VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Cari calciatori del Napoli, invece di pensare a dove trasferirvi nel caso in cui la Champions sfuggisse nuovamente al Napoli, preoccupatevi di portare la squadra al terzo posto. Tocca a voi conquistarlo...

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
18.01.2015 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 36876 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il Napoli è squadra da secondi tempi, una formazione da "recupero" dopo aver concesso troppo, per superficialità oppure per eccesso di riguardo. Avesse sempre fatto ciò che sa, altro che terzo posto, oggi sarebbe la maggiore insidia per la Roma che può permettersi (insieme alla Juve) qualche battuta d'arresto, vista l'evidente inferiorità delle avversarie. Tutte tranne il Napoli. Ma davvero vogliamo convincerci che l'organico a disposizione di Benitez sia tanto più scadente delle due battistrada? D'accordo, la difesa avrebbe necessità di essere integrata con gente esperta, navigata, reduce da tante battaglie da trasferirne l'esperienza alla squadra azzurra. Idem per il centrocampo, ormai consegnato alla immarcescibile coppia Gargano-Lopez, due onesti guardiani ai quali affideresti anche il portafogli nella consapevolezza che nessuno potrebbe avvicinarsi in loro presenza. Troppo poco, troppo modesto per contrastare altre realtà, ad esempio come la Juve che schiera tutti quanti insieme Pirlo-Pogba-Marchisio-Vidal: si può pensare di competere con questo intonato quartetto d'archi? Ovviamente no. E nemmeno si può pretendere che a gennaio si prendano (pur avendone la possibilità economica) rinforzi di quello stesso calibro: non te li vende nessuno. Ecco che, allora, scatta la regoletta della "ottimizzazione" delle risorse interne. Ha ragione Benitez quando sostiene che ognuno deve fare il proprio lavoro, il calciatore deve impegnarsi in allenamento e il procuratore deve discutere nelle opportune sedi dei propri assistiti. Tutto corretto, tranne quando ci si accorge che il timing di alcuni calciatori è arrivato ad un livello di guardia, ben al di sotto delle attese e tanto da rischiare un doppio effetto contrario: svalutare il cartellino e determinare contraccolpi psicologici. Soprattutto quando si tratta di elementi appetiti da svariati club, come Mertens e soprattutto Hamsik (che hanno la fila dietro la porta tra i club che li vorrebbero), oppure altri costati un botto quando il Napoli li ha comprati. Leggi Inler, pagato quasi 18 milioni di euro quattro stagioni or sono. Per evitare il rischio di iscrivere passività a bilancio relativamente alla voce del capitano della nazionale svizzera, il Napoli dovrebbe incassare non meno di 7 milioni di euro. Una cifra al ribasso, ma che oggi nessuno se la sentirebbe di investire per un elemento utilissimo, di 30 anni e reduce da un periodo poco positivo. Bisogna aspettare per lui momenti migliori e l'unico modo resta quello di un suo maggiore impiego. Benitez ha ammesso che in questo periodo ci sarà più spazio per lui, ma anche per Mertens, ora che nella stagione già ricca di impegni si inserirà pure la Coppa Italia. Un'occasione buona per il rilancio a beneficio del calciatore sotto utilizzato e della squadra tutta. Poi, gradualmente torneranno nella piena disponibilità del tecnico, Ghoulam (tornerà a fine mese dalla Coppa d'Africa), Zuniga (il suo recupero dovrebbe completarsi a metà febbraio), Insigne (a metà marzo tornerà a giocare) e poi si capirà cosa ne sarà dell'oggetto misterioso Michu. In questo pacchetto di recuperi bisognerà includere anche gli ultimi arrivi di Gabbiadini e Strinic. Con una rosa siffatta, ricca e competitiva, il terzo posto dovrà essere l'obiettivo minimo per evitare una contrazione nelle entrate che sarebbe gravissima, ora che il Napoli non ha più altri calciatori come Cavani e Lavezzi da vendere al miglior offerente per continuare ad avere una rosa di tutto rispetto. Tocca a Benitez sfruttare per intero tutto l'organico, ma soprattutto ai calciatori esprimersi al top in questa seconda parte della stagione. Invece di pensare ad altri lidi da frequentare nella prossima stagione, qualora a Napoli non ci fosse la Champions, si preoccupassero soprattutto di portare la squadra azzurra nella massima competizione continentale: sarebbe il modo più corretto per rispettare un club che si è accollato ingaggi da nababbi pur portarli a Napoli.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan grandi idee (Bonucci), Juve-Schick, Roma e gli attaccanti... 13.07 - L'idea è ambiziosa, esattamente come il Milan del nuovo corso. Finora nessun contatto, neanche ufficioso, fra le società. Ma i rossoneri pensano a Bonucci. Hanno cominciato a sondare il terreno, a parlare con il procuratore del ragazzo (l'altro ieri Lucci era a casa Milan anche per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, ora un addio eccellente… Milan-Gigio, tutto dimenticato? Roma-Nainggolan, resa dei conti! Inter, quanti sogni. E intanto Roberto Carlos fa 9… 12.07 - Ancora una volta, la Juventus sta mostrando gli artigli. Dopo un inizio di calciomercato soporifero, Marotta e compagni hanno deciso di inserire le marce alte. Douglas Costa è un fenomeno. In un calcio molto tattico come quello italiano, avere uno, come il brasiliano, che salta l’uomo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, non solo Douglas: altri 2 colpi “da Champions” (uno nascosto). Inter: la strategia su Nainggolan, il patto con Dalbert e la “tecnica-Spalletti”. Milan: dietro al super-mercato c’è un piano preciso (e occhio al Gallo…) 11.07 - (A fine editoriale mi lascio andare a un delirio da ricovero coatto. Non fateci caso, è il caldo). Buondì. Oggi volevo ragionare con voi di emoticon. Le faccine che sorridono, che piangono, il simbolo della merda col sorriso, il dito all’insu, le corna, l’omino che corre, il vecchio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.