VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà

21.07.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 56883 volte
Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà

Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile, non può fermarsi davanti a dieci milioni in più o in meno, deve necessariamente completare una squadra studiata perfettamente a tavolino. Manca un bomber, manca uno che la butti dentro e che sia anche un trascinatore. Dopo aver perso Morata, con il Borussia che tiene Aubameyang, l’identikit porta a Belotti e sessanta o settanta milioni più Niang o Paletta non devono essere un problema. Tanto più che il giocatore avrebbe già raggiunto il suo bell’accordo con i rossoneri. A fronte del milione che gli passa Cairo, ne andrebbe a guadagnare subito tre e mezzo a salire fino a raggiungere in poco tempo i cinque e oltre. Contratto principesco e quinquennale.

Cairo si chiude a riccio con la solita abilità, difende il suo patrimonio, la clausola da cento milioni con l’estero, ma sa benissimo che vendere Belotti quest’anno, alla fine sarebbe un grande affare anche per lui.

Belotti ha già fatto la bocca a una squadra più importante e non è un caso che non figuri nella foto con la nuova maglia. Vuole guadagnare di più, il futuro nel calcio non è mai ipotizzabile, meglio prendere i soldi oggi, fare una straordinaria plusvalenza e reinvestire per rafforzare il Toro. Tenere Belotti a Torino avrebbe senso solo se lo volesse fortemente il giocatore e se ci fossero le risorse per rafforzare l’organico, siccome non è così, allora tanto vale cederlo. E Cairo lo sa, temporeggia per cercare di strappare il massimo.

I cento milioni della clausola dall’estero non li pagherà nessuno, Cairo ha aspettato le squadre straniere più importanti, ma con Morata al Chelsea il quadro è quasi completo, allora forse è meglio parlare con il Milan.

Paletta e Niang sono giocatori che piacciono a Miha, li ha già avuti. Con i soldi rossoneri, Cairo potrà comprare Zapata o Simeone, un centrocampista e un altro difensore. Nascerà un Toro più forte.

Comunque vogliamo parlare del Milan? Belotti o non Belotti, prenderà anche Kalinic. Montella ha in testa il 3-5-2 come modulo base e tre attaccanti servono. Kalinic può essere un’alternativa sia a Belotti che a Andrè Silva, è un giocatore duttile e intelligente che servirà molto. Con il croato l’accordo c’è da tempo, si tratta con la Fiorentina, ma ormai siamo ai dettagli. Kalinic non tornerà in ritiro con i viola dopo l’ennesima telenovela di ieri, Corvino e il suo procuratore stanno limando le cifre. La Fiorentina è partita da trenta, il Milan da quindici. Ora si sta lavorando a venti più bonus che potrebbero diventare venticinque: si può fare. Del resto la Fiorentina non può permettersi di tenere giocatori sull’Aventino e turbare ulteriormente il gruppo dopo i casi Borja, Vecino e Berna. Nel fine settimana si cercherà l’intesa definitiva, l’annuncio dovrebbe arrivare lunedì e comunque prima di mercoledì prossimo quando la Fiorentina tornerà ad allenarsi.

Con Belotti e Kalinic il Milan sarebbe da scudetto: nessun dubbio. Vogliamo provare a mettere giù una formazione? Donnarumma; Musacchio, Bonucci, Romagnoli; Conti; Kessie, Biglia, Calhanoglu, Rodriguez; Belotti e Kalinic è già roba stratosferica, senza dimenticare Andrè Silva, Bonaventura, Suso (se resterà), Borini e molte altre alternative per cambiare uomini e modulo. E non è finita.

Questa squadra, costruita a tavolino in maniera perfetta, ha qualità, tecnica, spettacolarità e muscoli in misura giusta. Un equilibrio straordinario. Complimenti a Fassone e Mirabelli.

E se è vero che a volte queste squadre in provetta non hanno funzionato e i milioni non sempre fruttano, non capisco le perplessità di troppi milanisti. Molti hanno dubbi su Montella. Certo, ci fosse in panchina Ancelotti (tanto per dirne uno) sarebbe tutto perfetto. Ma non sottovalutate Montella che a Firenze ha fatto benissimo dando gioco e personalità alla Fiorentina. E’ giovane, è tosto, ha idee e uno staff all’altezza. Può condizionarlo il peso delle responsabilità? Non lo so, da calciatore ne ha viste tante, l’esperienza non gli manca. Per me ha le energie giuste e comunque criticarlo a priori non ha senso.

