HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Pallone d'Oro, qual è l'esclusione più sorprendente?
  Gareth Bale
  Edinson Cavanti
  Angel Di Maria
  Harry Kane
  Neymar
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sergio Ramos
  Luis Suarez
  Hakim Ziyech

La Giovane Italia
Editoriale

Che calcio stiamo portando avanti? Il razzismo non è solo un problema italiano, ma solo da noi non si puniscono i colpevoli. Gravina, la dignità umana è più importante dei tre punti

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
30.12.2018 09:42 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 25945 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

S'è giocato perché come sempre lo spettacolo deve andare avanti. A prescindere dal tipo di spettacolo, la macchina calcio non può fermarsi e quindi, dietro lo slogan "I razzisti e i violenti non ci fermeranno", s'è consumata l'ultima giornata del girone d'andata. Partite andate in scena all'insegna delle solite polemiche e della solidarietà nei confronti di Kalidou Koulibaly, attestati di stima che - almeno da questo punto di vista - dimostrano che sul piano culturale dei passi in avanti sono stati fatti. Perché questa volta nessuno ha parlato di cori che fanno parte del costume degli stadi. O peggio, che la colpa è di napoletani per 'natura' troppo lagnosi. Almeno questa volta, tutti hanno preso atto di cosa sono questi ululati che arrivano dagli spalti: razzismo. Solo razzismo, e null'altro.

S'è giocato, però è davvero difficile parlare di calcio. Perché quando la cronaca nera prende il sopravvento ciò che succede sul campo sembra davvero di poco conto. La questione è culturale, ma soprattutto normativa. Perché la solidarietà si esaurisce presto e se la battaglia non si trasferisce sul piano legislativo tutto si trasforma in mera apparenza. Serve definire in maniera chiara i valori che il calcio vuole andare avanti.
Nell'antica Grecia le Olimpiadi fermavano anche le guerre. Un diktat che nella Storia Contemporanea non ha avuto lo stesso seguito e che anche recentemente è stato violato. Però, da un punto fermo bisogna pur ripartire perché la pace è uno dei valori che da sempre lo sport deve promuovere. Insieme alla competizione pacifica, alla considerazione per l'avversario e al rispetto delle regole. Il rispetto delle regole. Lo ripeto perché quest'ultimo punto, in un periodo storico che sembra lontano anni luce dai principi di de Coubertin, è fondamentale affinché il calcio resti uno spettacolo godibile, e non perda tutta la sua credibilità dietro ai gesti di chi considera lo stadio terreno franco per sfogare i suoi istinti più beceri.

Il problema non è solo italiano. Lo scorso 8 dicembre durante Chelsea-Manchester City l'attaccante inglese Raheem Sterling ha ricevuto insulti razzisti. Non da tutto lo stadio, nemmeno da una minoranza, ma al massimo da 4 tifosi. Nel frattempo il Chelsea, che li ha individuati col sistema di telecamere a circuito chiuso presenti a Stamford Bridge, ha proibito loro l'ingresso allo stadio in attesa che l'inchiesta venga completata. La Metropolitan Police londinese prima di Natale ha interrogato il presunto colpevole e presto arriverà la sanzione. E' invece già arrivata la sanzione per il tifoso del Tottenham che il 2 dicembre, durante la partita che ha vinto l'Arsenal vincere 4-2 il derby all'Emirates Stadium, ha gettato in campo una buccia di banana verso Pierre Emerick Aubameyang. Averof Pantali prima è stato arrestato e poi, dopo la sua confessione, multato e allontanato da tutti gli stadi inglesi per 4 anni.
In Italia, dopo i cori insultanti di matrice territoriale e quelli di matrice razzista rivolti rispettivamente ai giocatori del Napoli e a Kalidou Koulibaly, s'è decido di chiudere San Siro per due partite, una in più per la Curva Nord. Punire tutti per non punire gli idioti realmente protagonisti di quei cori.
Si dirà che era l'unica punizione possibile, perché la normativa attuale e gli stadi italiani non permettono di attuare la responsabilità soggettiva. Risposte che, onestamente, non reggono più. Che hanno stufato. E' possibile che un calcio che spende centinaia di milioni di euro per i cartellini dei giocatori, altrettanti per gli stipendi e poco meno per le commissioni ai procuratori non abbia i mezzi per impianti e telecamere che permettano l'individuazione di veri colpevoli? La risposta è semplice: no. E' tutta una questione di volontà, una scelta politica.

Servono regole e certezza della pena. Sono due punti su cui tutti dicono di non transigere, ma solo a parole. Perché tutti colpevoli vuol dire nessuno colpevole e quando le regole non sono chiare non c'è nessuno a cui si può addossare la responsabilità per una scelta sbagliata. Un esempio? Sempre Inter-Napoli. La partita andava almeno momentaneamente sospesa per i cori razzisti per dare un segnale forte a chi era sugli spalti, una decisione (a differenza della sospensione definitiva) che era nelle facoltà di Mazzoleni, ma che non è stata adottata. Un errore, quindi. Che però Gravina il giorno dopo ha prontamente mascherato, con tanto di monito ad Ancelotti: "Se davvero il Napoli la prossima volta lascerà il campo, la sconfitta a tavolino sarà inevitabile. Ci sono delle regole e vanno rispettate". Dichiarazioni solo teoricamente giuste, perché se le regole non sono chiare, o non vengono fatte rispettare, è giusto che i protagonisti si autotutelino: la dignità umana è molto più importante di tre punti in classifica.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Sarri cinico e spietato. Juve, ecco cosa ti manca. Maran top, merita una grande. Mazzarri flop, servono i fatti. C'era una volta il miracolo Catania. Lo Monaco, che errore il ritorno! 21.10 - Per lo spettacolo c'è tempo, adesso serve concretezza e fare molti punti per non tenere in gioco, o meglio tenere il più distante possibile, il nemico. La Juventus vista con il Bologna non ha brillato di luce propria ma ha portato a casa quello che doveva portare e si sta iniziando...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510