HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà il Mondiale?
  Germania
  Brasile
  Spagna
  Argentina
  Portogallo
  Francia
  Belgio
  Inghilterra
  Altro

Editoriale

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It

17.11.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 28413 volte
© foto di Federico De Luca

C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese Italia dopo il tracollo della Nazionale e il crack di una intera nazione. Non sappiamo cosa stia pensando lui dopo che gli è arrivato il primo messaggio. Di sicuro sta bene dove sta, in un posto prestigioso, all’apice della carriera, ma il movimento di persuasione politico-sportivo è partito ad alto livello. Non sappiamo dove arriverà e se riuscirà a raggiungere l’obiettivo (Collina è uno tostissimo e con le idee chiare), ma il fatto stesso che qualcuno abbia pensato a lui è altamente positivo. Significa che si vogliono fare le cose sul serio, alla faccia dei compromessi e della politica. Del resto su chi altri puntare? Gli ex calciatori in generale vanno bene, hanno nomi spendibili, ma come contorno. Non sono ancora pronti per livelli manageriali o decisionali di primissimo piano.

Ora la palla passerà a Collina, ma l’operazione tenuta lontana dai radar è comunque è partita. Il personaggio non ama i compromessi, vuole carta bianca, è scomodo. Se lo vogliono significa che le intenzioni sono serissime. Vedremo gli sviluppi e gli scenari possibili.

Invece Carlo Ancelotti non sarà il Ct dell’Italia, o almeno di questa Italia. Alle sollecitazioni risponderà grazie, voglio allenare ancora in un club, ma in realtà non ha intenzione di legare il suo nome al presidente Tavecchio, responsabile del più grande tracollo calcistico dell’età moderna e a questa Federcalcio senza futuro. L’ex allenatore del Real (fra l’altro) è in Canada, lo stanno assediando dall’Italia, i contatti ci sono stati, ma ha capito che questo non è il momento di imbarcarsi in una avventura assolutamente impopolare. Accettare le proposte di Tavecchio significa dire di sì all’uomo più criticato e inviso agli italiani, almeno in questo momento. Non è problema di soldi né di ruolo, la carta bianca gliela hanno promessa e l’avrebbe, è semplicemente un problema di opportunità. Ancelotti ha capito che Tavecchio lo vorrebbe come un totem da portare lunedì prossimo al consiglio federale per cercare di uscirne indenne e per certi versi rafforzato e, sinceramente, non è cosa. Poi, è chiaro, che il momento è particolare. Non c’è l’Italia che prega Ancelotti e in quel caso Carletto potrebbe anche accettare, c’è soltanto una parte che cerca di salvarsi sfruttando il suo nome.

Perché Ancelotti dovrebbe salvare la poltrona a Tavecchio? Trovate un motivo che è uno. Fra l’altro Ancelotti sa benissimo che contro l’attuale presidente dell Federcalcio ci sono oltre a sessanta milioni di italiano anche il ministro dello sport e il presidente del Coni. La sua sarebbe una scelta di campo pericolosa, non da una persona scafata e intelligente quale è.

Se poi vogliamo metterla sul piano professionale, Ancelotti guadagna un milione al mese fino a giugno quando gli scadrà il contratto con il Bayern, è corteggiato da moltissimi club di alto livello che gli offrono ingaggi da favola come l’Arsenal, ad esempio, ma anche il Psg sta ripensando a lui per provare a vincere la Champions. E non solo. A 58 anni vuole ancora lavorare sul campo, in un club. E anche se la Federcalcio riuscisse ad offrirgli i cinque milioni dati a Conte, la scelta sarebbe comunque al ribasso sia professionalmente che economicamente. I margini sono quasi ridotti a zero e non vediamo con cosa di altro possa presentarsi Tavecchio in consiglio lunedì. Ranieri ha un curriculum migliore di Ventura, ma è l’emblema di un calcio vecchio che i giocatori faticherebbero ad accettare. Capello è troppo furbo per non capire i rischi di un’impresa del genere. Mancini pure.

Guidolin non regge alle pressioni. Ma il problema di fondo è che nessun allenatore che ha grande mercato in questo momento vuol legare il suo nome a Tavecchio.