Questo Milan deve preoccupare anche la Juve che in questo mercato ha il passo del montanaro. Douglas Costa è arrivato, per Bernardeschi è fatta, c’è l’accordo di massima e la farsa della gastroenterite è solo un escamotage per non far passare il giocatore dalla Fioorentina. I contratti sono alle firme. Anche qui si discutono i bonus oltre 40 milioni di base. Corvino non ha voluto giocatori e questo ha complicato un po’ le cose. Ma è fatta. Anche De Sciglio è un ottimo affare, a Torino si rilancerà. La Juve, però, deve fare ancora molto a cominciare dal centrocampo. Matic è corteggiato, non mi fa impazzire, ma è un ottimo giocatore. Servirebbe di più. Matuidi sarebbe il top. Ma l’ultima idea, Milinkovic Savic, darebbe veramente una alternativa tecnico-tattica importante. Il laziale è forte in tutte le zone del campo, in copertura, fisicamente, si sgancia senza palla, vede il gioco, fa gol. Matuidi-Milinkovic sarebbe una grande accoppiata. Del resto sono due anni che la Juve ha problemi a centrocampo, ora o mai più. Il problema Milinkovic è Lotito. E chiudo qui. Però, visto che i soldi non puzzano, aspettiamo gli eventi.

Vedo un po’ in difficoltà, invece, l’Inter. Se è vero che partiva da una buona base di giocatori importanti, è altrettanto vero che il fair play finanziario e la mancata cessione di Perisic stanno condizionando. Borja Valero e Vecino sono ottimi, ma da Sabatini c’era da aspettarsi di più. Chi? Esterni di difesa (Dalbert), ma anche elementi di personalità. Su Di Maria i nerazzurri ci sono, dalla Spagna rilanciano anche l’idea Iniesta. Forse Suning è anche scottato dai milioni buttati per Gabigol e Joao Mario, ma l’impressione del freno a mano c’è e i giovani di buona prospettiva che stanno arrivando non possono bastare al popolo nerazzurro che guarda i vicini e soffre. Inevitabile.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Sicuri che non vi interessa il fatturato? Ed è vero che chi spende di più, vince di più? 22.02 - Ancora numeri, per cercare di analizzare quanto il mercato influisce, soprattutto quanto i soldi influiscono sulle prestazioni. Soldi uguale mercato. Ma è vero che chi meglio spende meglio spende? Ovvero il famoso concetto del fatturato? E' un argomento che ciclicamente torna di attualità....

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Da Robben a Balo, quante offerte per l’estate! Juve su de Vrij, il Real tenta Bonucci… Ma Ibra non lo vuole nessuno? 21.02 - Sarà un’estate caldissima e non solo per le alte temperature (gli esperti parlano di una “bella stagione” torrida). Tutti si stanno affannando per cercare l’affare del secolo. Indubbiamente non mancano le super offerte. La lista di “parametri zero” è lunga ed interessante. Al Bayern...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto delle "non-lacrime" di Allegri. Milan: l'allarme cinese... e occhio a maggio! Inter: è ora di giocare al gioco del silenzio. Napoli: il diritto di Sarri a fare come crede 20.02 - Ciao. Quando arriva il momento di compilare questo editoriale faccio un giro sui siti per cercare ispirazione ed evitare di scrivere cose come “prima o poi bisogna affrontarle tutte” o “lo scudetto si decide a primavera” o “la politica è tutto un magna-magna”. A volte i siti ti danno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Napoli-Juve, marzo sarà decisivo. Inter, che flop! Sassuolo, il problema era dietro la scrivania. Cuore De Zerbi e Bergamo Gasperini-Sartori sono ai titoli di coda… 19.02 - Se la Juventus non ha lasciato punti a Firenze e nel derby significa che il Napoli, per vincere questo scudetto, dovrà andare oltre la soglia del miracolo. Tuttavia, sembra chiaro che il campionato si deciderà a marzo, in un modo o nell'altro. Allegri e Sarri sono reduci da una pessima...

EditorialeDI: Andrea Losapio

I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.