HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It

17.11.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 28458 volte
© foto di Federico De Luca

C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese Italia dopo il tracollo della Nazionale e il crack di una intera nazione. Non sappiamo cosa stia pensando lui dopo che gli è arrivato il primo messaggio. Di sicuro sta bene dove sta, in un posto prestigioso, all’apice della carriera, ma il movimento di persuasione politico-sportivo è partito ad alto livello. Non sappiamo dove arriverà e se riuscirà a raggiungere l’obiettivo (Collina è uno tostissimo e con le idee chiare), ma il fatto stesso che qualcuno abbia pensato a lui è altamente positivo. Significa che si vogliono fare le cose sul serio, alla faccia dei compromessi e della politica. Del resto su chi altri puntare? Gli ex calciatori in generale vanno bene, hanno nomi spendibili, ma come contorno. Non sono ancora pronti per livelli manageriali o decisionali di primissimo piano.

Ora la palla passerà a Collina, ma l’operazione tenuta lontana dai radar è comunque è partita. Il personaggio non ama i compromessi, vuole carta bianca, è scomodo. Se lo vogliono significa che le intenzioni sono serissime. Vedremo gli sviluppi e gli scenari possibili.

Invece Carlo Ancelotti non sarà il Ct dell’Italia, o almeno di questa Italia. Alle sollecitazioni risponderà grazie, voglio allenare ancora in un club, ma in realtà non ha intenzione di legare il suo nome al presidente Tavecchio, responsabile del più grande tracollo calcistico dell’età moderna e a questa Federcalcio senza futuro. L’ex allenatore del Real (fra l’altro) è in Canada, lo stanno assediando dall’Italia, i contatti ci sono stati, ma ha capito che questo non è il momento di imbarcarsi in una avventura assolutamente impopolare. Accettare le proposte di Tavecchio significa dire di sì all’uomo più criticato e inviso agli italiani, almeno in questo momento. Non è problema di soldi né di ruolo, la carta bianca gliela hanno promessa e l’avrebbe, è semplicemente un problema di opportunità. Ancelotti ha capito che Tavecchio lo vorrebbe come un totem da portare lunedì prossimo al consiglio federale per cercare di uscirne indenne e per certi versi rafforzato e, sinceramente, non è cosa. Poi, è chiaro, che il momento è particolare. Non c’è l’Italia che prega Ancelotti e in quel caso Carletto potrebbe anche accettare, c’è soltanto una parte che cerca di salvarsi sfruttando il suo nome.

Perché Ancelotti dovrebbe salvare la poltrona a Tavecchio? Trovate un motivo che è uno. Fra l’altro Ancelotti sa benissimo che contro l’attuale presidente dell Federcalcio ci sono oltre a sessanta milioni di italiano anche il ministro dello sport e il presidente del Coni. La sua sarebbe una scelta di campo pericolosa, non da una persona scafata e intelligente quale è.

Se poi vogliamo metterla sul piano professionale, Ancelotti guadagna un milione al mese fino a giugno quando gli scadrà il contratto con il Bayern, è corteggiato da moltissimi club di alto livello che gli offrono ingaggi da favola come l’Arsenal, ad esempio, ma anche il Psg sta ripensando a lui per provare a vincere la Champions. E non solo. A 58 anni vuole ancora lavorare sul campo, in un club. E anche se la Federcalcio riuscisse ad offrirgli i cinque milioni dati a Conte, la scelta sarebbe comunque al ribasso sia professionalmente che economicamente. I margini sono quasi ridotti a zero e non vediamo con cosa di altro possa presentarsi Tavecchio in consiglio lunedì. Ranieri ha un curriculum migliore di Ventura, ma è l’emblema di un calcio vecchio che i giocatori faticherebbero ad accettare. Capello è troppo furbo per non capire i rischi di un’impresa del genere. Mancini pure.

Guidolin non regge alle pressioni. Ma il problema di fondo è che nessun allenatore che ha grande mercato in questo momento vuol legare il suo nome a Tavecchio.

