VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Clarence, il killer perfetto per ammazzare il Milan. Barbara, strada in discesa. Proposta choc del Real per Verratti: 50 milioni. Pulvirenti, in due anni hai distrutto il Catania

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983. Vive e lavora a Milano dal 2005. Ha diretto la Redazione di Sportitalia fino allo scorso novembre. Ha curato e condotto i Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Mail: mcriscitiello@micri.it Twitter: MCriscitiell
17.03.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 44433 volte
Clarence, il killer perfetto per ammazzare il Milan. Barbara, strada in discesa. Proposta choc del Real per Verratti: 50 milioni. Pulvirenti, in due anni hai distrutto il Catania

Non vorremmo essere ripetitivi, neanche quelli che gonfiano il petto per dire: "Ecco, cosa avevamo detto?" Al Milan c'è un problema (uno solo?) e nascondersi dietro frasi del tipo "Siamo il club più titolato al Mondo" (eravamo) e "La gente si ricordi il passato" servono solo a far infuriare, ulteriormente, i tifosi rossoneri. Il tifoso non si ricorda cosa è accaduto la settimana scorsa, figuriamoci se deve rispolverare dal cassetto le vhs dei "Tre tulipani" e "Mondiavolo" per dire di essere orgoglioso di essere milanista. Proviamo a fare un passo in avanti, in una disamina che si prefigge di essere costruttiva e mai distruttiva. Le colpe di Allegri: non si è battuto per il rinnovo di Pirlo, anzi. Ha sbagliato a scaricare, al secondo anno, tutti i big perchè credeva di essere diventato l'artefice del progetto Milan. Si è appoggiato troppo a Galliani e, la scorsa estate, doveva accettare a piedi la Roma. Bene, appurate le colpe di Allegri passiamo a quelle di Seedorf: Tutte! Clarence non è un allenatore e ragiona ancora da calciatore. Milano non lo ama, perchè già da calciatore, negli ultimi anni di carriera, veniva puntualmente fischiato. Non doveva accettare di salire sulla barca che stava affondando se non si riteneva capace di condurla in porto, invece, ha fatto in modo che al primo soffio di vento si rompesse tutto. Non è in grado, il buon Clarence, di assumersi mezza responsabilità e le scarica in maniera vile su Allegri. Ha poche idee di gioco e quelle poche che gli girano per la testa sono anche confuse. Si è presentato a Milanello facendo abbracciare e saltellare i calciatori come fossero bimbi all'asilo e non professionisti strapagati. La lista continua... Non può, ogni volta, farsi forte della fiducia del Cavaliere; prima o poi finirà. Ha scaricato Tassotti e l'unica innovazione che ha portato è la panchina nuova, costruita ad hoc, a San Siro. Non è capace di leggere le partite e non riesce a gestire gli italiani, rendendo gli stranieri gli artefici di un progetto senza testa. Con Clarence abbiamo finito. Le colpe di Adriano Galliani: a dicembre avrebbe dovuto lasciare, appurato il non rapporto con Barbara Berlusconi. Avrebbe dovuto lasciare da vincente anche quando gli hanno cambiato Allegri con Seedorf. Si è reso complice di questo pasticcio. Ha gestito malissimo le ultime sessioni di calciomercato, si è affidato solo agli amici procuratori e ha perso di vista ogni tipo di rapporto con la curva. Galliani resta il Re di questo Milan ma un Re deve capire anche quando è giunto il momento di lasciare il trono. Se sei furbo lo lasci dopo un trionfo e non quando stai cadendo nella polvere. Avrebbe dovuto tutelare maggiormente il fidato storico Braida. Ora per Barbara Berlusconi c'è una strada in discesa. Gli Ultras, ieri, di fatto le hanno consegnato le chiavi del Milan. Lei ha idee innovative ed è una donna intelligente. Non a caso è partita dalle strutture: nuovo stadio e occhio ai bilanci. Per il ruolo di Direttore Generale la figura di Demetrio Albertini sarebbe fondamentale ed astuta. Milanista nel cuore, vive a Milano, Vice Presidente federale, stimato in Italia e in Europa. Bene, Albertini sarebbe l'uomo perfetto per il nuovo Milan. Se, poi, Albertini penserà di dover fare il calciomercato, allora, saremmo di fronte ad un nuovo suicidio. Ci vorrà anche un Direttore Sportivo, casomai uno che si dedichi solo al Milan e non a due squadre di Serie A, una in B e, a tempo perso, una di Lega Pro.
Vi diamo qualche news di calciomercato. Molto presto il Real Madrid sferrerà l'attacco al Psg per Marco Verrattì, per dirla alla francese. 50 milioni per accontentare Ancelotti che vede nel pescarese il Pirlo dei tempi d'oro rossoneri. Un problema, anzi due: Verratti ha un contratto che lo lega a Parigi fino al 2018 e i proprietari del Psg non hanno bisogno dei 50 milioni di euro del Real Madrid per far quadrare i conti.
Torniamo in Italia. La giornata di ieri ha dato risposte importanti, soprattutto, per la parte bassa della classifica. Due scontri diretti che inchiodano Catania e Bologna. Il Bologna non ci impietosisce perchè se non segna è perchè a gennaio non ha avuto la capacità di acquistare mezzo attaccante e l'unica cosa che ha fatto il Bologna è di privarsi del suo giocatore più forte (Diamanti n.d.r.) per fare cassa. Poi qualcuno spieghi ai cervelloni emiliani che se vai in B la mutualità da 32 milioni passa a 4,5 (quando ti arriva, considerato che la Lega di serie B paga le società quando si ricorda). Il Catania è ultimo in classifica e, anche qui, dispiace per i catanesi il "ve lo avevamo detto" ci suona malissimo. Catania è una città che apprezziamo, i catanesi sono persone fantastiche e se ad inizio anno abbiamo detto che rischiava di andare tutto a carte quarantotto non era per antipatia ma per il frutto di semplici valutazioni calcistiche. Pulvirenti è un ottimo Presidente ma non sa fare calcio. Non è un'offesa ma un dato di fatto. Il Presidente non deve essere esperto di calcio, deve solo saper scegliere gli uomini giusti. Con Lo Monaco aveva costruito un impero e la coppia era perfetta. Lo scorso anno scelse Gasparin, l'ideale per proseguire un progetto vincente (record di punti in serie A e con le giovanili). Quest'anno, per chissà quale motivo, ha dato la carica di vicepresidente ad un procuratore, gli ha fatto fare il mercato e il banco è saltato. Oggi piange, Antonino. Ma c'è poco da recriminare. A gennaio era ancora in tempo per intervenire eppure se n'è fregato. Ognuno è padrone del proprio destino, figuriamoci della propria tasca. Peccato ci sia una città che si rispecchia nella squadra di calcio e il giocattolino non è privato. Il Catania va in B e il Palermo ritorna in A? Speriamo di no. Rivogliamo il derby della Sicilia in serie A.
Ps Palermo: troppo facile riempire lo stadio con la squadra in serie A ed Europa League. Una tristezza il Barbera vuoto in serie B.
Ps Atalanta. Grandi Colantuono, Marino e Pescassi. La Dea è spaziale!

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.