HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2018/19?
  Barcellona
  Ajax
  Liverpool
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Caro Massimo, Rino merita un regalo. Inter, è finito l'effetto Spalletti? Napoli-Juve senza esclusioni di colpi. Figc, black monday a Roma

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
29.01.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 29686 volte
© foto di Federico De Luca

La matematica si divide in due: aritmetica e geometria. L'aritmetica è la parte prettamente numerica della matematica, per questo quando parliamo di punti e di classifica è sbagliato dire "matematicamente". La dicitura corretta sarebbe sempre "aritmeticamente". In matematica non ero un genio, anzi; eppure due calcoli li so fare. Giusto due: la media punti la so calcolare, i confronti numerici e le statistiche. Mi piaceva molto anche la definizione C.V.D. Come volevasi dimostrare. Starete pensando: questo oggi dove vuole arrivare? Da nessuna parte. Vorrei solo rendere onore e merito al lavoro di Rino Gattuso, per tutti Ringhio, quello che urla e quello che si arrabbia. Invece, sin dal primo giorno, ve lo abbiamo presentato per quello che è. Punto primo: Rino ha un grande staff; da persona intelligente sa scegliere i suoi collaboratori. Il vice Gigi Riccio in primis. Tattico ma anche uomo di fiducia e "fratello" di Rino. Gattuso è un ottimo allenatore e l'aspetto che deve limare è proprio quello che in molti riconoscono come il suo punto di forza: il carattere. Se Rino legge questo editoriale può pensare "senti chi parla". Sì, hai ragione. Ma Gattuso sa bene che, seppur volendo, non può attaccare al muro i giocatori ogni giorno. Una volta sì e una no. Anche se la categoria la conosce bene e sa bene che sono tutti mercenari e pensano solo ai soldi. Gattuso ha dato un gioco alla squadra che con Montella non si intravedeva neanche con il semaforo quando c'è la nebbia a Milano e, soprattutto, ha svolto da zero una preparazione atletica inesistente. Con Montella, la squadra a Milanello andava in vacanza. Partitella, torello, qualche clip e passeggiate. Con Gattuso è stata rifatta la preparazione e, ovviamente, facendola a stagione in corso hai perso qualche punto per strada. Per questo si fa a luglio ed agosto e per questo motivo esistono i ritiri. I calciatori vanno allenati altrimenti non rendono. Prendete Kessie. Con Montella era un paracarro perché uno che basa le sue qualità sulla forza e non si allena puoi farlo tranquillamente giocare in serie C. Ora il Milan inizia a crescere e Gattuso ha fatto due grandi cose per questa società: ha ridato mentalità e gioco alla Primavera che, ora con Lupi, sta continuando un grande lavoro (sabato bella vittoria nel derby con l'Inter) e ha anche rivalutato il mercato di Mirabelli. Chi non conosce Mirabelli l'ha francobollato come un deficiente che ha fatto la gavetta ma non è da Milan. Invece Mirabelli ha grandi qualità e ha il grandissimo torto di non aver dato un calcio a Montella appena arrivato. Sms del 28 maggio: se non cambi l'allenatore puoi prendere anche CR7... Le qualità di Mirabelli? Conosce tutti i campionati: dalla D alla Bundesliga. Nello spogliatoio si fa rispettare, parla di calcio, vede le partite non al dvd ma gira il mondo e non scende a compromessi con i procuratori perché, con il carattere di schifo che ha, non si fa minacciare da pizzaioli e camerieri monegaschi. Gattuso e Mirabelli: la Calabria comanda Milano. Non è certo una novità. E se anche Calabria risulta il migliore in campo capite che qui è destino... Mirabelli meriterebbe di giocarsi questa chance della vita con una proprietà più solida alle spalle. Invece naviga a vista. Gattuso, invece, per quello che sta facendo meriterebbe uno sforzo sul mercato. Mirabelli, da qui a mercoledì, dovrebbe regalargli una mezzala. Questa squadra ha bisogno di altezza e centimetri. Infatti sulle palle inattive spesso va in difficoltà. Il regalo non arriverà ma Rino lo meriterebbe.
Avrebbe meritato un altro mercato anche Luciano Spalletti, dopo il grande girone di andata. Ora sembra finito l'effetto Spalletti e l'Inter è tornata alla normalità. Normalità vuol dire che rischi di non partecipare alla Champions League neanche quando la Uefa ti regala 2 posti. Se Milano resterà fuori anche dalla prossima Champions dovremmo chiedere a Infantino di portare a 12 i posti delle italiane nell'Europa che conta. Qui la colpa non è né di Sabatini né di Spalletti. La colpa è del cinese che non si vede, del figlio che sta lì perché papà ha fatto i soldi e dell'azienda Inter che aveva promesso un mercato estivo fatto di grandi colpi e poi è tornata indietro e, a gennaio, con un mercato di autofinanziamento senza senso. Servivano investimenti, sono arrivati pop corn e coca cola che, senza budget, è già un lusso per questo cinema. Arriverà Pastore? Ce lo auguriamo, anche se la formula non piace al PSG.
