VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Chi spende di più vince di più? Italian version

29.09.2016 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 22025 volte
© foto di Federico De Luca

La scorsa settimana abbiamo affrontato l'argomento dei soldi, indispensabili nel calciomercato. Abbiamo cercato di capire se davvero le vittorie erano determinate dai soldi, soprattutto in Europa. E in alcune situazioni non era poi così scontato che chi più soendesse dovesse per forza vincere. C'entra poi il campo, le scelte dell'allenatore. Di sicuro aiuta, ma non basta da sola.

Ma questo vale in Europa, dove comunque ci sono delle gerarchie che non sempre sono rispettate. Ma in Italia? Come funziona in Italia? Sarri parla di fatturati, Suning vuole scardinare le classifiche degli ultimi anni a suon di miliardi. È questa la strada? O c'è speranza? Quando si dice che la Juve ha già vinto il campionato è la verità?

Vediamo come va a finire questo campionato ma intanto ci sono alcuni dati su cui riflettere: la Juve negli ultimi due anni è nettamente la squadra che ha avuto un disavanzo maggiore sul mercato, quindi di sicuro quella che ha speso di più. 308 milioni di euro, con la spesa maggiore sostenuta prima di questi cinque anni quando la coppia Marotta Paratici venne chiamata da Agnelli per far tornare la Juve grande. In seconda posizione c'è il Napoli, in questi ultimi 10 anni di mercato: 215 milioni spesi. Non a caso sono le due squadre (insieme alla Roma, quarta con 122 milioni di disavanzo) che si sono giocate il campionato in questi ultimi anni. La sorpresa, se volete, è l'Inter 188 milioni, terza in questa speciLe classifica, ma da troppo tempo lontana dalle posizioni prelibate nell'altra di classifica, quella del campionato. Poi se andiamo a confrontare queste spese con i risultati sportivi ci accorgiamo che spesso i conti non tornano. La sorpresa in positivo c'è sempre, ma almeno negli ultimi anni c'è solo oer quanto riguarda il posto in Champions League. La Lazio due anni fa, l'Udinese nel 2011, o la Samp nel 2010 (allora la grande esclusa era proprio la Juventus) con il Palermo addirittura quinto. Oppure la Fiorentina che stabilmente è nelle prime 4/5 posizioni pur avendo il saldo in negativo ma di soli 5 milioni e mezzo).

Tutto questo viene ancor di più accentuato negli ultimi cinque anni. Perché la Juventus ha saputo amministrare le spese. È la seconda come disavanzo sul mercato con 109 milioni di saldo negativo ma in classifica è sempre stata prima. L'Inter che ha speso notevolmente di più (-154) non è riuscita ad imporsi in questi anni (ma ha la prospettiva di farlo, partendo proprio da questa stagione in cui si concentra la maggior parte di questa spesa). Addirittura senza i -117 milioni l'Inter avrebbe un meno 37 in linea con i risultati sportivi degli ultimi anni. Ecco perché la lotta al secondo posto sembra essere aperta, almeno nei numeri e nel mercato. Napoli e Milan sono quelle che hanno un rosso più alto (rispettivamente -50 e -60), poi Lazio (-37,5), Sassuolo (-34) e poi Roma (-28) che sta cercando una sorta di autofinanziamento societario che però alla lunga potrebbe non essere producente (anche se necessario).

Quindi si conferma? Chi più spende meglio va? A giudicare da questi primo approccio sì, ma date un'occhiata agli esempi che potremmo definire virtuosi: la Fiorentina come detto stabilmente fra le prime in questi 5 anni ha un saldo positivo di 30 milioni. L'Udinese che è vero che negli ultimi anni ha perso competitività a livello nazionale (lo scorso anno ha addirittura rischiato la retrocessione) ha un attivo di 109 milioni di euro. Forse sono solo dei casi isolati, ma in modi diversi sono due realtà in cui si cerca di coniugare il risultato sportivo con quello economico. Poi ci sono quelli che hanno incassato molto come il Palermo (52 milioni) o la Samp (piu 13) che per forza hanno indebolito la loro rosa rispetto alle passate stagioni. Ma magari hanno l'obiettivo di diventare come l'Atalanta, stabilmente in A ma con un attivo negli ultimi cinque anni di 30,6. Che è anche il sogno dell'Empoli (centrato la prima stagione in A): vendere e salvarsi... il bello è che il trend dell'Atalanta rimane anche prendendo in considerazione un periodo di tempo più lungo (i 19 anni) a testimonianza del dna bergamasco, così come quello del Palermo. Per non parlare dell'Udinese: i soldi incassati nell'arco dei dieci anni sono 212 milioni.

Alle volte i soldi e le analisi di mercato non riescono a fare una buona classifica perché poi parla il campo. Ma in generale sul lungo periodo, quello su cui dovrebbero essere valutati gli operati dei direttori sportivi e dei dirigenti calcistici in generale, difficilmente ci si sbaglia...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, mercato di gennaio intelligente: ecco cosa manca. Milan, si accende la luce di Rino e si spegne quella di Fassone. Verona assurdo: Pecchia e Fusco non da A. FIGC, Tommasi faccia un passo indietro... 22.01 - Difficile chiedere qualcosa di più, sul mercato, all'Inter. Senza soldi ma con molte idee. Suning tiene chiusa la borsa cinese e, prima o poi, dovrà spiegare anche cosa vorrà fare di questa Inter; affida a Sabatini l'arduo compito di rinforzare una squadra che senza Champions vedrebbe...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Verdi-Napoli: in estate scopriremo la verità. Milan, fidarsi di Mendes è stato un errore. Cosa fai Monchi? La Roma sta rischiando grosso 21.01 - Ma cosa passa nella testa di alcune persone? Me lo sono chiesto in questi giorni vedendo le reazioni e alcuni messaggi rivolti a Simone Verdi - e persino alla sua compagna - per la scelta di restare al Bologna. Offese personali, addirittura qualche minaccia di morte. Ma perché? Badate...

EditorialeDI: Mauro Suma

Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan? 20.01 - Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi...

EditorialeDI: Luca Serafini

Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.