VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Caro Thohir, non hai sbagliato a vendere ma ad acquistare. Milan, futuro nero. Juve, dopo Alves tieni Morata. De Rossi, papà di Roma...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
06.06.2016 16:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 87438 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

E' già finita l'avventura di Erick Thohir alla guida dell'Inter. L'unico magnate con pochi soldi lo abbiamo attirato noi. A Roma spendono, giustamente, quel che si possono permettere, mentre all'Inter l'indonesiano con il braccino corto si è già rotto. Ma diciamocela tutta: Thohir non sta sbagliando a vendere e a restare con il 31% delle quote del club ma ha sbagliato ad acquistare. I tifosi che oggi se la prendono con Thohir sbagliano perché qui c'è solo un colpevole e si chiama Massimo Moratti. Il maxi debito all'Inter l'ha fatto lui, Mancini l'ha consigliato lui, ha venduto e ha voluto continuare a mettere il becco e se Thohir non è quello che tutti si aspettavano la colpa è sempre di Moratti che lo ha trascinato nel calcio italiano come via di fuga dal disastro generale. E' un'Inter, però, che oggi guarda al futuro con grande ottimismo. Su una cosa Moratti ha ragione: bisogna affidare le chiavi del club agli italiani. Fare calcio in Italia non è semplice e fare paragoni con gli altri Paesi non ha senso. Qui è un jungla. Fare calcio in Italia è per pochi. Devi far parte di certi giri, devi conoscere da anni i procuratori che ti portano i calciatori giusti solo se poi torna qualcosa di importante nelle loro tasche e via dicendo. Se un noto procuratore ha la villa più bella di Ibiza un motivo ci sarà. I geni sono i procuratori che con il calcio i soldi li fanno e non ce li mettono. Senza ansie da prestazione e la loro vita non è condizionata da una palla che finisce in rete o sul palo. Certo, di questi, ce n'è una ventina, gli altri procuratori vivacchiano o non esistono. Thohir fa bene a vendere. Il futuro dell'Inter, con lui, sarebbe sempre in mano alle banche e il debito non diminuirebbe ma aumenterebbe, come le pressioni di Moratti, il quale oggi scarica l'indonesiano ma due anni fa lo accolse come il salvatore della Patria. Perché Moratti non dice: "ho sbagliato io a cedere a Thohir e ho sbagliato io a proporre Mancini per il dopo Mazzarri"? Mancini, tra il suo stipendio e l'acquisto di calciatori importanti, ha fatto aumentare il debito e non ha migliorato l'andamento della squadra.
Se l'Inter è ad una svolta, il Milan è al punto di partenza. Registriamo le solite frasi di Berlusconi, ma qualcuno dovrà mettere, prima o poi, mano alla squadra. Brocchi pensa al prossimo anno e sarebbe giusto ripartire da lui. Sperando di non vederlo tra due anni in serie C come qualche suo sfortunato predecessore. Il Milan ha un futuro sempre più nero, come il cielo di Milano ieri. Bacca ha deciso di partire e per fare mercato non c'è un euro. Anche se il condor dovesse inventarsi qualcosa di clamoroso c'è poco da essere ottimisti.
La Juventus parte con il botto. Anche se non più 24enne, Dani Alves è un top player. Venerdì scorso, su Sportitalia, ha rilasciato dichiarazioni importanti anche se ha specificato che non ha ancora firmato e dovrebbe andare a Torino verso fine mese. Rinforzare la difesa è importante, ma attenzione anche al centrocampo, dove qualcosa manca, e in attacco la vera priorità sarebbe confermare Morata. Situazione non semplice con il Real Madrid. L'attaccante spagnolo dovrebbe intervenire per far capire la sua volontà ma ci mettiamo nei suoi panni e capiamo benissimo che comunque vada casca in piedi. La Juventus avrà la fortuna, per i prossimi 5 anni, di dover rinforzare la rosa sempre e solo con 2-3 calciatori importanti mentre gli altri sono costretti ogni anno a fare una mini rivoluzione. E' la dimostrazione che in Italia sarà davvero difficile interrompere il dominio bianconero. Cosa triste per tutti gli appassionati di calcio perché ormai il campionato perde di appeal.
E' stato, invece, uno spettacolo il campionato Primavera: l'Inter che vince ai rigori i quarti con il Palermo, la Roma che vince ai rigori la semifinale con l'Inter e la Roma che trionfa ai rigori nella finalissima con la Juventus. Equilibrio pazzesco. Il campionato Primavera, come la Coppa Italia, regala grandi emozioni e soprattutto giovani promesse che da un anno all'altro sono pronte per la serie A. De Rossi è l'emblema di come si lavora con i giovani. Allenatore preparato e scaltro, vincente e competente. La Roma ha un pregio: ha capito che il settore giovanile è importante. L'errore clamoroso l'ha commesso il Milan spostando Brocchi in prima squadra mentre la Primavera otteneva grandi risultati. Alla fine quella mossa ha ammazzato anche i giovani che sono stati eliminati nel play off e non hanno potuto disputare una final eight che avrebbero meritato. E' stato l'anno della Juventus che sta tornando grande anche con il settore giovanile. Il trionfo del Viareggio, una finale persa con l'Inter in Coppa Italia e la finalissima scudetto persa con la Roma ai rigori. Grosso sta lavorando benissimo. Il prossimo anno si ripartirà con grande entusiasmo ma quest'anno abbiamo avuto la possibilità di ammirare calciatori già pronti. Qualche consiglio: Adjapong (Sassuolo), De Santis e Felicioli (Milan), Baldini (Inter), Lirola (Juventus), Lo Faso (Palermo) e Ponce (Roma). Ce ne sarebbero tanti altri. Ma tempo e righe sono finiti.
Buona settimana.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.