VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Chi programma, vince: Juve sulla scia del Bayern Monaco per una Serie A sempre più noiosa. Roma, Sabatini e l'ennesima rivoluzione inutile. Caos Milan: l'arrivo di Lapadula non è un bel segnale

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
26.06.2016 12:53 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 82189 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

"Karl Heinz, mio presidente all'Eca, è un modello". Queste parole, poco più di sei mesi fa, le ha pronunciate Andrea Agnelli. Il presidente della Juventus era alla Bocconi e con lui c'era un altro presidente: Karl-Heinz Rummenigge, numero uno del Bayern Monaco. Fu quella più di una semplice frase di cortesia perché i due club, oltre a fare fronte comune nelle riunioni dell'European Club Association, adottano ormai strategie gestionali-finanziarie sempre più simili (con la Juve che copia e insegue il Bayern) ed entrambe hanno un ruolo predominante nei rispettivi campionati (in questo caso, però, i bianconeri hanno più Scudetti in bacheca). Il parallelo è possibile e ha radici molto fondate in questo preciso momento storico: la Juventus vince la Serie A dal 2011, il Bayern la Bundesliga da un anno dopo. Entrambe non hanno praticamente rivali nei rispettivi campionati e il distacco con le avversarie è destinato solo ad aumentare.
Il club bavarese è un modello unico nel suo genere, secondo solo al Manchester United per la capacità di esportare il suo marchio e Andrea Agnelli lo ha studiare per bene, come dimostra l'aumento dei ricavi nella Relazione finanziaria semestrale al 31 dicembre 2015, l'ultima disponibile. C'è stato un exploit di ricavi provenienti dalle cessioni dei diritti d'immagine ed è in corso un progressivo e costante aumento dei proventi provenienti dal merchandising. I risultati sono sotto gli occhi di tutti: la Juventus, nella relazione annuale che comprenderà il periodo 1° luglio 2015-30 giugno 2016, avrà un fatturato molto più vicino ai 400 milioni che ai 300. Una crescita esponenziale: nel 2011, al termine della prima stagione sotto la gestione Agnelli, la Juve chiuse con 156 milioni di euro di fatturato.
Il Bayern, al momento, è ancora molto distante, probabilmente irraggiungibile nel breve-medio periodo. Eppure, resta un modello da seguire: per l'amministrazione del club, ma non solo.
Già, perché dalla Baviera arriva il modello di riferimento anche per la gestione delle trattative: pochi colpi, ben assestati, ma soprattutto in anticipo. Il Bayern a maggio ha ufficializzato gli arrivi di Hummels e Renato Sanches, due innesti importantissimi che hanno spinto Carlo Ancelotti - nuovo allenatore, ma ufficializzato già lo scorso dicembre - a dichiarare chiuso un mercato che, date alla mano, ancora deve iniziare.
Discorso simile per la Juventus, società che ha approcciato questa campagna trasferimenti col chiaro intento di acquisire giocatori di caratura internazionale. Pagata la clausola di Miralem Pjanic per rinforzare il centrocampo e indebolire la Roma, ingaggiato Dani Alves per consegnare nelle mani di Allegri uno di migliori esterni al mondo. I due acquisti che servivano. Cosa c'è ancora da fare? C'è da acquistare un centravanti, ma solo perché il Real Madrid ha deciso di riportare alla casa madre Alvaro Morata. Altrimenti, anche Allegri come Ancelotti avrebbe potuto parlare di mercato finito già a giugno, delegando a Marotta e Paratici solo trattative di contorno - soprattutto in uscita - che non avrebbero cambiato la sostanza.

