HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Caro Rino, adesso gli schiaffi sono 3…

10.03.2018 07:32 di Mauro Suma   articolo letto 14994 volte
Caro Rino, adesso gli schiaffi sono 3…

Rino Gattuso ha spesso ricordato, nelle ultime settimane, che le sconfitte di dicembre contro Verona e Atalanta, erano quelle del periodo in cui al Milan bastava prendere uno schiaffo per sparire sostanzialmente dal campo, senza reagire. Negli ultimi 8 giorni a ben guardare, ce ne sono stati 3 di schiaffi: uno psicologico, uno emotivo e uno tecnico. Da quale partiamo?

Le partite della scorsa domenica di campionato sono state rinviate tutte, non solo quella del Milan. Non vale come alibi e non deve essere vissuto come un alibi. Ma preparare tutto un derby e subire il contraccolpo di non giocarlo, è qualcosa che può deviare una traiettoria. Per una squadra paradossalmente abituata a giocare ogni 3 giorni, con ritmi veloci di ricarica mentale e di ripartenza psichica e atletica, ormai abituati ad avere conferme del proprio stato di forma ogni 3 giorni, ritrovarsi con una settimana senza partite può essere psicologicamente complicato. Soprattutto se quella partita è il derby, gara nella quale, a torto o a ragione, il Milan era convinto di godere della rendita di posizione del proprio buonissimo momento stagionale. Anche se quando si accendono le luci dei riflettori, nei grandi stadi, come stiamo per analizzare, nelle notti che contano, il momento delicato o il momento positivo non contano. Si parte da zero a zero e conta solo quel che si fa dal calcio d’inizio in poi. E’ il trionfo delle controprove. Che peraltro per definizione non esistono.

E veniamo a Davide. Lo schiaffo emotivo. Nella rosa del Milan ci sono giocatori che sono stati compagni di squadra nelle giovanili rossonere di Davide Astori. Ci sono giocatori, come del resto sa bene anche l’Inter, che sono stati suoi compagni di squadra fino alla scorsa primavera. E, a Milanello, ce ne sono altri che hanno condiviso con lo splendido atleta bergamasco e la sua famiglia, giorni di serenità in vacanza nella scorsa sosta invernale con le rispettive famiglie. Conta? Non conta? In realtà anche la Juventus era scossa in alcuni suoi uomini, eppure è andata a Wembley a qualificarsi, pur senza sfoderare nel suo complesso una partita memorabile. Rino Gattuso sa bene qual è il precedente: ottobre 2011, proprio lui e Abbiati, grandi amici di Marco Simoncelli, vengono a sapere sul pullman mentre stanno andando allo stadio per Lecce-Milan, dell’incidente del Sic. Risultato, tre gol del Lecce nel primo tempo…E quattro del Milan nel secondo, segno che è stato necessario del tempo per metabolizzare. Zero attenuanti e zero pretesti, però l’elemento morale esiste.

Quindi l’Arsenal. Non sappiamo se gli allenamenti molto intensi di questo inizio settimana, pensati e voluti da quel lavoratore instancabile che è Rino Gattuso, abbiano reso il Milan meno brillante atleticamente. Noi non abbiamo avuto questa sensazione, ma autorevoli osservatori sì. Non corrono, non sono brillanti, sembrano piantati, hanno caricato troppo, questi i pareri letti e sentiti. Non condividiamo, ma diamo atto di questi pensieri. Lo stesso Rino Gattuso, mai arroccato e sempre autocritico, non ha rispedito al mittente la tesi. Sia quel che sia, la nostra sensazione è stata quella di una superiorità tecnica, qualitativa, di personalità dell’Arsenal, e quindi di conseguente timidezza dei giocatori rossoneri che hanno sbagliato passaggi come non mai. O sul un fronte o sull’altro, lo schiaffo c’è stato. Anche qui. Ed è proprio questo il terreno su cui dovrà lavorare Rino Gattuso: la reazione, la ripartenza, lo stesso terreno sul quale lavorò in quei giorni di fine dicembre che hanno preceduto il vittorio derby di coppa Italia e i successivi 13 risultati utili consecutivi. La parola al campo.

Informazione di servizio per tutti gli innamorati del lunedì sera rossonero di Milan Channel, oggi Milan TV: occhio a Twitter, più o meno dalle 17.00 di oggi in poi…stay tuned.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->