VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Campionato finito: il pagellone di serie A! 9 alla Juve, 5 all'Inter, Milan....

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
16.05.2016 17:13 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 101149 volte
© foto di Federico De Luca

Campionato concluso. Adesso è anche ufficiale. Qualcuno non giocava ormai da mesi ma ora le porte si sono chiuse ufficialmente. Resta la Coppa Italia ma le strade sono due: o accade un miracolo o il Milan farebbe meglio ad andare a giocare con la maglia nera. In serie B ci sono ancora 90 minuti ma anche lì si sta rasentando il ridicolo. Il Crotone ha rovinato quanto di buono fatto in tutto l'anno. Il danno di immagine che sta subendo è enorme. Neanche il Cagliari, che per la B è una big, si permette di falsare il torneo. Questione di stile. Rastelli non è Juric. Peccato perché Ursino e Vrenna conoscono molto bene il mondo del calcio e sanno che la vita è una ruota che gira. Non parliamo di Trapani ma anche di Cesena e Latina. Il Crotone è andato in vacanza troppo presto e non si parli di stimoli diversi perché anche il Cagliari era in vacanza e la Salernitana doveva giocarsi la vita. Finale: 3-0! Dell'Avellino non parliamo. Il povero Tesser deve solo fuggire da quello spogliatoio e i tifosi hanno fatto bene a contestare la squadra durante tutta la stagione. Peccato per la società che comunque ha raggiunto un grande obiettivo. Gli unici sconfitti sono i calciatori: Castaldo il primo della lista. In serie A abbiamo visto molto poco ma possiamo celebrare una Juventus che - se non cambiamo il regolamento - vincerà per altri 5 anni. Ecco il Pagellone di fine anno.

Atalanta Voto 5,5
Un mezzo fallimento. Campionato scarso e troppe cessioni eccellenti a gennaio. Il rischio di essere risucchiati nella zona calda e pessima gestione del caso Stendardo. Doveva essere un anno di consacrazione è stato l'anno di transizione. Poche note positive se non quelle provenienti dai giovani.

Bologna Voto 6,5
Malissimo con Delio Rossi, poi Donadoni accende la luce che si rispegne quando il campionato era ufficiosamente concluso. Avrebbe meritato anche 7, ma la squadra è andata troppo tempo in vacanza. Non gestita bene la situazione Corvino e rischia di prendere la stessa piega la conferma di Donadoni. Per essere il primo anno in A, comunque, promossa a pieni voti.

Carpi Voto 5,5
La gestione Sogliano era un mondo diverso da quello che, negli anni, si era immaginato Bonacini. Lui ha sempre fatto il calcio pane e salame e si alzava da tavola sempre sazio. Poi, perso Giuntoli, gli è venuto un mancamento e non ha capito cosa fare del suo Carpi. Quando lo ha capito? Quando ha fatto pace con Giuntoli. Da lì Romairone e i vecchi uomini del Carpi. Ormai era troppo tardi e il miracolo è stato solo sfiorato. Retrocessa con grande onore.

Chievo Verona Voto 7
La vera favola del nostro calcio si conferma. Il piccolo rione che continua a meravigliare, ogni anno di più. Il blasone in città è di altri ma, mentre l'Hellas prende Bigon dietro la scrivania, il Chievo affida a Nember le chiavi dello spogliatoio. Ottimo lavoro, soprattutto gestionale. Maran una risorsa fondamentale. Se fossi nel mister ci penserei 3.567.890 volte prima di lasciare Chievo per andare da quella banda di pazzi della Sampdoria.

Empoli Voto 7
Bravo Giampaolo a proseguire sulla scia di Sarri. Dopo la depressione e la retrocessione in serie C non era facile tornare in serie A. La squadra si è comportata benissimo e ha meritato tutti i punti conquistati.

Fiorentina Voto 6,5
7,5 alla prima parte, mediocrità nella seconda. Dopo gennaio i viola sono crollati. Molte responsabilità sono del mister, il resto della società. La squadra era forte e i dirigenti hanno lavorato molto bene in estate. Forse meno a gennaio, quando c'era da fare qualche piccolo investimento in più. Nonostante questo, i Della Valle non si possono mettere in discussione. Alla porta non ci sono sceicchi che fanno la fila per comprare la viola.

