VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Chi spende di più vince di più? Italian version

29.09.2016 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 21915 volte
© foto di Federico De Luca

La scorsa settimana abbiamo affrontato l'argomento dei soldi, indispensabili nel calciomercato. Abbiamo cercato di capire se davvero le vittorie erano determinate dai soldi, soprattutto in Europa. E in alcune situazioni non era poi così scontato che chi più soendesse dovesse per forza vincere. C'entra poi il campo, le scelte dell'allenatore. Di sicuro aiuta, ma non basta da sola.

Ma questo vale in Europa, dove comunque ci sono delle gerarchie che non sempre sono rispettate. Ma in Italia? Come funziona in Italia? Sarri parla di fatturati, Suning vuole scardinare le classifiche degli ultimi anni a suon di miliardi. È questa la strada? O c'è speranza? Quando si dice che la Juve ha già vinto il campionato è la verità?

Vediamo come va a finire questo campionato ma intanto ci sono alcuni dati su cui riflettere: la Juve negli ultimi due anni è nettamente la squadra che ha avuto un disavanzo maggiore sul mercato, quindi di sicuro quella che ha speso di più. 308 milioni di euro, con la spesa maggiore sostenuta prima di questi cinque anni quando la coppia Marotta Paratici venne chiamata da Agnelli per far tornare la Juve grande. In seconda posizione c'è il Napoli, in questi ultimi 10 anni di mercato: 215 milioni spesi. Non a caso sono le due squadre (insieme alla Roma, quarta con 122 milioni di disavanzo) che si sono giocate il campionato in questi ultimi anni. La sorpresa, se volete, è l'Inter 188 milioni, terza in questa speciLe classifica, ma da troppo tempo lontana dalle posizioni prelibate nell'altra di classifica, quella del campionato. Poi se andiamo a confrontare queste spese con i risultati sportivi ci accorgiamo che spesso i conti non tornano. La sorpresa in positivo c'è sempre, ma almeno negli ultimi anni c'è solo oer quanto riguarda il posto in Champions League. La Lazio due anni fa, l'Udinese nel 2011, o la Samp nel 2010 (allora la grande esclusa era proprio la Juventus) con il Palermo addirittura quinto. Oppure la Fiorentina che stabilmente è nelle prime 4/5 posizioni pur avendo il saldo in negativo ma di soli 5 milioni e mezzo).

Tutto questo viene ancor di più accentuato negli ultimi cinque anni. Perché la Juventus ha saputo amministrare le spese. È la seconda come disavanzo sul mercato con 109 milioni di saldo negativo ma in classifica è sempre stata prima. L'Inter che ha speso notevolmente di più (-154) non è riuscita ad imporsi in questi anni (ma ha la prospettiva di farlo, partendo proprio da questa stagione in cui si concentra la maggior parte di questa spesa). Addirittura senza i -117 milioni l'Inter avrebbe un meno 37 in linea con i risultati sportivi degli ultimi anni. Ecco perché la lotta al secondo posto sembra essere aperta, almeno nei numeri e nel mercato. Napoli e Milan sono quelle che hanno un rosso più alto (rispettivamente -50 e -60), poi Lazio (-37,5), Sassuolo (-34) e poi Roma (-28) che sta cercando una sorta di autofinanziamento societario che però alla lunga potrebbe non essere producente (anche se necessario).

Quindi si conferma? Chi più spende meglio va? A giudicare da questi primo approccio sì, ma date un'occhiata agli esempi che potremmo definire virtuosi: la Fiorentina come detto stabilmente fra le prime in questi 5 anni ha un saldo positivo di 30 milioni. L'Udinese che è vero che negli ultimi anni ha perso competitività a livello nazionale (lo scorso anno ha addirittura rischiato la retrocessione) ha un attivo di 109 milioni di euro. Forse sono solo dei casi isolati, ma in modi diversi sono due realtà in cui si cerca di coniugare il risultato sportivo con quello economico. Poi ci sono quelli che hanno incassato molto come il Palermo (52 milioni) o la Samp (piu 13) che per forza hanno indebolito la loro rosa rispetto alle passate stagioni. Ma magari hanno l'obiettivo di diventare come l'Atalanta, stabilmente in A ma con un attivo negli ultimi cinque anni di 30,6. Che è anche il sogno dell'Empoli (centrato la prima stagione in A): vendere e salvarsi... il bello è che il trend dell'Atalanta rimane anche prendendo in considerazione un periodo di tempo più lungo (i 19 anni) a testimonianza del dna bergamasco, così come quello del Palermo. Per non parlare dell'Udinese: i soldi incassati nell'arco dei dieci anni sono 212 milioni.

Alle volte i soldi e le analisi di mercato non riescono a fare una buona classifica perché poi parla il campo. Ma in generale sul lungo periodo, quello su cui dovrebbero essere valutati gli operati dei direttori sportivi e dei dirigenti calcistici in generale, difficilmente ci si sbaglia...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.