HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Che calcio stiamo portando avanti? Il razzismo non è solo un problema italiano, ma solo da noi non si puniscono i colpevoli. Gravina, la dignità umana è più importante dei tre punti

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
30.12.2018 09:42 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 25633 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

S'è giocato perché come sempre lo spettacolo deve andare avanti. A prescindere dal tipo di spettacolo, la macchina calcio non può fermarsi e quindi, dietro lo slogan "I razzisti e i violenti non ci fermeranno", s'è consumata l'ultima giornata del girone d'andata. Partite andate in scena all'insegna delle solite polemiche e della solidarietà nei confronti di Kalidou Koulibaly, attestati di stima che - almeno da questo punto di vista - dimostrano che sul piano culturale dei passi in avanti sono stati fatti. Perché questa volta nessuno ha parlato di cori che fanno parte del costume degli stadi. O peggio, che la colpa è di napoletani per 'natura' troppo lagnosi. Almeno questa volta, tutti hanno preso atto di cosa sono questi ululati che arrivano dagli spalti: razzismo. Solo razzismo, e null'altro.

S'è giocato, però è davvero difficile parlare di calcio. Perché quando la cronaca nera prende il sopravvento ciò che succede sul campo sembra davvero di poco conto. La questione è culturale, ma soprattutto normativa. Perché la solidarietà si esaurisce presto e se la battaglia non si trasferisce sul piano legislativo tutto si trasforma in mera apparenza. Serve definire in maniera chiara i valori che il calcio vuole andare avanti.
Nell'antica Grecia le Olimpiadi fermavano anche le guerre. Un diktat che nella Storia Contemporanea non ha avuto lo stesso seguito e che anche recentemente è stato violato. Però, da un punto fermo bisogna pur ripartire perché la pace è uno dei valori che da sempre lo sport deve promuovere. Insieme alla competizione pacifica, alla considerazione per l'avversario e al rispetto delle regole. Il rispetto delle regole. Lo ripeto perché quest'ultimo punto, in un periodo storico che sembra lontano anni luce dai principi di de Coubertin, è fondamentale affinché il calcio resti uno spettacolo godibile, e non perda tutta la sua credibilità dietro ai gesti di chi considera lo stadio terreno franco per sfogare i suoi istinti più beceri.

Il problema non è solo italiano. Lo scorso 8 dicembre durante Chelsea-Manchester City l'attaccante inglese Raheem Sterling ha ricevuto insulti razzisti. Non da tutto lo stadio, nemmeno da una minoranza, ma al massimo da 4 tifosi. Nel frattempo il Chelsea, che li ha individuati col sistema di telecamere a circuito chiuso presenti a Stamford Bridge, ha proibito loro l'ingresso allo stadio in attesa che l'inchiesta venga completata. La Metropolitan Police londinese prima di Natale ha interrogato il presunto colpevole e presto arriverà la sanzione. E' invece già arrivata la sanzione per il tifoso del Tottenham che il 2 dicembre, durante la partita che ha vinto l'Arsenal vincere 4-2 il derby all'Emirates Stadium, ha gettato in campo una buccia di banana verso Pierre Emerick Aubameyang. Averof Pantali prima è stato arrestato e poi, dopo la sua confessione, multato e allontanato da tutti gli stadi inglesi per 4 anni.
In Italia, dopo i cori insultanti di matrice territoriale e quelli di matrice razzista rivolti rispettivamente ai giocatori del Napoli e a Kalidou Koulibaly, s'è decido di chiudere San Siro per due partite, una in più per la Curva Nord. Punire tutti per non punire gli idioti realmente protagonisti di quei cori.
Si dirà che era l'unica punizione possibile, perché la normativa attuale e gli stadi italiani non permettono di attuare la responsabilità soggettiva. Risposte che, onestamente, non reggono più. Che hanno stufato. E' possibile che un calcio che spende centinaia di milioni di euro per i cartellini dei giocatori, altrettanti per gli stipendi e poco meno per le commissioni ai procuratori non abbia i mezzi per impianti e telecamere che permettano l'individuazione di veri colpevoli? La risposta è semplice: no. E' tutta una questione di volontà, una scelta politica.

Servono regole e certezza della pena. Sono due punti su cui tutti dicono di non transigere, ma solo a parole. Perché tutti colpevoli vuol dire nessuno colpevole e quando le regole non sono chiare non c'è nessuno a cui si può addossare la responsabilità per una scelta sbagliata. Un esempio? Sempre Inter-Napoli. La partita andava almeno momentaneamente sospesa per i cori razzisti per dare un segnale forte a chi era sugli spalti, una decisione (a differenza della sospensione definitiva) che era nelle facoltà di Mazzoleni, ma che non è stata adottata. Un errore, quindi. Che però Gravina il giorno dopo ha prontamente mascherato, con tanto di monito ad Ancelotti: "Se davvero il Napoli la prossima volta lascerà il campo, la sconfitta a tavolino sarà inevitabile. Ci sono delle regole e vanno rispettate". Dichiarazioni solo teoricamente giuste, perché se le regole non sono chiare, o non vengono fatte rispettare, è giusto che i protagonisti si autotutelino: la dignità umana è molto più importante di tre punti in classifica.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Godinopoli: l’Inter sta per fregare la Juventus per la prima volta dopo tanti anni, soffiandole Godin. Il messaggio di Marotta alla Juventus è chiaro. Skriniar: il Manchester United c’è, il rinnovo no 09.01 - La tentazione è davvero tanta per non usare questa parola, e come diceva Oscar Wilde: “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni”. E’ Godinopoli: il colpo che l’Inter sta portando a termine, concludendo l’acquisto di Diego Godin, è un cambio epocale nella storia minima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->