HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Che calcio stiamo portando avanti? Il razzismo non è solo un problema italiano, ma solo da noi non si puniscono i colpevoli. Gravina, la dignità umana è più importante dei tre punti

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
30.12.2018 09:42 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 25694 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

S'è giocato perché come sempre lo spettacolo deve andare avanti. A prescindere dal tipo di spettacolo, la macchina calcio non può fermarsi e quindi, dietro lo slogan "I razzisti e i violenti non ci fermeranno", s'è consumata l'ultima giornata del girone d'andata. Partite andate in scena all'insegna delle solite polemiche e della solidarietà nei confronti di Kalidou Koulibaly, attestati di stima che - almeno da questo punto di vista - dimostrano che sul piano culturale dei passi in avanti sono stati fatti. Perché questa volta nessuno ha parlato di cori che fanno parte del costume degli stadi. O peggio, che la colpa è di napoletani per 'natura' troppo lagnosi. Almeno questa volta, tutti hanno preso atto di cosa sono questi ululati che arrivano dagli spalti: razzismo. Solo razzismo, e null'altro.

S'è giocato, però è davvero difficile parlare di calcio. Perché quando la cronaca nera prende il sopravvento ciò che succede sul campo sembra davvero di poco conto. La questione è culturale, ma soprattutto normativa. Perché la solidarietà si esaurisce presto e se la battaglia non si trasferisce sul piano legislativo tutto si trasforma in mera apparenza. Serve definire in maniera chiara i valori che il calcio vuole andare avanti.
Nell'antica Grecia le Olimpiadi fermavano anche le guerre. Un diktat che nella Storia Contemporanea non ha avuto lo stesso seguito e che anche recentemente è stato violato. Però, da un punto fermo bisogna pur ripartire perché la pace è uno dei valori che da sempre lo sport deve promuovere. Insieme alla competizione pacifica, alla considerazione per l'avversario e al rispetto delle regole. Il rispetto delle regole. Lo ripeto perché quest'ultimo punto, in un periodo storico che sembra lontano anni luce dai principi di de Coubertin, è fondamentale affinché il calcio resti uno spettacolo godibile, e non perda tutta la sua credibilità dietro ai gesti di chi considera lo stadio terreno franco per sfogare i suoi istinti più beceri.

Il problema non è solo italiano. Lo scorso 8 dicembre durante Chelsea-Manchester City l'attaccante inglese Raheem Sterling ha ricevuto insulti razzisti. Non da tutto lo stadio, nemmeno da una minoranza, ma al massimo da 4 tifosi. Nel frattempo il Chelsea, che li ha individuati col sistema di telecamere a circuito chiuso presenti a Stamford Bridge, ha proibito loro l'ingresso allo stadio in attesa che l'inchiesta venga completata. La Metropolitan Police londinese prima di Natale ha interrogato il presunto colpevole e presto arriverà la sanzione. E' invece già arrivata la sanzione per il tifoso del Tottenham che il 2 dicembre, durante la partita che ha vinto l'Arsenal vincere 4-2 il derby all'Emirates Stadium, ha gettato in campo una buccia di banana verso Pierre Emerick Aubameyang. Averof Pantali prima è stato arrestato e poi, dopo la sua confessione, multato e allontanato da tutti gli stadi inglesi per 4 anni.
In Italia, dopo i cori insultanti di matrice territoriale e quelli di matrice razzista rivolti rispettivamente ai giocatori del Napoli e a Kalidou Koulibaly, s'è decido di chiudere San Siro per due partite, una in più per la Curva Nord. Punire tutti per non punire gli idioti realmente protagonisti di quei cori.
Si dirà che era l'unica punizione possibile, perché la normativa attuale e gli stadi italiani non permettono di attuare la responsabilità soggettiva. Risposte che, onestamente, non reggono più. Che hanno stufato. E' possibile che un calcio che spende centinaia di milioni di euro per i cartellini dei giocatori, altrettanti per gli stipendi e poco meno per le commissioni ai procuratori non abbia i mezzi per impianti e telecamere che permettano l'individuazione di veri colpevoli? La risposta è semplice: no. E' tutta una questione di volontà, una scelta politica.

Servono regole e certezza della pena. Sono due punti su cui tutti dicono di non transigere, ma solo a parole. Perché tutti colpevoli vuol dire nessuno colpevole e quando le regole non sono chiare non c'è nessuno a cui si può addossare la responsabilità per una scelta sbagliata. Un esempio? Sempre Inter-Napoli. La partita andava almeno momentaneamente sospesa per i cori razzisti per dare un segnale forte a chi era sugli spalti, una decisione (a differenza della sospensione definitiva) che era nelle facoltà di Mazzoleni, ma che non è stata adottata. Un errore, quindi. Che però Gravina il giorno dopo ha prontamente mascherato, con tanto di monito ad Ancelotti: "Se davvero il Napoli la prossima volta lascerà il campo, la sconfitta a tavolino sarà inevitabile. Ci sono delle regole e vanno rispettate". Dichiarazioni solo teoricamente giuste, perché se le regole non sono chiare, o non vengono fatte rispettare, è giusto che i protagonisti si autotutelino: la dignità umana è molto più importante di tre punti in classifica.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter, Politano sarà riscattato, c’è anche l’idea Bergwjin. Roma, per la panchina il favorito è Sarri. Senza Champions Under e Manolas potrebbero partire. Napoli, riflettori accesi su Lazzari, ma piace anche Lazaro dell’Hertha Berlino 23.03 - La sosta ci riporta inevitabilmente a parlare di mercato. Le grandi manovre stanno cominciando. L’Inter ha in mente di fare molte operazioni. È chiaro che tanto dipenderà anche dalle uscite. In attacco Politano verrà sicuramente riscattato dal Sassuolo. Perisic potrebbe invece partire....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

La Juve prova il grande colpo: Salah in cambio di Dybala. Paratici ha in mano Chiesa e Zaniolo. Una cena col romanista. Marotta punta Andrè Gomes. Icardi accordo per l’addio. Veretout al Napoli 22.03 - In Inghilterra svelano una nuova, clamorosa pista del mercato della Juventus: i bianconeri hanno offerto Dybala al Liverpool per avere Salah. L’indiscrezione è forte, ma anche consistente e ci conferma che l’estate prossima la Juventus farà grandi cose, soprattutto ha in cantiere...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi-Inter: telenovela finita? E un altro cambio in panchina: le difficoltà di un progetto 21.03 - Potremmo essere arrivati alla fine. Sicuramente alla fine delle cure. Icardi scende dal lettino delle cure fisioterapiche al ginocchio (day35) e dovrebbe essere guarito. Si allenerà con il gruppo, salvo sorprese. Si allenerà in realtà con quello che rimane del gruppo visto che molti...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510