, dovrà ancora uscire indenne da una lunga serie di esami prima di poter pensare sensatamente allo Scudetto senza il rischio di scottarsi.
Più che dare indicazioni da Nostradamus meglio allora ascoltare le parole di Sarri. Un napoletano nel senso più autentico del termine, personaggio fuori da vetusti e sempre inattuali cliché. "La favorita per lo Scudetto? Non può che essere la Juventus". E state certi che non le sue parole non sono dettate dalla scaramanzia visto che di personaggi meno scaramantici ce ne sono pochi. E' semplicemente l'analisi di fatti e dati: come si può escludere la Juve dal ruolo di favorita? Ha vinto gli ultimi quattro Scudetti. Ha perso qualche punto di troppo per strada in questo avvio, ma dopo sette turni è a dieci punti dalla vetta. Non a 100. E solo stasera Allegri avrà per la prima volta tutta la squadra a disposizione.
Poi c'è la Roma. Due volte seconda negli ultimi due anni e regina indiscussa dell'ultima sessione di calciomercato. Il suo gioco non è sempre brillante, è vero, ma già così è davanti al Napoli e ha il migliore attacco del campionato. Non basta?
Escluderle dalla corsa per il titolo a questo punto della stagione è operazione insensata. Dalla corsa Champions, poi, è atto decisamente folle. Anzi, se c'è una piccola certezza è che entrambe visti i giocatori a disposizione finiranno tra le prime tre in graduatoria.
Poi, se Inter, Napoli o altre outsider vorranno puntare a qualcosa in più della qualificazione al terzo posto dovranno fare un vero e proprio miracolo. Ma se miracolo sarà lo si inizierà a capire dopo 27 giornate. Non a fine ottobre.

Capitolo Italia. Non mi va di derubricare questa parentesi con la solita solfa, parlando di una Nazionale che non interessa a nessuno e che queste pause sono solo una inutile perdita di tempo tra una giornata di campionato e l'altra. Non è così, almeno per me. E non tanto per le sfide contro Azerbaigian e Norvegia visto che per la matematica qualificazione a Euro 2016 mancava davvero poco, ma per capire lo stato di salute del calcio italiano nella sua espressione più evidente. Ben vengano allora queste pause, per constatare e fare il punto della situazione, per valutare le condizioni di una Italia che se non è agonizzante poco ci manca.
Conte a Euro 2016 dovrà fare un miracolo perché questa è una delle squadre tecnicamente meno valide degli ultimi anni. La difesa è una certezza tra tante incognite. L'attacco, non ce ne vogliano Eder e Pellé, non è nemmeno paragonabile a quello delle altre nazionali che puntano al trionfo in Francia. Il ct è riuscito a dare un gioco alla squadra, ma manca la materia prima. L'ex condottiero della Juve ha tanti buoni giocatori e poco più. Per restare al passato recente, calciatori come Vieri, Baggio e Del Piero (ma anche il Totti di dieci anni fa) in questa squadra giocherebbero anche con le stampelle. Sono di un altro pianeta rispetto a chi c'è adesso.
E allora su chi puntare per tentare il colpaccio tra qualche mese? Sicuramente su Alessandro Florenzi, un'oasi nel deserto. In questo momento è il giocatore italiano più forte in circolazione e non è solo una questione di condizione fisica. La sua crescita tecnico-tattica nell'ultimo biennio è stata spaventosa. Il parlare spesso, quasi sempre, della sua capacità di ricoprire praticamente tutti i ruoli ha fatto passare sotto traccia la capacità di Florenzi di abbinare una condizione aerobica invidiabile a capacità balistiche quasi uniche e a una tecnica invidiabile. Ha testa, cuore e piede. E in Italia in questo momento non c'è di meglio.

Chiusura sui talenti della Serie B. Nello scorso appuntamento ho posto l'accento su Stefano Sensi del Cesena. Il regista ex San Marino sta crescendo gara dopo gara. La strada da fare per imporsi nel grande calcio sarà ancora lunghissima, ma fa piacere vedere che sempre più osservatori delle big di Serie A campeggiano sugli spalti del Manuzzi per osservarlo dal vivo.
Premesso ciò, passo rapidamente ad altro e ad un altro ruolo. Stefano Sabelli è ormai da anni un punto fermo del Bari, ma è ancora un classe '93. Ha acquisito anche esperienza internazionale partecipando all'ultimo Europeo Under 21 in un'Italia che Di Biagio - visti i giocatori a disposizione - doveva e poteva portare fino alla conquista del titolo. E invece s'è fermato alla fase a gironi.
Sabelli è terzino rapido e tecnico capace di abbinare le due fasi. I margini di miglioramento, soprattutto in fase difensiva, ci sono. Ma a 22 anni non potrebbe essere altrimenti. Il suo nome è sul taccuino delle big da un bel po' di tempo. Tante relazioni e poco più. La scorsa estate è stato trattato da più club, ma non ha un cognome sudamericano e non proviene da un campionato esotico. Gioca nel Bari e sarà presto anche nel giro della Nazionale con la N maiuscola. Basterà questo per puntare su di lui?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.