Napoli e Juve stanno facendo e faranno un campionato a parte. Si fanno la guerra dentro e fuori dal campo. Dispetti sul mercato e strategie per non far crescere l'altra. La Juventus non brilla ma a marzo ed aprile potrebbe essere più in forma del Napoli. Il Napoli sta facendo i miracoli ma la sensazione è che possa accusare un calo, visti i pochi uomini a disposizione. Sarri meriterebbe un grande calciatore per potersi giocare il sogno scudetto fino a maggio. I napoletani meritano di rivivere queste emozioni. Gli ultimi che le hanno vissute, ormai, hanno una certa età, alcuni non ci sono più, altri (i più giovani) non sanno neanche cosa vuol significare vincere lo scudetto a Napoli. I tifosi juventini, invece, sognano solo la Champions perché lo scudetto è bello da vincere ma ormai è semplice routine. La domenica della festa: due bandierine, due sms di sfottò agli amici interisti e milanisti e tutti a casa a riposare che domani è lunedì e si deve andare a lavorare. La serie A avrebbe bisogno di un colpo di scena ma capisco che la Juventus, alla lunga, resta la favorita assoluta per la conquista del titolo. Sandra e Raimondo non ci sono più ma sappiamo bene cosa direbbero in questi casi.
In chiusura le elezioni federali. Il lunedì nero del calcio italiano. Oggi il giorno decisivo. Forse. Forse, anche no. Il sistema ha già perso: dovevano trovare un accordo comune per il dopo Tavecchio. Non solo non l'hanno trovato ma addirittura si presenteranno in 3. Ci mancava che si candidassero anche Ulivieri e Nicchi e ci ridevano dietro anche in Congo. Sibilia? Gravina? Tommasi? Hanno perso tutti. Comunque andrà oggi. Il rischio commissario è concreto. Sarebbe la vittoria del Coni che, da tempo, continua a dire a Lega e Federazione che sono dei pagliacci. Gravina ha delle qualità, Sibilia ne ha altre. La candidatura di Tommasi non ha senso, infatti, venerdì alle 20.30 aveva deciso di ritirarsi e di appoggiare Gravina. Avrebbe vinto. Per la prima volta su tre tentativi. Poi la politica ha pressato e ci ha ripensato. Con tre candidati sarà complicato anche governare. Perché deve vincere Gravina? Persona seria, vuole fare le giuste riforme, imprenditore e attento all'aspetto della comunicazione e dei diritti tv per dare visibilità a tutte le categorie. Perché deve vincere Sibilia? Perché potrebbe governare con larga maggioranza, perché è uomo ben inserito nella politica e perché è il più vicino al mondo Malagò. Perché deve vincere Tommasi? Perché è la volta buona che ci diamo tutti al calcio a 5 del Presidente Montemurro. Almeno lì hanno le idee...
Buon lunedì a tutti...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il mercato degli scontenti”: Icardi, Insigne e Dybala. La Champions e le panchine delle milanesi 25.04 - La finale di coppa Italia potrebbe anche cambiare i giudizi di fine stagione. Sicuramente vincerla (chiunque dovesse farlo, in attesa dell’altra finalista stasera) porta vantaggi. È chiaro che un trofeo in più o in meno fa la differenza, soprattutto in termini di coesione di gruppo,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Icardi ha rifiutato Atletico e PSG! Braccio di ferro con il club per avere la Juventus? E attenzione: Conte ha chiesto tempo all’Inter: c’è dietro l’interesse del Milan che ha scaricato Gattuso e si propone per il post-Benitez? 24.04 - Si vis pacem, para bellum - dicevano i latini, e non solo Lotito. Se vuoi la pace, prepara la guerra. Se qualcuno davvero si possa essere fatto traviare dalla pace post-pausa internazionale tra Icardi e l’Inter, allora si è sbagliato di grosso. La notizia è che l’ex capitano...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: lo scudetto, le riflessioni sul futuro, un difensore in più e... la posizione di Allegri. Milan: l'Atalanta fa paura, ora Gattuso pretende risposte. Inter: i numeri di Spalletti e la "sfida" con Conte. Evviva Fognini, anche quando perde 23.04 - Ciao. La festa è finita e si torna a lavorare. Anzi no, molti fanno il megaponte fino all’1 maggio, alcuni fino al 2 giugno, altri non tornano proprio. Il megaponte è per molti, ma non per tutti. Non per noi “grandi eroi” di tuttomercatoweb che anche oggi ve ne diciamo di tutti i...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna… 22.04 - Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510