VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Caro Silvio, mi consenta... Genoa, esonerato Preziosi. Ah, non si può. Allegri, cambia marcia. Così non va! Foggia, che pasticcio

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
06.11.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 32597 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Berlusconi è stato il Milan. Berlusconi è stato il Re di Milano e, forse, alla tenera età di 80 anni potrebbe tornare ad esserlo. Di Milano? Ma che dico, d'Italia; affaracci dei colleghi che si occupano di politica. Della sua ultima intervista a Costanzo, ci interessa solo quel passaggio di pochi secondi fatto sul Milan. "Lo guardo da casa, ho la morte nel cuore perché mi manca. I cinesi mi avevano promesso che avrebbero investito 250 milioni di euro e l'hanno fatto ma hanno sbagliato acquisti". Le parole di Berlusconi sono anche giuste e ricordano un po' il marito che parla dell'ex moglie, che l'ha persa perché lei voleva altro e di più, ma lui non riusciva più a darle quello che lei voleva. La gentile Signora si sposa con un altro e l'ex marito dà lezioni al nuovo marito. In sintesi: Berlusconi fa bene a parlare così del Milan ma non deve dimenticare che in queste condizioni l'ha portato lui, dopo aver vinto tutto e di più. Il Milan ha speso 230 milioni di euro ma non sono stati tutti buttati dalla finestra e, sicuramente, Montella scelto dalla gestione Berlusconi non brilla per essere un fulmine di guerra. Analizzando le parole di Berlusconi potremmo fare delle riflessioni. Perché dopo siamo tutti bravi a parlare. Quali sono i clamorosi errori del nuovo Milan fatti in estate? Dico la mia: i due errori più gravi sono, in ordine, non aver preso una vera prima punta e aver tenuto Montella. Oggi sono errori che paghi a caro prezzo. Hai sbagliato Chala? Sì, ci può stare. Kessie? Lo voleva la Roma e l'anno prima sembrava uno dei giovani più promettenti in Italia. Conti, purtroppo, non lo abbiamo proprio visto, Kalinic non è idoneo, Andrè Silva deve ambientarsi nel campionato italiano, Rodriguez lo voleva mezza Germania e anche l'Inter, mentre discutere Bonucci è da fenomeni da baraccone perché tutti abbiamo parlato di Bonucci come il colpo dell'estate. Berlusconi dovrebbe rivedere le ultime campagne acquisti del suo Milan, prima di giudicare dopo due mesi il lavoro programmatico fatto da Mirabelli e Fassone.
Il Genoa esonera Juric, lo manda in pasto a stampa e tifosi perché la colpa è dell'allenatore ma, ancora una volta, nasconde la polvere sotto il tappeto. Una squadra che al tappeto c'è già da anni. E' una società clinicamente morta, ormai, da tempo. In Italia, però, la spina non la possiamo staccare e, prima di Genoa-Samp, si magnificavano le plusvalenze del Genoa negli ultimi anni; circa 500 milioni di euro. Bene, il campo non ti premia ma almeno hai una società solida. Neanche quello. La squadra non cresce e la società è morta. Ma dove sono finiti questi 500 milioni di plusvalenze? Dove sono finiti? Non lo sappiamo e non lo sapremo mai. Nel frattempo, come ogni anno, il Genoa rischia la retrocessione e tra sei mesi leggeremo di un potenziale acquirente con il quale sta trattando Preziosi. Poi, però, ci lamentiamo di casi come Parma e Modena perché tutti sapevano leggere ma nessuno sapeva scrivere. A cosa servirà l'esonero di Juric? Fumo negli occhi. L'unico da esonerare sarebbe Preziosi.
A Torino stava scappando il risultato del secolo. Il Benevento, zero punti, che vince o pareggia con la Juve fuori casa. Siamo sinceri: quanti di voi sullo 0-1 hanno malignato sulla vittoria del Benevento data a 45? Che cattivi che siete. Il problema è un altro. Questa Juve ha grossi limiti e nessuno si è accorto che a Cardiff era finito un ciclo. C'era scritto a caratteri cubitali, invece hanno pensato che mandare via Bonucci fosse la soluzione a tutti i problemi. Allegri, dopo Conte, ha scritto pagine di storia importanti e si è preso una bella rivincita su chi gli tirava uova e pomodori. Ma bisogna essere bravi a capire quando è arrivata la fine. Le storie d'amore, tra ragazzini, quando finiscono la prima volta poi c'è sempre una seconda dove si torna insieme sperando che sia come la prima volta. Passano 2-3 mesi e la coppia scoppia definitivamente. La Juventus e Allegri faranno la stessa cosa, solo, 12 mesi dopo. Peccato, un anno perso. Attenzione, la colpa non è di nessuno. Quando un ciclo finisce non c'è un colpevole.
Scendendo di categoria, a Foggia hanno fatto un bel pasticcio. Sicuramente la squadra deve darsi una mossa, soprattutto nel fortino casalingo, ma perdere Di Bari a novembre è pura follia. Il Direttore era ed è l'unico che conosce società e calciatori, capace di tirare fuori qualcosa da questa squadra. Se poi il problema è il rapporto Stroppa-Di Bari questo non lo sappiamo. Contattato Pierpaolo Marino. Bene, ma la domanda per Marino e per il Foggia è semplice: cosa va a fare Marino a Foggia? Un Direttore del calibro di Marino non può andare a giocare in B per la salvezza. Meglio stare a casa, in attesa della chiamata giusta. Arriva Maiorino? Bene, fate pure, ma cambiare Di Bari con Maiorino è come chiedere ad un eterosessuale se preferisce Belen o Cesara Buonamici.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan? 20.01 - Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi...

EditorialeDI: Luca Serafini

Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.