HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato di Serie A in chiusura: qual è il vostro flop tra le big?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Caro Rino, adesso gli schiaffi sono 3…

10.03.2018 07:32 di Mauro Suma   articolo letto 14952 volte
Caro Rino, adesso gli schiaffi sono 3…

Rino Gattuso ha spesso ricordato, nelle ultime settimane, che le sconfitte di dicembre contro Verona e Atalanta, erano quelle del periodo in cui al Milan bastava prendere uno schiaffo per sparire sostanzialmente dal campo, senza reagire. Negli ultimi 8 giorni a ben guardare, ce ne sono stati 3 di schiaffi: uno psicologico, uno emotivo e uno tecnico. Da quale partiamo?

Le partite della scorsa domenica di campionato sono state rinviate tutte, non solo quella del Milan. Non vale come alibi e non deve essere vissuto come un alibi. Ma preparare tutto un derby e subire il contraccolpo di non giocarlo, è qualcosa che può deviare una traiettoria. Per una squadra paradossalmente abituata a giocare ogni 3 giorni, con ritmi veloci di ricarica mentale e di ripartenza psichica e atletica, ormai abituati ad avere conferme del proprio stato di forma ogni 3 giorni, ritrovarsi con una settimana senza partite può essere psicologicamente complicato. Soprattutto se quella partita è il derby, gara nella quale, a torto o a ragione, il Milan era convinto di godere della rendita di posizione del proprio buonissimo momento stagionale. Anche se quando si accendono le luci dei riflettori, nei grandi stadi, come stiamo per analizzare, nelle notti che contano, il momento delicato o il momento positivo non contano. Si parte da zero a zero e conta solo quel che si fa dal calcio d’inizio in poi. E’ il trionfo delle controprove. Che peraltro per definizione non esistono.

E veniamo a Davide. Lo schiaffo emotivo. Nella rosa del Milan ci sono giocatori che sono stati compagni di squadra nelle giovanili rossonere di Davide Astori. Ci sono giocatori, come del resto sa bene anche l’Inter, che sono stati suoi compagni di squadra fino alla scorsa primavera. E, a Milanello, ce ne sono altri che hanno condiviso con lo splendido atleta bergamasco e la sua famiglia, giorni di serenità in vacanza nella scorsa sosta invernale con le rispettive famiglie. Conta? Non conta? In realtà anche la Juventus era scossa in alcuni suoi uomini, eppure è andata a Wembley a qualificarsi, pur senza sfoderare nel suo complesso una partita memorabile. Rino Gattuso sa bene qual è il precedente: ottobre 2011, proprio lui e Abbiati, grandi amici di Marco Simoncelli, vengono a sapere sul pullman mentre stanno andando allo stadio per Lecce-Milan, dell’incidente del Sic. Risultato, tre gol del Lecce nel primo tempo…E quattro del Milan nel secondo, segno che è stato necessario del tempo per metabolizzare. Zero attenuanti e zero pretesti, però l’elemento morale esiste.

Quindi l’Arsenal. Non sappiamo se gli allenamenti molto intensi di questo inizio settimana, pensati e voluti da quel lavoratore instancabile che è Rino Gattuso, abbiano reso il Milan meno brillante atleticamente. Noi non abbiamo avuto questa sensazione, ma autorevoli osservatori sì. Non corrono, non sono brillanti, sembrano piantati, hanno caricato troppo, questi i pareri letti e sentiti. Non condividiamo, ma diamo atto di questi pensieri. Lo stesso Rino Gattuso, mai arroccato e sempre autocritico, non ha rispedito al mittente la tesi. Sia quel che sia, la nostra sensazione è stata quella di una superiorità tecnica, qualitativa, di personalità dell’Arsenal, e quindi di conseguente timidezza dei giocatori rossoneri che hanno sbagliato passaggi come non mai. O sul un fronte o sull’altro, lo schiaffo c’è stato. Anche qui. Ed è proprio questo il terreno su cui dovrà lavorare Rino Gattuso: la reazione, la ripartenza, lo stesso terreno sul quale lavorò in quei giorni di fine dicembre che hanno preceduto il vittorio derby di coppa Italia e i successivi 13 risultati utili consecutivi. La parola al campo.

Informazione di servizio per tutti gli innamorati del lunedì sera rossonero di Milan Channel, oggi Milan TV: occhio a Twitter, più o meno dalle 17.00 di oggi in poi…stay tuned.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Modric-Inter: è il D-Day. Ecco perché tutti i fattori esterni sono contro l’Inter (diversamente da come erano stati tutti a favore della Juve con Cristiano). Pogba-Barcellona: dipende da Lotito… 08.08 - E’ arrivato il giorno in cui l’Inter saprà se può tornare a sognare l’impossibile, come non le accadeva dai tempi del Triplete. Nonché in cui la Serie A può scoprire se davvero le cose hanno già cominciato a cambiare a livello sistemico, o se il locomotore Juventus tira ancora il...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: in attesa del "miracolo Modric" si punta a Keita! Juve: altro tassello in arrivo al centro. Milan: attenzione, Leonardo ha un segreto... Napoli: 10 giorni per risolvere un equivoco 07.08 - Ciao. Mancano 10 giorni alla chiusura del mercato poi, purtroppo, inizierà il campionato. Il campionato non interessa a nessuno. A tutti interessa il mercato. “Chi arriva?”. “Ne prendiamo due?”. “La pista è calda?”. Queste cose qui. Pochissimi si chiedono “dove giocherà?” o “ha senso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy