VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Caro Massimo, Rino merita un regalo. Inter, è finito l'effetto Spalletti? Napoli-Juve senza esclusioni di colpi. Figc, black monday a Roma

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
29.01.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 28835 volte
© foto di Federico De Luca

La matematica si divide in due: aritmetica e geometria. L'aritmetica è la parte prettamente numerica della matematica, per questo quando parliamo di punti e di classifica è sbagliato dire "matematicamente". La dicitura corretta sarebbe sempre "aritmeticamente". In matematica non ero un genio, anzi; eppure due calcoli li so fare. Giusto due: la media punti la so calcolare, i confronti numerici e le statistiche. Mi piaceva molto anche la definizione C.V.D. Come volevasi dimostrare. Starete pensando: questo oggi dove vuole arrivare? Da nessuna parte. Vorrei solo rendere onore e merito al lavoro di Rino Gattuso, per tutti Ringhio, quello che urla e quello che si arrabbia. Invece, sin dal primo giorno, ve lo abbiamo presentato per quello che è. Punto primo: Rino ha un grande staff; da persona intelligente sa scegliere i suoi collaboratori. Il vice Gigi Riccio in primis. Tattico ma anche uomo di fiducia e "fratello" di Rino. Gattuso è un ottimo allenatore e l'aspetto che deve limare è proprio quello che in molti riconoscono come il suo punto di forza: il carattere. Se Rino legge questo editoriale può pensare "senti chi parla". Sì, hai ragione. Ma Gattuso sa bene che, seppur volendo, non può attaccare al muro i giocatori ogni giorno. Una volta sì e una no. Anche se la categoria la conosce bene e sa bene che sono tutti mercenari e pensano solo ai soldi. Gattuso ha dato un gioco alla squadra che con Montella non si intravedeva neanche con il semaforo quando c'è la nebbia a Milano e, soprattutto, ha svolto da zero una preparazione atletica inesistente. Con Montella, la squadra a Milanello andava in vacanza. Partitella, torello, qualche clip e passeggiate. Con Gattuso è stata rifatta la preparazione e, ovviamente, facendola a stagione in corso hai perso qualche punto per strada. Per questo si fa a luglio ed agosto e per questo motivo esistono i ritiri. I calciatori vanno allenati altrimenti non rendono. Prendete Kessie. Con Montella era un paracarro perché uno che basa le sue qualità sulla forza e non si allena puoi farlo tranquillamente giocare in serie C. Ora il Milan inizia a crescere e Gattuso ha fatto due grandi cose per questa società: ha ridato mentalità e gioco alla Primavera che, ora con Lupi, sta continuando un grande lavoro (sabato bella vittoria nel derby con l'Inter) e ha anche rivalutato il mercato di Mirabelli. Chi non conosce Mirabelli l'ha francobollato come un deficiente che ha fatto la gavetta ma non è da Milan. Invece Mirabelli ha grandi qualità e ha il grandissimo torto di non aver dato un calcio a Montella appena arrivato. Sms del 28 maggio: se non cambi l'allenatore puoi prendere anche CR7... Le qualità di Mirabelli? Conosce tutti i campionati: dalla D alla Bundesliga. Nello spogliatoio si fa rispettare, parla di calcio, vede le partite non al dvd ma gira il mondo e non scende a compromessi con i procuratori perché, con il carattere di schifo che ha, non si fa minacciare da pizzaioli e camerieri monegaschi. Gattuso e Mirabelli: la Calabria comanda Milano. Non è certo una novità. E se anche Calabria risulta il migliore in campo capite che qui è destino... Mirabelli meriterebbe di giocarsi questa chance della vita con una proprietà più solida alle spalle. Invece naviga a vista. Gattuso, invece, per quello che sta facendo meriterebbe uno sforzo sul mercato. Mirabelli, da qui a mercoledì, dovrebbe regalargli una mezzala. Questa squadra ha bisogno di altezza e centimetri. Infatti sulle palle inattive spesso va in difficoltà. Il regalo non arriverà ma Rino lo meriterebbe.
Avrebbe meritato un altro mercato anche Luciano Spalletti, dopo il grande girone di andata. Ora sembra finito l'effetto Spalletti e l'Inter è tornata alla normalità. Normalità vuol dire che rischi di non partecipare alla Champions League neanche quando la Uefa ti regala 2 posti. Se Milano resterà fuori anche dalla prossima Champions dovremmo chiedere a Infantino di portare a 12 i posti delle italiane nell'Europa che conta. Qui la colpa non è né di Sabatini né di Spalletti. La colpa è del cinese che non si vede, del figlio che sta lì perché papà ha fatto i soldi e dell'azienda Inter che aveva promesso un mercato estivo fatto di grandi colpi e poi è tornata indietro e, a gennaio, con un mercato di autofinanziamento senza senso. Servivano investimenti, sono arrivati pop corn e coca cola che, senza budget, è già un lusso per questo cinema. Arriverà Pastore? Ce lo auguriamo, anche se la formula non piace al PSG.
Napoli e Juve stanno facendo e faranno un campionato a parte. Si fanno la guerra dentro e fuori dal campo. Dispetti sul mercato e strategie per non far crescere l'altra. La Juventus non brilla ma a marzo ed aprile potrebbe essere più in forma del Napoli. Il Napoli sta facendo i miracoli ma la sensazione è che possa accusare un calo, visti i pochi uomini a disposizione. Sarri meriterebbe un grande calciatore per potersi giocare il sogno scudetto fino a maggio. I napoletani meritano di rivivere queste emozioni. Gli ultimi che le hanno vissute, ormai, hanno una certa età, alcuni non ci sono più, altri (i più giovani) non sanno neanche cosa vuol significare vincere lo scudetto a Napoli. I tifosi juventini, invece, sognano solo la Champions perché lo scudetto è bello da vincere ma ormai è semplice routine. La domenica della festa: due bandierine, due sms di sfottò agli amici interisti e milanisti e tutti a casa a riposare che domani è lunedì e si deve andare a lavorare. La serie A avrebbe bisogno di un colpo di scena ma capisco che la Juventus, alla lunga, resta la favorita assoluta per la conquista del titolo. Sandra e Raimondo non ci sono più ma sappiamo bene cosa direbbero in questi casi.
In chiusura le elezioni federali. Il lunedì nero del calcio italiano. Oggi il giorno decisivo. Forse. Forse, anche no. Il sistema ha già perso: dovevano trovare un accordo comune per il dopo Tavecchio. Non solo non l'hanno trovato ma addirittura si presenteranno in 3. Ci mancava che si candidassero anche Ulivieri e Nicchi e ci ridevano dietro anche in Congo. Sibilia? Gravina? Tommasi? Hanno perso tutti. Comunque andrà oggi. Il rischio commissario è concreto. Sarebbe la vittoria del Coni che, da tempo, continua a dire a Lega e Federazione che sono dei pagliacci. Gravina ha delle qualità, Sibilia ne ha altre. La candidatura di Tommasi non ha senso, infatti, venerdì alle 20.30 aveva deciso di ritirarsi e di appoggiare Gravina. Avrebbe vinto. Per la prima volta su tre tentativi. Poi la politica ha pressato e ci ha ripensato. Con tre candidati sarà complicato anche governare. Perché deve vincere Gravina? Persona seria, vuole fare le giuste riforme, imprenditore e attento all'aspetto della comunicazione e dei diritti tv per dare visibilità a tutte le categorie. Perché deve vincere Sibilia? Perché potrebbe governare con larga maggioranza, perché è uomo ben inserito nella politica e perché è il più vicino al mondo Malagò. Perché deve vincere Tommasi? Perché è la volta buona che ci diamo tutti al calcio a 5 del Presidente Montemurro. Almeno lì hanno le idee...
Buon lunedì a tutti...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe 12.02 - Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

