VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Buffon apre la crisi Juve: analisi a 360 gradi. Resta il campionato più bello di sempre. Roma e Napoli ci credono, Fiorentina e Inter aspettano. E poi gli allenatori in bilico...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
29.10.2015 07:56 di Luca Marchetti   articolo letto 66501 volte
© foto di Federico De Luca

E' decisamente il campionato più incerto che potevamo immaginare. Quattro squadre in due punti. E probabilmente questa incertezza è resa ancor più interessante dal ritardo ormai diventato pesante, della Juventus. Chi aveva dominato negli ultimi anni ora non riesce ad ingranare la quarta. Anzi di quarta è arrivata la sconfitta in campionato. Impensabile anche quest'estate, nonostante la Juve abbia deciso di chiudere un ciclo e di riaprirne un altro. Non c'è stato alcun errore di valutazione, nessun rischio eccessivo. Questa stagione non sta girando. Allegri e Buffon hanno parlato di mentalità, di eccessivo nervosismo, di umiltà da recuperare. Uno spirito Juve che è venuto a mancare in questo avvio di campionato. Sembra quasi che i bianconeri abbiano ansia da prestazione: la troppa foga di dimostrare che la Juve non è questa che stiamo vedendo porta però a un circolo vizioso. Da cui non riesce ad uscire.
Possiamo discutere fino alla noia sulle responsabilità di Allegri, su quelle del mercato, sulle colpe della squadra. Sugli episodi, sugli arbitri. E siamo sicuri che le analisi in casa Juventus sono serie e approfondite. Hanno parlato in molti in questi giorni: dal presidente Agnelli fino a tutti i tifosi. E ognuno ha individuato un motivo plausibile per cui in questo momento la Juve è a -11.
In tutta sincerità non sembra che Allegri sia in confusione, anzi. Le analisi fatte, anche a caldo, sono sempre lucide. Va dritto all'obiettivo: forse però in questo momento le difficoltà non aiutano a far passare i concetti. La squadra (che comunque è cambiata molto, soprattutto in mezzo al campo e in attacco) non riesce ad assimilare non solo i concetti di Allegri ma anche quelli a cui fa riferimento Buffon e a cui già in passato anche gli altri senatori avevano fatto riferimento.
L'analisi del momento nero della Juventus va fatto con calma, cercando di andare in profondità e non basta certo una breve chiacchierata per avere la presunzione di risolvere (o di capire) la situazione. Di sicuro non è da ora che si parla delle problematiche bianconere e se ne continuerà a parlare a lungo. La faccia di Allegri nelle interviste la dice lunga sui pensieri dell'allenatore juventino. Ora la rincorsa è dura, paradossalmente il girone di Champions che sembrava proibitivo è quello che invece può regalare più soddisfazioni: a patto di non perdere la testa. Le parole di Buffon sono molto forti, aprono un momento di profonda crisi e mettono alla luce il pensiero dei senatori: "la fase di rinnovamento poteva reggere fino a 4 domeniche fa, quando però rientrano tanti giocatori, non puoi fallire un tempo come stasera. Abbiamo una rosa con tanti giocatori validi, ma non abbiamo vinto un contrasto, abbiamo perso tutti i duelli aerei, non riuscivamo a far tre passaggi consecutivi. Non puoi pensare o mettere la lente di ingrandimento su un solo reparto. Le mancanze sono di tutti. Sono molto pratico, penso che siamo quattordicesimo e pensiamo al tredicesimo posto." Forse questa è l'unica medicina.
E il fatto che la Juve stenti lascia spazio a tutte le altre. Anzi forse la sconfitta della Juventus toglie smalto a una Roma che sembra realmente essersi ritrovata, dopo aver sbrigato la partita con l'Udinese in 9 minuti. O come la favola di Sarri a Napoli che si trova lassù dove tutti i tifosi avrebbero sperato e non avrebbero immaginato dopo un avvio stentato. La forza del Napoli è nell'attacco, senza dubbio. Ma non è da sottovalutare che la tenuta difensiva (che lo scorso anno sembra il vero tallone d'Achille degli azzurri) ora è solidissima. A Roma ora tutto riesce facile e anche a Roma hanno passato delle settimane di passione, addirittura con Garcia messo in discussione per alcune scelte non condivise. In questo momento sembrano avere il favore del vento. E si respira entusiasmo a tinte azzurre e giallorosse. Un passo indietro Fiorentina e Inter. I Sousa-boys si divertono e vincono. Senza i favori del pronostico sembrano giocare con la testa libera. E sembrano non fare fatica. Quella che fa l'Inter, cinica come non mai. Ma che rimane in scia scudetto. Una bella partita verità sarà proprio quella di sabato prossimo: l'esame proprio con la Roma ci dirà se l'Inter già da subito può pensare concretamente allo scudetto. L'esame di laurea, chiamatelo come volete. Ma vale per tutti e due.
Per questo è un campionato divertente. Bello. Pieno di spunti. Mai come quest'anno ci divertiamo a tutte le latitudini. Anche se per esempio a Napoli qualche malumore comincia a serpeggiare fra chi non riesce ad imporsi nella formazione titolare, e non solo: Sarri vuole le scuse di Insigne ai suoi compagni per il broncio della sostituzione. Mertens segna ed esulta rabbioso. Ma le vittorie aiutano a ritrovare il sorriso. E Sarri ha ridato un anima alla squadra. Un'identità precisa e una consapevolezza che cresce giornata dopo giornata. Quello che sta mancando al Milan. Servivano due vittorie a Mihajlovic per dare un senso diverso al pareggio con il Torino. Si era detto che con due vittorie Sinisa avrebbe puntellato la panchina. Le due vittorie sono arrivate ma sono arrivate grazie al cuore più che al gioco. La cosa positiva è che il gruppo è totalmente con l'allenatore. Quella negativa è che se il peggio è passato non è ancora sereno sopra Milanello.
Capitolo allenatori: saltato Delio Rossi, arriva Donadoni (che evidentemente ama le sfide difficili!) resiste ancora Mandorlini nonostante la sconfitta contro la Fiorentina. Decisiva la partita contro il Carpi di domenica. O dentro o fuori: l'ultimo posto in classifica pesa eccome.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.