VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Chi spende di più vince di più? Italian version

29.09.2016 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 21968 volte
© foto di Federico De Luca

La scorsa settimana abbiamo affrontato l'argomento dei soldi, indispensabili nel calciomercato. Abbiamo cercato di capire se davvero le vittorie erano determinate dai soldi, soprattutto in Europa. E in alcune situazioni non era poi così scontato che chi più soendesse dovesse per forza vincere. C'entra poi il campo, le scelte dell'allenatore. Di sicuro aiuta, ma non basta da sola.

Ma questo vale in Europa, dove comunque ci sono delle gerarchie che non sempre sono rispettate. Ma in Italia? Come funziona in Italia? Sarri parla di fatturati, Suning vuole scardinare le classifiche degli ultimi anni a suon di miliardi. È questa la strada? O c'è speranza? Quando si dice che la Juve ha già vinto il campionato è la verità?

Vediamo come va a finire questo campionato ma intanto ci sono alcuni dati su cui riflettere: la Juve negli ultimi due anni è nettamente la squadra che ha avuto un disavanzo maggiore sul mercato, quindi di sicuro quella che ha speso di più. 308 milioni di euro, con la spesa maggiore sostenuta prima di questi cinque anni quando la coppia Marotta Paratici venne chiamata da Agnelli per far tornare la Juve grande. In seconda posizione c'è il Napoli, in questi ultimi 10 anni di mercato: 215 milioni spesi. Non a caso sono le due squadre (insieme alla Roma, quarta con 122 milioni di disavanzo) che si sono giocate il campionato in questi ultimi anni. La sorpresa, se volete, è l'Inter 188 milioni, terza in questa speciLe classifica, ma da troppo tempo lontana dalle posizioni prelibate nell'altra di classifica, quella del campionato. Poi se andiamo a confrontare queste spese con i risultati sportivi ci accorgiamo che spesso i conti non tornano. La sorpresa in positivo c'è sempre, ma almeno negli ultimi anni c'è solo oer quanto riguarda il posto in Champions League. La Lazio due anni fa, l'Udinese nel 2011, o la Samp nel 2010 (allora la grande esclusa era proprio la Juventus) con il Palermo addirittura quinto. Oppure la Fiorentina che stabilmente è nelle prime 4/5 posizioni pur avendo il saldo in negativo ma di soli 5 milioni e mezzo).

Tutto questo viene ancor di più accentuato negli ultimi cinque anni. Perché la Juventus ha saputo amministrare le spese. È la seconda come disavanzo sul mercato con 109 milioni di saldo negativo ma in classifica è sempre stata prima. L'Inter che ha speso notevolmente di più (-154) non è riuscita ad imporsi in questi anni (ma ha la prospettiva di farlo, partendo proprio da questa stagione in cui si concentra la maggior parte di questa spesa). Addirittura senza i -117 milioni l'Inter avrebbe un meno 37 in linea con i risultati sportivi degli ultimi anni. Ecco perché la lotta al secondo posto sembra essere aperta, almeno nei numeri e nel mercato. Napoli e Milan sono quelle che hanno un rosso più alto (rispettivamente -50 e -60), poi Lazio (-37,5), Sassuolo (-34) e poi Roma (-28) che sta cercando una sorta di autofinanziamento societario che però alla lunga potrebbe non essere producente (anche se necessario).

Quindi si conferma? Chi più spende meglio va? A giudicare da questi primo approccio sì, ma date un'occhiata agli esempi che potremmo definire virtuosi: la Fiorentina come detto stabilmente fra le prime in questi 5 anni ha un saldo positivo di 30 milioni. L'Udinese che è vero che negli ultimi anni ha perso competitività a livello nazionale (lo scorso anno ha addirittura rischiato la retrocessione) ha un attivo di 109 milioni di euro. Forse sono solo dei casi isolati, ma in modi diversi sono due realtà in cui si cerca di coniugare il risultato sportivo con quello economico. Poi ci sono quelli che hanno incassato molto come il Palermo (52 milioni) o la Samp (piu 13) che per forza hanno indebolito la loro rosa rispetto alle passate stagioni. Ma magari hanno l'obiettivo di diventare come l'Atalanta, stabilmente in A ma con un attivo negli ultimi cinque anni di 30,6. Che è anche il sogno dell'Empoli (centrato la prima stagione in A): vendere e salvarsi... il bello è che il trend dell'Atalanta rimane anche prendendo in considerazione un periodo di tempo più lungo (i 19 anni) a testimonianza del dna bergamasco, così come quello del Palermo. Per non parlare dell'Udinese: i soldi incassati nell'arco dei dieci anni sono 212 milioni.

Alle volte i soldi e le analisi di mercato non riescono a fare una buona classifica perché poi parla il campo. Ma in generale sul lungo periodo, quello su cui dovrebbero essere valutati gli operati dei direttori sportivi e dei dirigenti calcistici in generale, difficilmente ci si sbaglia...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.