HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Caro Silvio, mi consenta... Genoa, esonerato Preziosi. Ah, non si può. Allegri, cambia marcia. Così non va! Foggia, che pasticcio

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
06.11.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 32840 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Berlusconi è stato il Milan. Berlusconi è stato il Re di Milano e, forse, alla tenera età di 80 anni potrebbe tornare ad esserlo. Di Milano? Ma che dico, d'Italia; affaracci dei colleghi che si occupano di politica. Della sua ultima intervista a Costanzo, ci interessa solo quel passaggio di pochi secondi fatto sul Milan. "Lo guardo da casa, ho la morte nel cuore perché mi manca. I cinesi mi avevano promesso che avrebbero investito 250 milioni di euro e l'hanno fatto ma hanno sbagliato acquisti". Le parole di Berlusconi sono anche giuste e ricordano un po' il marito che parla dell'ex moglie, che l'ha persa perché lei voleva altro e di più, ma lui non riusciva più a darle quello che lei voleva. La gentile Signora si sposa con un altro e l'ex marito dà lezioni al nuovo marito. In sintesi: Berlusconi fa bene a parlare così del Milan ma non deve dimenticare che in queste condizioni l'ha portato lui, dopo aver vinto tutto e di più. Il Milan ha speso 230 milioni di euro ma non sono stati tutti buttati dalla finestra e, sicuramente, Montella scelto dalla gestione Berlusconi non brilla per essere un fulmine di guerra. Analizzando le parole di Berlusconi potremmo fare delle riflessioni. Perché dopo siamo tutti bravi a parlare. Quali sono i clamorosi errori del nuovo Milan fatti in estate? Dico la mia: i due errori più gravi sono, in ordine, non aver preso una vera prima punta e aver tenuto Montella. Oggi sono errori che paghi a caro prezzo. Hai sbagliato Chala? Sì, ci può stare. Kessie? Lo voleva la Roma e l'anno prima sembrava uno dei giovani più promettenti in Italia. Conti, purtroppo, non lo abbiamo proprio visto, Kalinic non è idoneo, Andrè Silva deve ambientarsi nel campionato italiano, Rodriguez lo voleva mezza Germania e anche l'Inter, mentre discutere Bonucci è da fenomeni da baraccone perché tutti abbiamo parlato di Bonucci come il colpo dell'estate. Berlusconi dovrebbe rivedere le ultime campagne acquisti del suo Milan, prima di giudicare dopo due mesi il lavoro programmatico fatto da Mirabelli e Fassone.
Il Genoa esonera Juric, lo manda in pasto a stampa e tifosi perché la colpa è dell'allenatore ma, ancora una volta, nasconde la polvere sotto il tappeto. Una squadra che al tappeto c'è già da anni. E' una società clinicamente morta, ormai, da tempo. In Italia, però, la spina non la possiamo staccare e, prima di Genoa-Samp, si magnificavano le plusvalenze del Genoa negli ultimi anni; circa 500 milioni di euro. Bene, il campo non ti premia ma almeno hai una società solida. Neanche quello. La squadra non cresce e la società è morta. Ma dove sono finiti questi 500 milioni di plusvalenze? Dove sono finiti? Non lo sappiamo e non lo sapremo mai. Nel frattempo, come ogni anno, il Genoa rischia la retrocessione e tra sei mesi leggeremo di un potenziale acquirente con il quale sta trattando Preziosi. Poi, però, ci lamentiamo di casi come Parma e Modena perché tutti sapevano leggere ma nessuno sapeva scrivere. A cosa servirà l'esonero di Juric? Fumo negli occhi. L'unico da esonerare sarebbe Preziosi.
A Torino stava scappando il risultato del secolo. Il Benevento, zero punti, che vince o pareggia con la Juve fuori casa. Siamo sinceri: quanti di voi sullo 0-1 hanno malignato sulla vittoria del Benevento data a 45? Che cattivi che siete. Il problema è un altro. Questa Juve ha grossi limiti e nessuno si è accorto che a Cardiff era finito un ciclo. C'era scritto a caratteri cubitali, invece hanno pensato che mandare via Bonucci fosse la soluzione a tutti i problemi. Allegri, dopo Conte, ha scritto pagine di storia importanti e si è preso una bella rivincita su chi gli tirava uova e pomodori. Ma bisogna essere bravi a capire quando è arrivata la fine. Le storie d'amore, tra ragazzini, quando finiscono la prima volta poi c'è sempre una seconda dove si torna insieme sperando che sia come la prima volta. Passano 2-3 mesi e la coppia scoppia definitivamente. La Juventus e Allegri faranno la stessa cosa, solo, 12 mesi dopo. Peccato, un anno perso. Attenzione, la colpa non è di nessuno. Quando un ciclo finisce non c'è un colpevole.
Scendendo di categoria, a Foggia hanno fatto un bel pasticcio. Sicuramente la squadra deve darsi una mossa, soprattutto nel fortino casalingo, ma perdere Di Bari a novembre è pura follia. Il Direttore era ed è l'unico che conosce società e calciatori, capace di tirare fuori qualcosa da questa squadra. Se poi il problema è il rapporto Stroppa-Di Bari questo non lo sappiamo. Contattato Pierpaolo Marino. Bene, ma la domanda per Marino e per il Foggia è semplice: cosa va a fare Marino a Foggia? Un Direttore del calibro di Marino non può andare a giocare in B per la salvezza. Meglio stare a casa, in attesa della chiamata giusta. Arriva Maiorino? Bene, fate pure, ma cambiare Di Bari con Maiorino è come chiedere ad un eterosessuale se preferisce Belen o Cesara Buonamici.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Roma: Olsen e Malcom. Il Milan insiste per Morata. Napoli tra Sabaly, Lainer e Arias. Juve c’è Darmian 21.07 - La Roma torna protagonista sul mercato. La cessione di Alisson, che ha portato nelle casse giallorosse 75 milioni di euro compresi bonus, permette a Monchi di lavorare su altri 2 obiettivi. Olsen è in pole position. Il portiere svedese è passato in testa e sta battendo un’agguerrita...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis... 20.07 - Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy