VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Buffon apre la crisi Juve: analisi a 360 gradi. Resta il campionato più bello di sempre. Roma e Napoli ci credono, Fiorentina e Inter aspettano. E poi gli allenatori in bilico...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
29.10.2015 07.56 di Luca Marchetti   articolo letto 66473 volte
© foto di Federico De Luca

E' decisamente il campionato più incerto che potevamo immaginare. Quattro squadre in due punti. E probabilmente questa incertezza è resa ancor più interessante dal ritardo ormai diventato pesante, della Juventus. Chi aveva dominato negli ultimi anni ora non riesce ad ingranare la quarta. Anzi di quarta è arrivata la sconfitta in campionato. Impensabile anche quest'estate, nonostante la Juve abbia deciso di chiudere un ciclo e di riaprirne un altro. Non c'è stato alcun errore di valutazione, nessun rischio eccessivo. Questa stagione non sta girando. Allegri e Buffon hanno parlato di mentalità, di eccessivo nervosismo, di umiltà da recuperare. Uno spirito Juve che è venuto a mancare in questo avvio di campionato. Sembra quasi che i bianconeri abbiano ansia da prestazione: la troppa foga di dimostrare che la Juve non è questa che stiamo vedendo porta però a un circolo vizioso. Da cui non riesce ad uscire.
Possiamo discutere fino alla noia sulle responsabilità di Allegri, su quelle del mercato, sulle colpe della squadra. Sugli episodi, sugli arbitri. E siamo sicuri che le analisi in casa Juventus sono serie e approfondite. Hanno parlato in molti in questi giorni: dal presidente Agnelli fino a tutti i tifosi. E ognuno ha individuato un motivo plausibile per cui in questo momento la Juve è a -11.
In tutta sincerità non sembra che Allegri sia in confusione, anzi. Le analisi fatte, anche a caldo, sono sempre lucide. Va dritto all'obiettivo: forse però in questo momento le difficoltà non aiutano a far passare i concetti. La squadra (che comunque è cambiata molto, soprattutto in mezzo al campo e in attacco) non riesce ad assimilare non solo i concetti di Allegri ma anche quelli a cui fa riferimento Buffon e a cui già in passato anche gli altri senatori avevano fatto riferimento.
L'analisi del momento nero della Juventus va fatto con calma, cercando di andare in profondità e non basta certo una breve chiacchierata per avere la presunzione di risolvere (o di capire) la situazione. Di sicuro non è da ora che si parla delle problematiche bianconere e se ne continuerà a parlare a lungo. La faccia di Allegri nelle interviste la dice lunga sui pensieri dell'allenatore juventino. Ora la rincorsa è dura, paradossalmente il girone di Champions che sembrava proibitivo è quello che invece può regalare più soddisfazioni: a patto di non perdere la testa. Le parole di Buffon sono molto forti, aprono un momento di profonda crisi e mettono alla luce il pensiero dei senatori: "la fase di rinnovamento poteva reggere fino a 4 domeniche fa, quando però rientrano tanti giocatori, non puoi fallire un tempo come stasera. Abbiamo una rosa con tanti giocatori validi, ma non abbiamo vinto un contrasto, abbiamo perso tutti i duelli aerei, non riuscivamo a far tre passaggi consecutivi. Non puoi pensare o mettere la lente di ingrandimento su un solo reparto. Le mancanze sono di tutti. Sono molto pratico, penso che siamo quattordicesimo e pensiamo al tredicesimo posto." Forse questa è l'unica medicina.
E il fatto che la Juve stenti lascia spazio a tutte le altre. Anzi forse la sconfitta della Juventus toglie smalto a una Roma che sembra realmente essersi ritrovata, dopo aver sbrigato la partita con l'Udinese in 9 minuti. O come la favola di Sarri a Napoli che si trova lassù dove tutti i tifosi avrebbero sperato e non avrebbero immaginato dopo un avvio stentato. La forza del Napoli è nell'attacco, senza dubbio. Ma non è da sottovalutare che la tenuta difensiva (che lo scorso anno sembra il vero tallone d'Achille degli azzurri) ora è solidissima. A Roma ora tutto riesce facile e anche a Roma hanno passato delle settimane di passione, addirittura con Garcia messo in discussione per alcune scelte non condivise. In questo momento sembrano avere il favore del vento. E si respira entusiasmo a tinte azzurre e giallorosse. Un passo indietro Fiorentina e Inter. I Sousa-boys si divertono e vincono. Senza i favori del pronostico sembrano giocare con la testa libera. E sembrano non fare fatica. Quella che fa l'Inter, cinica come non mai. Ma che rimane in scia scudetto. Una bella partita verità sarà proprio quella di sabato prossimo: l'esame proprio con la Roma ci dirà se l'Inter già da subito può pensare concretamente allo scudetto. L'esame di laurea, chiamatelo come volete. Ma vale per tutti e due.
Per questo è un campionato divertente. Bello. Pieno di spunti. Mai come quest'anno ci divertiamo a tutte le latitudini. Anche se per esempio a Napoli qualche malumore comincia a serpeggiare fra chi non riesce ad imporsi nella formazione titolare, e non solo: Sarri vuole le scuse di Insigne ai suoi compagni per il broncio della sostituzione. Mertens segna ed esulta rabbioso. Ma le vittorie aiutano a ritrovare il sorriso. E Sarri ha ridato un anima alla squadra. Un'identità precisa e una consapevolezza che cresce giornata dopo giornata. Quello che sta mancando al Milan. Servivano due vittorie a Mihajlovic per dare un senso diverso al pareggio con il Torino. Si era detto che con due vittorie Sinisa avrebbe puntellato la panchina. Le due vittorie sono arrivate ma sono arrivate grazie al cuore più che al gioco. La cosa positiva è che il gruppo è totalmente con l'allenatore. Quella negativa è che se il peggio è passato non è ancora sereno sopra Milanello.
Capitolo allenatori: saltato Delio Rossi, arriva Donadoni (che evidentemente ama le sfide difficili!) resiste ancora Mandorlini nonostante la sconfitta contro la Fiorentina. Decisiva la partita contro il Carpi di domenica. O dentro o fuori: l'ultimo posto in classifica pesa eccome.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.