VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Caro De Laurentiis riprenditi il Napoli e se fosse necessario manda subito via Benitez e dai la squadra a Pecchia per l'ultima partita stagione. Bisogna mettere su un nuovo gruppo che sappia combattere...

Laureato in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
24.05.2015 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 74481 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Quante umiliazioni in una sola volta per il Napoli. Partecipare alla festa tricolore della Juventus con una sconfitta pesantissima e dissanguante per tutte le risorse che non arriveranno attraverso la Champions League, oltre all'esclusione di Higuain dopo soli 45 minuti e l'espulsione di Britos al termine di una sfida che ha confermato quanto la squadra di Benitez sia sprovvista dell'elemento principale per prevalere nel calcio: la grinta. La sera amara dello Juventus Stadium è stata seguita con sconforto anche dal presidente De Laurentiis, presente in tribuna, al fianco della squadra alla quale aveva promesso anche un sostanzioso premio (3 milioni da dividere tra tutti) pur di prodursi in un rush finale tale da permettere di acciuffare quella Champions che sarebbe ancora possibile qualora la Roma riuscisse a battere la Lazio nel derby di domani sera. È una fiammella ancora accesa nel mentre tutto intorno si scatena la bufera all'interno di uno spogliatoio che ha smarrito tutti gli stimoli da quando è stata fallita la finale di Europa League, unico vero obiettivo sul quale aveva puntato il tecnico spagnolo per arricchire la bacheca della squadra azzurra, ma anche il suo palmares personale. Un errore gravissimo, perché quando a Kiev il Dnipro ha eliminato gli azzurri, in quel momento si è spenta definitivamente la luce. Il Napoli è sparito dietro una nuvola di illusioni sostenute ancora dal filo sottilissimo di un calendario di serie A che avrebbe permesso di tornare almeno a terzo posto, grazie al progressivo disfacimento tecnico della Roma. Niente di tutto questo, l'aspirazione del Napoli è andata in fumo, al pari delle risorse Champions di cui il club azzurro dovrà fare a meno per la seconda volta consecutiva. Il Napoli non può permetterselo, essendo quello l'unico benefit che permette di tenere il passo con le altre big d'Europa. La responsabilità ricade soprattutto su Benitez, incapace di dare una varietà di soluzioni tattiche alla squadra e per nulla idoneo al calcio italiano che necessita di stimoli continui per avere il gruppo di calciatori sempre al massimo delle energie nervose. Benitez non è fatto per il nostro pallone e lui lo sa, lo ha pure ammesso quando nello spogliatoio di Parma fu colto in fallo con quella espressione denigratoria verso quel movimento calcistico contro il quale era andato cocciutamente per dimostrare che lui era molto meglio di come lo avevano descritto nella sua precedente esperienza all'Inter. Non c'è riuscito, ha fallito e adesso se ne torna a casa lasciando dietro di sè un cumulo di macerie ed una società priva di quelle risorse che gli erano state messe a disposizione quando De Laurentiis gli chiese di venire ad allenare il Napoli. Ben 135 milioni di euro spesi in cartellini di giocatori, alcuni dei quali sopravvalutati se non addirittura inutili (leggi Michu, costato alle casse azzurre 1,8 milioni di ingaggio), oltre ad una gestione totalitaria, nella quale il patron azzurro aveva per lungo tempo evitato di mettere becco. Ma ora no, adesso è arrivato per De Laurentiis il momento di rimboccarsi le maniche e riprendersi il Napoli. Da subito, magari anche ipotizzando di sbarazzarsi subito di Rafa Benitez: con lui in panchina contro la Lazio, sarebbe difficile batterla, qualora ci fosse ancora la possibilità di un aggancio al terzo posto. Meglio affidare a Pecchia ciò che resta di questa stagione e rispedire don Rafè da dove è venuto, con i migliori auguri al Real Madrid, qualora decidesse davvero di affidargli le merengues dopo questa doppia stagione fallimentare alla guida del Napoli. Caro presidente, nella vita si campa pure di piccole soddisfazioni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.