Frosinone Voto 5,5
Doveva sorprendere, ma lo ha fatto solo a tratti in gare singole. Non abbiamo mai creduto seriamente che potesse salvarsi. Ottimo il lavoro del direttore e della società ma sembrava, da subito, una mission impossibile. Di più davvero non si poteva fare e il pubblico lo ha capito.

Genoa Voto 6
Ad inizio anno sembrava l'ennesima stagione thriller. Salvezza all'ultimo minuto e una preghiera al cielo. Poi, invece, il Genoa è uscito fuori alla grande. La gara interna con l'Udinese ha segnato la svolta. La squadra ha iniziato a volare. Gasperini uomo di concretezza e sostanza. Salvezza serena. Pavoletti un grande bomber e ottime operazioni a gennaio. Su tutte Suso. Ricordo le parole di Nocerino, incontrato in Hotel a Capodanno, che mi disse: vedrai che adesso Suso va al Genoa e farà grandi cose perché è davvero un talento che al Milan non abbiamo capito. Detto fatto.

Hellas Verona Voto 3
Per educazione, sotto lo zero non andiamo ma sarebbe da mettere -1. Hanno offeso una città intera, che vive di passione. Bigon tutto quello che tocca distrugge. Senza di lui il Napoli ha ritrovato la Champions, con lui il Verona è passato dal grande anno precedente ad una retrocessione scritta dalla prima giornata. Sempre ultimi e senza dignità. Si può retrocedere, ma con orgoglio, come hanno fatto le piccole Carpi e Frosinone. La trattativa Pazzini emblema dell'incoscienza totale.

Inter Voto 5
Ha fallito Mancini e con lui anche Piero Ausilio. Ci dispiace perché il direttore è bravo e in rampa di lancio, ma il mercato è stato bruciato dalle decisioni di Mancio e dal potere che gli è stato dato. La regia occulta di Moratti si è rivelata fallimentare. Per fortuna Handanovic, Murillo e Brozovic hanno un valore, ma l'Inter sarà sempre un cane che si morde la coda. Se vende la squadra non cresce, se non vende la società fallisce. Fate voi...

Juventus Voto 9
Il trionfo della progettualità, la forza dei grandi, la sostanza di chi sa vincere e di chi cade e si rialza. La normalità di Allegri, la bravura di Marotta e Paratici e la leadership di Gigi Buffon. Se la Juve ha stravinto con un mese di anticipo, iniziando a giocare con tre mesi di ritardo, significa che la Juve è forte ma che la serie A è morta e sepolta. A questa squadra è bastato giocare 4-5 mesi per stravincere il quinto scudetto di fila. Inventiamoci un nuovo regolamento altrimenti il prossimo anno chiudiamo bottega a marzo. Speriamo che si inceppino sul mercato. Cosa difficile conoscendo i dirigenti juventini. Chiudete il cinema, i film sono finiti.

Lazio Voto 4,5
Pessima annata per Lotito tra Lazio e Salernitana. Ha gestito malissimo le sue squadre, figlie dell'improvvisazione e del troppo impegno dedicato alla politica del calcio. Neanche lì, però, riceve soddisfazioni. Annata da dimenticare ma ancora troppa improvvisazione per il futuro.

Milan Voto 4
Avete tempo? Allora: tutto quello che non andrebbe fatto il Milan l'ha fatto. Come ripetiamo dall'esonero di Mihajlovic non ce la sentiamo neanche più di prendercela con Galliani perché ormai il vero responsabile è Silvio Berlusconi. Squadra costruita male, 90 milioni buttati sul mercato, Bertolacci e Romagnoli buoni giocatori strapagati come fossero dei big, Bacca solo nel deserto, Luiz Adriano e la pagliacciata di gennaio. Chi nasce nell'improvvisazione, muore nell'improvvisazione. Stagione fallimentare. L'esonero di Mihajlovic un boccone amaro da digerire. Ogni scelta è da considerare scellerata.

Napoli Voto 8,5
Sarri e Giuntoli si presentano con la Champions League al primo anno e con una città che ha sognato lo scudetto per 7 mesi. Un mezzo capolavoro. Grande sostanza e lavoro di gruppo. Il Napoli ha gettato le basi per un grande futuro. Tanto merito va dato al suo direttore sportivo. Chi nasce mangiando pane e salame e cresce, calcisticamente, nella fame ha due soluzioni: o quando indossa lo smoking crede di essere diventato Dio in terra e giustamente torna subito nella polvere, o indossando lo smoking può continuare a mangiare pane e salame e conferma di essere diventato tra i migliori tre dirigenti italiani. Giuntoli è prima uomo e poi un grande direttore sportivo. Ha un grande vantaggio: è più allenatore lui di tanti allenatori e lavora 24 ore al giorno. Non ha raccomandazioni e il quinquiennale di De Laurentiis se l'è meritato sul campo. Se un giorno dovesse ragionare da sceicco, tornerà immediatamente nei campetti di provincia che lo hanno lanciato e consacrato.

Palermo Voto 4
Avrebbe meritato la retrocessione ma deve ringraziare il fato e il calendario se il prossimo anno farà ancora la serie A. Zamparini quest'anno è andato completamente fuori di testa. Indecente la sua gestione del gruppo. Qualcuno gli dovrebbe mettere dei paletti ma nessuno riesce a contrastarlo. Il Palermo non ha un presente e neanche un futuro. Ad inizio anno criticammo il Presidente ed i palermitani si offesero. Ora qualcosa è cambiato.

Roma Voto 7
3 a Garcia, 4 a Sabatini e 10 a Spalletti. Non fate i pignoli che fate i conti precisi e vedete se la somma più la divisione per tre porta a 7. 17 diviso 3 non fa 7 ma poco più di 5.5. La stagione della Roma è da 7 perché Spalletti l'ha salvata alla grande e ha riportato la squadra, almeno, al preliminare di Champions. Sperando in un'urna benevola. Pessima gestione del caso Totti da parte di Pallotta. Bisogna cambiare molto se non tutto, se la Roma, con Luciano, vuole sognare in grande. Altrimenti sarà sempre figlia dell'improvvisazione e vittima di un direttore che ha la responsabilità di aver ostacolato l'esonero di Garcia.

Sampdoria Voto 4,5
Mike alla ruota della fortuna diceva sempre: gira la ruota. Ferrero ha smesso di cantare e ballare. Le berzellette sono finite e il campo gli ha presentato il conto. Un Presidente così non merita di stare nel calcio, un direttore come Osti non merita di stare alla Sampdoria ma solo dove dire sempre sì può servire a qualcosa. Zenga è stato scaricato troppo presto e a Montella hanno pignorato l'aeroplanino. Un'annata da cancellare più in fretta possibile.

Sassuolo Voto 8
Regina del campionato. Gioca e vince con gli italiani. Ottima collaborazione tra proprietà e società e società allenatore. Il sesto posto è figlio della programmazione e dell'organizzazione. Merita i successi ottenuti. Il nuovo Sassuolo? Entro tre anni lo sarà il Benevento. Prendete nota...

Torino Voto 5,5
Non ha brillato la squadra e, anche se il contratto dice altro, l'era Ventura è finita. Non rischia mai per inferiorità delle avversarie, ma in campionato non ha brillato e non ha valorizzato i giovani acquistati in estate. Va, comunque, bene così.

Udinese Voto 4,5
Amici o non amici, come sapete, non possiamo permetterci di fare figli e figliastri. Ce lo impone la nostra deontologia professionale ma soprattutto il rispetto che abbiamo per i nostri lettori. I Pozzo sono amici, Giaretta e Collavino qualcosa in più e tutto lo staff è nel mio cuore. Quest'anno, però, hanno sbagliato tutto sotto il profilo della squadra. Tagliare in un colpo solo lo staff italiano composto da Pinzi, Domizzi e Di Natale è stato un errore clamoroso. La presenza di Gino in Inghilterra diventa un ostacolo per la crescita dell'Udinese. Va bene tanti stranieri, ma non tutti. Gli italiani servono anche a far crescere i giovani stranieri. Poi la filosofia di lanciarli e venderli è sacra. Ci mancherebbe. Così, però, non crescono e non si lanciano. Da qualche anno, da dopo Guidolin, troppi gli errori commessi nella scelta del mister. E questi errori li hanno commessi altre squadre a me care...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.