Situazione completamente diversa si vive in casa Roma, non solo per l'insediamento come Sindaco dell'Urbe di Virginia Raggi che potrebbe avere ripercussioni anche sul progetto stadio. Nella Capitale si naviga a vista, per precisa indicazione del direttore sportivo Walter Sabatini. Che doveva andare via e invece è rimasto.
Un anno fa si rese protagonista dell'ennesima rivoluzione della rosa che iniziò a produrre risultati solo nel girone di ritorno, quando la Juventus era già volata via. Le colpe furono tutte scaricate su Rudi Garcia, che commise i suoi errori ma non meritava si sedersi da solo sul banco degli imputati perché quando si cambiano in poche settimane cinque-sei titolari serve tempo. Troppo tempo se si punta allo Scudetto.
Una lezione che non è servita, perché Sabatini questa estate si sta muovendo allo stesso modo. Pjanic è andato via perché - come da lui stesso dichiarato - vuole vincere. Radja Nainggolan è sul mercato: il prezzo è alto, ma non proibitivo per il Chelsea. Szczesny dovrebbe tornare all'Arsenal e tra i pali ci sarà un portiere promettente come Alisson, che però non ha mai giocato in Europa. Lucas Digne, tra i migliori nell'ultima stagione, non verrà riscattato e verrà sostituito da Mario Rui. Sempre in difesa, arriveranno due centrali: uno per sostituire l'infortunato Rüdiger e un altro al posto del partente Castan. Poi il terzino destro, l'erede di Pjanic e almeno un attaccante visto che Edin Dzeko - l'acquisto più reclamizzato della scorsa estate - è già sul mercato.
Luciano Spalletti, insomma, a fine agosto si troverà a disposizione una squadra nuova di zecca, con tutti i rischi che questa scelta comporta. Un modus operandi che non dà alcuna continuità al progetto e s'è già rivelato fallimentare: perché perseverare?

Capitolo finale dedicato al Milan. La situazione in casa rossonera è indecifrabile da mesi, forse anni. La trattativa per la cessione della quota di maggioranza del club va avanti da tante, troppe, settimane. L'interesse della cordata cinese è emerso ben prima di quello del gruppo Suning per l'Inter. I cugini, però, in poco tempo hanno chiuso l'accordo, mentre la Fininvest è ancora lì, alle prese con un tira e molla infinito.
Si continua a trattare: non più il 70%, bensì l'80%. Un affare tutt'altro che vicino alla conclusione che ha costretto Galliani ad aprire le danze del calciomercato nonostante non si sappia chi sarà al vertice del club nella prossima stagione. E le notizie non sono di certo positive.
Nulla contro Gianluca Lapadula, vero e proprio mattatore dell'ultima Serie B. Ha dimostrato di essere un grande bomber e può fare bene anche nel massimo campionato. Ma un Milan allo sbando nella passata stagione aveva due certezze: il portiere - l'astro nascente Gianluigi Donnarumma - e il centravanti, Carlos Bacca. Berlusconi con i suoi 30 milioni nell'estate 2015 consegnò nelle mano di Mihajlovic una certezza, un giocatore che aveva trascinato per due volte il Siviglia alla conquista dell'Europa League e il colombiano, nonostante una stagione sciagurata, non ha deluso: 18 gol in Serie A, peggio solo di Higuain e Dybala.
Perché allora prendere Lapadula? Domanda banale, risposta non troppo scontata: perché Bacca è uno dei pochi giocatori con cui è possibile fare cassa. Il prezzo è già stato fissato: 30 milioni di euro. Gli stessi spesi la scorsa estate. L'ex Siviglia vuole giocare in squadre competitive anche in Europa gli anni migliori della sua carriera e il Milan, in questo momento, non è competitivo nemmeno in Italia. A Lapadula è stata data la garanzia di un ruolo primario nel nuovo Milan (cosa che, ad esempio, non ha potuto fare il Napoli). Una scommessa affascinante, ma che verrà effettuata in uno dei pochi ruoli in cui il Milan non ne aveva bisogno. Un acquisto che dà il via libera a una partenza: adios Bacca, colpevole solo di esser stato sedotto un anno fa da un progetto ambizioso solo sulla carta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.