VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
Editoriale

Caro Lotito, non sono i piccoli club ad allontanare gli sportivi dallo spettacolo-calcio. Ora basta mungere le tv, il calcio deve trovare risorse negli stadi di proprietà e nei settori giovanili

15.02.2015 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 27539 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Ma siamo davvero così sicuri che una serie A composta solo da squadre che rappresentino grandi bacini d'utenza, determini di conseguenza un numero maggiore di abbonati per le tv a pagamento? No, se il presupposto a sostegno di tale composizione sia quello ipotizzato da Claudio Lotito: scoraggiare le piccole realtà territoriali nel loro quotidiano sforzo di primeggiare nel torneo cadetto, per favorire (il consigliere federale dovrebbe anche spiegarci come) quelle che porterebbero un numero maggiore di risorse al tavolo della spartizione dei diritti televisivi per le società che frequentano il massimo torneo. Basta con questo senso di irregolarità ormai comune alle cose del calcio nostrano. Negli ultimi 10 anni il pallone è stato macchiato così profondamente nella sua intima essenza di sportività, che proprio non era il caso di dare un'altra mano di irregolarità su quel muro già macchiato e claudicante, dietro il quale restano sbigottiti milioni di appassionati che temono di essere travolti dalle macerie di un sistema che sta crollando. Solo in questo ha ragione Lotito, il calcio italiano rischia il fallimento, soprattutto quello morale. Perché chi guarda le partite comincia a pensare che tra arbitri dotati di sim personali, calciatori dediti alle scommesse per lucrare in proprio e adesso campionati da costruire a tavolino per allargare il bouquet di fruitori tv, il calcio non sia più uno sport trasparente e cristallino da meritare di essere seguito con gli occhi di chi ancora pensa che il pallone sia rotondo. E che appartenga ancora ad una federazione che porta nell'acronimo Figc la parola "giuoco", tale da trasmettere la sensazione che il successo vada sempre a chi è più bravo e non a chi può portare più risorse alla serie A, che lo scudetto possa ancora essere vinto da realtà come Verona e Cagliari. Se, invece, lo spirito è cambiato, sarà sufficiente sostituire in FIGC il sostantivo "giuoco" con un più eloquente "business" e cercarsi altri utenti a cui proporre un prodotto che tutti saprebbero essere manipolato a piacimento. Davvero converrebbe fare tutto questo oppure sarebbe meglio che, come ha chiesto il sottosegretario Delrio, "il calcio venga cambiato profondamente"? Cominciando dagli uomini, perché solo così potranno essere portate nuove idee a sostegno di una realtà sportivo-economica che sta perdendo affiliati e non per colpa delle squadre che non determinano un grande appeal nei confronti dei network a pagamento. Se ne faccia una ragione Lotito e tutti quelli come Lotito: quella della tv è una mammella già munta a sufficienza e tanto di più non può garantire. E comunque non sarebbe sufficiente per stare al passo di campionati come la Premier, la Bundesliga e la Liga, dove le risorse arrivano da altri fronti. In Italia bisogna cominciare a riportare la gente allo stadio e per farlo bisogna costruire impianti di proprietà, per accogliere in maniera degna il fruitore dello spettacolo. Quella dello stadio deve diventare una voce attiva di bilancio, tale da integrare e forse raggiungere quella proveniente dai diritti tv. E poi, i vivai. Il settore giovanile, guarda caso, viene curato molto meglio da quelle piccole società che Lotito vorrebbe tenere confinate in un recinto di retroguardia perché incapaci di produrre reddito attraverso il prodotto tv. E che invece vincono di più, spesso grazie a quei ragazzini da loro reclutati, allevati e poi venduti al miglior offerente. Fino a quando i dirigenti del calcio, FIGC e Leghe, non capiranno che il rilancio deve passare attraverso gli investimenti e non l'accumulo di denaro pay, ci sarà sempre un Lotito che penserà al pallone solo come ad uno strumento per fare e bruciare il danaro degli sportivi-spettatori.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...

EditorialeDI: Marco Conterio

E' il calciomercato più bello del nuovo millennio. Casi shock e trasferimenti record: la top ten dei tormentoni ma siamo solo all'inizio 18.06 - E' un'estate calda, ma questo non è certo una novità. Solo che quest'anno, sotto l'ombrellone, ci stiamo già godendo la più bella e divertente sessione di mercato da anni a questa parte. In ordine sparso: la bomba Cristiano Ronaldo con il Real Madrid. L'avvento dei cinesi del Milan...

EditorialeDI: Mauro Suma

Donnarumma: costi quel che costi. Suning tra ex juventini ed ex milanisti. Da Cardiff a Castellammare 17.06 - Non l'ha ordinato nessuno ai tifosi del Milan di innamorarsi di Donnarumma. Nemmeno ai bambini ai quali, come per Kakà, e torneremo su questa nemesi, è particolarmente difficile spiegare cos'è successo. Ma non è il tempo del pistolotto moralistico: solo analisi e solo dettagli. Era...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma, ecco perché va via. Una storia scandalosa. Il Real lo aspetta, ma anche la Juve. Tornerà in Primavera o andrà in tribuna. Piace Neto. Inter, via Perisic. Nel mirino Bernardeschi e Borja Valero. Allegri aspetta Iniesta 16.06 - Donnarumma, una storia scandalosa. Una società investe sul settore giovanile, fa crescere un bambino, lo lancia in serie A, gli offre cinque milioni di ingaggio per cinque anni (una follia) e lui che fa? A diciotto anni dice no, vuole andar via per più soldi e forse più gloria. Una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter colpo a centrocampo, Juve passi avanti per N'Zonzi (e non solo), Milan il giorno di Donnarumma 15.06 - Si presenta Spalletti e spiega la sua filosofia. E mentre si presenta i suoi direttori lavorano per consegnargli una squadra che possa ricalcare più possibile le sue idee. Ecco perché è partita l'offensiva per Borja Valero. Il giocatore era già in cima alla lista dei desideri di Spalletti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan regina del mercato ma il prezzo lo fa la Juve… Chelsea-Insigne, mai nella vita! Inter, Perisic partirà. Ania, l’amica che tutti sognano… 14.06 - Ormai il caldo si è impossessato delle nostre giornate. Le temperature sono sempre più hot, così come il mercato. Si parla di milioni come se fossero noccioline… Sontuoso quanto sta facendo il Milan. Zittiti tutti coloro che dubitavano della solidità della nuova proprietà cinese....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e il mercato segreto: 2 colpi fatti, N’Zonzi a un passo e… una sorpresa. Milan: la scelta di Donnarumma e i prossimi colpi del “Diavolo che non esiste”. Inter: novità su Lucas e in difesa non c’è solo Rudiger! E il Napoli... 13.06 - Ciao. Se state leggendo qui vi interessa il mercato del calcio, al limite la mia salute mentale. Ma forse più il mercato. Oggi facciamo un ripasso sulle formule lessicali utilizzate da tutti noi che discutiamo di acquisti e cessioni. Se non vi imbattete almeno una volta al giorno...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.