VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Caro Silvio, mi consenta... Genoa, esonerato Preziosi. Ah, non si può. Allegri, cambia marcia. Così non va! Foggia, che pasticcio

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
06.11.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 32291 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Berlusconi è stato il Milan. Berlusconi è stato il Re di Milano e, forse, alla tenera età di 80 anni potrebbe tornare ad esserlo. Di Milano? Ma che dico, d'Italia; affaracci dei colleghi che si occupano di politica. Della sua ultima intervista a Costanzo, ci interessa solo quel passaggio di pochi secondi fatto sul Milan. "Lo guardo da casa, ho la morte nel cuore perché mi manca. I cinesi mi avevano promesso che avrebbero investito 250 milioni di euro e l'hanno fatto ma hanno sbagliato acquisti". Le parole di Berlusconi sono anche giuste e ricordano un po' il marito che parla dell'ex moglie, che l'ha persa perché lei voleva altro e di più, ma lui non riusciva più a darle quello che lei voleva. La gentile Signora si sposa con un altro e l'ex marito dà lezioni al nuovo marito. In sintesi: Berlusconi fa bene a parlare così del Milan ma non deve dimenticare che in queste condizioni l'ha portato lui, dopo aver vinto tutto e di più. Il Milan ha speso 230 milioni di euro ma non sono stati tutti buttati dalla finestra e, sicuramente, Montella scelto dalla gestione Berlusconi non brilla per essere un fulmine di guerra. Analizzando le parole di Berlusconi potremmo fare delle riflessioni. Perché dopo siamo tutti bravi a parlare. Quali sono i clamorosi errori del nuovo Milan fatti in estate? Dico la mia: i due errori più gravi sono, in ordine, non aver preso una vera prima punta e aver tenuto Montella. Oggi sono errori che paghi a caro prezzo. Hai sbagliato Chala? Sì, ci può stare. Kessie? Lo voleva la Roma e l'anno prima sembrava uno dei giovani più promettenti in Italia. Conti, purtroppo, non lo abbiamo proprio visto, Kalinic non è idoneo, Andrè Silva deve ambientarsi nel campionato italiano, Rodriguez lo voleva mezza Germania e anche l'Inter, mentre discutere Bonucci è da fenomeni da baraccone perché tutti abbiamo parlato di Bonucci come il colpo dell'estate. Berlusconi dovrebbe rivedere le ultime campagne acquisti del suo Milan, prima di giudicare dopo due mesi il lavoro programmatico fatto da Mirabelli e Fassone.
Il Genoa esonera Juric, lo manda in pasto a stampa e tifosi perché la colpa è dell'allenatore ma, ancora una volta, nasconde la polvere sotto il tappeto. Una squadra che al tappeto c'è già da anni. E' una società clinicamente morta, ormai, da tempo. In Italia, però, la spina non la possiamo staccare e, prima di Genoa-Samp, si magnificavano le plusvalenze del Genoa negli ultimi anni; circa 500 milioni di euro. Bene, il campo non ti premia ma almeno hai una società solida. Neanche quello. La squadra non cresce e la società è morta. Ma dove sono finiti questi 500 milioni di plusvalenze? Dove sono finiti? Non lo sappiamo e non lo sapremo mai. Nel frattempo, come ogni anno, il Genoa rischia la retrocessione e tra sei mesi leggeremo di un potenziale acquirente con il quale sta trattando Preziosi. Poi, però, ci lamentiamo di casi come Parma e Modena perché tutti sapevano leggere ma nessuno sapeva scrivere. A cosa servirà l'esonero di Juric? Fumo negli occhi. L'unico da esonerare sarebbe Preziosi.
A Torino stava scappando il risultato del secolo. Il Benevento, zero punti, che vince o pareggia con la Juve fuori casa. Siamo sinceri: quanti di voi sullo 0-1 hanno malignato sulla vittoria del Benevento data a 45? Che cattivi che siete. Il problema è un altro. Questa Juve ha grossi limiti e nessuno si è accorto che a Cardiff era finito un ciclo. C'era scritto a caratteri cubitali, invece hanno pensato che mandare via Bonucci fosse la soluzione a tutti i problemi. Allegri, dopo Conte, ha scritto pagine di storia importanti e si è preso una bella rivincita su chi gli tirava uova e pomodori. Ma bisogna essere bravi a capire quando è arrivata la fine. Le storie d'amore, tra ragazzini, quando finiscono la prima volta poi c'è sempre una seconda dove si torna insieme sperando che sia come la prima volta. Passano 2-3 mesi e la coppia scoppia definitivamente. La Juventus e Allegri faranno la stessa cosa, solo, 12 mesi dopo. Peccato, un anno perso. Attenzione, la colpa non è di nessuno. Quando un ciclo finisce non c'è un colpevole.
Scendendo di categoria, a Foggia hanno fatto un bel pasticcio. Sicuramente la squadra deve darsi una mossa, soprattutto nel fortino casalingo, ma perdere Di Bari a novembre è pura follia. Il Direttore era ed è l'unico che conosce società e calciatori, capace di tirare fuori qualcosa da questa squadra. Se poi il problema è il rapporto Stroppa-Di Bari questo non lo sappiamo. Contattato Pierpaolo Marino. Bene, ma la domanda per Marino e per il Foggia è semplice: cosa va a fare Marino a Foggia? Un Direttore del calibro di Marino non può andare a giocare in B per la salvezza. Meglio stare a casa, in attesa della chiamata giusta. Arriva Maiorino? Bene, fate pure, ma cambiare Di Bari con Maiorino è come chiedere ad un eterosessuale se preferisce Belen o Cesara Buonamici.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Che sia una bella av-Ventura… Samp, negozio di alta qualità!!! Schick, pensa a giocare… Conte parigino? Mou nelle mani di Ibra! 08.11 - Non so voi ma io sono teso… Lo spareggio Mondiale mi ronza nella mente. Ci penso tanto, troppo. E’ come un chiodo fisso e preferirei averne di altro tipo! Che sia chiaro, ho fiducia nell’Italia ma ho anche tanta, troppa paura… Non me ne voglia il nostro CT (che non ho intenzione di...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Higuain, Dybala e altre boiate. Inter: diffidare degli "incazzati per forza". Milan: il diritto alla quiete. E sul falso problema del turnover di Sarri...  07.11 - Ciao. Mi vergogno molto ma devo pulirmi la coscienza e non conosco mezzo migliore dell’editoriale di Tmw. La sera torno a casa sempre piuttosto tardi. Fino a una settimana fa capitava che addirittura mi mettessi a leggere dei libri, ma ora no: ora accendo la tv sul live del Grande...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.