VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Buon anno e felice mercato. Juve sul centrocampista, Milan su qualsiasi cosa, sarà intrigo per Lavezzi. Un classe 1991 per il Napoli, sembra il mister X di Galliani

01.01.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 57899 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Impossibile non fare gli auguri a chi ci segue tutto l'anno. Perché il mercato chiude, sì, ma tra voci, controvoci, parametri zero, allenatori che saltano, tecnici che tornano, liste aperte fino a marzo, scadenze di giugno... La vacanza in realtà non esiste.
Il grande colpo è in canna, un po' per tutte a dire la verità. Nessuno ha già chiuso un possibile botto con cui spostare gli equilibri. Partendo dalla Juventus, che è alla ricerca di un centrocampista. Forte, fortissimo, altrimenti è quasi meglio rimanere così, perché Massimiliano Allegri, dopo una partenza non perfetta, ha trovato la quadratura del cerchio. Però è inutile ripercorrere la strada già fatta con Hernanes, arrivato come rinforzo last minute della scorsa sessione, quando gli obiettivi in realtà erano Julian Draxler e Mario Gotze. Ora l'avanzamento di Pogba - e la solita presenza di Pereyra - oppure il passaggio al 4-3-3 impone l'approdo di un centrocampista in più. Oltre a un cursore di fascia, soprattutto qualora Simone Zaza dovesse andare via. Meglio spendere, e bene, solo su un giocatore che fare ulteriormente mercato a "rattoppi". Detto che comunque una annata come quella scorsa è molto complicata, perché in Serie A c'è più di una squadra che può vincere il campionato.
Come l'Inter, con Thohir che prova ad alzare l'asticella, vorrebbe Lavezzi - sarebbe un acquisto molto sensato, considerata l'attitudine dei nerazzurri a difendersi e attaccare - ma è difficile che il Paris Saint Germain lo possa sacrificare anzitempo. La rosa vale per tre competizioni, Mancini ne gioca di fatto una e mezza. La Coppa Italia è una sola partita, contro il Napoli, e non porta via grandi energie mentali. Il passaggio del turno sarebbe ben visto, un'eliminazione non un dramma: l'obiettivo è arrivare terzi in campionato, per una questione prettamente monetaria. Ci dovesse essere la possibilità di vincere sarà un di più. Per ammazzare il campionato servirebbe il miglior Kondogbia, ancora molto distante dall'ottimo rendimento che aveva al Monaco, e probabilmente non basterebbe in ogni caso. Sarà un mercato, in ogni caso, incentrato sugli esuberi. Da Martin Montoya a Ranocchia, passando per Dodò e D'Ambrosio. Un centravanti, Calleri a parte, potrebbe essere una necessità.
E il Milan? Mercato low cost in attesa del closing con mr Bee - che per assonanza sembra più Rowan Atkinson, anche per i continui tira e molla - solo con addii potrebbero arrivare nuovi acquisti: ci sarà da risolvere la grana El Shaarawy, dopo che il Monaco ha comunicato ufficialmente al Milan di non voler riscattarlo per 14 milioni di euro. Da Zapata a Mexes, forse Cerci, sicuramente Honda, probabilmente Poli. E Luiz Adriano? Con il nuovo modulo il campo lo vede poco, davanti ha un Bacca che è l'unico giocatore straordinario di questo Milan - con Bonaventura - e dalla sua cessione arriverebbero, probabilmente, quei contanti che andrebbero a finanziare un paio di acquisti. Il problema è comunque societario, perché le idee sono tante, ma un po' troppo confuse.
Invece De Laurentiis si comporta alla Galliani, parlando di un classe 1991 - l'amministratore delegato del Milan aveva parlato di occhio ceruleo, anni fa - che potrebbe arrivare. Kramer, Vecino, Maksimovic e chi più ne ha, più ne metta. L'intenzione è quella di spendere, a gennaio, perché la situazione finanziaria del Napoli è molto buona, la rosa e il morale anche, la sensazione è quella di potere competere fino alla fine, soprattutto con un Higuain così. A proposito, 94 milioni di euro potrebbero essere anche pochi, alla fine dell'anno, dovesse continuare con questa media realizzativa.
Dal quattro si parte sul serio, qualcosina è già andato in porto. Così qualche nome che infiammerà il 2016, ovviamente chiave mercato. Perotti, Ocampos, Rugani, Berardi, Kramaric, Felipe Anderson, Candreva, Biglia, Xhaka, Grassi, El Kaddouri, Gomez, Najar, Cuenca, Berisha, Torosidis, Diawara, Matos, Caceres, Karelis, Sensi, Sportiello, Perin, Benaloaune, Immobile, Banega, Gabbiadini, Lapadula, Diego Lopez. E Cristiano Ronaldo. Perché i fischi del Bernabeu non sono un caso: la lotta intestina in Blancos continua, e il portoghese potrebbe essere il sacrificato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.