Forse il presidente della Federcalcio non si è ancora reso conto appieno dei danni che ha combinato e cosa è oggi lui agli occhi degli italiani. Oggi e per sempre. Alla storia c’è già passato, resterà nei libri del male del calcio, deve rassegnarsi. Non sarà Ulivieri a salvarlo, non sarà un voto del consiglio federale. L’assedio alla sua poltrona continuerà, c’è di mezzo il futuro del calcio e chi non capisce che questo è il momento di ripartire da zero, con uomini e programmi nuovi, non ha capito niente. Magari sarà una battaglia lunga, ci vorrà il tempo per compattare gli anti-Tavecchio, ma il destino è segnato. Peccato Tavecchio non lo abbia capito: solo le dimissioni a caldo potevano alleviargli la posizione, almeno sotto l’aspetto morale. Per lui come per Ventura. L’ex Ct non si è dimesso, è stato cacciato, ma se non lo sa glielo spieghiamo noi: l’allenatore in Italia non lo farà più. Trovatemi una squadra o un presidente dalla serie a ai dilettanti che possa permettersi di dire ai suoi tifosi “prendo l’allenatore che ha portato l’Italia al disastro del 2017”. Ventura forse potrà andare in Cina o direttamente in pensione con tutti i soldi che ha preso e deve ancora prendere dagli italiani perché la Figc è un ente pubblico.

Tavecchio idem. Non ha più credibilità, la macchia non la potrà cancellare nessuno.

Fra l’altro non è neppure vero che non abbia responsabilità. Vi possiamo rivelare che da mesi era nota all’interno della Nazionale e all’esterno s’era capito benissimo, la fronda dei giocatori nei confronti del Ct. Ventura aveva perso da tempo la guida carismatica del gruppo, non era più riconosciuto come leader. Tavecchio non ha avuto il coraggio di intervenire, ha provato a dargli più forza rinnovandogli il contratto, ma non è bastato. Le partite dell’ultimo anno, andatele a rivedere, hanno chiaramente evidenziato le difficoltà e una gestione sbagliata. I contrasti sono diventati evidentissimi dopo il ko con la Spagna. La riunione degli azzurri senza Ct è stata sottovalutata, ma il segnale andava colto dalla Federazione. Andare agli spareggi con la squadra contro l’allenatore è stato il vero disastro di Tavecchio. Nel mio piccolo ruolo di critico avevo suggerito il licenziamento di Ventura prima delle due gare con la Svezia. Sarebbe bastato un allenatore qualsiasi, anche un Di Biagio traghettatore, per ricompattare un gruppo forte caratterialmente di suo. Da sola, con l’energia rinnovata, l’Italia avrebbe di sicuro eliminato la Svezia. Puntare ancora su Ventura, non intervenire, è stato il vero massacro. La colpa di Tavecchio che sapeva ed era stato avvertito di quello che stava succedendo. Cambiare Ct prima delle due gare decisive ci avrebbe salvato. Lo ha fatto la Croazia in una situazione analoga. I croati erano arrivati secondi dietro l’Islanda, una beffa. Il Ct è stato esonerato, il nuovo ha portato la Croazia ai mondiali con gli spareggi. I presidenti servono anche a questo, a capire, a decidere. Troppo comodo scaldare le poltrone.

Ma poi, se anche volessimo assolvere Tavecchio, dove sono le sue riforme promesse? Come può cambiare il calcio l’uomo che lo guida da tre anni e non ha fatto praticamente nulla di quello promesso. A maggior ragione adesso con credibilità zero.

Sappiamo benissimo che forze politiche e potentati sportivi faranno di tutto per reggerlo. Lo stanno reggendo. C’è troppa gente che ha paura del futuro e delle novità perché teme di perdere potere e posizioni. Il nuovo spaventa. Molti non pensano al calcio ma al loro orticello. Ci vorrà un po’ a trovare equilibri e orticelli nuovi, ma la macchina politica-sportiva è partita con l’obiettivo di travolgere Tavecchio e di ricominciare su basi nuove. Diamogli tempo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Dai mecenati al FFP, dai crac alla noia. Così non va: come ripensare la Serie A? O si vara la Superlega o si cambiano le regole, guardando a modelli molto diversi come quello NBA 02.12 - È appena iniziato il mese di dicembre, non siamo ancora al giro di boa della Serie A e tra gli italiani che vivono di pane e pallone ci sono due correnti di pensiero. Ci sono coloro che considerano il discorso Scudetto già concluso, chi dice che raggiungere una Juventus che finora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->