VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà

21.07.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 56687 volte
Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà

Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile, non può fermarsi davanti a dieci milioni in più o in meno, deve necessariamente completare una squadra studiata perfettamente a tavolino. Manca un bomber, manca uno che la butti dentro e che sia anche un trascinatore. Dopo aver perso Morata, con il Borussia che tiene Aubameyang, l’identikit porta a Belotti e sessanta o settanta milioni più Niang o Paletta non devono essere un problema. Tanto più che il giocatore avrebbe già raggiunto il suo bell’accordo con i rossoneri. A fronte del milione che gli passa Cairo, ne andrebbe a guadagnare subito tre e mezzo a salire fino a raggiungere in poco tempo i cinque e oltre. Contratto principesco e quinquennale.

Cairo si chiude a riccio con la solita abilità, difende il suo patrimonio, la clausola da cento milioni con l’estero, ma sa benissimo che vendere Belotti quest’anno, alla fine sarebbe un grande affare anche per lui.

Belotti ha già fatto la bocca a una squadra più importante e non è un caso che non figuri nella foto con la nuova maglia. Vuole guadagnare di più, il futuro nel calcio non è mai ipotizzabile, meglio prendere i soldi oggi, fare una straordinaria plusvalenza e reinvestire per rafforzare il Toro. Tenere Belotti a Torino avrebbe senso solo se lo volesse fortemente il giocatore e se ci fossero le risorse per rafforzare l’organico, siccome non è così, allora tanto vale cederlo. E Cairo lo sa, temporeggia per cercare di strappare il massimo.

I cento milioni della clausola dall’estero non li pagherà nessuno, Cairo ha aspettato le squadre straniere più importanti, ma con Morata al Chelsea il quadro è quasi completo, allora forse è meglio parlare con il Milan.

Paletta e Niang sono giocatori che piacciono a Miha, li ha già avuti. Con i soldi rossoneri, Cairo potrà comprare Zapata o Simeone, un centrocampista e un altro difensore. Nascerà un Toro più forte.

Comunque vogliamo parlare del Milan? Belotti o non Belotti, prenderà anche Kalinic. Montella ha in testa il 3-5-2 come modulo base e tre attaccanti servono. Kalinic può essere un’alternativa sia a Belotti che a Andrè Silva, è un giocatore duttile e intelligente che servirà molto. Con il croato l’accordo c’è da tempo, si tratta con la Fiorentina, ma ormai siamo ai dettagli. Kalinic non tornerà in ritiro con i viola dopo l’ennesima telenovela di ieri, Corvino e il suo procuratore stanno limando le cifre. La Fiorentina è partita da trenta, il Milan da quindici. Ora si sta lavorando a venti più bonus che potrebbero diventare venticinque: si può fare. Del resto la Fiorentina non può permettersi di tenere giocatori sull’Aventino e turbare ulteriormente il gruppo dopo i casi Borja, Vecino e Berna. Nel fine settimana si cercherà l’intesa definitiva, l’annuncio dovrebbe arrivare lunedì e comunque prima di mercoledì prossimo quando la Fiorentina tornerà ad allenarsi.

Con Belotti e Kalinic il Milan sarebbe da scudetto: nessun dubbio. Vogliamo provare a mettere giù una formazione? Donnarumma; Musacchio, Bonucci, Romagnoli; Conti; Kessie, Biglia, Calhanoglu, Rodriguez; Belotti e Kalinic è già roba stratosferica, senza dimenticare Andrè Silva, Bonaventura, Suso (se resterà), Borini e molte altre alternative per cambiare uomini e modulo. E non è finita.

Questa squadra, costruita a tavolino in maniera perfetta, ha qualità, tecnica, spettacolarità e muscoli in misura giusta. Un equilibrio straordinario. Complimenti a Fassone e Mirabelli.

E se è vero che a volte queste squadre in provetta non hanno funzionato e i milioni non sempre fruttano, non capisco le perplessità di troppi milanisti. Molti hanno dubbi su Montella. Certo, ci fosse in panchina Ancelotti (tanto per dirne uno) sarebbe tutto perfetto. Ma non sottovalutate Montella che a Firenze ha fatto benissimo dando gioco e personalità alla Fiorentina. E’ giovane, è tosto, ha idee e uno staff all’altezza. Può condizionarlo il peso delle responsabilità? Non lo so, da calciatore ne ha viste tante, l’esperienza non gli manca. Per me ha le energie giuste e comunque criticarlo a priori non ha senso.

Questo Milan deve preoccupare anche la Juve che in questo mercato ha il passo del montanaro. Douglas Costa è arrivato, per Bernardeschi è fatta, c’è l’accordo di massima e la farsa della gastroenterite è solo un escamotage per non far passare il giocatore dalla Fioorentina. I contratti sono alle firme. Anche qui si discutono i bonus oltre 40 milioni di base. Corvino non ha voluto giocatori e questo ha complicato un po’ le cose. Ma è fatta. Anche De Sciglio è un ottimo affare, a Torino si rilancerà. La Juve, però, deve fare ancora molto a cominciare dal centrocampo. Matic è corteggiato, non mi fa impazzire, ma è un ottimo giocatore. Servirebbe di più. Matuidi sarebbe il top. Ma l’ultima idea, Milinkovic Savic, darebbe veramente una alternativa tecnico-tattica importante. Il laziale è forte in tutte le zone del campo, in copertura, fisicamente, si sgancia senza palla, vede il gioco, fa gol. Matuidi-Milinkovic sarebbe una grande accoppiata. Del resto sono due anni che la Juve ha problemi a centrocampo, ora o mai più. Il problema Milinkovic è Lotito. E chiudo qui. Però, visto che i soldi non puzzano, aspettiamo gli eventi.

Vedo un po’ in difficoltà, invece, l’Inter. Se è vero che partiva da una buona base di giocatori importanti, è altrettanto vero che il fair play finanziario e la mancata cessione di Perisic stanno condizionando. Borja Valero e Vecino sono ottimi, ma da Sabatini c’era da aspettarsi di più. Chi? Esterni di difesa (Dalbert), ma anche elementi di personalità. Su Di Maria i nerazzurri ci sono, dalla Spagna rilanciano anche l’idea Iniesta. Forse Suning è anche scottato dai milioni buttati per Gabigol e Joao Mario, ma l’impressione del freno a mano c’è e i giovani di buona prospettiva che stanno arrivando non possono bastare al popolo nerazzurro che guarda i vicini e soffre. Inevitabile.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La condizione ci seppellirà. Il Napoli è avanti, la Juve gode del fattore Allegri, la Roma è fuori dal fair play: quali conseguenze? 08.10 - Quello che è successo a Torino è spettrale. C'erano giornalisti che chiedevano e Ventura che non sapeva rispondere, come se quasi non gli importasse. Certo, la vittoria con la Bosnia - da parte del Belgio, non di un'Italia sciupona - apre le porte ai playoff della selezione del tecnico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.