Forse il presidente della Federcalcio non si è ancora reso conto appieno dei danni che ha combinato e cosa è oggi lui agli occhi degli italiani. Oggi e per sempre. Alla storia c’è già passato, resterà nei libri del male del calcio, deve rassegnarsi. Non sarà Ulivieri a salvarlo, non sarà un voto del consiglio federale. L’assedio alla sua poltrona continuerà, c’è di mezzo il futuro del calcio e chi non capisce che questo è il momento di ripartire da zero, con uomini e programmi nuovi, non ha capito niente. Magari sarà una battaglia lunga, ci vorrà il tempo per compattare gli anti-Tavecchio, ma il destino è segnato. Peccato Tavecchio non lo abbia capito: solo le dimissioni a caldo potevano alleviargli la posizione, almeno sotto l’aspetto morale. Per lui come per Ventura. L’ex Ct non si è dimesso, è stato cacciato, ma se non lo sa glielo spieghiamo noi: l’allenatore in Italia non lo farà più. Trovatemi una squadra o un presidente dalla serie a ai dilettanti che possa permettersi di dire ai suoi tifosi “prendo l’allenatore che ha portato l’Italia al disastro del 2017”. Ventura forse potrà andare in Cina o direttamente in pensione con tutti i soldi che ha preso e deve ancora prendere dagli italiani perché la Figc è un ente pubblico.

Tavecchio idem. Non ha più credibilità, la macchia non la potrà cancellare nessuno.

Fra l’altro non è neppure vero che non abbia responsabilità. Vi possiamo rivelare che da mesi era nota all’interno della Nazionale e all’esterno s’era capito benissimo, la fronda dei giocatori nei confronti del Ct. Ventura aveva perso da tempo la guida carismatica del gruppo, non era più riconosciuto come leader. Tavecchio non ha avuto il coraggio di intervenire, ha provato a dargli più forza rinnovandogli il contratto, ma non è bastato. Le partite dell’ultimo anno, andatele a rivedere, hanno chiaramente evidenziato le difficoltà e una gestione sbagliata. I contrasti sono diventati evidentissimi dopo il ko con la Spagna. La riunione degli azzurri senza Ct è stata sottovalutata, ma il segnale andava colto dalla Federazione. Andare agli spareggi con la squadra contro l’allenatore è stato il vero disastro di Tavecchio. Nel mio piccolo ruolo di critico avevo suggerito il licenziamento di Ventura prima delle due gare con la Svezia. Sarebbe bastato un allenatore qualsiasi, anche un Di Biagio traghettatore, per ricompattare un gruppo forte caratterialmente di suo. Da sola, con l’energia rinnovata, l’Italia avrebbe di sicuro eliminato la Svezia. Puntare ancora su Ventura, non intervenire, è stato il vero massacro. La colpa di Tavecchio che sapeva ed era stato avvertito di quello che stava succedendo. Cambiare Ct prima delle due gare decisive ci avrebbe salvato. Lo ha fatto la Croazia in una situazione analoga. I croati erano arrivati secondi dietro l’Islanda, una beffa. Il Ct è stato esonerato, il nuovo ha portato la Croazia ai mondiali con gli spareggi. I presidenti servono anche a questo, a capire, a decidere. Troppo comodo scaldare le poltrone.

Ma poi, se anche volessimo assolvere Tavecchio, dove sono le sue riforme promesse? Come può cambiare il calcio l’uomo che lo guida da tre anni e non ha fatto praticamente nulla di quello promesso. A maggior ragione adesso con credibilità zero.