In Europa resiste solo la Serie A grazie al miracolo Napoli. Bernardeschi come Dybala: c'è il marchio Allegri. Spalletti e Di Francesco: chi salta a maggio? 11.02 - Ha ragione Maurizio Sarri quando paragona la Juventus al Bayern Monaco. Lo dice la storia, la tradizione vincente e un fatturato che è completamente differente da quello delle altre 19 squadre di Serie A. In attesa del ritorno ad alti livelli delle milanesi, che ormai aspettiamo invano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gattuso: il Milan dice la verità. Mazzarri: infierire est diabolicum. Sarri: su Ghoulam si gioca lo Scudetto. Mancini: la Nazionale la vuole davvero 10.02 - Gattuso non si conta. Gattuso si pesa. Senza sapere quanto dureranno e a dove porteranno i miglioramenti della squadra in campionato, senza sapere se il Milan andrà in finale di coppa Italia e senza sapere se supererà zero, uno o più turni di Europa League, Rino ha già convinto. Per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Arbitro napoletano per la Juve, l’ultima follia dei complottisti che non la smettono di inquinare il calcio. Dybala lascia la casa a Torino. Anche Ronaldo spinge Icardi al Real. E l’Inter cosa aspetta a ridiscutere la clausola? 09.02 - Finalmente un campionato incerto, due squadra in corsa per lo scudetto, uno straordinario Napoli per il gioco che esprime, un’altrettanto straordinaria Juventus che non molla un centimetro, eppure c’è qualcuno che questa volata non se lo gode.  Ma come si fa nel 2018 a pensare ancora...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato non finisce mai: l’Inter mani su Martinez, Napoli Younes e Sarri e Gattuso sempre più rossonero... 08.02 - È davvero passata già una settimana dalla fine del mercato. Non ce ne siamo neanche accorti, davvero, e la battuta (troppo semplice) che è perché anche durante il mercato non è che è successo molto non ve la passo. Semplicemente le società hanno continuato a lavorare... Il colpo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.