Sappiamo benissimo che forze politiche e potentati sportivi faranno di tutto per reggerlo. Lo stanno reggendo. C’è troppa gente che ha paura del futuro e delle novità perché teme di perdere potere e posizioni. Il nuovo spaventa. Molti non pensano al calcio ma al loro orticello. Ci vorrà un po’ a trovare equilibri e orticelli nuovi, ma la macchina politica-sportiva è partita con l’obiettivo di travolgere Tavecchio e di ricominciare su basi nuove. Diamogli tempo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi 17.06 - Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Nainggolan all’Inter si farà. Alisson-Real pista caldissima. Napoli: Politano se esce Callejon. Cancelo e Darmian, la Juve prova il doppio colpo 16.06 - L’Inter è pronta a piazzare il colpo Nainggolan. I contatti con la Roma sono sempre più intensi e la sensazione è che alla fine l’operazione si farà. Con un anno di ritardo, Radja approderà alla corte di Spalletti. E questo è un grande acquisto, che permetterà al tecnico di Certaldo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, avanti su Golovin già star dei mondiali: il Cska alza il tiro. Offerto anche Pjaca. Sarri (e Zola) col Chelsea bloccano Higuain, Icardi, Savic e Rugani. Il Napoli vuole Courtois per liberare l’allenatore. Roma, via Allison e Nainggolan 15.06 - Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, la prima partita dei mondiali li ha spazzati via: la Juventus ha visto bene su Aleksandr Golovin, 22 anni, centrocampista del Cska Mosca. Due assist e mezzo, un gol, Golovin è stato il migliore in campo nel cinque a zero dei russi contro...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve Cancelo e non solo, Inter incontra Dembele, il FFP e il nuovo socio rossonero 14.06 - Ha parlato Allegri, in casa Juve. E con la consueta leggerezza non ha fatto un dramma per eventuali partenze di big, Higuain in testa. “Il 9 luglio vedròsarà in ritiro: generalmente ho sempre avuto una buona squadra”. Chissà che non ci sia Cancelo visto che il Valencia è a Milano...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina 13.06 - Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un belga a centrocampo! Inter: la strategia per Nainggolan-Rafinha e l’appuntamento con Icardi. Milan: il mercato “oltre l’Uefa” passa dalla Spagna. Roma: che meraviglia il piano-Monchi. Napoli: Verdi e... 12.06 - Ciao. Penso da una settimana alla storia del gambero cinese. L’avete letta? Il gambero cinese era dentro la zuppa, stava per crepare di morte orrenda, nella broda bollente. Ma il gambero cinese è come Rambo 3 e decide di uscire dalla zuppa oleosa: si trascina sul bordo del piatto,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, Perin non è la scelta giusta. Monchi sta ricostruendo il Colosseo. "Caso Parma" e regole da riscrivere. Squadre B, così non ci siamo... 11.06 - Parte la settimana che darà lo slancio definitivo al calciomercato. Fin qui poco o nulla. Sarà la settimana dell'inizio del Mondiale ma è una cosa che non ci riguarda e rosichiamo di brutto a pensare che aspettiamo 4 anni e poi non ci presentiamo neanche. Grazie Ventura. Ogni tanto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Morata vuole solo la Juve, ma l'idea è quella di un centrocampo d'assalto. Folle dire di no a 50 milioni per Jorginho, così come allo scambio Icardi-Higuain. Ma chi è il presidente del Milan? 10.06 - È iniziato con le bombe, il calciomercato 2018. Più scritte che non realizzate, eccezion fatta per l'arrivo di Cristante alla Roma - con Coric e Marcano - e i parametri zero: dell'Inter, da de Vrij ad Asamoah, oppure della Juventus, con Emre Can. Latita però il grande acquisto, quello...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Roma, fatta per Kluivert, il Napoli pensa a Praet se va via Hamsik. Juventus e Inter pronte all’assalto su Chiesa 09.06 - La rivoluzione di Monchi è già cominciata. Spazio alla linea verde, un progetto iniziato già l’anno scorso con l’arrivo di due grandissimi prospetti come Ünder e Schick. Il ds giallorosso, dopo aver piazzato anche il colpo Cristante, ora è pronto a chiudere per Justin Kluivert, talento...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve cede Higuain e Benatia. Accordo con Morata, ma il Chelsea aspetta l’allenatore. Conte e Sarri derby Real. Anche Icardi in ballo. Inter, l’obiettivo vero è Chiesa 08.06 - Molti tifosi bianconeri si chiedono come mai la Juventus non dica che due giocatori importanti come Higuain e Benatia sono incedibili e non intervenga sulle voci sempre più insistenti. La risposta è banale: perché sono in vendita. La dura legge della Juventus colpisce ancora: come...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy